La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Agricoltura e nutrizione: Metodo ed esperienza di AVSI Marzo 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Agricoltura e nutrizione: Metodo ed esperienza di AVSI Marzo 2014."— Transcript della presentazione:

1 Agricoltura e nutrizione: Metodo ed esperienza di AVSI Marzo 2014

2 Agenda Agricoltura e nutrizione nell’agenda internazionale Le esperienze di AVSI Il metodo Le sfide e le criticità

3 Agricoltura e nutrizione nell’agenda internazionale – parole chiave 1/2 Food e nutrition security bambini / giorno muoiono x cause legate alla fame Denutrizione versus “stunting” L’impatto ambientale: per nutrire 9 miliardi di persone l’agricoltura as usual è insostenibile – climate change Necessario il 60% in più di terre coltivate per il 2050 Su 4.4 mld di coltivabili 1.6 mld ettari coltivati 805 ML persone soffrono la fame – qualità nutrizione 1/4 - 1/3 lost and waste 165 ML di bambini sotto i 5 anni (26%) Agriculture=14% greenhouse emissions

4 Agricoltura e nutrizione nell’agenda internazionale – parole chiave 2/2 Acqua e Energia Family farming 500 ml famiglie produttrici dell’80% cibo nei PVS Appezzamenti micro - Uganda: 70% <2ha Land grabbing Land tenure Nel 2035, +35% consumo energia=+85% acqua Stima 80 ml ettari acquisiti (2011)

5 Agricoltura e nutrizione nell’agenda internazionale – appuntamenti Agenda post 2015 Seconda conferenza internazionale FAO-WHO (novembre) Expo EU: Food security implementation plan EU: Nutrition action plan SUN movement Zero Hunger

6 Le dimensioni della food security (FAO) Food Availability: Average dietary energy supply adequacy Average value of food production Share of dietary energy supply derived from cereals, roots and tubers Average protein supply Average supply of protein of animal origin Economic and physical access to food: Road/rail density Domestic food price index Food utilization and stability: Vulnerability: Cereal import dependency ratio; Percentage of arable land equipped for irrigation; Value of food imports over total merchandise exports; Shocks: Political stability and absence of violence/terrorism; Domestic food price volatility; Per capita food production variability; Per capita food supply variability; Agricoltura e nutrizione - scenario

7 I numeri della denutrizione Fonte: The State of Food Insecurity in the World (2013)-FAO Economic and Social Development Department

8 PVS: risultati rispetto agli obiettivi MDG, WFS ( ). OBIETTIVI World Food Summit (WFS): World Food Summit (WFS): riduzione del numero complessivo di persone denutrite. (Obiettivo più ambizioso poiché i tassi di crescita della popolazione sono solitamente alti nelle regioni caratterizzate da denutrizione). Millennium Development Goal (MDG): Millennium Development Goal (MDG): riduzione della proporzione di persone denutrite sul totale della popolazione. Fonte:

9 Obiettivi MDG, WFS per regione

10

11

12

13 Qualità dell’alimentazione: tendenze in atto Segni di miglioramento: Nel periodo vi è una diminuzione della quota di fabbisogno energetico giornaliero (kcal/pro- capite/giorno) derivante da cereali, radici e tuberi. Nello stesso periodo è aumentato l’approvvigionamento proteico medio (gr/pro-capite/giorno) Fonte: FAOSTAT

14 Stunting e individui sottopeso (bambini fino a cinque anni) Tendenza a diminuire dei valori di stunting e underweight. Livelli ancora troppo elevati secondo la World Health Organisation. Fanalino di coda: Africa Orientale, Sahel, Asia Meridionale.

15 In base alle previsioni della FAO, entro il 2050, per far fronte all’aumento della popolazione mondiale, sarà necessario aumentare la produzione agricola mondiale del 60% circa. Produzione agricola mondiale: 2050 Fonte: World agriculture towards 2030/2050, FAO Agricultural Development Economics Division Popolazione, calorie pro-capite e produzione agricola

16 In particolare, la produzione agricola in Asia Meridionale dovrà aumentare circa del doppio (periodo: ) e quasi del triplo nell’ Africa sub-Sahariana. Fonte: World agriculture towards 2030/2050, FAO Agricultural Development Economics Division

17 Superficie agricola mondiale A livello mondiale la quantità di terra adatta per i raccolti è di circa 4.4 miliardi di ettari, a fronte di 1.6 miliardi di ettari attualmente coltivati; vi è dunque una vasta porzione di terra potenzialmente coltivabile. Fonte: The state of the world’s land and water resources for food and agriculture, 2012.

