La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Decreto Legislativo 23 gennaio 2004. Primo ciclo di istruzione Il primo ciclo d’istruzione è costituito dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Decreto Legislativo 23 gennaio 2004. Primo ciclo di istruzione Il primo ciclo d’istruzione è costituito dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria."— Transcript della presentazione:

1 Decreto Legislativo 23 gennaio 2004

2 Primo ciclo di istruzione Il primo ciclo d’istruzione è costituito dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria di primo grado, ciascuna caratterizzata dalla sua specificità. Esso ha la durata di otto anni e costituisce il primo segmento in cui si realizza il diritto-dovere all’istruzione e formazione Il primo ciclo d’istruzione è costituito dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria di primo grado, ciascuna caratterizzata dalla sua specificità. Esso ha la durata di otto anni e costituisce il primo segmento in cui si realizza il diritto-dovere all’istruzione e formazione La scuola primaria, della durata di cinque anni, è articolata in un primo anno, raccordato con la scuola dell’infanzia e teso al raggiungimento delle strumentalità di base, e in due periodi didattici biennali. La scuola primaria, della durata di cinque anni, è articolata in un primo anno, raccordato con la scuola dell’infanzia e teso al raggiungimento delle strumentalità di base, e in due periodi didattici biennali.

3 La scuola secondaria di primo grado La scuola secondaria di primo grado, della durata di tre anni, si articola in un periodo didattico biennale e in un terzo anno, che completa prioritariamente il percorso disciplinare ed assicura l’orientamento ed il raccordo con il secondo ciclo. La scuola secondaria di primo grado, della durata di tre anni, si articola in un periodo didattico biennale e in un terzo anno, che completa prioritariamente il percorso disciplinare ed assicura l’orientamento ed il raccordo con il secondo ciclo. Il passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado avviene a seguito di valutazione positiva al termine del secondo periodo didattico biennale (della scuola primaria) Il passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria di primo grado avviene a seguito di valutazione positiva al termine del secondo periodo didattico biennale (della scuola primaria) Le scuole appartenenti al primo ciclo possono essere aggregate tra loro in istituti comprensivi anche comprendenti le scuole dell’infanzia esistenti sullo stesso territorio. Le scuole appartenenti al primo ciclo possono essere aggregate tra loro in istituti comprensivi anche comprendenti le scuole dell’infanzia esistenti sullo stesso territorio.

4 La scuola secondaria di primo grado... è finalizzata: alla crescita delle capacità autonome di studio alla crescita delle capacità autonome di studio al rafforzamento delle attitudini all’interazione sociale al rafforzamento delle attitudini all’interazione sociale organizza ed accresce le conoscenze e le abilità le conoscenze e le abilitàcura la dimensione sistematica delle discipline la dimensione sistematica delle discipline

5 La scuola secondaria di primo grado... è caratterizzata dalla diversificazione didattica e metodologica in relazione allo sviluppo della personalità dell'allievo dalla diversificazione didattica e metodologica in relazione allo sviluppo della personalità dell'allievo sviluppa progressivamente le competenze e le capacità di scelta le competenze e le capacità di sceltafornisce strumenti adeguati alla prosecuzione delle attività di istruzione e di formazione strumenti adeguati alla prosecuzione delle attività di istruzione e di formazione

6 Comma 1 L’orario annuale delle lezioni nella scuola secondaria di primo grado, comprensivo della quota riservata alle Regioni, alle istituzioni scolastiche autonome e all’insegnamento della religione cattolica è di 891 ore ( 27 ore settimanali)

7 Comma 2 Le istituzioni scolastiche, al fine di realizzare la personalizzazione del piano di studi, organizzano nell’ambito del piano dell’offerta formativa nell’ambito del piano dell’offerta formativa tenendo conto delle prevalenti richieste delle famiglie tenendo conto delle prevalenti richieste delle famiglie attività e insegnamenti… per ulteriori 198 ore annue (6 ore settimanali)

8 Attività opzionali La scelta è facoltativa e opzionale per gli allievi e la frequenza è gratuita La scelta è facoltativa e opzionale per gli allievi e la frequenza è gratuita Le predette richieste sono formulate all’atto dell’iscrizione Le predette richieste sono formulate all’atto dell’iscrizione Al fine di ampliare e razionalizzare la scelta delle famiglie, le istituzioni scolastiche possono, nella loro autonomia, organizzarsi anche in rete. Al fine di ampliare e razionalizzare la scelta delle famiglie, le istituzioni scolastiche possono, nella loro autonomia, organizzarsi anche in rete.

