La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A LLENARSI CON LA LETTURA LETTERARIA – I B ENEFICI DELLA L INGUA R ISCOPERTA V ERONA – 14.03.2014 Massimo Salgaro – Università di Verona Francesco Vespignani.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A LLENARSI CON LA LETTURA LETTERARIA – I B ENEFICI DELLA L INGUA R ISCOPERTA V ERONA – 14.03.2014 Massimo Salgaro – Università di Verona Francesco Vespignani."— Transcript della presentazione:

1

2 A LLENARSI CON LA LETTURA LETTERARIA – I B ENEFICI DELLA L INGUA R ISCOPERTA V ERONA – Massimo Salgaro – Università di Verona Francesco Vespignani – Università di Trento

3 T RENT ’ ANNI FA LE CULTURE NON SI RIVOLGEVANO DA TEMPO LA PAROLA : MA ALMENO SI SORRIDEVANO FREDDAMENTE, ATTRAVERSO L ’ ABISSO CHE LE SEPARA. O RA LA CORTESIA È VENUTA MENO E SI FANNO LE BOCCACCE. (S NOW, L E DUE CULTURE, 1959)

4 D ALL ’ ESTETICA DELLA R ICEZIONE (1) ALLA PSICOLINGUISTICA (2) 1) LETTORI IMPLICITI 2) M EDIE DI LETTORI ( DI LETTERATURA )

5 W OLFGANG I SER, D ER I MPLIZITE L ESER, 1972 „I L LETTORE ATTENTO NON VIENE COLTO DEL TUTTO IMPREPARATO DA QUESTE FRASI CONCLUSIVE.“ „I L LETTORE È SCONCERTATO, PERCHÉ LA RIFLESSIONE DELLA FIGURA CENTRALE DEL ROMANZO CREA ALTRE ASPETTATIVE RISPETTO A S TEPHEN.“

6 U MBERTO E CO, L ECTOR IN F ABULA A LLA FINE DI UNA FAVOLA IL BAMBINO È FELICE DI APPRENDERE CHE I PROTAGONISTI VISSERO INSIEME FELICI E CONTENTI PROPRIO COME LUI AVEVA PREVISTO, ALLA FINE DI D ALLE NOVE ALLE DIECI IL LETTORE DI A GATHA C HRISTIE È FELICE DI APPRENDERE CHE LUI AVEVA SBAGLIATO TUTTO E CHE L ’ AUTRICE È STATA DIABOLICAMENTE SORPRENDENTE.

7 P IERRE B OURDIEU, L E REGOLE DELL ’ ARTE I L LETTORE DI CUI PARLA L ’ ANALISI – PER ESEMPIO, CON LA DESCRIZIONE DELL ’ ESPERIENZA DELLA LETTURA COME RITENSIONE E PROTENSIONE IN W OLFGANG I SER – NON È ALTRO CHE IL TEORICO STESSO CHE, SEGUENDO IN CIÒ UNA TENDENZA MOLTO COMUNE PRESSO IL LECTOR, ASSUME COME OGGETTO LA SUA PROPRIA ESPERIENZA, NON ANALIZZATA SOCIOLOGICAMENTE, DI LETTORE COLTO.

8 S TARTING POINTS (E SPERIMENTO S ALGARO /V ESPIGNANI /E GIDI ) D URS G RÜNBEIN, K ATZE UND M OND (1996) R OLF A. Z WAAN, E FFECT OF G ENRE E XPECTATIONS ON T EXT C OMPREHENSION, IN «J OURNAL OF E XPERIMENTAL P SYCHOLOGY ». L EARNING M EMORY AND C OGNITION, 20, 4, 1993,

9 3. D URS G RÜNBEIN ( K ATZE UND M OND /G ATTO E L UNA, 1996) I L GATTO CATTURA IL TOPO. I L GATTO CATTURA LA LUNA.

