La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le notizie dalla A alla B. Resoconto uscita Tenno-Canale con: Lettera Diario Poesia Articolo di giornale Resoconto in dialetto Racconto dal punto di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le notizie dalla A alla B. Resoconto uscita Tenno-Canale con: Lettera Diario Poesia Articolo di giornale Resoconto in dialetto Racconto dal punto di."— Transcript della presentazione:

1 Le notizie dalla A alla B

2

3 Resoconto uscita Tenno-Canale con: Lettera Diario Poesia Articolo di giornale Resoconto in dialetto Racconto dal punto di vista di un gatto Percorso informativo Album fotografico Vai a bacheca

4 Cara Marta, il giorno 9 ottobre 2013 sono andata in gita con la scuola … saremmo dovuti partire alle 8.10 ma molte persone non avevano il materiale e quindi abbiamo provato ad arrangiarci con qualche paio di scarpe rimediate dalle professoresse e alcuni hanno telefonato a casa, alla fine quando tutti erano pronti siamo partiti più o meno alle Dalla scuola ci siamo diretti verso Varone da dove abbiamo imboccato una strada che ci avrebbe portati alla nostra prima tappa: Tenno, nel quale v’era il castello.. ma sfortunatamente non abbiamo potuto vederlo perché era appena arrivato il proprietario, quindi abbiamo visitato solo l’esterno. Tutto intorno a noi era ricoperto di nebbia, poi ci siamo fermati a mangiare qualcosa… Subito dopo siamo andati a visitare il borgo di Frapporta e poi ci siamo avviati lungo la strada che ci avrebbe condotto alla nostra seconda tappa: Ville Del Monte e Canale. Ci abbiamo messo un po’ ma eravamo tutti insieme e ci siamo divertiti, è per questo che il tempo è passato velocemente… Appena arrivati a Ville Del Monte ci siamo incamminati verso la Casa Degli Artisti patrimonio spettacolare del borgo di Canale;è stata donata tanto tempo fa a Giacomo Vittone che la gestiva dando alloggio agli artisti che per pagare donavano un quadro che poi Vittone aggiungeva alla sua diciamo “collezione” di opere. La casa adesso è gestita dal signor Pivetti che non la utilizza più come alloggio per gli artisti ma come spazio per mostre d’arte ed è visitabile da tutti. Abbiamo osservato molto anche la natura circostante v’erano tanti campi, la maggior parte era piena di olivi. Nel ritornare a scuola ci siamo accorti di tante piccole cose che all’andata non avevamo notato perché troppo entusiasti della gita… Alla fine tutti anche se stanchi e sudati siamo arrivati a scuola percorrendo la strada a ritroso e nel piazzale ci siamo seduti per riposare un po’ e anche per aspettare che suonasse la campanella. Eravamo tutti contenti di quella bellissima giornata e così continuavamo a rivivere mentalmente quei momenti quando ad un certo punto suonò la campanella e così tutti ci incamminammo chi verso casa e chi verso il pullman Io appena sono arrivata a casa mi sono subito andata a fare una bella doccia calda Ciao la tua amica Sofia <3

