La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

REPRESENTATION OF NON STANDARD WORKERS: THE ITALIAN CASE Luigi Burroni and Mimmo Carrieri.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "REPRESENTATION OF NON STANDARD WORKERS: THE ITALIAN CASE Luigi Burroni and Mimmo Carrieri."— Transcript della presentazione:

1 REPRESENTATION OF NON STANDARD WORKERS: THE ITALIAN CASE Luigi Burroni and Mimmo Carrieri

2 The focus of this paper is on:  Workers with temporary contracts  ‘permanent ’ Self-employed (with positions formally autonomous but effectively subject to permanent employment conditions ) They can be defined as ‘weak workers’ because they have low dismissal protection, low wages, and low unemployment, pension and other social security entitlements

3 Section I: Flexibility and ‘precarious’ employment in Italy

4 The level of temporary employment in Italy is not higher than in many other EU countries But the social perception is more dramatic because of low level public protection

5 % of temporary workers out of total permanent employees % of temporary workers out of total permanent employees

6 % of temporary workers out of total permanent employees (aged 15-24)

7 Labour protection is not higher than in many other EU countries, but since the beginning of the ‘90s the protection of temporary employees has radically declined therefore increase in flexibility without any benefits

8 Labour protection index out of total employment

9 Labour protection index (temporary employment)

10 Temporary employment is mainly non- voluntary. At the same time, wages, LMP and social guarantees are particularly low for temporary workers. For these reasons we can define temporary workers as ‘weak’ workers and that it is worth analysing them

11 Workers with a wage lower than 1000 euro (%) (2008)

12

13 Section II: ‘ Precarious’ work and trade union strategies

14 Trade unions have tried to represent the interests of atypical workers with four strategies:  Organisational change  Collective bargaining  Social trilateral negotiation (local and national level)  Information and individual services Trade union strategies

15 We will focus on two cases. 1. Organisational change and the rise of new actors 2. Social trilateral negotiation in 2007 and 2012 and the 2007 trilateral pact plus the role of unions in influencing the drawing up of some specific laws aimed at offering guarantees to atypical workers The case studies

16  NASCITA DELLE STRUTTURE SPECIALIZZATE NELL’AGGREGAZIONE DEI LAVORATORI TEMPORANEI (COSTITUITE DALLE TRE CONFEDERAZIONI  ESSE OFFRONO:  SERVIZI E ORIENTAMENTO  POSSIBILI PROTEZIONI CONTRATTUALI  RICHIESTE DI DIRITTI PER VIA LEGISLATIVA

17  IN PARTICOLARE E’ CONTESO LO SPAZIO NEGOZIALE SUL QUALE INTERVENGONO – CON EFFETTI MODESTI – ANCHE LE CATEGORIE ‘VERTICALI’ TRADIZIONALI

18 Unions membership in 2010 membersAll members NIDIL-CGIL53,304CGIL5,748,269 FELSA-CISL47,653CISL4,542,354 22,195UIL2,184,911

19  GLI ISCRITTI SONO POCHI E PIU’ LEGATI A SCELTE IDENTITARIE  LE ESPERIENZE CONTRATTUALI CONDOTTE (IMPORTANTE IL CASO DELLE AGENZIE DI LAVORO TEMPORANEO) PER QUANTO POSITIVI NON AIUTANO LA MEMBERSHIP E NON SEGNALANO INDICATORI DI SUCCESSO  UNICO EFFETTO : SCORAGGIAMENTO DI ALTRI ATTORI DI RAPPRESENTANZA TRASVERSALE

20  ATTENGONO  ALLE ASPETTATIVE E RICHIESTE DEI LAVORATORI INSTABILI CHE DIVERGONO IN PARTE DA QUELLI STANDARD  ALLA SCARSA ACCOGLIENZA E APERTURA DA PARTE DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI (NONOSTANTE I RICHIAMI RETORICI ALL’IMPORTANZA DEL PROBLEMA

21  NON SOLO TUTELE COLLETTIVE MA ANCHE SPAZI INDIVIDUALI ( CHE LA CONTRATTAZIONE DOVREBBE GARANTIRE)  MAGGIORE AUTOREGOLAZIONE DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO  FORTE RICHIESTA DI MAGGIORI DIRITTI E AIUTO ALLA STABILITA’ CHE HA AL CENTRO UNA RIMODULAZIONE DEL WELFARE PUBBLICO

22 * Average value on a scale from 1 to 10 Source Ires, Survey Satisfaction reasons ranking

23  Some protection through collective bargaining ( wages, working conditions etc.)  More individual rights ( such as less hierarchy or female empowerment)  New rules for temporay workers (rights and social policies, stronger dismissal protection, financial incentives to promote job security )

24 Employment /job satisfaction Permanent workers have high level of satisfaction (87,7%) Fixed-term workers have high level of dissatisfaction (59,7%) permanent employment Temporary employment

25  LE NUOVE DOMANDE NON SONO FACILMENTE RAPPRESENTABILI NEL PERIMETRO DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA TRADIZIONALE  L’INSTABILITA’ ESERCITA UN EFFETTO DI SCORAGGIAMENTO VERSO LA PROPENSIONE ASSOCIATIVA

26  LA PROTEZIONE DEI NON STANDARD STENTA AD ESSERE UNA PRIORITA’ DELL’AZIONE SINDACALE ( MAGGIORE IMPORTANZA E’ DATA ALLA TUTELA DEI LAVORATORI PROSSIMI ALLA PENSIONE)  LA STRATEGIA E L’AGENDA NON SONO RIDEFINITE IN FUNZIONE DI QUESTE FIGURE E