18 Sustainable land and water management These challenges will not be met unless. (From : THE STATE OF THE WORLD’S LAND AND WATER RESOURCES FOR FOOD AND AGRICULTURE) Existing agricultural practices can be transformed to reduce pressure on land and water systems. Negative impacts of intensive production systems are reduced markedly, and increased food production is aligned with poverty alleviation, food and livelihood security diversification and the maintenance of ecosystem services. Negative impacts of smallholder agriculture associated with high population density, widespread poverty, and lack of secured access to land and water resources, are reduced. Agricultural systems at risk are addressed as a priority and progress in redressing risks is monitored. Sustainable intensification can be implemented through integrated planning and management approaches that can be scaled up from local levels to address systems at risk and mainstream climate change mitigation and adaptation simultaneously.

19 Broad adoption of participatory and pluralistic approaches to land and water management, with growing devolution and local accountability. Increasing investment for improvement of essential public good infrastructure related to the whole market chain from production to consumer. Appraisal of ecosystem services, including land and water audits, developed to frame planning and investment decisions. A review of the mandates and activities of existing global and regional organizations for land and water, with a view to promote collaboration, if not integration. Cooperative frameworks and basin-wide management institutions that can work together to optimize economic value and ensure equitable benefit sharing in international river basins. A dedicated fund to support sustainable land and water management by smallholders. Incentive programmes such as PES for watershed management and clean water, biodiversity and sustainable production schemes could then promote adoption of sustainable land and water management practices, capturing carbon and reducing negative environmental impacts. Principles and practices for sustainable land and water management

20 THE INTERNATIONAL YEAR OF FAMILY FARMING The 2014 International Year of Family Farming (IYFF) aims to raise the profile of family farming and smallholder farming by focusing world attention on its significant role in eradicating hunger and poverty, providing food security and nutrition, improving livelihoods, managing natural resources, protecting the environment, and achieving sustainable development, in particular in rural areas.

21 FOUR KEY OBJECTIVES OF THE INTERNATIONAL YEAR enabling environment 1. Support the development of policies conducive to sustainable family farming encouraging governments to establish enabling environment (conducive policies, adequate legislation, participatory planning for a policy dialogue, investments) for development of family farming. 2. Increase knowledge, communication and public awareness 3. Attain better understanding of family farming needs, potential and constraints and ensure technical support.  technical support  technical support for capacity development action including policies. non-agricultural actors  Reach out to non-agricultural actors (financial institutions, development banks, decision-makers etc.) to increase their awareness and knowledge on the potential of family and smallholder agriculture in sustainable development.  Encourage actions at global, regional, national and community levels.  Monitor how family farms and policies related to family and smallholder farming evolve. along international processes 4. Create synergies for sustainability Promote the IYFF vision along international processes and committees. reflected in the international agenda Ensure that longer-term actions related to FF are reflected in the international agenda (Post 2015 Framework).

22

23 Metodo La nutrizione è anzitutto una relazione affettiva che introduce una dinamica relazionale e comunitaria Come mai in luoghi potenzialmente ricchi di cibo ci sono bambini denutriti? Nutrition sensitive approach (The Lancet) L’importanza dell’affettività e della relazione madre-figlio 1) focus sui primi 1000 giorni 2) allattamento al seno esclusivo fino a 6 mesi 3) la criticità dello svezzamento: produrre localmente baby food rinforzato Community based approach Produzione locale, approccio di filiera Cooperativismo e soggettività “dal basso” La ricerca e lo sviluppo

24 Alimentazione, agricoltura, ambiente, comunità: tipologie di interventi Anello 1: bisogno alimentare di base Anello 2: produzione famigliare (orti…) Anello 3: trasformazione e stockaggio Anello 4: “scuole di agricoltura” Anello 5: filiere: accesso al mercato (meccanizzazione, cooperative…) Anello 6: sviluppo rurale 6

25 Disorganized everyday life Poor nutritional practices Prostate and isolated mothers Low level of education Precarious living conditions Delay in child development precess Domestic violence, alcoholism Low income, unemployment Partial child abandonment Income generating activities Active presence in community activities Practical mother training Health assistance Involving relatives, neighbours and friends in child protection Meeting to discuss emerging topics Assistance entering school system: training, literacy Offering significant relationships Accessing health,social education Support of mother- child relationship Child & Family Approccio olistico