9 Assistenza alla mensa L’orario di cui ai commi 1 e 2 non comprende il tempo eventualmente dedicato alla mensa L’orario di cui ai commi 1 e 2 non comprende il tempo eventualmente dedicato alla mensa Allo scopo di garantire le attività educative e didattiche, di cui ai commi 1 e 2, nonché l’assistenza educativa da parte del personale docente nel tempo eventualmente dedicato alla mensa fino ad un massimo di 231 ore annue fermo restando il limite del numero complessivo dei posti di cui all’articolo 14 bis, è costituito l’organico di istituto. Allo scopo di garantire le attività educative e didattiche, di cui ai commi 1 e 2, nonché l’assistenza educativa da parte del personale docente nel tempo eventualmente dedicato alla mensa fino ad un massimo di 231 ore annue fermo restando il limite del numero complessivo dei posti di cui all’articolo 14 bis, è costituito l’organico di istituto.

10 Organizzazione attività opzionali Per lo svolgimento delle attività e degli insegnamenti di cui al comma 2, ove essi richiedano una specifica professionalità non riconducibile agli ambiti disciplinari per i quali è prevista l’abilitazione all’insegnamento, le istituzioni scolastiche stipulano, nei limiti delle risorse iscritte nei loro bilanci, contratti di prestazione d’opera con esperti, in possesso di titoli definiti con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la funzione pubblica Per lo svolgimento delle attività e degli insegnamenti di cui al comma 2, ove essi richiedano una specifica professionalità non riconducibile agli ambiti disciplinari per i quali è prevista l’abilitazione all’insegnamento, le istituzioni scolastiche stipulano, nei limiti delle risorse iscritte nei loro bilanci, contratti di prestazione d’opera con esperti, in possesso di titoli definiti con decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca di concerto con il Ministro per la funzione pubblica

11 I docenti L’organizzazione delle attività educative e didattiche rientra nell’autonomia e nella responsabilità delle istituzioni scolastiche, fermo restando che il perseguimento delle finalità di cui all'articolo 9 è affidato, anche attraverso la personalizzazione dei piani di studio, ai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività educative e didattiche previste dai medesimi piani di studio. L’organizzazione delle attività educative e didattiche rientra nell’autonomia e nella responsabilità delle istituzioni scolastiche, fermo restando che il perseguimento delle finalità di cui all'articolo 9 è affidato, anche attraverso la personalizzazione dei piani di studio, ai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività educative e didattiche previste dai medesimi piani di studio. A tal fine concorre prioritariamente, per l’intera durata del corso, il docente in possesso di specifica formazione che, in costante rapporto con le famiglie e con il territorio, svolge funzioni di orientamento nella scelta delle attività di cui al comma 2, di tutorato degli alunni, di coordinamento delle attività educative e didattiche, di cura delle relazioni con le famiglie e di cura della documentazione del percorso formativo compiuto dall’allievo, con l’apporto degli altri docenti. A tal fine concorre prioritariamente, per l’intera durata del corso, il docente in possesso di specifica formazione che, in costante rapporto con le famiglie e con il territorio, svolge funzioni di orientamento nella scelta delle attività di cui al comma 2, di tutorato degli alunni, di coordinamento delle attività educative e didattiche, di cura delle relazioni con le famiglie e di cura della documentazione del percorso formativo compiuto dall’allievo, con l’apporto degli altri docenti.

