La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ITIS E. Divini corso di formazione sul concept mapping Le Cmap come ambienti di apprendimen- to collaborativi –Annotazioni –Fili di discussione –Collaborazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ITIS E. Divini corso di formazione sul concept mapping Le Cmap come ambienti di apprendimen- to collaborativi –Annotazioni –Fili di discussione –Collaborazione."— Transcript della presentazione:

1 ITIS E. Divini corso di formazione sul concept mapping Le Cmap come ambienti di apprendimen- to collaborativi –Annotazioni –Fili di discussione –Collaborazione sincrona Altre funzioni: -Pubblicazione in internet -Esportazione in altri formati e applicazioni 9 marzo 2004

2 Interazione insegnante – alunni valutazione interattiva fine modulo Preparare una Cmap del moduloCmap Smontare la mappa togliendo tutti i link e lasciando i soli concetti mescolatiSmontare Copiare la mappa smontata nelle cartelle dei gruppi Inserire eventuali domande di comprensione nella mappa Assegnare il compito di costruire una Cmap e rispondere alla/e domanda/e in un dato tempo Correggere i lavori svolti con indicazioni colorate della presenza di errori Seconda sessione di lavoro per completare-revisionare gli errori Calcolare i punteggi e copiare un testo con i criteri dove scrivere il risultato della prova. Es.: mappa1, mappa2mappa1mappa2

3 Interazione alunni – alunni costruzione collaborativa cmap Creazione Cmap del modulo (in itinere)Cmap Trasformazione della Cmap in proposizioni Gli allievi aprono il documento condiviso delle proposizioni (o risolvono il cruciverba) e con essocruciverba costruiscono Cmap sullargomento: singolarmente o a coppie.Cmap INSEGNANTESTUDENTI Creazione cruciverba del modulo (in itinere) con concetti come termini della griglia e proposizioni come definizioni oppure Il software per costruire cruciverba eseguibili online e altri tipi di test è hotpotatoes, liberamente scaricabile da

4

5 Strumenti di collaborazione asincrona Oltre alla normale struttura di nodi e parole legame e alla possibilità di inserire messaggi in singoli nodi isolati, si possono inserire Annotazioni (post-it) Informazioni e Fili di Discussione Le Annotazioni si inseriscono dal comando Strumenti del menu di CmapTools 3.2 e possono essere spostate in qualunque punto della mappa. Una volta inserite si chiudono con il trattino Linserimento di uninformazione, che sarà leggibile al passaggio del mouse, richiede che prima sia selezionato il nodo. Può servire per esempio per indicare il nome di chi ha aggiunto o modificato tale nodo o per esprimere valutazioni. Una mappa può diventare un forum con i vari fili di discussione ancorati ai nodi. Selezionare loggetto e scegliere Collabora Aggiungi Filo di Discussione dal menu. Completare le finestre con i dati richiesti. Si avrà licona del FD sul concetto. Alla fine salvare la mappa. Visualizzazione informazioniIcona della Discussione

6 Collaborazione sincrona 1 La collaborazione sincrona richiede che utenti distanti aprano la stessa mappa da un server di rete nello stesso orario. Il primo che apre la mappa e inizia a modificarla o toglie semplicemente il blocco alla matita in alto a destra, viene considerato temporaneamente proprietario della mappa. Chi dopo di lui fa la stessa cosa invia una richiesta di collaborazione al proprietario, il quale deve accettare tale richiesta. Dopo alcuni istanti necessari per sincronizzare la mappa, questa diventa una lavagna condivisa, corredata di chat e ciascun utente vede le azioni compiute dagli altri e può salvare la versione aggiornata della mappa.

7 Collaborazione sincrona 2

8 Pubblicazione in internet 1 Il modo più semplice è salvare la mappa in un server di rete e copiare lindirizzo che si trova alla base della mappa. Tale indirizzo può essere inviato per posta elettronica o usato per un collegamento in una pagina HTML. Selezionare col mouse e fare CTRL C per copiare la lunga URL. Potrà essere trasferita in un testo con CTRL V.

9 Pubblicazione in internet 2 Nella modalità 1 la mappa è resa pubblica esattamente dalla collocazione in cui si trova, in un server di Cmap. La mappa sarà raggiungibile da qualsiasi browser, purché sia noto o linkato il suo lungo indirizzo. Una volta aperta come pagina HTML, tutti i link alle risorse in essa presenti saranno efficaci, ma non lo saranno gli strumenti di collaborazione (note, informazioni, Fili di Discussione) e altri strumenti dinamici (grande nodo non apribile/chiudibile).

10 Pubblicazione in internet 3 In alternativa si può esportare la mappa e le risorse ad essa associate come ipertesto HTML. Salvarle in una cartella vuota. Trasferirle con FTP in unarea di un server al quale si ha accesso, oppure Zippare la cartella e trasferirla su CD o altro supporto, spedirla per posta o allegarla come file in unarea internet condivisa che consente di allegare file.

11 Riassumendo…


Scaricare ppt "ITIS E. Divini corso di formazione sul concept mapping Le Cmap come ambienti di apprendimen- to collaborativi –Annotazioni –Fili di discussione –Collaborazione."

Presentazioni simili


Annunci Google