La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dicembre 2006 CENTRO DI SUPERVISIONE E CONTROLLO C System S.r.l. Via Ivrea, 42 10019 STRAMBINO (TO) Italy Tel. (039) (0125) 637167 – Fax (039) (0125) 637101.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dicembre 2006 CENTRO DI SUPERVISIONE E CONTROLLO C System S.r.l. Via Ivrea, 42 10019 STRAMBINO (TO) Italy Tel. (039) (0125) 637167 – Fax (039) (0125) 637101."— Transcript della presentazione:

1 Dicembre 2006 CENTRO DI SUPERVISIONE E CONTROLLO C System S.r.l. Via Ivrea, STRAMBINO (TO) Italy Tel. (039) (0125) – Fax (039) (0125)

2 Supervisione e Controllo Integrato di Sistemi: Anti-intrusione Anti-incendio Controllo accessi Video-sorveglianza Controlli tecnologici …(evoluzioni future)… Soluzioni di sicurezza OBIETTIVI

3 Configurazione dell’impianto Manuale e con autoapprendimento. Supervisione Mappe, icone, alberi, tabelle, immagini live, misure tecnologiche (tensione, corrente, …), MACRO, … Segnalazione criticità Eventi di interesse: allarmi, guasti, … Storico Memoria eventi, dati e immagini telecamere. Controllo Attivazione-disattivazione aree, tacitazione allarmi esclusione sensori, attivazione MACRO, …. FUNZIONALITA’ Soluzioni di sicurezza

4 Scalabilità e modularità Dalla centralina isolata al piccolo ufficio, dal centro commerciale all’aeroporto. Estendibilità Integrazione di hardware nuovo e/o preesistente. Connettività LAN, Internet, Wireless, PSTN. Multiutenza e riservatezza Multilingua, autenticazione, criptazione, privilegi. CONFIGURABILITA’ Soluzioni di sicurezza

5 Client (CL) Interfaccia utente: permette di visualizzare, configurare e comandare uno o più impianti. Ha un player a 16 riquadri per filmati live, prepostallarme e da storage. DataLogger (DL) Permette all’impianto di raggiungere i vari tipi di hardware. Command Server/DataBase (CS/DB) Costituisce l’impianto. Riceve i dati da e invia i comandi ad uno o più DataLogger. Autentica e serve i Client. Esegue le reazioni automatiche e le azioni schedulate Player (PL) Player a 16 riquadri per ulteriori filmati live e da file. ARCHITETTURA SOFTWARE Soluzioni di sicurezza

6 ARCHITETTURA HARDWARE Soluzioni di sicurezza

7 CENTRO DI CONTROLLO Soluzioni di sicurezza

8 SOLUZIONI ENTRY LEVEL Soluzioni di sicurezza

9 ACCESSO AL SISTEMA / SICUREZZA Memorizzazione (storico) Eventi Assegnazione Privilegi Per ogni modalità operativa (Connessione/Mappe grafiche…) Visualizzazione Inserimento Cancellazione Modifica Invio comandi Autenticazione Login Password Soluzioni di sicurezza

10 MAPPE GRAFICHE Sfondo (si importa da file:.jpg,.bmp,.gif, …) Icone di rappresentazione oggetti (sensori, …) Forma / colore dell’icona rappresenta lo stato dell’oggetto (inserito, allarme, guasto, scolle- gato, …) Icone di navigazione (numero di livelli illimitato) Descrizione immediata dell’oggetto puntato dal mouse Attivazione comandi (tasto destro del mouse quando è sull’icona dell’oggetto su cui effettuare il comando Attivazione/Disattivazione Area Esclusione sensori Attivazione uscite Interazione con sistema TVCC … … Soluzioni di sicurezza

11 CONFIGURAZIONE MAPPE Un editor icone, integrato nel sistema, consente di: Associare ad ogni tipo di oggetto (sensori, ingressi, uscite, …) i file grafici (.ico, jpg, …) che lo rappresentano (oltre alle icone a corredo con il sistema l’utente può liberamente aggiungerne altre). Definire per i diversi stati (riposo, allarme, inserito, guasto, …) che possono assumere gli oggetti una rappresentazione (disegno) adeguata. Un editor di mappe grafiche, anch’esso integrato nel sistema, consente di: Costruire l’albero della rappresentazione grafica inserendo tante “mappe” quante necessarie per la rappresentazione dell’impianto. Per ciascuna mappa importare il file di sfondo (.jpg,.bmp,.gif, …). Selezionare per i vari tipi di oggetto (sensori, aree, ingressi, uscite, telecamere, …) una icona che li rappresenta. Inserire nella posizione desiderata della mappa le icone che rappresentano gli oggetti ed eseguire le associazioni icone  oggetti. Spostare le icone, con regolazione accurata (pixel by pixel), nella posizione desiderata. Soluzioni di sicurezza

