La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO Istituto Francescano di Spiritualità Anno accademico 2011-2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO Istituto Francescano di Spiritualità Anno accademico 2011-2012."— Transcript della presentazione:

1 INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO Istituto Francescano di Spiritualità Anno accademico

2 Testo fondamentale del corso: Catechismo della Chiesa Cattolica, Città del Vaticano 1992 Catechismo della Chiesa Cattolica. Compendio, Città del Vaticano Tutte e due i testi si possono scaricare da internet:

3 Il Catechismo della Chiesa Cattolica [Cinese tradizionale, Francese, Inglese, Italiano, Latino, Lettone, Malgascio, Portoghese, Spagnolo] Il Catechismo della Chiesa CattolicaCinese tradizionaleFranceseInglese ItalianoLatinoLettoneMalgascio PortogheseSpagnolo Catechismo della Chiesa Cattolica: Compendio [Bielorusso, Francese, Indonesiano, Inglese, Italiano, Lituano, Portoghese, Rumeno, Russo, Sloveno, Spagnolo, Svedese, Tedesco, Ungherese] Catechismo della Chiesa Cattolica: CompendioBielorussoFranceseIndonesianoInglese ItalianoLituanoPortogheseRumenoRusso SlovenoSpagnoloSvedeseTedesco Ungherese Altra letteratura verrà indicata durante il corso

4 Premessa Perché fare delle lezioni di introduzione al cristianesimo in un corso al Diploma in spiritualità? Siamo già cristiani battezzati e adulti... Siamo anche perlopiù consacrati… Primo motivo: perché nella vita rimane solo quello che cresce: occorre reimparare quello che già si sa ed approfondirlo sempre di nuovo. Secondo motivo: perché conoscendo meglio il cristianesimo lo si può comunicare meglio

5 Premessa Inoltre… terzo motivo Oggi c’è una certa confusione sulla essenza del cristianesimo dovuto soprattutto al processo di globalizzazione e di diffusione di varie visioni della vita e della religione attraverso i grandi mezzi di comunicazione: giornali, televisione, internet… E’ facile confondere il cristianesimo con altre religioni (come se non ci fossero differenze sostanziali) o con sue degenerazioni (ad esempio le sette).

6 INTRODUZIONE 1) Ci domandiamo che cosa sia il cristianesimo e quale sia la sua essenza? E come si fa a capirlo?  Che cosa è il cristianesimo: – E’ una «filosofia», un’ «etica»? – E’ una «religione»? – Che tipo di religione? Una religione del «libro»?  Quale la sua essenza: una idea nuova, un sistema di pensiero, un programma morale?

7 Benedetto XVI, Deus Caritas est 1. « Dio è amore; chi sta nell'amore dimora in Dio e Dio dimora in lui » (1 Gv 4, 16). Queste parole della Prima Lettera di Giovanni esprimono con singolare chiarezza il centro della fede cristiana: l'immagine cristiana di Dio e anche la conseguente immagine dell'uomo e del suo cammino. Inoltre, in questo stesso versetto, Giovanni ci offre per così dire una formula sintetica dell'esistenza cristiana: « Noi abbiamo riconosciuto l'amore che Dio ha per noi e vi abbiamo creduto ». Abbiamo creduto all'amore di Dio — così il cristiano può esprimere la scelta fondamentale della sua vita. All'inizio dell'essere cristiano non c'è una decisione etica o una grande idea, bensì l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva. Nel suo Vangelo Giovanni aveva espresso quest'avvenimento con le seguenti parole: « Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui... abbia la vita eterna » (3, 16). Con la centralità dell'amore, la fede cristiana ha accolto quello che era il nucleo della fede d'Israele e al contempo ha dato a questo nucleo una nuova profondità e ampiezza.

8 Qualche esempio dalla sacra scrittura Gv 1: 35 Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36 e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». 37 E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa Maestro –, dove dimori?». 39 Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio.

9 Qualche esempio dalla sacra scrittura Gv 1: 40 Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41 Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – 42 e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

10

11

12 Il cristianesimo si caratterizza non da una dottrina innanzitutto ma da un incontro con un uomo (Gesù) che ci conosce e che ha la capacità di cambiare la vita. L’incontro con Gesù è l’incontro con una Persona che ci rivela Dio e ci rivela a noi stessi Come dice la Gaudium et spes 22: “In realtà solamente nel mistero del Verbo incarnato trova vera luce il mistero dell'uomo. Adamo, infatti, il primo uomo, era figura di quello futuro (28) (Rm5,14) e cioè di Cristo Signore. Cristo, che è il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del Padre e del suo amore svela anche pienamente l'uomo a se stesso e gli manifesta la sua altissima vocazione.

13 2. Come facciamo a sapere che cosa è il cristianesimo? Il cristianesimo lo si conosce attraverso l’annuncio/testimonianza. Il Kerigma cristiano: “Non è qui, è risorto” (Mt 28,6) – E’ risorto dai morti (Mt 28,7; Rm 6,4) – E’ risorto come aveva detto (Mt 28,2) – E’ risorto per la nostra giusficazione (Rm4,25)

14

15 “E’ stato costituito Signore e Messia” (Atti 2,36) – Gesù è Signore (Rm 10,9) – Gesù è il Cristo (Atti 18,5) “L’unigenito figlio di Dio” (Gv 1,18) – Alla destra del Padre (Atti 7,55) – Il Figlio del Dio vivente (Mt 16,16). – Il Verbo era Dio – Il Verbo si è fatto carne (Gv 1, 14) “Se con la tua bocca proclamerai: «Gesù è il Signore!», e con il tuo cuore crederai che Dio lo ha risuscitato dai morti, sarai salvo” (Rm 10,9).