26 Social and community security Increasing income Processing and preservatio n methods Land property Family stability Knowledge and technology consolidation Attention to personal and cross- generation relationship s Soil and enviroment care Food security mediation Tutoring about land productivity Poor eating habits Unguaranted land property Processing and preservation methods Land and biodiversity impoverishment Insufficient income Unsuccessful food processing and preservation Instability and low development of the community Infertile land Difficult water access and management Family & Commu nity Approccio olistico

27 Centri di educazione nutrizionale BurundiBurundi Centro MEO Lino LavaCentro MEO Lino Lava: educazione nutrizionale, cucina dimostrativa, mensa per 400 bambini – dal ‘ Orti famigliari in 5 comuni (FAO) MessicoMessico CrecerCrecer: Educazione nutrizionale, cucina dimostrativa e mensa per 400 bambini BrasileBrasile CRENCREN – Centro di Recupero e Educazione Nutrizionale – San Paolo – dal 1994 con Università Federale Spaolo – Ricerca applicata: l’affettività fattore chiave nella denutrizione urbana Metodo “riprodotto” in peru, messico, altri punti in Brasile MyanmarMyanmar Collegi-OstelliCollegi-Ostelli: orti per dimostrazione e per integrare la dieta dei ragazzi Orti famigliari

28 Centri di educazione nutrizionale RwandaRwanda Centro nutrizionale HumureCentro nutrizionale Humure: cura, prevenzione, educazione nutrizionale; orti dimostrativi, animali domestici; sostegno 6 associazioni, 2 cooperative bambini in 9 anni (da 350 a 40 all’anno) NigeriaNigeria St Kizito ClinicSt Kizito Clinic: centro nutrizionale legato alla clinica. Prevenzione, terapia, follow – up, formazione, educazione nutrizionale. 250 bambini e mamme HaitiHaiti Centri nutrizionaliCentri nutrizionali – screening, follow up, distribuzione cibo rinforzato AlbaniaAlbania Stalla e ortoStalla e orto per 2 centri diurni Sud SudanSud Sudan St Theresa ClinicSt Theresa Clinic: centro nutrizionale legato alla clinica. Prevenzione, terapia, follow – up, formazione, educazione nutrizionale.

29 Farmer field schools e scuole agricole Brasile Scuola Agricola di Manaus Farmer field schoolsFarmer field schools RDC, Rwanda, Burundi, Uganda, Libano, Myanmar, HaitiRDC, Rwanda, Burundi, Uganda, Libano, Myanmar, Haiti Metodologia FAO, che prevede vivai e formazione tencica sul terrenoMetodologia FAO, che prevede vivai e formazione tencica sul terreno

30 Progetti agricoli - Filiere Latte network di più di 300 tra allevatori e agricoltori. Questo network è uno strumento in grado di mettere insieme latte di mucca per un centro raccolta latte che serve la regione con prodotti freschi. HCCP. KosovoKosovo CacaoCriollo Rafforzamento cooperativa di 400 produttori CEPROA. Miglioramento produttività ((da 444 a Kg/ha). Valorizzazione femminile, risparmio (8 gruppi microcredito). Fiere internazionali PeruPeru Riso Cooperativismo, miglioramento produzione MyanmarMyanmar

31 Sicurezza alimentare – emergenza/ post- emergenza Repubblica Democratica del Congo Sud Sudan Miglioramento produzione, Livelihood, Business opportunities Nutrizione WFP, UNICEF Dai progetti di distribuzione a Cash& Voucher Sostegno alle produzioni e partecipazione alle fiere, pagamento con voucher Echo, WFP

32 Alimentazione ed energia: Coocking stoves - MOZAMBICO 1/2 1,5 mld di persone nel mondo non hanno accesso all’energia 3 miliardi di persone cucinano usando legna, carbone o cherosene. 2,7 miliardi usano biomassa vegetale 1.5 milioni di persone (donne e bambini) muoiono ogni anno per fumi indoor (WHO) 1,5 mld di persone nel mondo non hanno accesso all’energia 3 miliardi di persone cucinano usando legna, carbone o cherosene. 2,7 miliardi usano biomassa vegetale 1.5 milioni di persone (donne e bambini) muoiono ogni anno per fumi indoor (WHO) L’ 80% dell’energia utilizzata in Mozambico deriva dall’utilizzo della biomassa; aree rurali: 95% - 98%. Tasso di deforestazione: 0,50 %-anno; perso 10% della sup.forestale (90-10) Spesa mensile per carbone: USD (> 10%) L’ 80% dell’energia utilizzata in Mozambico deriva dall’utilizzo della biomassa; aree rurali: 95% - 98%. Tasso di deforestazione: 0,50 %-anno; perso 10% della sup.forestale (90-10) Spesa mensile per carbone: USD (> 10%)

