La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

(33) ADOLESCENTI MINORI E GIOVANI ADULTI DEL GRUPPO DI CHIRURGIA DELL’OBESITA’ DI VERONA (G.I.C.O.V.) -CARATTERISTICHE E PROBLEMATICHE- Nadalini, M. Zanoni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "(33) ADOLESCENTI MINORI E GIOVANI ADULTI DEL GRUPPO DI CHIRURGIA DELL’OBESITA’ DI VERONA (G.I.C.O.V.) -CARATTERISTICHE E PROBLEMATICHE- Nadalini, M. Zanoni."— Transcript della presentazione:

1 (33) ADOLESCENTI MINORI E GIOVANI ADULTI DEL GRUPPO DI CHIRURGIA DELL’OBESITA’ DI VERONA (G.I.C.O.V.) -CARATTERISTICHE E PROBLEMATICHE- Nadalini, M. Zanoni L. Nadalini, M. Zanoni, M.G. Zenti, M. Battistoni, M. Genna, E. Bonora (Verona) 27 APRILE 2013 : COMUNICAZIONI

2 Aumento di obesità, diabete, ipertensione in età evolutiva con aumentato rischio metabolico e cardiovascolare, causati dall’eccesso di grasso viscerale e obesità*Aumento di obesità, diabete, ipertensione in età evolutiva con aumentato rischio metabolico e cardiovascolare, causati dall’eccesso di grasso viscerale e obesità* * L.J Lloyd et al, Pediatrica review. Childhood obesity and risk of the adulto metabolic syndrome: a sistematic review, International Journal of obesity, 2012, 36, 1-11

3 Lo sviluppo psicologico ed emotivo non si struttura in modo definitivo con l’avvenuta maturazione biologica* **Lo sviluppo psicologico ed emotivo non si struttura in modo definitivo con l’avvenuta maturazione biologica* ** *P.Blos, trad. ital. L’adolescenza, un’interpretazione psicoanalitica, 1985 **G.P.Charmet, Culture affettive in adolescenza, 1991

4 Diventare un adulto organizzato è l’esito di un processo evolutivo che va ben oltre la maturazione sessuale e la crescita definitiva del corpo*Diventare un adulto organizzato è l’esito di un processo evolutivo che va ben oltre la maturazione sessuale e la crescita definitiva del corpo* Possono essere considerati adolescenti anche giovani >18 anni perché sono le caratteristiche a definire il periodo e non l’età**Possono essere considerati adolescenti anche giovani >18 anni perché sono le caratteristiche a definire il periodo e non l’età** *D.Winnicott, trad. Ital, sviluppo affettivo e ambiente, 1970 **M.Recalcati, Cosa resta del padre, Cortina, 2011

5 obiettivo Rilevare i dati anagrafici e clinici di due anni (2011 e 2012) compresi gli aspetti psicologiciRilevare i dati anagrafici e clinici di due anni (2011 e 2012) compresi gli aspetti psicologici Relativamente agli adolescenti minori e giovani adulti candidati alla chirurgia bariatricaRelativamente agli adolescenti minori e giovani adulti candidati alla chirurgia bariatrica <18 fino a 25 anni (adolescenza si protrae; obesi ritardano la soluzione del processo di autonomia-individuazione, ecc…)<18 fino a 25 anni (adolescenza si protrae; obesi ritardano la soluzione del processo di autonomia-individuazione, ecc…) numerosità dei campioni, BMI e comorbidità, esordio, familiarità (per diabete, I.A., artropatia)numerosità dei campioni, BMI e comorbidità, esordio, familiarità (per diabete, I.A., artropatia)

6 ESORDIO OBESITA’ infanzia 78 adolescenza 27 COMORBIDITA' diabete 02 ipertensione 01 iperinsulin 11 artropatia 12 FAMILIARITA' obesità 78 diabete 67 IA 18 0 in 1 paz in 2 paz 2012 obesità-IA obesità-IA 1 6 CONFRONTO ANNO ADOLESCENTI MINORI FINO A 25 ANNI 2011 n.= 10 (112) 9% 15* (105) 2012 n. = 15* (105) 14% 14% Età media 22 (± 2.5 ) Età media 22 (± 2.2 ) Disoccupato = 3 Studente= 3 Disoccupato =8 Studente = 3 60% dipendenza famiglia 73% dipendenza famiglia BMI: media 46 ( ±10.5) BMI: media 45 ( ± 6) marzo 2013: 4 MINORI (su 6 adolescenti) età media 17.8 * + 3 non ancora in osservazione psicologica

7 Problematiche psicologiche Sintomi psicopatologici 50% (5) Non accettazione di sé 50% (5) Relazioni sociali coartate 60%(6) Non consapevolezza di 60% (6) correlazione stress-obesità Problematiche fam 40% (4) (sociali, economiche, relazionali) Sintomi psicopatologici 40% (6) Non accettazione di sé 73% (11) Relazioni sociali coartate 53% (8) Non consapevolezza di 53% (8) correlazione stress-obesità Problematiche fam 33% (5) 2012 (15) 2011(10) 2011 (10)