16

17 Domande: Si può rispondere su un foglio o via Quali sono secondo la tua esperienza e cultura le «difficoltà» e le «obiezioni» più frequenti e più forti nel vivere e nell’annunciare la fede in Dio e la fede cristiana in particolare Quali sono nella tua cultura le «riduzioni» più frequenti della fede cristiana e della religione in genere? Può essere utile anche tenere presente fatti ed esperienze concrete da raccontare e scrivere

18 3. CREDERE all’amore di Dio manifestatosi in Cristo, morto e risorto Che cosa vuol dire la parola “credere”, “avere fede”? Una distinzione importante: Fides quae creditur: il contenuto della fede - Ovvero la verità che viene creduta. Fides qua creditur: l’atto di fede – Ovvero l’atto con il quale si crede Dare liberamente fiducia a una persona credibile (testimone degno di fede) che mi comunica una verità a me non attingibile direttamente. Gesù è testimone fedele: credere in lui vuol dire affidarsi a lui e accogliere quello che lui ha detto (rivelato)

19 Quando è ragionevole avere fede e quando no? Di chi ci si deve fidare e di chi non ci si deve fidare? Quando il testimone è affidabile: – Quando sa quello che dice! – Quando non ti vuole ingannare! Segni di credibilità: – Quando il testimone è «gratuito» – Quando il testimone è disposto a rischiare se stesso per quello che ti comunica – Quando la sua presenza e le sue parole dialogano con il cuore dell’uomo

20 4. La fede (atto e contenuto) e la vita spirituale. In che rapporto sta la spiritualità con la fede? – Come cambia nella nostra vita spirituale in relazione agli articoli del credo? Dal «sapere» della fede al «sapore» della fede. – Cosa dice l’esperienza spirituale (dei santi) alla comprensione della fede? San Francesco d’Assisi con la sua vita esprime il mistero dell’umiltà di Dio, dell’incarnazione e della passione e della vita fraterna Il Curato d’Ars (Giovanni Maria Vianney) fa capire di più il sacramento del perdono Sant’Ignazio di Loyola ha mostrato la radicalità dell’obbedienza di Cristo Santa Teresa di Lisieux ha mostrato il mistero della sostituzione vicaria di Cristo (che prende su di sé i peccati degli altri) Una sola FEDE e tante SPIRITUALITÀ Cosa sono, in questa prospettiva, le spiritualità: Modi di vivere l’unica fede secondo un dono particolare dato dallo Spirito Santo.

21 Nota Bene: il senso della formula del credo come “simbolo apostolico”.  il «credo apostolico» (simbolo di fede) nasce in relazione al rito del battesimo: tradizione orale antica, fissato nei testi nel IV secolo  Il «credo niceno-costantinopolitano» nasce in relazione alle eresie che contrastano la fede apostolica ° Ad esempio: contrasta la negazione della divinità piena o della piena umanità di Gesù ° E trova la sua formulazione in due sinodi ecumenici: - Nicea (325): piena divinità di Gesù, contro l’arianesimo - Costantinopoli (381): piena divinità dello Spirito Santo, contro il macedonianesimo (pneumatomachi)

22

23 I. PARTE: “IO CREDO”- “NOI CREDIAMO” Quali sono le obiezioni e le difficoltà più comuni che oggi sono presenti alla fede cristiana? Le grandi obiezioni moderne alla fede cristiana – Razionalismo: è vero solo quello che la ragione autonoma dell’uomo può conoscere; il resto è superstizione. E’ la tipica posizione dell’illuminismo che sta al cuore del pensiero moderno: soprattutto si nega il valore della rivelazione da parte di Dio e della fede come forma autentica di conoscenza. Si nega ogni forma di conoscenza soprannaturale, che vada oltre la misura controllabile da parte dell’uomo. Il vero obiettivo del razionalismo è di contestare ogni autorità esterna all’uomo, che si appella ad una conoscenza che vada oltre la ragione. In realtà la fede è un modo di conoscere; senza la fede si riduce tantissimo ai campo di conoscenza da parte dell’uomo

24 I. PARTE: “IO CREDO”- “NOI CREDIAMO” – Ateismo Il pensiero religioso su Dio sarebbe una forma primordiale di pensiero che ora, dopo le conquiste scientifiche, va superata. – In realtà, la religione non è diminuita nell’epoca contemporanea. La religione come “giustificazione” e “mantenimento” delle ingiustizie sociali (Marx): religione come “oppio dei popoli”. – In realtà, è una strumentalizzazione della religione ma non la sua essenza. – Spesso la religione diviene autentica opposizione ai tiranni: contro il nazismo e il comunismo

25 I. PARTE: “IO CREDO”- “NOI CREDIAMO” La religione come “nevrosi collettiva” (Freud) radicato nel cosiddetto “complesso del padre” – In realtà, si trattava di una critica che lui stesso ha rivisto e che è stata superata dai suoi stessi discepoli: ad es. Lacan. Oggi l’argomento è ribaltato a favore dell’esperienza religiosa La scienza sarebbe in grado di spiegare quello che prima veniva riferito a Dio (Darwin: evoluzionismo) – Ma la bibbia non dice il “come” Dio ha creato ma “perché” ha creato il mondo Ridicolizzazione delle verità cristiane senza cercare argomenti filosofici (Oddifredi, UAAR) – In realtà l’ironia, supportata dai mass-media, supplisce alla mancanza di ragioni ed è segno di posizione preconcetta o emotiva nei confronti della religione, più che razionale