5 9 ottobre 2013 Caro diario, questa mattina mi sono alzata all’alba ho guardato il cielo e dentro di me ho pensato: oddio come faremo ad andare in gita!Sono arrivata a scuola tutta preoccupata e sono andata subito a chiedere alla professoressa se si andava si o no e lei mi ha risposto di si. Ero felicissima e sono andata a dare la notizia ai miei amici. Però c’èra un problema: molti di loro non avevano il materiale ed incominciavo a preoccuparmi di nuovo ma per mia fortuna loro hanno chiamato casa e si sono fatti portare il materiale necessario.Zaino in spalla e via in mezzo ai monti pieni di nebbia. C’èra un pioggerella leggera leggera ma io mi sono bagnata tantissimo lo stesso…ma non saprei dirti se era per il sudore o per la pioggia. Alle 9 siamo arrivati a Varone ed ero già stanca per la prima salita e sicuramente avrei preferito prendere il pullman,ma purtroppo non era così. Siamo arrivati su una strada asfaltata ma poi finì e cominciò un sentiero vero e proprio che si chiamava “la strada Gola”che era molto ripida e scivolosa, e infatti siamo caduti parecchie volte. Ore 10:siamo arrivati al castello di Tenno che era avvolto dalla nebbia e non c’èra un bel panorama. Abbiamo fatto merenda e ci siamo riposati.La professoressa ci ha spiegato parecchie informazioni sul castello ma nessuno ha preso appunti. Dopo abbiamo visitato il paese e molte persone hanno fatto un mucchio di foto. Finito il giro del paese ci siamo incamminati lungo un sentiero per andare a Canale. Non ce la facevo più neanche a qualche metro dal castello figurarci se ce la facevo ad arrivare fino a canale! Però siccome ero obbligata andai avanti anche un po’ velocemente devo dire e finalmente arrivai a Canale. Ero stanchissima e tutta sudata allora andai a cambiarmi subito. Dopo abbiamo visitato la Casa degli Artisti e un signore…..ci diede un mucchio di informazioni sulla casa. Alle circa abbiamo pranzato e tutti non vedevano l’ora. Dopo pranzo abbiamo fatto 30 minuti di pausa e dopo la foto di gruppo siamo ripartiti per tornare ed erano quasi le Siamo arrivati a Riva con solo una pausa in mezzo. Siamo rientrati che erano le e ci siamo seduti tutti per terra davanti alla scuola aspettando che suonasse. Per mia disgrazia però non avevo ancora finito di camminare perché le nostre mamme si erano capite male per chi doveva venire a prenderci allora dopo minuti che eravamo ad aspettarle siamo partite (io e le mie amiche) a piedi. Appena arrivai a casa ero stanca morta e andai subitissimo a farmi una doccia e dopo mi sdraia sul divano. Ora ti lascio vado a dormire!

6 Alle otto siamo partiti, ed eravamo infreddoliti, ogni tanto ci fermavamo, e fiato riprendevamo. Un capitello abbiamo incontrato, e qualche foto abbiamo scattato. Una salita scivolosa abbiamo percorso, evitando le lumache senza dorso. Dopo una lunga scalinata, ci facevamo una gran risata e quando camminavamo col compagno ridevamo. Questa pioggia rompeva a tutti, e i piedi non avevamo neanche asciutti. Mentre ci bagnavamo, la stradina percorrevamo. Al castello siamo arrivati e dalla sua grandezza ci siamo spaventati. Appena finito di guardare il castello, ci siamo resi conto che era bello. Alla chiesa di ville ci siamo fermati, e dalla sua bellezza ci siamo incantati. A Canale siamo arrivati, e di camminare ci siamo stufati. Alla casa degli artisti, abbiamo guardato quadri misti. Quando ritornavamo, la natura ammiravamo. A casa siamo arrivati, e sul divano ci siamo sdraiati.

7 Cronaca del comune di Tenno e Canale Invasione di studenti a Tenno e a Canale Il giorno mercoledì 9 ottobre,gli alunni della classe 2°A insieme alla classe 2°B della scuola “Scipio Sighele”, sono usciti per visitare il paese di Tenno e Canale. Sono partiti la mattina alle ore 8.00 da scuola con un lieve ritardo per via di un contrattempo. Accompagnati dalle insegnanti:Giordani Daria, Righi Alessandra, Chincarini Marina, Moser Maria. Si sono incamminati per il sentiero della strada vecchia, passando da Gavazzo e Ville trovando un clima nebbioso e umido, con qualche piccola precipitazione. Quando sono arrivati a Tenno hanno ammirato il castello e osservato il paese. Dopo una breve pausa si sono incamminati per arrivare a Canale. Arrivati al borgo hanno visitato la “Casa degli Artisti”. Durante la visita il responsabile a spiegato loro la storia del suo fondatore Giacomo Vittone, a cui era dedicata la mostra e la casa. Dopo il signor Pivetti gli ha ospitati in una sala per pranzare. Dopo hanno visitato il museo degli attrezzi di una volta, si sono incamminati per tornare nelle rispettive abitazioni. Durante la strada hanno osservato quattro statue di statue raffiguranti la “Vicinia”, a memoria della gestione collettiva dei beni tipica di questa comunità e poi ripresero il cammino per casa.