10 A DESSO L ’ AMPIEZZA ERA GIÀ MOLTO PIÙ GRANDE. S I DIMOSTRAVA CHE I POTENZIALI NEURALI NEL CORSO DELLA FRASE DA GATTO A LUNA ERANO MOLTO PIÙ ALTI RISPETTO A QUELLI DA GATTO A TOPO … Q UI UN MERO PASSO ASSOCIATIVO, LÀ UN SALTO CONCETTUALE. L’ ECCEZIONALITÀ DELL ’ AMPIEZZA IN QUESTO NOTEVOLE FENOMENO LINGUISTICO FU CHIAMATO, NELL ’ ELETTROENCEFALOGRAMMA RELATIVO ALLA SERIE DI ESPERIMENTI, COMPONENTE N400.“

11 .. L A POESIA EFFICACE, IO CREDO, PARTE SEMPRE DAL SECONDO CASO, DA UN SALTO GIGANTESCO TRA SPACCATURE LESSICALI. E SSA UBBIDISCE ALLA SUA PARALOGICA SEMANTICA, CHE RICHIAMA INSIEME CIÒ CHE È IL PIÙ POSSIBILE DISTANTE, E CHE METTE VICINO CIÒ CHE È QUASI INCOMPATIBILE. Q UANTO PIÙ QUESTO SALTO RISULTA LONTANO E INASPETTATO, QUANTO PIÙ AMPIA È LA COMPONENTE N400 IN UNA RIGA O IN UNA SEQUENZA SILLABICA, TANTO PIÙ VASTI SONO IL VERSO O LA PROSA.

12 T ESI DI D URS G RÜNBEIN : D IFFERENZA FRA LINGUAGGIO QUOTIDIANO E LINGUAGGIO LETTERARIO L E REAZIONI FISIOLOGICHE DEL LETTORE ( LA COMPONENTE N400) C OS ’ È LA LETTERARIETÀ ( LITERARINESS )? R OMAN J AKOBSON (1921, O N R EALISM IN A RT : „ THE OBJECT OF STUDY IN LITERARY WORK IS NOT LITERATURE BUT „ LITERARINESS “, THAT IS, WHAT MAKES A GIVEN WORK A LITERARY WORK “). V IKTOR S HLOVSKY (1913)

13 L ITERARIZITÄT ALS „W ELTFORMEL “/L ETTERARIETÀ COME TEORIA DEL TUTTO (S IMONE W INKO 2009) E SISTONO DELLE QUALITÀ IMMANENTI O DELLE FUNZIONI DEL TESTO CHE CONTRADDISTINGUONO I TESTI LETTERARI ? E SISTONO DEI CRITERI INTERNI AL TESTO PER DISTINGUERE I TESTI LETTERARI DA TESTI NON LETTERARI ? L A RICERCA DELL ’ ELEMENTO DI LETTERARIERTÀ CONTENUTO IN TUTTI I TESTI LETTERARI ASSOMIGLIA ALLA RICERCA DELLA „ TEORIA DEL TUTTO “: SE ESISTESSE E SE FOSSE ACCETTATO SAREBBE TUTTO PIÙ SEMPLICE. S E LA CRITICA LETTERARIA POTESSE RICORRERE A CRITERI DI LETTERARIETÀ DISTINTI E UNANIMENTE ACCETTATI SAREBBE PIÙ SEMPLICE DEFINIRE IL SUO OGGETTO DI RICERCA, I SUOI METODI E LA SUA IDENTITÀ SCIENTIFICA.

14 C HI VUOL ESSERE L ETTERATO ? I L Q UIZ Cos’è la letteratura? Un testo Un tipo di lettura Un libro Una punizione L’unico quiz che non prevede MONTEPREMI

15 P ER V INCERE X M ILIONI DI E URO MESSI IN P ALIO DALL ’ UNIVERSITÀ DI V ERONA D OVETE R ISPONDERE ALLA S EGUENTE D OMANDA : Q UESTO È UN T ESTO L ETTERARIO ? S UL TUO LABBRO SOBRIA POESIA N ELLA TUA VOCE SCAMPANIO DI SANTITÀ. C ASTO DISSOLVERSI T RA I TUOI CAPELLI FEMMINILITÀ DI BOSCO.

16

17 …E Q UESTA ? (P ER LO STESSO M ONTEPREMI ) U NA COSA CURIOSA D EL PROBLEMA ONTOLOGICO È L A SUA SEMPLICITÀ. A CURIOUS T HING A BOUT THE O NTOLOGICAL P ROBLEM I S I TS S IMPLICITY. W.O. Q UINE F ROM A LOGICAL POINT OF VIEW CIT. IN J. C ULLER S TRUCTURALIST POETICS

18 P ETER H ANKE D IE A UFSTELLUNG DES 1. FC N ÜRNBERG VOM P ETER H ANDKE : D IE I NNENWELT DER A USSENWELT DER I NNENWELT, F RANKFURT A.M. 1969, S. 59. INIZIO DELLA PARTITA : ORE 15 LA FORMAZIONE DEL F.C. NORIMBERGA DEL