8 conclusioni AUMENTO DI ADOLESCENTI IN VALUTAZIONE (minori e giovani adulti) Obiettivi: 1)Adottare strategie diversificate di studio e valutazione dei bisogni rispetto agli adulti 2)Intensificare i rapporti in rete con altre strutture 3)Condividere tra colleghi

9

10 (34) LA VALUTAZIONE PER LA CHIRURGIA BARIATRICA DI ADOLESCENTI MINORI E DELLA FAMIGLIA NEL GICOV DI VERONA -CASI CLINICI- L. Nadalini L. Nadalini, M. Zanoni, M.G. Zenti, M. Battistoni, M. Genna, E. Bonora 27 APRILE : COMUNICAZIONI

11 Si descrivono 3 casi con familiarità per obesità ;Si descrivono 3 casi con familiarità per obesità ; Disturbo dall’età infantile;Disturbo dall’età infantile; Sunto percorso programma con la famiglia e individuali;Sunto percorso programma con la famiglia e individuali; EMERGE LA PRESENZA EMERGE LA PRESENZA abitudini familiari consolidate rigidità verso il cambiamentoabitudini familiari consolidate rigidità verso il cambiamento

12 caso 1 NADIA– a 16 a.6 mesi, BMI 52.2 – “obesità familiare” caso 1 NADIA– a 16 a.6 mesi, BMI 52.2 – “obesità familiare” studentessa, primogenita di due. Rimosso BIB inserito da altro centro, senza benefici; già diete, già difficile percorso psicologico pregresso; ♀ studentessa, primogenita di due. Rimosso BIB inserito da altro centro, senza benefici; già diete, già difficile percorso psicologico pregresso; Convocati per valutazione psicologica: ragazza ed entrambi i genitori (nel luglio 2012);Convocati per valutazione psicologica: ragazza ed entrambi i genitori (nel luglio 2012); Atteggiamento ostile concorde con la famiglia, dubbiosI sulle reali capacità del ns. Centro di rispondere al suo bisogno urgente (hanno già accordo per intervento immediato in altro centro?). Seguono: 1) valutazione bisogno; 2) approfondimento del disturbo alimentare; 3) dinamiche familiari 4) stato autonomia emotiva paziente a fine di:Atteggiamento ostile concorde con la famiglia, dubbiosI sulle reali capacità del ns. Centro di rispondere al suo bisogno urgente (hanno già accordo per intervento immediato in altro centro?). Seguono: 1) valutazione bisogno; 2) approfondimento del disturbo alimentare; 3) dinamiche familiari 4) stato autonomia emotiva paziente a fine di: promuovere di sapere attendere e programmarepromuovere di sapere attendere e programmare prevenire il rischio di acting outprevenire il rischio di acting out

13 leipadremadre BMI: mesi Mangia senza controllo Impossibile quantificare BMI: 40 Cugina del padre già sleeve Camion/ e grigliate con altre famiglie ogni week end 2 INTERV. BARIATRICI: GASTROPL. V. e BY PASS G. Compulsione alimentare e uso quotidiano di dolci, bibite zuccherate

14 Richiesta ai genitori di fare una verifica dei problemi che auto-mantengono con il loro sistema alimentare;Richiesta ai genitori di fare una verifica dei problemi che auto-mantengono con il loro sistema alimentare; La figlia, ns paziente, sottolinea che anche il fratello sta iniziando ad ingrassare e che beve in modo smodato le bibite zuccherate, come la mammaLa figlia, ns paziente, sottolinea che anche il fratello sta iniziando ad ingrassare e che beve in modo smodato le bibite zuccherate, come la mamma Concordati: 3 mesi di osservazione con circa 6 incontri, somministrati: QoL, B.E.D (presente)Concordati: 3 mesi di osservazione con circa 6 incontri, somministrati: QoL, B.E.D (presente)

15 I genitori falliscono;I genitori falliscono; La ragazza accetta un percorso con ricovero in struttura per autogestire il suo problema in preparazione dell’intervento;La ragazza accetta un percorso con ricovero in struttura per autogestire il suo problema in preparazione dell’intervento; 3 settimane di ricovero kg 5.4;3 settimane di ricovero kg 5.4; E’ capace di un certo autocontrollo e di riconoscere gli errori alimentari ma non al punto da accedere al Lap band;E’ capace di un certo autocontrollo e di riconoscere gli errori alimentari ma non al punto da accedere al Lap band; Eseguita sleeve a 17.2 mesi; accompagnata nella pre-S.O. e dopo intervento controllo e internistico per programma alimentare;Eseguita sleeve a 17.2 mesi; accompagnata nella pre-S.O. e dopo intervento controllo e internistico per programma alimentare; Calo dopo due mesi dall’intervento di kg.12Calo dopo due mesi dall’intervento di kg.12