26 Agnosticismo: l’uomo non è in grado di conoscere con le sole forze la verità in modo sicuro. In realtà si tratta di sfiducia nelle capacità di conoscere dell’uomo che tende a giustificare una posizione filosofica o morale presa precedentemente. Relativismo/nichilismo: non esisterebbe la verità: la realtà sarebbe solo materia che l’uomo manipola per soddisfare i propri desideri Il grande potere della tecnica come applicazione delle scoperte scientifiche Il culto dell’apparenza: mass media – Invece la realtà esiste… Il cristianesimo e le religioni: Il neo paganesimo e il new age Il relativismo religioso: “tutte le religioni sono uguali” In realtà non è vero che tutte le religioni sono uguali, questo è un pregiudizio e frutto di ignoranza

27 Materialismo ed edonismo Mettiamo sotto lo stesso punto la tendenza odierna, chiamata anche “idolatria dell’istinto”, di materialismo e di edonismo: essa è svariatamente diffusa nella storia della filosofia; il materialismo si presenta come forma di riduzione della ragione a rilevamento empirico della realtà. L’attuale edonismo, opera una riduzione del “desiderio di felicità” a mero “piacere”. Tuttavia l’uomo è esigenza di felicità piena e duratura: questa è una domanda antropologica insopprimibile

28 SYMBOLE DES APÔTRES Je crois en Dieu, le Père tout puissant, Créateur du ciel et de la terre. Et en Jésus Christ, son Fils unique, notre Seigneur; qui a été conçu du Saint-Esprit, est né de la Vierge Marie, a souffert sous Ponce Pilate, a été crucifié, est mort et a été enseveli, est descendu aux enfers; le troisième jour est ressuscité des morts, est monté aux cieux, est assis à la droite de Dieu le Père tout-puissant, d’où il viendra juger les vivants et les morts. Je crois en l’Esprit Saint, à la sainte Église catholique, à la communion des saints, à la rémission des péchés, à la résurrection de la chair, à la vie éternelle. Amen.

29 Il problema del male e della sofferenza – Ad esempio la presenza dei campi di concentramento, Auschwitz (nazismo), nel comunismo sovietico e nelle dittature in genere. – Le altre sofferenze causate da ingiustizie ma soprattutto da calamità naturali…: terremoti, disastri ambientali, malattie, etc. Dire che Dio non esiste a causa del dolore del mondo non è forse ancora più assurdo? Dio non risponde al problema del male con una teoria ma entrando nel mondo e assumendo su di sé il dolore e la morte nella croce di Gesù

30 Nota bene: la «secolarizzazione» Spesso si dice che questa sia la causa prima della fatica del credere nel nostro tempo, soprattutto in occidente. Il realtà, la secolarizzazione è fenomeno complesso e non univoco. La sua radice è europea (XVI secolo) E’ diversa la secolarizzazione di 60 anni fa rispetto ad oggi; diversa è in Germania rispetto all’italia La sua essenza è la mondanizzazione del mondo, ossia la rivendicazione di autonomia dell’uomo nei confronti di ciò che è religioso e sacro. La società secolarizzata è quella in cui si è passati da una condizione in cui tutti credono in Dio ad una società dove credere è una possibilità/opzioni tra altre La secolarizzazione è una difficoltà o sfida?

31 Benedetto XVI in Germania «Per corrispondere al suo vero compito, la Chiesa deve sempre di nuovo fare lo sforzo di distaccarsi da questa sua secolarizzazione e diventare nuovamente aperta verso Dio. Con ciò essa segue le parole di Gesù: “Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo” (Gv 17,16), ed è proprio così che Lui si dona al mondo. In un certo senso, la storia viene in aiuto alla Chiesa attraverso le diverse epoche di secolarizzazione, che hanno contribuito in modo essenziale alla sua purificazione e riforma interiore».

32 Altro motivo di difficoltà… La mancata testimonianza dei cristiani … – La controtestimonianza dei cristiani – Cosa vuol dire testimonianza? E’ solo la coerenza con i propri valori? Comunicare qualche cosa di cui si è fatto esperienza: cf. 1Gv 1,1-4 e che può cambiare la vita profondamente – La testimonianza più vera è far vedere come il cristianesimo dà significato alla vita: fa diventare la vita più umana, fa essere più liberi: la libertà dei figli di Dio. – Mancanza di conoscenza della fede cristiana, quali siano i reali contenuti del cristianesimo.

33 «Ciò di cui abbiamo soprattutto bisogno in questo momento della storia sono uomini che, attraverso una fede illuminata e vissuta, rendano Dio credibile in questo mondo. La testimonianza negativa di cristiani che parlavano di Dio e vivevano contro di Lui ha oscurato l'immagine di Dio e ha aperto le porte dell'incredulità. Abbiamo bisogno di uomini che tengano lo sguardo dritto verso Dio, imparando da lì la vera umanità. Abbiamo bisogno di uomini il cui intelletto sia illuminato dalla luce di Dio e a cui Dio apra il cuore, in modo che il loro intelletto possa parlare all'intelletto degli altri e il loro cuore possa aprire il cuore degli altri. Soltanto attraverso uomini toccati da Dio, Dio può far ritorno presso gli uomini» BENEDETTO XVI (J. RATZINGER), L’Europa di Benedetto nella crisi delle culture, Cantagalli, Siena 2005.

