La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

25 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "25 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis"— Transcript della presentazione:

1 25 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis

2 Riassunto 1.Non usate formati (non servono!) 2.Scrivete per paragrafi 3.Usate le liste

3 1. Non usate mai: Formattazione del testo (corsivi, grassetti, colori…) Sfondi Elementi decorativi Elementi grafici

4 Perché? Non servono a nulla (a meno che il vostro non sia un vero messaggio commerciale)

5 Un principio per la comunicazione efficiente Eliminare tutto quello che non serve

6 Alla base di tutto Testo semplice, ASCII di base (Unicode), nessuna impostazione di formato

7 E invece dei formati? Rileggere e controllare Usare alcuni semplici trucchetti

8 Suddivisione in paragrafi Non solo per la posta elettronica: provate a scrivere per paragrafi anche in altre circostanze.

9 Tre regole di base 1.Paragrafi quanto più brevi possibile 2.Unidea, un paragrafo 3.Nella posta elettronica: staccare sempre un paragrafo dallaltro usando una riga vuota

10 Il passo successivo: Le liste

11 Con le liste: È possibile organizzare linformazione Si percepisce meglio larticolazione di un argomento Si possono fare più facilmente controlli

12 Alcune regole: La lista deve semplificare la comunicazione La lista deve contenere più di un elemento La sintassi deve essere coerente

13 Che tipi di liste esistono? Liste puntate (consigliate quando non cè una gerarchia o sequenza precisa tra gli elementi) Liste numerate (indispensabili per descrivere gerarchie e sequenze)

14 E gli allegati? Ottimi, ma con giudizio Il vostro interlocutore deve essere in grado di leggerli Non devono essere troppo pesanti Non devono essere inutili

15 Comprensibilità degli allegati Spesso il vostro interlocutore non avrà idea del contenuto di un allegato. Se non glielo spiegate voi, come fa a saperlo?

16 Soluzione Diteglielo

17 E cioè? A meno che il vostro interlocutore non sappia già tutto perfettamente: 1.spiegategli che cosa gli spedite; 2.se gli spedite più di un file, descrivete tutto ciò che spedite usando il sistema delle liste 3.date ai file dei nomi comprensibili

18 Per esempio: Caro Mirko, ti mando: lelenco dei lavori da fare adesso (elenco.rtf); la lista delle persone da avvisare entro giovedì (lista3.rtf).

19 Esercitazione 10 minuti di tempo

20 Esercitazione ancora 1 minuto

21 Esercitazione commento

22 Riassunto I Pensare al destinatario Pensare al contesto Adottare un linguaggio adeguato

23 E i link? Ottimi, ma con giudizio

24 Rinviare a pagine web Si fa in un attimo Facilita gli aggiornamenti Ha poche controindicazioni

25 E cioè? Il vostro interlocutore sarà quasi sempre in grado di leggerli Non cè il problema della pesantezza

26 Tuttavia Controllate le caratteristiche delle pagine a cui rinviate (il vostro interlocutore deve essere in grado di leggerle) Spiegategli che cosa troverà

27 Lo stesso link, presentato in due modi diversi 1.http://www.italicon.it/prova/prova.asp 2.Ciao, puoi fare la prova a questo indirizzo: Inserisci il nome utente che ti ho spedito lultima volta.

28 Possibilmente: 1.Inviate innanzitutto lindirizzo delle pagine che interessano; non rimandate a un sito intero (vostro o altrui) 2.Se occorre, inserite anche il rimando alla home del sito

29 Buono: Ho visto una soluzione per questo problema allindirizzo:

30 Cattivo: Ho visto una soluzione per questo problema sul sito

31 Per informazioni:


Scaricare ppt "25 marzo 2002 Modulo di Comunicazione Mirko Tavosanis"

Presentazioni simili


Annunci Google