La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Non tanto quanto vale il lavoro, ma che cosa vale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Non tanto quanto vale il lavoro, ma che cosa vale."— Transcript della presentazione:

1

2

3

4

5

6 Non tanto quanto vale il lavoro, ma che cosa vale

7 Quando lavoriamo non produciamo solo beni o servizi, ma produciamo noi stessi!!

8 La domanda che tutti noi ci poniamo è se il nuovo mondo del lavoro diventerà sempre più spietato, con pressioni e apprensioni implacabili che ci spoglieranno del senso di sicurezza e cancelleranno, nella nostra vita, il posto dei piaceri più semplici – o se, anche in questa nuova realtà, riusciremo a trovare vie che portino a un lavoro capace di entusiasmarci, appagarci e arricchirci. D. Goleman

9 Un mondo dove non cè più posto per lindividuo, per la gioia, per lozio attivo, è un mondo che deve sparire. A. Camus

10 Contro la distrazione lavorativa Distrahere: separare, rompere, dividere, alienare. Con lidea di ben essere tentiamo di combattere la distrazione. Cerchiamo di riunire il lavoro alla vita, alla sua bellezza, alla sua dignità, alla sua complessità.

11 Nella sua determinazione a vedere solo ciò che entra in calcoli utilitari la mente economica è cieca: cieca rispetto alla ricchezza qualitativa del mondo percepibile; rispetto alla separatezza delle persone, al loro mondo interiore, alle loro speranze, alle loro passioni e ai loro timori; cieca rispetto a ciò che vuol dire vivere una vita umana e tentare di conferirle un significato umano. Martha Nussbaum

12 La distrazione, la separatezza, la cecità portano allentropia, allappiattimento, allimmobilità, allindifferenza

13 Lavoro secondo il principio di prestazione-performanza Lessere umano che lavora è: Homo oeconomicus Espressione di una razionalità strumentale e utilitaristica Espressione di Funzione – Ruolo

14 Logica binaria Lavoro = produttività, interesse, efficacia, efficienza Non lavoro = altro dalla produttività, dallefficacia, dallefficienza Principio di separatezza, di frattura

15 Luomo che lavora è solamente un essere produttivo, alla ricerca dellinteresse monetario. Si riduce (viene ridotto) alla sua ragione performativa Dimensione disumana perché priva lessere umano di confusione e di eccedenza

16 Lavoro secondo il principio di esistenza Lessere umano che lavora è: Non solo prestazione Anche prestazione Un po prestazione e un po esistenza Ulteriorità e eccedenza rispetto alla prestazione

17 Per capire lessere umano occorre saper pensare lulteriorità, la compresenza, lincertezza dellanche, del non solo Dimensione davvero umana perché dota lessere umano del suo spessore

18 Obiettivo del ben essere è ridare eccedenza al lavoro, ridargli circolarità, rimetterlo in gioco, riconnetterlo alla vita

19 Occorre riportare non il lavoro nella vita, ma la vita, gli elementi propri di una buona vita, nel lavoro!

20 E possibile affiancare allhomo oeconomicus un homo reciprocus? E possibile ridare un senso ai legami con il lavoro senza ingenuità o retorica, ma anche senza il cinismo che trasforma tutti in prestazioni, oggetti, merci? Luomo moderno si libera dal legame con il lavoro sostituendolo con un contratto, in modo da essere meno vincolato. Fugge il ciclo dare - ricevere - ricambiare per paura di rimetterci, così sterilizza questo ciclo e lo trasforma in rapporti oggettivi, meccanici, calcolabili

21 Cè spazio oltre lutilitarismo? Lutilitarismo e la funzionalità sembrano la sola morale possibile tra uomo e lavoro. E adatta in tutti quei rapporti in cui si auspica che si resti estranei, stranieri luno allaltro. Ma lestraneità totale cozza contro il bisogno umano di tessere legami.

22 Senso al lavoro Non cercando più di collegare il lavoro ad un destino umano, il lavoratore confonde la propria esistenza con la propria funzione, considera la funzione come esistenza. Un lavoro abbandonato a se stesso genera lavoratori che riconoscono come loro unico valore quello di un lavoro svuotato, esistenzialmente deprivato. Occorre sforzarsi di riportarlo alla sua dimensione di luogo in cui e attraverso cui si dipana e prende forma lesistenza.

23 Speranza è capacità di vedere la realtà in tutta la sua complessità: non solo per qual è, ma anche per ciò che urge dietro ogni realtà. Speranza è capacità di vedere che oltre lesistente vi sono altre potenziali realtà che attendono e che spingono per poter venire alla luce.

24 Se uno non spera linsperabile non lo troverà: senza speranza non cè né ricerca né via. Eraclito, fr. 18

25 La corrispondenza tra capacità e possibilità

26

27 Esistere significa venire al mondo, entrare nel mondo, entrare in uno spazio che è lo spazio delle possibilità offerte alle nostre capacità.

28 Il ben essere consiste nel potersi protendere sul mondo. E trovare nel mondo una possibile presa, è afferrare un buon numero di possibilità offerte dal mondo. Così facendo espandersi, svilupparsi.

29 Il mal essere è viceversa un blocco di possibilità. E scarto tra capacità e possibilità. Il più delle volte determinato da una realtà deprivata di possibilità, inadatta a rispondere alle capacità delluomo.