34 L’obiezione più forte sta nel sentire la realtà di Dio come nemica della libertà dell’uomo : – Benedetto XVI, Verbum Domini: “ La Parola di Dio, infatti, non si contrappone all’uomo, non mortifica i suoi desideri autentici, anzi li illumina, purificandoli e portandoli a compimento. Come è importante per il nostro tempo scoprire che solo Dio risponde alla sete che sta nel cuore di ogni uomo! Nella nostra epoca purtroppo si è diffusa, soprattutto in Occidente, l’idea che Dio sia estraneo alla vita ed ai problemi dell’uomo e che, anzi, la sua presenza possa essere una minaccia alla sua autonomia. In realtà, tutta l’economia della salvezza ci mostra che Dio parla ed interviene nella storia a favore dell’uomo e della sua salvezza integrale. Quindi è decisivo, dal punto di vista pastorale, presentare la Parola di Dio nella sua capacità di dialogare con i problemi che l’uomo deve affrontare nella vita quotidiana. Proprio Gesù si presenta a noi come colui che è venuto perché possiamo avere la vita in abbondanza (cfr Gv 10,10)”.

35 LE POSSIBILI RIDUZIONI DELLA FEDE - Fideismo: la fede come atteggiamento cieco e irrazionale che non sa rendere ragione del perché si crede in Dio: si espone alle obiezioni del razionalismo. – Moralismo: la fede non è considerata come una forma di conoscenza, ma solo come ispiratrice dei grandi valori morali che devono guidare la società e che si impongono alla coscienza autonoma dell’uomo. – Sentimentalismo/Romanticismo: la fede come sentimento di dipendenza da un Essere Supremo – Intimismo: la fede come atto privato della coscienza che non ha alcuna rilevanza pubblica nella vita sociale degli uomini Ma la fede è 1) un dono soprannaturale (grazia), 2) un atto ragionevole, 3) libero Quindi: la cosa più importante è scoprire il valore profondamente umano della fede e la sua bellezza

36 Benedetto XVI: “E’ proprio così: noi esistiamo per mostrare Dio agli uomini. E solo laddove si vede Dio, comincia veramente la vita. Solo quando incontriamo in Cristo il Dio vivente, noi conosciamo che cosa è la vita. Non siamo il prodotto casuale e senza senso dell’evoluzione. Ciascuno di noi è il frutto di un pensiero di Dio. Ciascuno di noi è voluto, ciascuno è amato, ciascuno è necessario. Non vi è niente di più bello che essere raggiunti, sorpresi dal Vangelo, da Cristo. Non vi è niente di più bello che conoscere Lui e comunicare agli altri l’amicizia con lui” (24 aprile 2005).

37 I.1. CONSIDERAZIONI ANTROPOLOGICHE RIGUARDANTI LA FEDE a) L’uomo è “capace” di Dio: l’uomo come essere religioso (CCC 27-43) -L’uomo è “desiderio” di Dio -Dio ha creato l’uomo perché entrasse in comunione con lui e per la felicità (27) -L’uomo come essere religioso (28): come dice san Paolo (Atti 17,27), Dio ha creato gli uomini perché “perché lo cerchino”. -Dio offre la comunione con gli uomini anche se essi possono tradire questo desiderio (29-30)

38 b) Le vie che portano l’uomo a conoscere Dio: – La facoltà che l’uomo ha di conoscere è la ragione, tuttavia l’uomo può non volere conoscere la verità, a causa del peccato, ed è per questo che può usare male la propria ragione (37) – Con l’indagine della sola ragione l’uomo può arrivare ad una conoscenza “naturale” di Dio: cioè a sapere che c’è Dio, ma non chi è Dio (Trinità d’Amore) – A partire dal mondo: l’ordine intrinseco delle cose e la loro bellezza dall’uomo: la sua apertura all’infinito e la potenza delle sue domande sul senso ultimo della vita l’uomo si accorge che esistere è essere fatto da un Altro: io non posso essere il fondamento di me stesso.

39 c) Cosa vuol dire in definitiva che l’uomo è un essere religioso? – Il “senso religioso” non è un bisogno particolare in fianco ad altri bisogni. – il “senso religioso” è l’esigenza radicale dell’uomo di avere un senso ultimo per la propria vita.

40 – La ragione dell’uomo, quando è se stessa, culmina nel senso religioso, cioè nel riconoscimento che la propria vita è legata ad un Mistero che supera la nostra capacità di conoscerlo e per questo mendica (cioè domanda) a Dio che si riveli. – La domanda a Dio che si riveli è il culmine della razionalità

41 Quando il “perché delle cose” viene indagato con integralità alla ricerca della risposta ultima e più esauriente, allora la ragione umana tocca il suo vertice e si apre alla religiosità. In effetti la religiosità rappresenta l’espressione più elevata della persona umana, perché è il culmine della sua natura razionale. Essa sgorga dall’aspirazione profonda dell’uomo alla verità ed è alla base della ricerca libera e personale che egli compie del divino Giovanni Paolo II, Catechesi del 19 ottobre 1983

42 Osservazione: il nostro linguaggio su Dio (39-43): L’uomo religioso parla di Dio e a Dio: La differenza tra l’uomo e Dio è infinita. Per questo… – il silenzio dell’uomo su Dio (apofatismo) – parlare di Dio solo per via di negazione: in-finito, im- mortale, in-commensurabile (teologia negativa) Ma la Chiesa ci ricorda che l’uomo è fatto ad immagine e somiglianza di Dio – Linguaggio analogico dell’uomo su Dio: Il significato delle parole è in parte uguale e in parte diverso Quando l’analogia è tra Dio e l’uomo, maggiore è la diversità che l’uguaglianza Le cose sono «belle», Dio è «bellezza» in senso assoluto, formula superlativa: «bellissimo»

43 Ma ci sorprende un annuncio: Dio si rivela, il Verbo di Dio si è fatto carne (Gv 1,14): la Parola di Dio si comunica in parole umane.

