La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Gli enti locali e la sicurezza degli impianti di utenza a gas Adempimenti e responsabilità in capo a Comuni e Province avv. Alberto Mischi Modena, 26.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Gli enti locali e la sicurezza degli impianti di utenza a gas Adempimenti e responsabilità in capo a Comuni e Province avv. Alberto Mischi Modena, 26."— Transcript della presentazione:

1 1 Gli enti locali e la sicurezza degli impianti di utenza a gas Adempimenti e responsabilità in capo a Comuni e Province avv. Alberto Mischi Modena, 26 gennaio 2007

2 2 Sicurezza dellinstallazione Le imprese installatrici sono tenute ad eseguire gli impianti a regola darte utilizzando allo scopo materiali parimenti costruiti a regola darte. I materiali e i componenti realizzati secondo le norme tecniche di sicurezza dellUNI e del CEI, nonché nel rispetto di quanto prescritto dalla legislazione tecnica vigente in materia, si considerano costruiti a regola darte. (ex art. 7/1 L.46/1990 e art. 112/1 D.P.R.380/2001) Sanzione amministrativa: da 516,00 a 5.164,00 (art.120/1 D.P.R.380/2001) eventuale sospensione della abilitazione (art.120/2 D.P.R.380/2001)

3 3 Sicurezza dellinstallazione Al termine dei lavori limpresa installatrice è tenuta a rilasciare al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati nel rispetto delle norme di cui allart.112. Della dichiarazione di conformità (…) fanno parte integrante la relazione contenente la tipologia dei materiali impiegati nonché, ove previsto, il progetto di cui allart.110. (ex art. 9/1 L.46/1990 e art. 113/1 D.P.R.380/2001) Sanzione amministrativa: da Euro 51,00 a 258,00 (art.120/1 D.P.R.380/2001) eventuale sospensione della abilitazione (art.120/2 D.P.R.380/2001)

4 4 Certificato di agibilità Il dirigente o responsabile del competente ufficio comunale rilascia il certificato di agibilità, dopo aver acquisito anche la dichiarazione di conformità o il certificato di collaudo degli impianti installati, ove previsto, salvo quanto disposto dalle vigenti leggi. (ex art.11 L.46/1990, ora art. 115/1 D.P.R.380/2001)

5 5 Aggiornamento dellagibilità Qualora nuovi impianti tra quelli di cui ai commi 1, lettere a), b), c), e), e g), e 2 dell'articolo 107 vengano installati in edifici per i quali è già stato rilasciato il certificato di agibilità, l'impresa installatrice deposita presso lo sportello unico, entro trenta giorni dalla conclusione dei lavori, il progetto di rifacimento dell'impianto e la dichiarazione di conformità o il certificato di collaudo degli impianti installati, ove previsto da altre norme o dal regolamento di attuazione di cui all'articolo 119. (ex art.13/1 L.46/1990, ora art. 117/1 D.P.R.380/2001)

6 6 Il proprietario o il terzo responsabile è durante lesercizio degli impianti deve adottare tutte le misure necessarie per contenere i consumi di energia è deve disporre le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria secondo le norme UNI e CEI Sanzione amministrativa da 516 a (artt.31 e 34 L.10/1991 e artt.129 e 132 D.P.R.380/2001) Inquinamento atmosferico

7 7 Costruttore e DL Il costruttore e il direttore dei lavori che omettono il rilascio del certificato di collaudo o che rilascia un certificato non veritiero nonché il progettista che rilascia un relazione non veritiera sono puniti in solido con la sanzione amministrativa non inferiore all1% e non superiore al 5% del valore delle opere, fatti salvi i casi di responsabilità penale. (art.34/3 L.10/1991 e art. 132/3 D.P.R.380/2001)

8 8 I comuni con più di abitanti e le province per la restante parte del territorio effettuano controlli almeno biennali sullosservanza delle norme relative al rendimento di combustione anche avvalendosi di organismi esterni aventi specifica competenza tecnica, con onere a carico degli utenti. (art.31/3 L.10/1991 e art.11/18 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

9 9 I risultati dei controlli eseguiti sugli impianti termici devono essere allegati al libretto di centrale o al libretto di impianto. (art.11/18 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

10 10 Impianti termici civili con potenza nominale del focolare < 0,035MW I comuni con più di abitanti e le province per la restante parte del territorio possono stabilire che i controlli si intendono effettuati nei casi in cui i manutentori o i terzi responsabili o i proprietari trasmettano apposita dichiarazione (modello H) con annessa assunzione di responsabilità, attestante il rispetto delle norme del D.P.R.412/1993 con particolare riferimento ai risultati dellultima verifica periodica. (art.11/20 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

11 11 Impianti termici civili con potenza nominale del focolare < 0,035MW I comuni con più di abitanti e le province per la restante parte del territorio possono altresì stabilire che i manutentori e i terzi responsabili o i proprietari trasmettano periodicamente le dichiarazioni su supporto informatico standardizzato. (art.11/20 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