8 Uscita a Tem e Canal No savè cosa mè suces mercol passà, son vegnuda a scola,quel dì el pioveva e mi ero senza ombrela ! Mercol dovevem nàr a Tem e Canal con la scola. Meza class no la gàvevà el màteriàl per l’escursìon e la giornada la neva zà màl!! I professori i era em po’ encazadi !!! Ma en scarpon de chì, en panet de là, l’avem risolt !!! De fora el pioveva, alle oto e meza finalment sem partidi. Prosac en spalla, dopo en pezot sem arivadi al senter, della straa vecia Sem nadi avanti per el senter, pian pianim sem arivadi fim a Tem. Prima sem nadi a veder el castel de Tem, dopo avem fat do passi per el paes. Sem ripartidi per nar a Canal dopo nà mezoreta sem arivadi, avem fat na pausa, sem nadi a visitar la Casa dei Artisti dedicada a Giacomo Vittone. A mez dì avem pranzà. Sem nadi a veder el museo dei atrezi : ghera en caret de lein, en mestol de fer, en seghet bem appuntì. Avem visità el borgo de Canal che l’era propi bel. Per la strada avem trovà quater statue e le avem saludade !!! Me son desmentegada de dirve che ho mes la man nel bus de San. Lorenz, l’ era calt, e se steva bem, ma dovevo nar a casa. E alora me son encaminada coi mei amici. Coi pei roti e strachi me son sentaa sula poltrona de me casa e me som endromenzaa !!! L’è finida la me storia, ne a dormir!

9 R esoconto dell’uscita dal MIO punto di vista… Ciao a tutti! Mi presento: sono un gattino e abito a Tenno. Nella tarda mattinata di mercoledì 9 ottobre stavo girando, come faccio di solito, per Tenno in cerca di un posto adatto per fare i miei bisognini. Avevo trovato un sarcofago molto comodo, ma dei ragazzini in visita, sono venuti a disturbarmi. Dicendomi: “Ma che carino!” e “Che morbido!” hanno iniziato ad accarezzarmi e a prendermi in braccio. Ma io dico: con quelle manaccie sporche e bagnate come si sono permessi di toccare il mio pelo bianco e asciutto! Erano dei ragazzini sui 12 anni che, viste le loro condizioni, dovevano aver fatto una lunga e faticosa camminata. Le ragazze avevano i capelli bagnati e in disordine, mentre i ragazzi avevano macchie di sudore sulla schiena. Poi, dopo aver mangiato e bevuto come se non avessero mai toccato cibo o acqua in vita loro, hanno iniziato a gironzolare nel MIO territorio: nessuno, prima d’ora, s’era mai permesso di farlo. Si sono fermati davanti al ristorante “Al Castello” e hanno salutato la signora Lucia, una simpaticissima donna che mi dà sempre da mangiare. Poi hanno iniziato a camminare dirigendosi verso la porta di Frapporta, ma visto l’abbeveratoio, si sono fermati e hanno iniziato ad infastidirmi, alchè io mi sono ribellato e sono scappato via, seguendoli da una posizione strategica. Riempite le bottigliette con l’acqua fresca… Scusate, la MIA acqua fresca, hanno iniziato il giro turistico per il paese di Tenno… Il MIO paese di Tenno! Ad un tratto, sono uscito dal mio nascondiglio per dire a quei ragazzini maleducati di urlare un po’ di meno, dato che li si sentiva fino a Riva, ma loro hanno ricominciato a toccarmi e adularmi. Ho capito che sono bello, ma se loro se ne stavano fermi, non sarei arrivato a casa con il pelo sporco e bagnato. Comunque: i ragazzi finalmente sono usciti dal MIO paese e hanno iniziato ad andarsene. Ma dato che io sono un gentilgatto, ho deciso di seguirli per assicurarmi che non facessero del male agli altri paesi e soprattutto che non tornassero nel MIO territorio. Così, intrapresa la camminata che mi avrebbe fatto perdere qualche chiletto, mi sono unito alla compagnia, ma mi sembrava di essere un fantasma: nessuno si era accorto di me. Sono arrivato… Scusate, siamo arrivati in un paesino e tutti i ragazzi si sono seduti su un aggeggio che non so a che cosa servisse. Sembrava che fossero esausti dopo una camminatina… Oh, e andiamo! Io sono molto più vecchio di loro, eppure mi muovo come se fossi un bambino. Siamo entrati tutti in una casa: io ero talmente felice, perché pensavo che ci fossero dei materassi e invece … c’erano solo dei quadri … adesso io credo che i quadri siano bellissimi ma preferisco di gran lunga i materassi !!! Siamo entrati e ci ha accolti un signore, Franco Pivetti, che ci ha raccontato la storia di quella casa chiamata “Casa Degli Artisti “ dedicata a Giacomo Vittone. A dire la verità io non prestavo affatto attenzione al signor Pivetti perché ero troppo intento ad osservare QUEL quadro si perché adesso vi dirò che assomigliava moltissimo alla micina che mi piace è così carina lei, tanto che quando la vedo il mio cuore si scioglie e mi vengono gli occhietti a cuore *.* poi non vi dico che quadro ho visto! Assomigliava a mia nonna !!! hiihih sisi proprio così! Ad un certo punto ho sentito che qualcuno diceva “Si torna a casa” e mi sono sentito moooolto felice perché sinceramente ero davvero stanco.. appena arrivati al mio paese ho salutato i ragazzi e sono andato a schiacciare un pisolino mentre loro continuavano la loro camminata verso la scuola per poi tornare a casa. Io avevo le zampette a pezzi! Per cena la signora Lucia mi ha dato della pappa per gatti e una scatoletta di manzo.. mmh la mia preferita! Non finirò mai di ringraziarla per come mi tratta, così quando posso la sera prima di andare a fare le nanne la ripago con tante coccole <3 Miao miao a tutti!

