La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

18 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "18 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis"— Transcript della presentazione:

1 18 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis

2 Riassunto I Pensare al destinatario Pensare al contesto Adottare un linguaggio adeguato

3 Riassunto II Posta elettronica Semplificazione del lessico

4 Di che cosa parleremo oggi? 1.Semplificazione del lessico 2.Posta elettronica, paragrafi e liste

5 Commento all’esercitazione Richiesta di tradurre 14 espressioni inglesi Le espressioni erano tipiche del “gergo” informatico- aziendale

6 Espressioni Hard disk, benchmark, slide, floppy disk, case, , dial- up, provider, slash, backslash, newsgroup, mailing list, emoticon, attachment

7 Risultati Avete consegnato 70 fogli, e: 1.C’è un generale consenso 2.Alcune espressioni rimangono oscure (più del previsto)

8 Per esempio: Slide Ci sono 2 equivalenti italiani di uso comune, “lucido” e “diapositiva”. Tuttavia, 27 di voi hanno lasciato vuoto lo spazio, altri hanno inserito errori (per esempio “dispositivo”).

9 Tra le risposte: Attachment = indirizzo di posta del destinatario Benchmark = settore di mercato

10 Attenzione! Alcune traduzioni sono meno comprensibili dell’originale (o scorrette) Per esempio: Newsgroup = Gruppo di notizie Benchmark = Software per il test della performance

11 Conclusioni Anche in casi come questo bisogna ricostruire le competenze dell’interlocutore

12 Soluzioni per il lessico Eliminare (ovunque possibile) le parole inglesi

13 Estendiamo la regola Eliminare le parole inglesi Eliminare gli arcaismi Eliminare le sigle Eliminare i tecnicismi

14 Eliminare gli arcaismi Alcuni esempi: Testé All’uopo Codesto ufficio Egli Ella

15 Eliminare le sigle Un esempio: “Il sistema ACM non ha riportato i risultati previsti da V2, V3, V4…”

16 A che cosa servono le sigle? A far risparmiare tempo: 1.a chi scrive; 2.a chi legge.

17 Quindi: Alcune sigle sono davvero utili (INPS, ADSL…). Se il destinatario della comunicazione deve perdere tempo a decifrare la sigla, la sigla è solo un ostacolo.

18 Eliminare i tecnicismi Un esempio: “Ho downloadato i file e ne ho fatto un backup su floppy”.

19 Anche in questo caso: A volte i tecnicismi sono indispensabili A volte sono incomprensibili per il destinatario della comunicazione

20 Quindi: Riflettere sull’uso dei tecnicismi Se necessario, inserire una nota di spiegazione la prima volta che se ne fa uso

21 Che cosa ne pensate?

22 Per informazioni:


Scaricare ppt "18 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis"

Presentazioni simili


Annunci Google