12 CONFIGURAZIONE IMPIANTO Inserire i sottosistemi che formano l’impianto Moduli di acquisizione dati (data logger) Centrali di allarme Periferiche / Ingressi / Uscite / … Centrali Antincendio Loop / Sensori / Moduli Videoregistratori (Codec MPEG4) Centraline di Varco (Controllo accessi) Testa di lettura / organi di In-Out Programmare i parametri di funzionamento; per un videoregistratore per es: Formato (D1, CIF, QCIF, SIF, …) Indirizzo 485 Dome Frame Rate Video loss / Oscuramento Qualità dell’immagine Bit Rate … La configurazione fisica dell’impianto consente di: Soluzioni di sicurezza

13 CONFIGURAZIONE IMPIANTO (continua) Inserire raggruppamenti logici per una più semplice gestione degli impianti. Per esempio una organizzazione multinazio- nale, con sedi distribuite nel territorio, po- trebbe essere gestita con una struttura logi- ca ad albero con suddivisioni: Nazionali Regionali Provinciali Distrettuali Locali … La configurazione logica dell’impianto consente di: Soluzioni di sicurezza

14 VIDEOREGISTRAZIONE LIVE Gestione immagini live Il software di centralizzazione integra diret- tamente funzioni di controllo immagini tra cui: Scelta del formato di visualizzazione. Full screen / 4 / 6 / 8 / 9 / 16 immagini. Drag & drop telecamera direttamente sull’a- rea di visualizzazione desiderata. Attivazione automatica programmabile della visualizzazione delle immagini provenienti dalla scena di allarme. Visualizzazione ciclica pre/post-allarme. Gestione diretta di monitor di visualizzazione di grande formato (Players) collegati alla rete Lan. Controllo PTZ / preset / percorsi / iris / fuoco. Controllo diretto della qualità dell’immagine. Attivazione della registrazione su comando (coerentemente con i privilegi dell’operatore) Visualizzazione stato: Live/Rec/Play. Titolazione (attivabile/disattivabile). … Soluzioni di sicurezza

15 VIDEOREGISTRAZIONE PLAY Visualizzazione immagini registrate La registrazione può essere implementata su seguenti supporti: HD del Codec MPEG4/ del server/ del Client HD di un qualsiasi altro computer che svolge funzioni di sistema (Player, Data logger) Funzioni disponibili: Play sincrono di fino a 4 telecamere Fermo immagine / avanti-indietro veloce Stop / Start registrazioni singola telecamera Stop / Start multi telecamera Barra temporale cromatica per segnalare il tipo di registrazione Automatica / Allarme / Motion / Oper. Selezione automatica registrazione da evento con immagini (vedi oltre) Zoom temporale Selezione sorgente immagine HD, IP addr, File … Soluzioni di sicurezza

16 INTEGRAZIONE MAPPE GRAFICHE / IMMAGINI Soluzioni di sicurezza

17 GESTIONE ALLARME Cosa succede in caso di allarme Automaticamente (se attivata questa opzione) viene presentata la mappa contenente l’oggetto da cui proviene l’allarme (es. un sensore intrusione). L’icona che rappresenta l’oggetto lampeggia, per richiamare l’attenzione dell’operatore. Se programmato, un file audio viene mandato in esecuzione. Nella lista eventi (in basso) viene visualizzato il nuovo evento (compatibilmente con il livello di priorità dell’evento rispetto ad altri eventi ancora nella coda di quelli da accet-tare). Viene attivata la “MACRO” associata all’evento, che potrebbe per esempio: Attivare una o più uscite (per illuminare la scena di allarme e/o emettere un segnale acustico e/o inviare un messaggio audio). Inviare comandi di preset verso una o più telecamere dome. Attivare la registrazione laddove richiesto (sull’HD del Codec MPEG4, e/o del Server, e/o del Client, …) Richiedere l’invio sulla rete delle immagini live delle telecamere che riprendono la scena di allarme (o in alternativa del buffer di pre/post allarme). Inviare al (ai) player il comando di selezione del formato di visualizzazione previsto in caso di allarme (schermo pieno/quad/…) seguito dal comando di visualizzare il flusso dati provenienti dalle telecamere interessate. … Soluzioni di sicurezza