44 I.2: Dio viene incontro all’uomo DIO - RIVELAZIONE RELIGIONE GESÙ CRISTO

45 Dio si rivela:  si mostra  si dona  si dice liberamente all’uomo  comunicando il suo disegno prestabilito dall’eternità e  realizzandolo in Cristo, a favore di tutti gli uomini

46 1. LA RIVELAZIONE DI DIO (CCC 50-95) 1.1. Dio rivela il suo disegno di Benevolenza Il disegno divino della Rivelazione si realizza “con eventi e parole” che sono “intimamente connessi tra loro” [Dei Verbum, 2] e si chiariscono a vicenda. Esso comporta una “pedagogia divina” particolare:  Dio si comunica gradualmente all'uomo,  Dio prepara l’uomo per tappe a ricevere la Rivelazione soprannaturale che egli fa di se stesso  La rivelazione culmina nella persona e nella missione del Verbo incarnato, Gesù Cristo.

47 I.2: Dio viene incontro all’uomo 1.2. Le tappe della Rivelazione -Nella creazione Dio dà una perenne testimonianza di sé (DV 3); cf. anche la dimensione cosmica della Parola di Dio (VD 8) -Fin dall’inizio l’uomo è creato da Dio e invitato alla comunione con lui -La rivelazione non si interrompe con il peccato dell’uomo: “Quando, per la sua disobbedienza, l'uomo perse la tua amicizia, tu non l'hai abbandonato in potere della morte... Molte volte hai offerto agli uomini la tua alleanza” [Messale Romano, Preghiera eucaristica IV].

48 I.2: Dio viene incontro all’uomo. Quali le tappe? - L’Alleanza con Noè (Gn 9,9) -L’elezione di Abramo (Gn 12) -Da qui l’importanza dei Patriarchi -Dio forma Israele come suo popolo -Liberazione dalla schiavitù dell’Egitto -L’alleanza sul Monte Sinai per mezzo di Mosé -La funzione profetica: richiamare all’Alleanza tradita e accendere l’attesa di una Alleanza nuova ed eterna

49 Símbolo dos Apóstolos Creio em Deus, Pai todo-poderoso, Criador do Céu e da Terra E em Jesus Cristo, seu único Filho, nosso Senhor que foi concebido pelo poder do Espírito Santo; nasceu da Virgem Maria; padeceu sob Pôncio Pilatos, foi crucificado, morto e sepultado; desceu à mansão dos mortos; ressuscitou ao terceiro dia; subiu aos Céus; está sentado à direita de Deus Pai todo-poderoso, de onde há-de vir a julgar os vivos e os mortos. Creio no Espírito Santo; na santa Igreja Católica; na comunhão dos Santos; na remissão dos pecados; na ressurreição da carne; e na vida eterna. Amen

50 I.2: Dio viene incontro all’uomo -«La profonda verità, poi, che questa Rivelazione manifesta su Dio e sulla salvezza degli uomini, risplende per noi in Cristo, il quale è insieme il mediatore e la pienezza di tutta intera la Rivelazione» (DV 2) -«Dio, che aveva già parlato nei tempi antichi molte volte e in diversi modi ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio» (Eb 1,1-2). -«Cristo, il Figlio di Dio fatto uomo, è la Parola unica, perfetta e definitiva del Padre, il quale in lui dice tutto, e non ci sarà altra parola che quella». (CCC 65)

51 Dei Verbum, 4 “[Gesù Cristo], vedendo il quale si vede anche il Padre (cfr. Gv 14,9), col fatto stesso della sua presenza e con la manifestazione che fa di sé con le parole e con le opere, con i segni e con i miracoli, e specialmente con la sua morte e la sua risurrezione di tra i morti, e infine con l'invio dello Spirito di verità, compie e completa la Rivelazione e la corrobora con la testimonianza divina, che cioè Dio è con noi per liberarci dalle tenebre del peccato e della morte e risuscitarci per la vita eterna.”

52 San Giovanni della Croce (mistico spagnolo, ), Salita al monte Carmelo, 2, 22 “Dal momento in cui ci ha donato il Figlio suo, che è la sua unica e definitiva Parola, ci ha detto tutto in una sola volta in questa sola Parola e non ha più nulla da dire... Infatti quello che un giorno diceva parzialmente ai profeti, l'ha detto tutto nel suo Figlio, donandoci questo tutto che è il suo Figlio. Perciò chi volesse ancora interrogare il Signore e chiedergli visioni o rivelazioni, non solo commetterebbe una stoltezza, ma offenderebbe Dio, perché non fissa il suo sguardo unicamente in Cristo e va cercando cose diverse e novità”

53 Importantissimo: Gesù non può essere in nessun modo considerato un fondatore di religione come Budda, Confucio, Maometto… Tutti questi hanno indicato vie verso la divinità; Gesù si è presentato se stesso come “la via” e si è dichiarato identico a Dio: “io e il Padre siamo una cosa sola” (Gv 10,30). Questo è anche il senso dell’espressione dal credo: “generato non creato, della stessa sostanza del Padre” Egli è la Parola definitiva di Dio agli uomini.