30 Il metodo delle capacità come misura del ben essere

31 Le persone si ritengono soddisfatte o meno di ciò che fanno? Che cosa, quali risorse sono in grado di controllare? Come percepiscono la loro vita? Che cosa desiderano?

32 Che cosa davvero la persona è in grado di fare, di pensare, di essere? Quali sono le sue relazioni con il lavoro che svolge e con gli altri? Che cosa riesce a immaginarsi e di che cosa riesce a godere? Come fa – può far uso dei suoi sensi? Come le condizioni di lavoro promuovono od ostacolano la sua realizzazione come essere umano?

33 In questione non è solo la generica soddisfazione, ma che cosa effettivamente la persona può fare e che cosa fa.

34 1 Esistono alcune funzioni – capacità umane essenziali per la vita umana. 2 Esistono condizioni - situazioni di impoverimento esistenziale tali rendere poco o non degna la vita delluomo.

35 Impoverimento esistenziale Quando lessere umano non è più capace di esercitare in maniera sufficiente le proprie facoltà – capacità fondamentali, limitandosi a sopravvivere, e non si manifesta nella sua molteplicità e per le sue potenzialità.

36 La persona è lavorativamente nelle condizioni di agire e di vivere in modo pienamente umano, può cioè godere delle opportunità per disporre di tali funzioni-capacità?

37 Il ben essere lavorativo promuove una concezione di lavoro tale per cui chi lavora ha: Il diritto alla protezione delle sue molteplici capacità funzionali fondamentali. Il diritto di essere messo nelle condizioni di poter esercitare sul lavoro e attraverso il lavoro le capacità funzionali comuni a tutti gli esseri umani.

38 La vita buona, il ben essere esistenziale, leudaimonia.

39

40

41 Il ben essere consiste in una condizione di vita, in una vita compiuta, una vita in cui le capacità proprie di ciascuna persona possano trovare espressione e maturazione.

42 Leudaimonia, il ben essere, la felicità esistenziale sono condizioni oggettive

43 La realtà lavorativa migliore (eudaimonica) è quella nella quale ogni lavoratore è in condizione di ottenere il meglio da se stesso vivendo una vita professionale appagante, piena e realizzata.

44 Eudaimonica è quellorganizzazione che crea le condizioni sociali, economiche, culturali, ambientali perché chi lavora sia messo in condizioni di attualizzare le sue capacità fondamentali.

45 Capacità fondamentali e Capacità lavorative 11 motori del ben essere

46 1 Capacità di andare in cerca di forme di saggezza esistenziale possibilità di comprendere il senso profondo di ciò che si fa; possibilità di mettere il lavoro in relazione di senso con i diversi aspetti dellesistenza personale.

47 2 Capacità di provare sentimenti di mutuo riconoscimento possibilità di venire rispettati in quanto persone; possibilità di evitare forme di mortificazione, estraneità, anonimato nelle relazioni interpersonali.

48 3 Capacità di bilanciare la serietà e la routine con lironia e con lo scostamento dal consueto possibilità di innestare sul lavoro logiche di gioco che prevedano il divertimento, lavventura, lincertezza, lumorismo.

49 4 Capacità di valutare, scegliere, seguire indirizzi di comportamento eticamente maturati possibilità di interrogarsi, individualmente e collettivamente, circa valori, vision, mission, indirizzi etici personali e dellorganizzazione in cui si lavora.

50 5 Capacità di provare sentimenti di affiliazione possibilità di vivere relazioni con colleghi e utenti rette non solamente da unintegrazione funzionale poter adottare comportamenti guidati non solo da logiche strumentali, ma da logiche di fiducia, cortesia, dono, solidarietà.

51 6 Capacità di vivere unesistenza nella quale vi sia posto per la cura e per la relazione con altre specie viventi, con lambiente naturale e sociale circostante poter collegare lattività lavorativa a scopi e iniziative di impegno sociale non finalizzate al puro profitto; poter sperimentare e adottare logiche lavorative oltreutilitaristiche o non utilitaristiche.

52 7 Capacità di esprimere il proprio essere, a sé e agli altri poter esprimere la gamma delle proprie idee, emozioni e sentimenti; essere ascoltati, allinterno di una dimensione comune di dialogo.

53 8 Capacità di controllare o intervenire autonomamente sul proprio ambiente fisico e di organizzare i propri tempi di esistenza possibilità di avere un margine di autonomia nellorganizzazione dello spazio fisico di lavoro; poter progettare tempi e ritmi lavoro; poter fruire di meccanismi di equilibrio tra esigenze famigliari e richieste lavorative.

54 9 Capacità di integrità e di espressione corpo-mente possibilità di godere di un armonico rapporto mente – corpo in tutte le sue declinazioni ed espressioni (alimentari, motorie, ecc.); vivere in ambienti esteticamente curati.

55 10 Capacità di uso il più completo possibile delle facoltà di percezione-pensiero-immaginazione poter usare la creatività e la fantasia fruire della necessaria formazione crescere culturalmente

56 11 Capacità di allargamento delle esperienze, innovazione, generazione del nuovo possibilità di allargare le proprie mansioni, avere nuovi incarichi, ricoprire nuove posizioni; possibilità di proporre innovazioni e miglioramenti; poter innovare e sperimentare.


Scaricare ppt "Non tanto quanto vale il lavoro, ma che cosa vale."

Presentazioni simili


Annunci Google