19 LA FORMAZIONE DELL’ITALIA CAMPIONE DEL MONDO

20 G ERHARD R Ü H M „B LÄTTER “

21 H UGO B ALL, K ARAWANE (1916)

22 A LFRED D ÖBLIN, B ERLIN A LEXANDERPLATZ (1929)

23 S ECONDA P ARTE

24 S I POSSONO DISTINGUERE TRE SIGNIFICATI DI „ LETTERARIERTÀ “ (1) UN USO LINGUISTICO SPECIFICO CHE RIGUARDA LA SINTASSI, LA GRAMMATICA, LA SEMANTICA E LA PRAGMATICA ATTO A DISTINGUERE LO „ SPECIFICO LINGUAGGIO DELLA LETTERATURA “ DAL LINGUAGGIO QUOTIDIANO (2) L A LETTERARIETÀ È RIFERITA ANCHE A SPECIFICI GENERI TESTUALI DEFINITI LETTERARI (3) C ON LETTERARIETÀ SI INTENDE ANCHE UNA MODALITÀ DI ELABORAZIONE DEI TESTI ; IN QUESTO CASO NON SONO LE CARATTERISTICHE DEI TESTI MA L ‘ APPROCCIO NEI LORO CONFRONTI E L ‘ ELABORAZIONE DELLE LORO INFORMAZIONI A ESSERE CONSIDERATE POETICHE O LETTERARIE. (W INKO )

25 ROLF A. ZWAAN, E FFECT OF G ENRE E XPECTATIONS ON T EXT C OMPREHENSION, IN «J OURNAL OF E XPERIMENTAL P SYCHOLOGY ». L EARNING M EMORY AND C OGNITION, 20, 4, 1993, P REMESSE DI ZWAAN : T. V AN D JIK, A DVICE ON THEORETICAL POETICS, P OETICS 8, 1980, « THERE IS NO SERIOUS WAY IN WHICH THE NOTION OF ‘ POETIC LANGUAGE ’ COULD BE DEFINED : NO LANGUAGE FORMS ARE EXCLUSIVELY USED IN LITERATURE, OR NOT USED IN LITERATURE, OR EVEN IN POETRY »

26 L ETTURA L ETTERARIA – L ETTURA G IORNALISTICA L’ ESPERIMENTO : 36 S OGGETTI, 6 TESTI LETTERARI E NON - LETTERARI U NDER A LITERARY PERSPECTIVE HAVE LONGER READING TIMES (1), BETTER MEMORY TO SURFACE INFORMATION (2) AND A POORER MEMORY FOR SITUATIONAL INFORMATION (3) THAN THOSE READING UNDER A NEWS PERSPECTIVE.

27 M IALL AND K UIKEN ( T HE FORM OF READING, E MPIRICAL STUDIES OF LITERARINESS, P OETICS 25, 1998, ) “ ALTHOUGH Z WAAN ’ S STUDY IS SUGGESTIVE, HIS TEXTS WERE CAREFULLY CHOSEN TO AVOID MANIFESTLY LITERARY FEATURES ”. “M ORE DISTINCTIVELY LITERARY TEXTS WOULD NOT PERMIT TO SHIFT FROM A “ LITERARY ” TO A “ NEWSPAPER ” CONDITION ”. L ITERARY TEXTS POSSESS DISTINCTIVE PROPERTIES THAT INCLUDE FOREGROUNDING. […] L ITERARINESS IS “F OREGROUNDED STILISTIC OR NARRATIVE FEATURES, READERS ‘ DEFAMILIARIZING RESPONSES TO THEM, AND THE CONSEQUENT MODIFICATION OF PERSONAL MEANINGS “. (M IALL & K UIKEN )