10 Incontro con esperti dell’Itas. Incontro con esperti dell’Itas Presentazione presepe costruito da professore Bianchini insieme ad alcuni alunni. Presentazione presepe costruito da professore Bianchini insieme ad alcuni alunni. Per noi Natale è … Vai a pag. musica

11 Martedì 26 Novembre, Riva del Garda Alla scuola Scipio Sighele noi ragazzi abbiamo avuto l’opportunità di incontrare Matteo Zingaro e Davide Di Nardo. Matteo è un allenatore dell’Itas giovanile mentre Davide è un allenatore del C9 la squadra di pallavolo di Arco e Riva del Garda. Tutto questo è stato realizzato per avvicinarci di più alla pallavolo. Siamo andati tutti in aula video,gli allenatori ci hanno proiettato molte immagini e alcuni video. Il primo video era composto da tanti spezzoni di partite dell’Itas. Matteo ci ha fatto notare quanto siano bravi a: murare, schiacciare e soprattutto quanto saltino in alto. L’ Itas è una squadra di pallavolo di Trento che è arrivata a livelli mondiali infatti ha vinto 4 volte di seguito il titolo di campione del mondo. Inoltre ci hanno illustrato un campo estivo per ragazzi dedicato alla pallavolo. Per noi è stato molto emozionante perché giochiamo a pallavolo. Statistiche 2013, tutti i numeri dei gialloblù al PalaTrento: 19 vittorie in 20 partite! L’ultima partita che hanno disputato (15 dicembre 2013) Tsvetan Sokolov ha realizzato 24 punti, contribuendo alla vittoria della partita (3-0). “Abbiamo giocato una grande partita riconquistando il secondo posto in classifica ma in questo momento non è molto importante il piazzamento che occupiamo: lo è di più il modo in cui giochiamo ed il nostro processo di crescita” spiega il giocatore. Noi giochiamo a pallavolo e per noi è stata un’esperienza emozionante e molto divertente e non vediamo l’ora che vengano gli allenatori in classe a farci giocare.