12 12 Impianti termici civili con potenza nominale del focolare < 0,035MW I comuni con più di abitanti e le province per la restante parte del territorio, quando ricorrono ai controlli mediante le dichiarazioni, devono ý comunque effettuare annualmente controlli tecnici a campione su almeno il 5% degli impianti esistenti sul territorio, scegliendoli tra quelli per i quali sia pervenuta nellultimo biennio la dichiarazione di avvenuta manutenzione ý controllare tutti gli impianti per i quali la dichiarazione risulti omessa o si evidenzino situazioni di non conformità. (art.11/20 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

13 13 Impianti termici civili con potenza nominale del focolare < 0,035MW I comuni con più di abitanti e le province per la restante parte del territorio possono, al fine di massimizzare lefficacia della propria azione, possono programmare i controlli dando priorità agli impianti più vecchi o per i quali si abbia comunque una indicazione di maggiore criticità, avendo cura peraltro di predisporre il campione in modo da evitare distorsioni di mercato. (art.11/20 D.P.R.412/1993) Controlli degli enti locali

14 14 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Linstallatore, in occasione della installazione o modifica di un impianto termico civile deve redigere la denuncia di installazione o modifica che va trasmessa entro 90 gg. allAutorità competente. Sanzione amministrativa per linstallatore che non redige la denuncia o redige una denuncia incompleta da 516,00 a 2.582,00. Identica sanzione anche per il soggetto che non trasmette la denuncia allAutorità competente. (art.288/1 D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

15 15 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW In caso di esercizio di un impianto termico civile non conforme alle caratteristiche tecniche sono puniti con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00 ý linstallatore, ove questi sia tenuto a redigere la denuncia ý il responsabile dellesercizio e della manutenzione dellimpianto ove questi sia tenuto a redigere la denuncia. (art.288/2 D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

16 16 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Nel caso in cui limpianto non rispetti i valori limite di emissione, sono puniti con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00 ý il responsabile dellesercizio e della manutenzione in tutti casi in cui limpianto non è soggetto allobbligo di verifica da parte dellinstallatore dei valori limite di emissione in occasione dellinstallazione o di modifica (art.288/3/a D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

17 17 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Nel caso in cui limpianto non rispetti i valori limite di emissione, sono puniti con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00 ý linstallatore o il responsabile dellesercizio e della manutenzione se il rispetto dei valori limite non è stato verificato in occasione dellinstallazione o della modifica dellimpianto o non è stato dichiarato nella denuncia (art.288/3/b D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

18 18 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Nel caso in cui limpianto non rispetti i valori limite di emissione, sono puniti con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00 ý linstallatore, se il rispetto dei valori limite è stato verificato in occasione dellinstallazione o modifica dellimpianto e dichiarato in sede di denuncia, e se dal libretto di centrale risultano regolarmente effettuati i controlli e le manutenzioni prescritti, purchè non sia superata la durata stabilita per il ciclo di vita dellimpianto (art.288/3/c D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

19 19 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Nel caso in cui limpianto non rispetti i valori limite di emissione, sono puniti con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00 ý il responsabile dellesercizio e della manutenzione, se il rispetto dei valori limite è stato verificato in occasione dellinstallazione o della modifica dellimpianto e dichiarato in sede di denuncia, e se dal libretto di centrale non risultano regolarmente effettuati i controlli e le manutenzioni prescritti, o è stata superata la durata stabilita per il ciclo di vita dellimpianto (art.288/3/d D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

20 20 Impianti termici civili con potenza termica nominale 0,035MW Il responsabile dellesercizio e della manutenzione che non effettua il controllo annuale delle emissioni o non allega al libretto di centrale i dati ivi previsti, è punito con una sanzione amministrativa da 516,00 a 2.582,00. (art.288/4 D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

21 21 Chi effettua la conduzione di un impianto termico civile di potenza termica nominale > 0,322 MW senza essere munito, ove prescritto, del patentino è punito con lammenda da 15,00 a 46,00. (art.288/7 D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

22 22 I comuni con più di abitanti e dalle provincie per la restante parte del territorio ý irrogano le sanzioni amministrative (art.288/6 D.Lgs.152/2006) ý effettuano controlli relativi al rispetto del presente titolo, con cadenza almeno biennale, anche avvalendosi di organismi esterni aventi specifica competenza tecnica, nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente. (art.288/8 D.Lgs.152/2006) Controlli e sanzioni

23 23 Le imprese di distribuzione di gas naturale, in occasione di ogni nuovo allaccio alla propria rete di un impianto di utenza non destinato a servire esclusivamente cicli produttivi industriali o artigianali, e nel caso di modifiche agli impianti già allacciati, accertano attraverso personale tecnico che gli stessi impianti siano stati eseguiti e siano mantenuti in stato di sicuro funzionamento nei riguardi della pubblica incolumità, negando o sospendendo la fornitura del gas nel caso il suddetto accertamento non sia positivo o non sia consentito. (artt.16/5 D.Lgs. 164/2000) Controllo documentale

24 24 L'Autorità per l'energia elettrica e il gas, con propria deliberazione, provvede a definire un regolamento per lo svolgimento di tali attività in regime di concorrenza, la periodicità delle verifiche e le modalità di copertura dei relativi costi. (artt.16/5 D.Lgs. 164/2000) Controllo documentale


Scaricare ppt "1 Gli enti locali e la sicurezza degli impianti di utenza a gas Adempimenti e responsabilità in capo a Comuni e Province avv. Alberto Mischi Modena, 26."

Presentazioni simili


Annunci Google