33 coocking stoves a famiglie, innescando un processo di responsabilizzazione e sviluppo Riduzione fino all’ 80% emissioni CO2 50% di riduzione del consumo di carbone Risparmio fino a 15,00 USD al mese – variabile a secondo delle condizioni e dalle abitudini di ciascuna famiglia. => Investimento nella stufa efficiente ammortizzabile in 2 mesi! Riduzione del tempo per la la cucina Riduzione intossicazioni e incendi domestici; Riduzione della deforestazione Alimentazione ed energia: Coocking stoves - MOZAMBICO 2/2 “Prima spendev o Meticais al giorno per il carbone ed ora solo Mt”

34 Uganda SCORESCORE AgriSkills for You (AS4Y)AgriSkills for You (AS4Y) Northern Uganda Health Integration To Enhance Services (NUHITES)Northern Uganda Health Integration To Enhance Services (NUHITES) ALIVE (Keeping Mothers and Children alive)ALIVE (Keeping Mothers and Children alive) 1. Farmer Field Schools (FFS); 2.Information, Education and Communication (IEC) approach; 3. Integrated Management of Acute Malnutrition (IMAM); 4.Positive Deviance and Hearth; 5.Backyard/Intensive Gardening 6.Prevention of mother to child transmission (PMTCT) approach 7.Value Chain Development (VCD) approach 8.Public Private Partnership (PPP) approach 9.Nutrition Assessment, Counseling and Support (NACS) approach ProgettiMetodologie Ministero Salute, Ministero Agricoltura, Uganda Health Marketing Group, USAID, FAO

35 Sviluppo rurale - Haiti Sviluppo rurale - Haiti Aquaplus Resepag Riforestazione e cambi climatici Acqua per uso domestico Formazione superiore (Unimilano-UNDH) Unità produttiva trasformazione Filiera manioca Baby food/ AK1000 e farine rinforzate Riforestazione Moringa Rotary, EXPO, WFP, Ministero Agricoltura, Incentivi ai produttori per pacchetti tecnici e assistenza tecnica BID Protezione suolo e riforestazione Supporto agricoltori con pacchetti tecnici EU – minisero ambiente 17 aprile presentazione con FEEM

36 Sviluppo rurale - Libano ACQUA: opere infrastrutturali che hanno ridotto del 50% l’uso d’acqua irrigando il 40% in più di terreni. cooperativa Dardara Piano di sviluppo economico e produttivo della Piana di Marjayoun - West Bekaa Gestione pesticidi: IPM (Integrated Pest Management) per le maggiori produzioni in West Bekaa and Marjayoun Scoperta del Phytoplasma: ricerca epidemiologica e assistenza tecnica con Unimilano Ministero Agricoltura Libano, Unimilano, FAO

37 Sfide: è richiesta una evoluzione… Recupero nutrizionale Approccio “nutrition sentitive”: risorse naturali e produttive, tradizioni alimentari, educazione alla maternità, fabbisogno nutrizionale Distribuzione input/sicurezza alimentare basica Approccio filiera: piramide alimentare, tradizione, miglioramento delle produzioni; aggregazione produttori; piccola meccanizzazione; mercato Accesso al mercato Trasformazione Uso energia Produzione da fonti rinnovabili Suolo, risorse naturali Impatti cambi climatici

38 Sfide Natura e genere umano possono entrare in conflitto Come 10 anni fa si pensava che la terra non potesse produrre cibo per tutti, ora tutti concordano che è possibile Attenzione allo spreco e alle perdite di produzione Cambi climatici È l’occasione per proporre una agricoltura non as usual Family farming: valorizzazione del lavoro e della soggettività Valorizzazione delle cura umana per l’ambiente e le risorse naturali Family farming


Scaricare ppt "Agricoltura e nutrizione: Metodo ed esperienza di AVSI Marzo 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google