54 Nota bene dal Catechismo: 1. La rivelazione è compiuta ma non ancora totalmente esplicitata: “L'Economia cristiana, in quanto è Alleanza Nuova e definitiva, non passerà mai e non è da aspettarsi alcuna nuova Rivelazione pubblica prima della manifestazione gloriosa del Signore nostro Gesù Cristo” [Dei Verbum, 4]. Tuttavia, anche se la Rivelazione è compiuta, non è però completamente esplicitata; toccherà alla fede cristiana, allo studio e ai carismi, coglierne gradualmente tutta la portata nel corso dei secoli. 2. Quale il senso delle cosiddette rivelazioni private? -Alcune vengono riconosciute dalla Chiesa non come “nuove rivelazioni” ma come aiuto per vivere l’unica rivelazione cristiana -Non possono essere accettate “pretese” nuove rivelazioni che vadano “oltre” quella di Cristo.

55 Verbum Domini, 14 “Il valore delle rivelazioni private è essenzialmente diverso dall’unica rivelazione pubblica: questa esige la nostra fede... Il criterio per la verità di una rivelazione privata è il suo orientamento a Cristo stesso. Quando essa ci allontana da Lui, allora essa non viene certamente dallo Spirito Santo. La rivelazione privata è un aiuto per questa fede, e si manifesta come credibile proprio perché rimanda all’unica rivelazione pubblica”.

56 “l’approvazione ecclesiastica di una rivelazione privata indica essenzialmente che il relativo messaggio non contiene nulla che contrasti la fede ed i buoni costumi; è lecito renderlo pubblico, ed i fedeli sono autorizzati a dare ad esso in forma prudente la loro adesione. Una rivelazione privata può introdurre nuovi accenti, fare emergere nuove forme di pietà o approfondirne di antiche. Essa può avere un certo carattere profetico (cfr 1 Tess 5,19-21) e può essere un valido aiuto per comprendere e vivere meglio il Vangelo nell’ora attuale; perciò non lo si deve trascurare. È un aiuto, che è offerto, ma del quale non è obbligatorio fare uso”.

57 I.2: Dio viene incontro all’uomo 2. LA TRASMISSIONE DELLA RIVELAZIONE DIVINA (CCC 74-95) Abbiamo detto che Dio si è comunicato definitivamente nella storia (tempo e spazio) nella persona di Cristo (vita, morte, risurrezione, ascensione, invio dello Spirito Santo): Egli ha detto la sua Parola definiitiva. Si impone una nuova domanda: come può questa rivelazione di Dio raggiungere tutti i popoli in tutti i tempi?

58 I.2: Dio viene incontro all’uomo Quanto il Signore ha rivelato viene fedelmente trasmesso lungo i secoli: la rivelazione rimane nella Chiesa come realtà viva non come dottrina morta I. La Tradizione apostolica (ccc 75-79) “La Tradizione Apostolica è la trasmissione del messaggio di Cristo, compiuta, sin dalle origini del cristianesimo, mediante la predicazione, la testimonianza, le istituzioni, il culto, gli scritti ispirati. Gli Apostoli hanno trasmesso ai loro successori, i Vescovi, e, attraverso questi, a tutte le generazioni fino alla fine dei tempi, quanto hanno ricevuto da Cristo e appreso dallo Spirito Santo” (cccc 12).

59 I.2: Dio viene incontro all’uomo II. Il rapporto tra la Tradizione e la Sacra Scrittura (ccc 80-83) -Due modalità differenti e inseparabili di trasmissione, con cui la Parola di Dio si trasmette nel tempo:  la sacra Scrittura  la Tradizione viva  insieme formano il sacro deposito della fede.  Attenzione: distinguere la Tradizione apostolica e le tradizioni ecclesiali

60 I.2: Dio viene incontro all’uomo III. L’interpretazione del deposito della fede (ccc ) -Il deposito della fede(1Tm 6,20): È quanto ci è stato comunicato per la nostra salvezza e che è contenuto nella Sacra Scrittura e nella Sacra Tradizione. -Il deposito della fede è affidato dagli Apostoli alla Chiesa tutta -Il compito del Magistero: al Successore di Pietro: il Vescovo di Roma, ai Vescovi in comunione con lui spetta l’interpretazione autentica del deposito della fede.

61 Símbolo de los Apóstoles Creo en Dios, Padre Todopoderoso, Creador del cielo y de la tierra. Creo en Jesucristo, su único Hijo, Nuestro Señor, Que fue concebido por obra y gracia del Espíritu Santo, nació de Santa María Virgen, padeció bajo el poder de Poncio Pilato, fue crucificado, muerto y sepultado, descendió a los infiernos, al tercer día resucitó de entre los muertos, subió a los cielos y está sentado a la derecha de Dios, Padre todopoderoso. Desde allí ha de venir a juzgar a vivos y muertos. Creo en el Espíritu Santo, la santa Iglesia católica, la comunión de los santos, el perdón de los pecados, la resurrección de la carne y la vida eterna. Amén.