27  RIGUARDA ANCHE IL FUNZIONAMENTO INTERNO  PERCEPITO COME TROPPO DISTANTE E BUROCRATICO (ANCHE NEL LINGUAGGIO)  INOLTRE SONO POCHI I QUADRI E DIRIGENTI GIOVANI CHE HANNO UN RETROTERRA NELL’INSTABILITA’ OCCUPAZIONALE

28 What should the Unions focus on (by geographic area)? Source: Ires, survey 2005.

29 Union confederations participate in social trilateral negotiation to influence legislation and policy making. However, the pensions reforms have monopolise welfare restructuring in Italy and few efforts have been made to promote forms of security specifically addressed to flexible workers. 2. Social trilateral negotiation

30 NEL 2007 L’ACCORDO DI CONCERTAZIONE SUL WELFARE (GOVERNO PRODI 2) INSERISCE ALCUNE MISURE DI SOSTEGNO AI LAVORATORI NON STANDARD MA : SI TRATTA DI MISURE MINIME PIUTTOSTO CHE BASICHE SUBITO MESSE IN DISCUSSIONE DAL RITORNO IN OFFICE DELLA DESTRA (2008) 2. IL RUOLO DELLE TRATTATIVE TRIANGOLARI

31 HA MIRATO AD INTRODURRE UN SISTEMA ISPIRATO ALLA FLEXICURITY SCANDINAVA

32  A LIVELLO EUROPEO RAFFREDDAMENTO VERSO LA BONTA’ DEL MODELLO (MEARDI) DOVUTA ANCHE ALLE MINORI PERFORMANCE NELLA REALTA’ DANESE  SIAMO SICURI CHE SIA ACCETTABILE L’IMPOSTAZIONE CHE ATTRIBUISCE ALLA SICUREZZA SOLO IL RUOLO DI VARIABILE DIPENDENTE?

33  SUL VERSANTE SINDACALE  ANCORA INADEGUATEZZA DELL’IMPEGNO VERSO L’INCLUSIONE DEI LAVORATORI NON STANDARD  NON E’ CONVINCENTE L’IDEA CHE I DIRITTI DI QUESTI SI POSSANO AGGIUNGERE MECCANICAMENTE A QUELLI DEGLI ALTRI

34  LA PREFERENZA LIBERISTA PER DECISIONI PER DECRETO O BASATE SUL MERCATO INVECE CHE SULLA CONCERTAZIONE  NONOSTANTE I SUCCESSI DEL PASSATO (1993) QUESTO PREGIUDIZIO ANTICONCERTAZIONE HA RISCOSSO MOLTO SOSTEGNO INTELLETTUALE E MEDIATICO  ESSO RISULTA POCO FONDATO SUL PIANO TEORICO ED EMPIRICO

35  NON SONO STATE ADEMPIUTE LE PROMESSE DI UN PROCESSO DECISIONALE PIU’ RAPIDO ED EFFICACE  LA RINUNCIA AD UN TESTO D’ACCORDO INVECE DI RIDURRE I COSTI DI TRANSAZIONE LI HA AUMENTATI PERCHE’ TUTTI GLI ATTORI SONO STATI INCORAGGIATI A SMARCARSI E DIFFERENZIARSI  I TEMPI DELLA DECISIONE SONO DIVENUTI PIU’ LUNGHI E PIU’ OPACA LA MODALITA’  social partners will have more power to influence political arena

36  NONOSTANTE LE PROCLAMAZIONI INIZIALI GLI ESITI APPAIONO INCERTI SUI PUNTI NODALI  RIDUZIONE DEI CONTRATTI ATIPICI E ACCESSO PIU’ RAPIDO ALLA STABILITA’  PROTEZIONI IN CASO DI LICENZIAMENTI PIU’ GENERALIZZATE  IN REALTA’ CARENZA DI OPPORTUNITA’ DI LAVORO PER GIOVANI QUALIFICATI IN MANCANZA DI UN PIANO DI JOB CREATION

37  OCCASIONE PER CONTRASTARE LA RIDUZIONE DEGLI SPAZI DI CONTRATTAZIONE COLLETTIVA (CHE SI MANIFESTA IN TUTTA EUROPA)  A PATTO CHE VI SIA LA CAPACITA’ DEGLI ATTORI DI INCORPORARE ANCHE LE DOMANDE E I DIRITTI INDIVIDUALI  LEGGERE LA RAPPRESENTANZA DEI NON STANDARD COME SINCRONIA CON I MUTAMENTI MORFOLOGICI DEL LAVORO

38  SOSTITUZIONE DI NUOVI SOGGETTI COLLETTIVI AI SINDACATI TRADIZIONALI  COME EFFETTO DELL’AFFERMAZIONE DI UN NUOVO PROLETARIATO  NELL’IMMEDIATO NON APPARE PLAUSIBILE ANCHE SE INTUISCE LA CRESCITA DI UNA NUOVA ‘CLASSE’ DI ESCLUSI (INTELLETTUALI)

39  RIVITALIZZAZIONE DEI SINDACATI TRADIZIONALI CH RIESCONO A SOMMARE LAVORATORI STANDARD E NON STANDARD  NON APPARE PLAUSIBILE PERCHE’ L’ESTENSIONE COMPORTA UNA RIDEFINIZIONE DELLE STRATEGIE SINDACALI

40  CRESCITA DI UN SOGGETTO SINDACALE ALMENO IN PARTE NON FORDISTA E ALMENO IN PARTE COSTRUITO SU NUOVI NETWORK ORIZZONTALI  NELL’IMMEDIATO NON APPARE CONSISTENTE ANCHE SE SI MANIFESTANO DELLE SPINTE IN QUESTA DIREZIONE


Scaricare ppt "REPRESENTATION OF NON STANDARD WORKERS: THE ITALIAN CASE Luigi Burroni and Mimmo Carrieri."

Presentazioni simili


Annunci Google