12 Valutazione, scrutini ed esami Ai fini della validità dell’anno, per la valutazione degli allievi è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato di cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 10. Ai fini della validità dell’anno, per la valutazione degli allievi è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell’orario annuale personalizzato di cui ai commi 1 e 2 dell’articolo 10. Per casi eccezionali, le istituzioni scolastiche possono autonomamente stabilire motivate deroghe al suddetto limite. Per casi eccezionali, le istituzioni scolastiche possono autonomamente stabilire motivate deroghe al suddetto limite. La valutazione, periodica e annuale, degli apprendimenti e del comportamento degli allievi e la certificazione delle competenze da essi acquisite sono affidate ai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività educative e didattiche previsti dai piani di studio personalizzati. La valutazione, periodica e annuale, degli apprendimenti e del comportamento degli allievi e la certificazione delle competenze da essi acquisite sono affidate ai docenti responsabili degli insegnamenti e delle attività educative e didattiche previsti dai piani di studio personalizzati. Sulla base degli esiti della valutazione periodica, le istituzioni scolastiche predispongono gli interventi educativi e didattici, ritenuti necessari al recupero e allo sviluppo degli apprendimenti. Sulla base degli esiti della valutazione periodica, le istituzioni scolastiche predispongono gli interventi educativi e didattici, ritenuti necessari al recupero e allo sviluppo degli apprendimenti.

13 Valutazione degli apprendimenti I docenti effettuano la valutazione biennale ai fini del passaggio al terzo anno, avendo cura di accertare il raggiungimento di tutti gli obiettivi formativi del biennio, valutando altresì il comportamento degli alunni. Gli stessi, in casi motivati, possono non ammettere l'allievo alla classe successiva all'interno del periodo biennale. I docenti effettuano la valutazione biennale ai fini del passaggio al terzo anno, avendo cura di accertare il raggiungimento di tutti gli obiettivi formativi del biennio, valutando altresì il comportamento degli alunni. Gli stessi, in casi motivati, possono non ammettere l'allievo alla classe successiva all'interno del periodo biennale. Il terzo anno della scuola secondaria di I grado si conclude con un esame di Stato. Il terzo anno della scuola secondaria di I grado si conclude con un esame di Stato. Alle classi seconda e terza si accede anche per esame di idoneità, al quale sono ammessi i candidati privatisti che abbiano compiuto o compiano entro il 30 aprile dell’anno scolastico di riferimento Alle classi seconda e terza si accede anche per esame di idoneità, al quale sono ammessi i candidati privatisti che abbiano compiuto o compiano entro il 30 aprile dell’anno scolastico di riferimento

14 Norme finali e transitorie A decorrere dall'anno scolastico è avviata la prima classe del biennio della scuola secondaria di primo grado A decorrere dall'anno scolastico è avviata la prima classe del biennio della scuola secondaria di primo grado Saranno successivamente avviate, dall’anno scolastico , la seconda classe del predetto biennio e, dall’anno scolastico , la terza classe di completamento del ciclo. Saranno successivamente avviate, dall’anno scolastico , la seconda classe del predetto biennio e, dall’anno scolastico , la terza classe di completamento del ciclo.

15 Attività di tempo prolungato Al fine di realizzare le attività educative di cui all’articolo 7, commi 1, 2 e 3 e all’articolo 10, commi 1, 2 e 3, è confermato in via di prima applicazione, per l’anno scolastico 2004/2005, il numero dei posti attivati complessivamente a livello nazionale per l’anno scolastico 2003/2004 per le attività di tempo pieno e di tempo prolungato ai sensi delle norme vigenti. Per gli anni scolastici successivi all’attivazione di posti, per gli stessi fini, si provvede nei limiti delle disponibilità di bilancio. Al fine di realizzare le attività educative di cui all’articolo 7, commi 1, 2 e 3 e all’articolo 10, commi 1, 2 e 3, è confermato in via di prima applicazione, per l’anno scolastico 2004/2005, il numero dei posti attivati complessivamente a livello nazionale per l’anno scolastico 2003/2004 per le attività di tempo pieno e di tempo prolungato ai sensi delle norme vigenti. Per gli anni scolastici successivi all’attivazione di posti, per gli stessi fini, si provvede nei limiti delle disponibilità di bilancio.