18 EVENTI Lista eventi completa Tutto viene memorizzato Una colorazione diversifica gli eventi già accettati dagli altri Per agevolare l’analisi eventi è previsto un meccanismo di filtro molto efficace … Filtro per Oggetto (sensore, periferica,...) Operatore / Azione Data/ora Tipo di evento (allarme, guasto …) Da confermare / confermato … Soluzioni di sicurezza

19 Codec MPEG4 ARCHITETTURA Soluzioni di sicurezza

20 Tecnologia DSP (Digital Signal Processing) TMS MHz Memoria: RAM 256 Kbyte, Flash 2 Mbyte Compressione video MPEG4 Risoluzioni: D1 (720 x 576) 4CIF (704 x 576) HD1 Progressive (720 x 288) HD1 Interlaced (352 x 576) 2 CIF (704 x 288) CIF (352 x 288) SIF (384 x 288) QCIF (176 x 144) Frame rate: 25 FPS (con risoluzione D1) 100 FPS (con risoluzione CIF) Videoregistrazione su Hard Disk integrato nell’unità Videoregistrazione pre/post allarme su memoria o su Disco Codec MPEG4 CARATTERISTICHE (1) Velocità (frame rate) e risoluzione di registrazione programmabile e differenziata tra condizione di registrazione continua e registrazione in condizione di allarme Soluzioni di sicurezza

21 Attivazione della registrazione su Input-Alarm, Motion-Alarm, da programmatore orario (con calendario annuale) o su comando da rete (dal centro di controllo) Invio automatico (selezionabile) delle segnalazioni di allarme con immagini associate verso il centro di controllo (con chiamata del centro di controllo in caso di collegamento tramite rete telefonica (ISDN, PSTN). Possibilità di attivare la registrazione video di una o più telecamere (anche tutte) in caso di allarme. Possibilità di definire l’occupazione di banda sulla rete LAN Multicast streaming verso più dispositivi di visualizzazione (client o players o server). Activity detection con 8 zone sensibili programmabili indipendentemente in termini di dimensione, sensibilità e soglia di intervento (Motion Alarm) Registrazione del segnale audio (rilevato all’ingresso microfono) con le stesse modalità della registrazione delle immagini video. Generazione contrassegno autenticità (watermark) antimanipolazione immagini registrate. Gestione brandeggio delle telecamere in automatico (su Input Alarm o su Motion-Alarm) Mascheratura immagine per privacy Codec MPEG4 CARATTERISTICHE (2) Soluzioni di sicurezza

22 Quattro ingressi video CCIR (di cui uno disponibile anche con connessione SVIDEO) Una uscita video CCIR/SVIDEO (per monitor locale) Un ingresso audio (anche utilizzabile per rilevare audio-alarm) Una uscita audio (per es per collegare casse preamplificate) Compressione audio ADPCM 24 Kbps Quattro ingressi di allarme Un ingresso di antisabotaggio Un ingresso chiave (inserimento/disinserimento da dispositivo locale) Quattro uscite open drain (associabili a condizioni di allarme o controllate da remoto) Due uscite a relè (C, NC, NO) (associabili a condizioni di allarme o controllate da remoto) Interfaccia di rete Ethernet IEEE /100 Mbit (RJ45); protocolli TCP/IP, UDP, RTSP/RTP Codec MPEG4 CARATTERISTICHE (3) Soluzioni di sicurezza

23 Porte seriali RS232 per collegamento modem verso rete telefonica (ISDN, PSTN, …) RS485 A per collegamento speed dome RS422 RS485 B per ulteriori dispositivi esterni Interfaccia USB Host per salvataggio immagini su dispositivi di memoria esterni. WatchDog hardware per controllo funzionamento Log eventi. Disco fisso 80 Gb (Opz.) Motion Detector integrato (Opz.) Codec MPEG4 CARATTERISTICHE (4) Soluzioni di sicurezza


Scaricare ppt "Dicembre 2006 CENTRO DI SUPERVISIONE E CONTROLLO C System S.r.l. Via Ivrea, 42 10019 STRAMBINO (TO) Italy Tel. (039) (0125) 637167 – Fax (039) (0125) 637101."

Presentazioni simili


Annunci Google