62 Cosa sono i dogmi? «Il magistero della Chiesa si avvale in pienezza dell’autorità che gli viene da Cristo quando definisce qualche dogma, cioè quando, in una forma che obbliga il popolo cristiano ad un’irrevocabile adesione di fede, propone verità contenute nella Rivelazione divina, oppure verità che a quelle sono necessariamente collegate» (CCC 88).Cf. anche cccc 16. L’affermazione dogmatica indica che il contenuto della fede è la «verità» in quanto assicurata da Dio che si rivela e non è «opinione»

63 RIVELAZIONE TRASMISSIONE ALLA CHIESA …lungo tutti i secoli… PAROLA DI DIO -> Sacra Scrittura – Tradizione viva – il Magistero

64 Il senso soprannaturale della fede (ccc 91-93) Tutti i fedeli sono partecipi della comprensione e della trasmissione della verità rivelata; infatti hanno ricevuto il dono dello Spirito Santo che conduce alla verità tutta intera “Tutti i fedeli sono partecipi della comprensione e della trasmissione della verità rivelata”. “La totalità dei fedeli... non può sbagliarsi nel credere… quando dai vescovi fino agli ultimi fedeli laici" esprime l'universale suo consenso in materia di fede e di costumi” [Lumen gentium, 12]. NB: Non confondere il “senso della fede” e “opinione pubblica”

65 LA CRESCITA DELLA COMPRENSIONE DELLA TRADIZIONE (DV 8)  Attraverso la riflessione e lo studio  Attraverso l’esperienza spirituale  Attraverso la predicazione dei successori degli apostoli “Le parole divine crescono insieme a coloro che le leggono” (san Gregorio magno)

66 I.2: Dio viene incontro all’uomo 3. LA SACRA SCRITTURA L’analogia o “sinfonia” della Parola Cristo è la Parola di Dio contenuta nelle scritture La ispirazione della scrittura e la verità – Lo Spirito Santo è l’autore della Scrittura attraverso l’ispirazione data all’autore umano – La Scrittura contiene tutte le verità di cui abbiamo bisogno per la nostra salvezza Lo Spirito Santo è ispiratore e interprete della Sacra Scrittura: essa deve essere interpretata nello stesso Spirito in cui è stata scritta (DV 12) Il canone della Scrittura (46 AT e 27 NT); La sacra Scrittura nella vita della Chiesa: cf. Verbum Domini (soprattutto la 2a parte)

67 1.3. LA RISPOSTA DELL’UOMO ALLA DIVINA RIVELAZIONE L’uomo risponde alla rivelazione con la fede 1.IO CREDO La fede “Significa aderire a Dio stesso, affidandosi a Lui e dando l'assenso a tutte le verità da Lui rivelate, perché Dio è la Verità. Significa credere in un solo Dio in tre Persone: Padre, Figlio e Spirito Santo” (cccc 27)

68 1.3. LA RISPOSTA DELL’UOMO ALLA DIVINA RIVELAZIONE Le caratteristiche della fede: -1)La fede, dono gratuito di Dio e accessibile a quanti la chiedono umilmente, 2) è la virtù soprannaturale necessaria per essere salvati 3) La fede, inoltre, è certa, perché fondata sulla Parola di Dio; 4) è operosa « per mezzo della carità» (Gal 5,6); 5) è in continua crescita, grazie all'ascolto della Parola di Dio e alla preghiera, 6) Ci fa pregustare la gioia celeste.

69 Seconda Parte: La professione della fede cristiana “IO CREDO IN DIO” -Dio ha rivelato il suo nome: -Dio di Abramo, di Isacco, di Giacobbe -La rivelazione del nome misterioso: YHWH: «io sono colui che è»; egli è «Verità» e «Amore». -Dio si è rivelato nella storia come unico -“Ascolta Israele, il Signore è uno solo” (Dt 6,4) -Dio è “l’unico Signore” (Mc 12,29) -La fede cristiana è monoteista; si oppone al politeismo idolatra -Dio è uno e trino (mistero centrale della nostra fede)

70 -Gesù ci ha rivelato che Dio è PADRE -Perché ha creato il mondo (nel tempo) -Perché ha generato da sempre il suo FIGLIO (nell’eternità) -In questo senso ha rivelato se stesso come l’eterno Figlio (cf. Gv 17), come la Seconda persona della Trinità Il Padre e il Figlio rivelati dallo SPIRITO SANTO – Terza Persona, procede dal Padre (Gv 15,26), il quale è il principio senza principio, fonte di tutta la vita trinitaria – Ma procede anche dal Figlio (filioque) – E guida la Chiesa alla verità intera (Gv 16,30)

71 Una natura divina – tre le Persone Divine Le persone sono distinte per le relazioni: - Il Padre (eterno generatore), fonte di tutta la vita divina, genera dall’eternità e per l’eternità il Figlio a sé consustanziale. Il Padre è Dio nella forma del dono donato - Il Figlio è generato dal Padre: il Figlio è Dio nella forma del dono accolto e restituito. - Lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio: è l’intima unità e la testimonianza feconda del loro amore: è il dono del dono

72 Come ricorda il catechismo (CCC 236), nel linguaggio dei Padri della Chiesa si distingue: «Theologia» ed «Oikonomia» Piano della «Theologia»: cioè Dio Trinità «in sé» Padre Spirito Santo Figlio

73 Piano della «Oikonomia»: Dio Trinità «per noi» Padre Incarnazione Spirito Santo Ascensione Morte Figlio (Gesù) Risurrezione Discesa agli inferi

74 Dio Padre «Creatore» La creazione è opera della Trinità, ma si dice specialmente del Padre. – “Il mondo è stato creato per la gloria di Dio, che ha voluto manifestare e comunicare la sua bontà, verità e bellezza. – Il fine ultimo della creazione è che Dio, in Cristo, possa essere «tutto in tutti» (1 Cor 15,28), per la sua gloria e per la nostra felicità” (CCCC 53).