12 Eccoci…

13 Artisti alle Scipio Presepe all’arena di Verona Rappresentazione della riva dell’600 Anche quest’anno, le Scipio Sighele hanno partecipato alla Rassegna internazionale del Presepio nell’arte e nella tradizione svolto nell’arena di Verona. Il Presepio sarà presente dal 30 Novembre insieme ad altri 400 presepi che arriveranno da tutto il mondo. Ma c’è una diversità nella città di Riva del Garda ovvero che il Presepio è stato realizzato dalle 3°medie della scuola “Sighele”,che fa parte dell’istituto Riva2, aiutati dall’esperto professor Antonio Bianchini. Sono quasi 130 gli studenti che hanno partecipato alla realizzazione speciale della storia di Riva più precisamente la “Riva dell’1600” con il “Miracolo dell’inviolata”. Codesto rappresenta il ringraziamento di una cittadina alla Madonna e le storie dei miracoli acquisiti grazie a quest’ultima. Una citazione fatta dal Professor Bianchini e i suoi ragazzi e appunto questa: - Perché ricordare una storia lontana a volte può aiutarci ad aprire il cuore alla speranza-.

14 è un po' di tempo per rilassarsi, stare con la famiglia e scartare i regali è andare in vacanza e stare con la famiglia è un momento dove posso stare con la mia famiglia e posso scartare i regali è la gioia dei bambini è stare in famiglia e rivedere i parenti è yamme, yamme yamme ye è un momento magico per stare insieme significa gioia, speranza e divertimento è la festa più bella dell'anno perchè noi possiamo stare di piu con i nostri genitori è una festa dove si ha la possibilità di esprimere l'amore per i parenti e amici (poi non guasta fare regali giusto!) per me è stare in famiglia e prendere regali è felicità è un momento speciale che ci offre la possibilità di stare in famiglia, stare a casa da scuola e stare con gli amici secondo me è stare assieme alla nostra famiglia è stare assieme alla nostra famiglia e lè vacanze e compagnia è bello per festeggiare e per scartare i regali. Yamme yamme yamme yamme ye è la cena assieme è un opportunità per stare con la mia famiglia e riposarmi un po'; ovviamente i regali non sono un problema è una festa dove si sta assieme alla propria famiglia non è solo stare a casa o andare in vacanza ma è stare assieme alla famiglia in allegria e sopratutto divertirsi è la nascita di Gesù. è felicità, serenità e tranquillità. è festeggiare assieme alla famiglia la nascita di Gesù è un momento per stare con le persone a te care e trasmettere in ogni cuore amore e magia.

15 è la gioia di stare con la mia famiglia e prendersi una pausa, poi si ricomincia è vacanze, riposo, i regali e la nascita di Gesù è i regali e le vacanze... babbo natale esiste è un modo per unire tutto il mondo in una sola festa è uno dei tanti momenti per stare insieme è un giorno speciale che si passa in famiglia è la riunione di tutta la famiglia per me è un festa ha un significato storico ma si spera che cambi perchè il regalino non è il natale è stare insieme alla famiglia e divertirsi per me è un occasione per stare insieme alla mia famiglia e ai miei amici. Un occasione per divertirsi e per parlare tutti assieme, ma anche un periodo in cui si parla sinceramente con la famiglia è vacanze e regale yamme! è un giorno importante da passare con la famiglia e ricevere i regali. è solo una piccola festa in cui posso divertirmi e stare con le mie amiche o andare in giro è il momento in cui arriva il mitico Babbo Natale è una cosa speciale, perchè si deve festeggiarlo assieme alla famiglia e, dato che molte famiglie non possono, si deve pensare a loro. è stare con le famiglie e ricevere qualche regalo è un divertimento insieme a tutti è vacanze e regali è il momento per stare assieme e scambiarsi i regali è babbo natale che non esiste è una festa è una festività in cui si sta insieme è più un ritrovo famigliare che una cosa sacra. Certo, so che è nato Gesù, e festeggiamo anche un po’ questo, ma in modo “secondario”. Una delle cose che preferisco del natale sono i regali, sia farli che riceverli è l’occasione per stare insieme alla famiglia è la festa dove la famiglia si riunisce e l’inizio dell’ anno nuovo è stare insieme è un momento per stare con amici e parenti ! è un giorno per stare insieme è un momento di ritrovo con la famiglia in cui ci si scambia i regali è la festa della famiglia in cui ci si vuole bene. significa condividere un momento di festa e di gioia con la persona a cui vuoi bene è un momento per festeggiare la nascita di Gesù è una cerimonia