16 Continuità didattica Il miglioramento dei processi di apprendimento e della relativa valutazione, nonché la continuità didattica, sono assicurati anche attraverso la permanenza dei docenti nella sede di titolarità, almeno per il tempo corrispondente al periodo didattico (triennio?) Il miglioramento dei processi di apprendimento e della relativa valutazione, nonché la continuità didattica, sono assicurati anche attraverso la permanenza dei docenti nella sede di titolarità, almeno per il tempo corrispondente al periodo didattico (triennio?)

17 Ipotesi di lavoro gestire l’avvio della Riforma (tempi e azioni) gestire l’avvio della Riforma (tempi e azioni) organizzare le attività base (27 ore) organizzare le attività base (27 ore) definire e organizzare le attività opzionali definire e organizzare le attività opzionali

18 Fasi e tempi per la scelta per il 2004 entro 31 gennaio entro 15 febbraio fine febbraio? aprile/maggio fase 1: iscrizione fase 1: iscrizione fase 2: ricognizione delle richieste fase 2: ricognizione delle richieste fase 3: progettazione attività opzionali fase 3: progettazione attività opzionali fase 4: deliberazione OOCC fase 4: deliberazione OOCC fase 5: illustrazione ai genitori fase 5: illustrazione ai genitori fase 6: eventuale “negoziazione” fase 6: eventuale “negoziazione” fase 7: richieste organico fase 7: richieste organico fase 8: definizione dell’offerta formativa fase 8: definizione dell’offerta formativa

19 Fasi e tempi per la scelta a “regime” fase 1: presentazione POF (offerta base e attività opzionali) fase 1: presentazione POF (offerta base e attività opzionali) fase 2: iscrizione fase 2: iscrizione fase 3: ricognizione delle richieste fase 3: ricognizione delle richieste fase 4: deliberazione OOCC fase 4: deliberazione OOCC fase 5: eventuale “negoziazione” con i genitori fase 5: eventuale “negoziazione” con i genitori fase 6: richieste organico fase 6: richieste organico fase 7: definizione dell’offerta formativa fase 7: definizione dell’offerta formativa

20 Orario base (da indicazioni nazionali) DISCIPLINAMinimoMedioMassimoITALIANO STORIA/GEOGRAFIA 307 ( 9,30 ) 313 ( ) 319 ( 9,60 ) MATEMATICA SCIENZE 239 ( 7,24 ) 245 ( ) 251 ( 7,60 ) TECNOLOGIA INGLESE 2^ LINGUA COMUNITARIA 114 ( 3,45 ) 120 (54+66) 126 ( 3,81 ) ARTE E IMMAGINE 54 ( 1,6 ) ( 2 ) MUSICA 54 ( 1,6 ) ( 2 ) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 54 ( 1,6 ) ( 2 ) RELIGIONE 33 ( 1 ) 33

21 Articolazione oraria ORARIO ATTUALE IPOTESI 2004/2005 DISCIPLINA(bilinguismo) orario base attività opzionali ITALIANO97,51,5 STORIA/GEOGRAFIA220 MATEMATICA/SCIENZE660 TECNOLOGIA312 INGLESE31,51,5 2^ LINGUA COMUNITARIA 321 ARTE E IMMAGINE 220 MUSICA220 SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 220 RELIGIONE110

22 Ipotesi di orario Nelle pagine che seguono vengono proposte alcune articolazioni orarie, suddivise in orario base e ore opzionali, a titolo di semplice suggerimento Nelle pagine che seguono vengono proposte alcune articolazioni orarie, suddivise in orario base e ore opzionali, a titolo di semplice suggerimento Si tratta di ipotesi; ogni Istituzione scolastica organizzerà la propria offerta sulla base delle esigenze territoriali e del contesto operativo, in piena autonomia Si tratta di ipotesi; ogni Istituzione scolastica organizzerà la propria offerta sulla base delle esigenze territoriali e del contesto operativo, in piena autonomia

23 Ipotesi A

24 Ipotesi B

25 Ipotesi C

26 Ipotesi D

27 Fine presentazione Vanna Monducci 25 gennaio 2004


Scaricare ppt "Decreto Legislativo 23 gennaio 2004. Primo ciclo di istruzione Il primo ciclo d’istruzione è costituito dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria."

Presentazioni simili


Annunci Google