75 Il mistero della Trinità chiarisce che:  Dio è in sé già amore: non ha bisogno del mondo per avere qualcuno da amare  Dio crea il mondo per amore, cioè in modo gratuito  rendendo l’uomo partecipe per grazia di quello che lui è per natura: Relazione di amore feconda tra Padre e Figlio e Spirito Santo

76 La creazione è (molto) buona e Dio è provvidente. ALLORA… PERCHÉ IL MALE? – Il male non viene da Dio; non è un principio uguale a Dio – All’inizio la libertà conosce solo il bene; il male è una possibilità, indotta dall’esterno. Dio non permetterebbe il male se non potesse diventare l’occasione di un bene più grande. – La cosa più negativa che ha fatto l’uomo: rifiutare il dono di Dio in Cristo – L’amore più grande che Dio ha manifestato è nel dono del suo Figlio Gesù.

77 Io credo… in Gesù Cristo, suo unico Figlio e nostro Signore Il nome di Gesù Gesù (Dio Salva) Cristo (Unto-Messia-Inviato) Signore (“Colui che possiede”) Figlio dell’Uomo (profezia di Daniele) Unigenito figlio di Dio “Primogenito”: – Titolo di onore e di elezione (AT: Es; Lc 2,7) – Prototipo della creazione (NT: Efesini e Colossesi)

78 Concepito per opera dello Spirito Santo e nacque da Maria Vergine  Perché Dio si è fatto uomo? - Per salvarci dai nostri peccati - Per farci conoscere il suo amore, renderci partecipi della natura divina e compiere così il prestabilito disegno del Padre.

79 … patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto Perché Gesù è stato condannato a morte – L’accusa di bestemmiatore da parte del Sinedrio Qual è il senso dell’agonia e della morte di Gesù? – Prendere su di sé i nostri peccati e liberarci dal male. – “Per noi”: In nostro favore ha preso il nostro posto

80 Discese agli inferi, risuscitò dai morti il terzo giorno Perché Gesù discende agli inferi? – Gesù discende nel regno dei morti per riaprire definitivamente la strada verso la comunione con Dio. – Per eliminare per sempre il peccato dalla vita degli uomini: per separare il peccato dal peccatore.

81 – Chi c’è all’inferno? Sicuramente il demonio La Chiesa proclama i santi ma non proclama i dannati Il giudizio spetta a Cristo, che “verrà a giudicare i vivi e i morti” – Questo vuol dire che siamo chiamati, fino alla fine della storia, a pregare e a lavorare perché tutti si salvino (1Tim 4,10) – Qui sorge il mistero della comunione del santi Ogni fedele, in unione con gli altri, può venire incontro al bisogno spirituale dell’altro mediante l’offerta della propria vita Un esempio: Santo Stefano (protomartire) e san Paolo Questo è possibile anche nella preghiera per i defunti.

82 E’ risuscitato il terzo giorno Qual è l’importanza della risurrezione della carne  Gesù Cristo risorge con il suo vero corpo, tanto è vero che porta impressi ancora i segni della Passione  Questo vuol dire che la morte è stata definitivamente sconfitta e che la morte è stata trasfigurata nel suo significato: da «fine» a nuovo inizio  L’uomo è destinato alla risurrezione: l’importanza e la dignità del corpo

83 È salito al cielo e siede alla destra del Padre L’umanità di Cristo siede alla destra del Padre Il “cielo”: profondità e origine di tutte le cose Gesù Cristo è Signore anche come uomo ed apre a noi la possibilità di partecipare alla sua Signoria

84 Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa Cattolica  L’azione dello Spirito Santo: santificazione -Nella creazione: lo Spirito aleggia sulle acque -Nella storia della salvezza: “ha parlato per mezzo dei profeti” -Lo Spirito Santo nella Chiesa come l’anima nel corpo -Gesù risorto dà lo Spirito ai discepoli -La Pentecoste: lo Spirito discende su Maria e gli apostoli

85 La Chiesa è:  Il corpo di Cristo (1Cor 12)  La sua sposa (Ef 5)  Il popolo di Dio (1Pt 2,9-10) La Chiesa è (le note della Chiesa):  una: un corpo; “la Chiesa che è in…”; in ogni Chiesa locale, in comunione con le altre, cum Petro et sub Petro, vive la Chiesa tutta.  santa: dal battesimo; cf. LG cap. V.  cattolica: “universale” (spazio)  apostolica: “successione” attraverso i secoli (tempo).

86 LA VITA ETERNA La vita eterna è la partecipazione piena alla vita divina in comunione tra noi e con il Signore La vita eterna è gioia eterna ed eterno amore. Ma questo è propriamente il desiderio che ogni uomo ha in sé, nel proprio cuore. Dunque nel paradiso si compie il desiderio dell’uomo di essere amato e di amare e di vivere nella felicità per sempre: Dio tutto in tutti (1Cor 15,28).

87 “Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto fin quando non riposa in Te” (s. Agostino)


Scaricare ppt "INTRODUZIONE AL CRISTIANESIMO Istituto Francescano di Spiritualità Anno accademico 2011-2012."

Presentazioni simili


Annunci Google