28 G LI OBIETTIVI DEL NOSTRO ESPERIMENTO 1. D ETERMINARE LE CARATTERISTICHE DEI TESTI LETTERARI (L A “L ITERARINESS ” SULLA BASE DELL ’ INTERAZIONE FRA I TESTI E I LETTORI REALI, EMPIRICI 2. A NALIZZARE LE INTERAZIONI FRA SPECIFICHE CARATTERISTICHE DEI TESTI LETTERARI ( P. E. FIGURE RETORICHE ) E LE REAZIONI DEI LETTORI 3. D ISTINGUERE VARI TIPI DI LETTORI ( LETTORE FORTE, DEBOLE, PROFESSIONISTA ) E LE LORO REAZIONI 4. A NALIZZARE GLI EFFETTI TIPICI DEI TESTI LETTERARI DA UN PUNTO DI VISTA COGNITIVO : P. E. SORPRESA, EMPATIA … 5. R IDISCUTERE CONCETTI FONDAMENTALI DELLA C RITICA L ETTERARIA COME LE FIGURE RETORICHE, L ’ EMPATIA, L A TENSIONE, L ’ IDENTIFICAZIONE

29 L A LINGUA RITROVATA C IÒ CHE NOI CHIAMIAMO IL NOSTRO ESSERE SPIRITUALE È SOTTOPOSTO A UN CONTINUO PROCESSO DI ESPANSIONE E DI CONTRAZIONE. I N ESSO L ’ ARTE HA IL COMPITO DI TRASFORMARE E RINNOVARE SENZA POSA L ’ IMMAGINE DEL MONDO E IL NOSTRO COMPORTAMENTO NEL MONDO, SPEZZANDO CON LE SUE ESPERIENZE VIVE, LE FORMULE FISSE DELL ’ ESPERIENZA RIPETITIVA. L A MUSICA FA QUESTO SUSCITANDO UNA CERTA DISPOSIZIONE D ’ ANIMO. L A LETTERATURA, FRA TUTTE LE ARTI, È QUELLA CHE INTERVIENE NEL MODO PIÙ AGGRESSIVO E DIRETTO PERCHÉ SI SERVE DELLA STESSA MATERIA DELLA QUALE SONO FATTE LE FORMULE DELL ’ ESPERIENZA RIPETITIVA. (R OBERT M USIL, S PUNTI PER UNA NUOVA E STET ICA, 1924)

30 L A LINGUA RITROVATA E STETICA EVOLUZIONISTICA, LE 8 IPOTESI FUNZIONALI SECONDO W INFRIED M ENNINGHAUS (3) “ LA RESISTENZA RISPETTO AL CONCETTO ” (4) “ VANTAGGI COGNITIVI ” ( TOLLERANZA PER LE AMBIGUITÀ ). L A PECULIARITÀ DELLA LINGUA POETICA È LA SUA POLIFONIA E LA SUA RICCHEZZA DI SFACCETTATURE … CHI CONOSCE PIÙ LINGUE E PIÙ CODICI HA A DISPOSIZIONE PIÙ OPZIONI COGNITIVE. (6) “ FUNZIONI DELL ’ IMMAGINARIO ” ( LA DIMENSIONE DEL POSSIBILE )

31 C IAO !

32 L’ AMBITO DI RICERCA C OGNITIVE P OETICS N EUROAESTHETICS /N EUROESTETICA /N EUROÄSTHETIK E MPIRICAL STUDIES OF LITERATURE /E MPIRISCHE L ITERATURWISSENSCHAFT (IGEL)

33 A NALOGIE -D IFFERENZE A: READER - ORIENTED C RITICA ALL ’ ESTETICA DELLA RICEZIONE TRADIZIONALE (J AUSS, I SER, E CO ) D: T EORICA - EMPIRICA T ESTI NATURALI ( LETTERARI )– TEXTOIDS

34 I NTERDISCIPLINARIETÀ (1) P UNTI F ORTI A NALISI TEORICA – ANALISI EMPIRICA S CIENZE ' INESATTE ' VS. SCIENZE ESATTE A PPROCCI SOGGETTIVI - INTERSOGGETTIVI LETTORE IMPLICITO VS. MEDIA DEI LETTORI A NALISI QUALITATIVA – ANALISI QUANTITATIVA

35 I NTERDISCIPLINARIETÀ (2) P UNTI D EBOLI I L MITO DELL ’ INTERDISCIPLINARIETÀ C HIUSURA DEI SETTORI SCIENTIFICO - DISCIPLINARI ( RIVISTE, CARRIERE ) I L DIALOGO FRA LE DUE CULTURE


Scaricare ppt "A LLENARSI CON LA LETTURA LETTERARIA – I B ENEFICI DELLA L INGUA R ISCOPERTA V ERONA – 14.03.2014 Massimo Salgaro – Università di Verona Francesco Vespignani."

Presentazioni simili


Annunci Google