16 Vai alla fine!

17 1. Per te la musica è indispensabile oppure è superflua? A. E’ indispensabile C. E’ inutile B. E’ superflua D. E’ abbastanza importante 2. Quanto tempo passi della tua giornata ad ascoltare musica da MP3, iPod, computer, TV ecc.? A. Meno di un’ora C. Due ore B. Un’ ora D. Più di due ore 3. Che genere di musica ti piace di più? A.Pop C. Jazz B. Rock-Metal D. Rap 4. Se dovessi per forza andare ad un concerto sceglieresti quello di A. Beyonce C. One Direction B. Justin Bieber D. Eminem 5. Suoni qualche strumento? A. Sì C. No, ma lo suonavo B. No D. No, ma mi piacerebbe

18 6. Fai parte di un coro o canti in una band? A. Sì, sono in un coro. C. No, nessuna delle due B. Sì, canto in una band D. No, ma mi piacerebbe 7. Devi organizzare una festa: balleresti o canteresti una canzone? A. Ballerei C. Ballerei cantando B. Canterei D. Rinuncerei ad organizzarla questa festa 8. Il /La vostro/a migliore amico/a suona uno strumento che vi attrae particolarmente, ma ha anche una voce fantastica. Per mancanza di tempo può insegnarvi solo una delle due cose. Quale scegliereste? A. Canto B. Suono 9. Che cosa vorresti che la scuola proponesse sulla musica? A. Un karaoke finale C. Una gara per chi scrive il testo migliore B.Un concorso canoro D. Un incontro con i musicisti della zona 10. Che effetto ha su di te la musica? A. Ti rilassa. C. Ti aiuta a socializzare B. Ti agita. D. Ti aiuta a superare i momenti difficili

19 1.Per te la musica è indispensabile o è superflua ?

20 2.Quanto tempo passi della tua giornata ad ascoltare musica da MP3, iPod, computer, TV ecc.?

21 3.Che genere di musica ti piace di più?

22 4.Se dovessi per forza andare ad un concerto sceglieresti quello di

23 5.Suoni qualche strumento?

24 6.Fai parte di un coro o canti in una band?

25 7.Devi organizzare una festa: balleresti o canteresti una canzone?

26 8.Il /La vostro/a migliore amico/a suona uno strumento che vi attrae particolarmente, ma ha anche una voce fantastica. Per mancanza di tempo può insegnarvi solo una delle due cose. Quale scegliereste?

27 Un karaoke finale Un concorso Una gara per chi scrive Un incontro con i Altro canoro il testo migliore musicisti della zona 9.Che cosa vorresti che la scuola proponesse sulla musica?

28 Altro Ti aiuta a superare i momenti difficili Ti aiuta a socializzare Ti rilassa 10.Che effetto ha su di te la musica?

29 L’ALFABETO …... LA REDAZIONE: Berlanda Valentina Borroi Giulia Ceccato Claudia Dal Zotto Samantha Fari Zakaria Frizzera Linda Gai Simonpietro Garzotto Siria Giglio Michelle Lionello Nicole Merighi Alessia Metko Densila Prandi Giulia Remia Margherita Con l’aiuto della nostra magnifica insegnante Giordani Daria


Scaricare ppt "Le notizie dalla A alla B. Resoconto uscita Tenno-Canale con: Lettera Diario Poesia Articolo di giornale Resoconto in dialetto Racconto dal punto di."

Presentazioni simili


Annunci Google