16 Padre con obesità di II grado♀ studentessa, primogenita di 2(endocrinologa dietista psicologo) già diete, già ricovero in un centro specializzato e dh 12 kg ripresi; Padre con obesità di II grado. Emerge angoscia per la paura dell’incolumità di un congiunto che riceve provocazioni in ambito familiare estesoArriva accompagnata dalla madre e al successivo colloquio dal padre. Emerge angoscia per la paura dell’incolumità di un congiunto che riceve provocazioni in ambito familiare esteso; esprime senso di isolamento per avere ricevuto da piccola l’allontanamento dalla frequenza di altri familiari; Lei non conosce lo stato d’avanzamento della tutela legale; Programmati 4 mesi di osservazione con colloqui. CASO 2 ANNA -17 a e 5 mesi, BMI 49- “paura per incolumità”

17 Viene aggiornata sulla tutela e sulle possibili soluzioni dai genitori;Viene aggiornata sulla tutela e sulle possibili soluzioni dai genitori; Emerge che il fratello ha problemi comportamentali di una certa gravità, che la situazione della sorella lascia in secondo piano (sottovalutati);Emerge che il fratello ha problemi comportamentali di una certa gravità, che la situazione della sorella lascia in secondo piano (sottovalutati); Test: QoL, BED (possibile)Test: QoL, BED (possibile) Programma dietetico non soddisfacente↑4 kg; programmato BIB per evitare almeno aumenti fino al momento dell’intervento (sleeve g.) per il quale dovrà attendere alcuni mesi. BIB inserito dopo 5 mesi dal primo incontro nel Centro.Programma dietetico non soddisfacente↑4 kg; programmato BIB per evitare almeno aumenti fino al momento dell’intervento (sleeve g.) per il quale dovrà attendere alcuni mesi. BIB inserito dopo 5 mesi dal primo incontro nel Centro.

18 caso.3 Federica-15a. e 9m, BMI “bambina rifiutata” 1 colloquio convocati entrambi i genitori (con nuove famiglie)1 colloquio convocati entrambi i genitori (con nuove famiglie) Studentessa; Primogenita di 4 fratelli; genitori separati quando era piccola, cui attribuisce la fine del sentimento di essere specialeStudentessa; Primogenita di 4 fratelli; genitori separati quando era piccola, cui attribuisce la fine del sentimento di essere speciale In trattamento psicoterapico da un anno per disturbo alimentare, alterata percezione di sé;In trattamento psicoterapico da un anno per disturbo alimentare, alterata percezione di sé; già ricovero in casa di cura per l’auto-gestione del problema autodimessa dopo 2 mesi 4 kg; presenta numerosi sintomi sul corpo; fuma 1 pacchetto di sigarette diegià ricovero in casa di cura per l’auto-gestione del problema autodimessa dopo 2 mesi 4 kg; presenta numerosi sintomi sul corpo; fuma 1 pacchetto di sigarette die

19 lei padreNonno pat BMI: mesi Mangia senza controllo Molti sintomi sul corpo sine materia Passiva- aggressiva BMI: 50 con diabete già BIB poi Lap-band (2006) in altro centro (allargato) In fase pre- intervento di By pass Diabetico e cardiopatico

20 Il padre minimizza, mangia a dismisura dopo che si era fatto calibrare (allargare) il bendaggio g.;Il padre minimizza, mangia a dismisura dopo che si era fatto calibrare (allargare) il bendaggio g.; Il padre condivide l’intervento anche per la figlia. Si defila dalla discussione successiva;Il padre condivide l’intervento anche per la figlia. Si defila dalla discussione successiva; Nuovo tentativo di controllo alimentare e prosecuzione con colloqui psicologici;Nuovo tentativo di controllo alimentare e prosecuzione con colloqui psicologici; Per il rischio di aumento in attesa di intervento, si propone se possibile il BIB, ma ha problemi di gastrite. Programmato di accelerare la tempistica dell’intervento per l’estate, ai 17 anni di etàPer il rischio di aumento in attesa di intervento, si propone se possibile il BIB, ma ha problemi di gastrite. Programmato di accelerare la tempistica dell’intervento per l’estate, ai 17 anni di età

21 abitudini familiari consolidate rigidità verso il cambiamentoabitudini familiari consolidate rigidità verso il cambiamento CONCLUSIONE CONCLUSIONE 1.Proposta per gli adolescenti che accedono alla chirurgia bariatrica “la familiarità per obesità come aggravante di rischio tra i criteri d’inclusione insieme al BMI ”

22


Scaricare ppt "(33) ADOLESCENTI MINORI E GIOVANI ADULTI DEL GRUPPO DI CHIRURGIA DELL’OBESITA’ DI VERONA (G.I.C.O.V.) -CARATTERISTICHE E PROBLEMATICHE- Nadalini, M. Zanoni."

Presentazioni simili


Annunci Google