La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Family network. Servizio sociale minori Bambini 0 – 18 anni in condizione di rischio e pregiudizioAzioni: - Aiuto - Sostegno - Protezione - cura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Family network. Servizio sociale minori Bambini 0 – 18 anni in condizione di rischio e pregiudizioAzioni: - Aiuto - Sostegno - Protezione - cura."— Transcript della presentazione:

1 Family network

2 Servizio sociale minori Bambini 0 – 18 anni in condizione di rischio e pregiudizioAzioni: - Aiuto - Sostegno - Protezione - cura

3 Principi generali Ogni bambino ha diritto di crescere e vivere serenamente, di essere rispettato come persona. Tutti gli adulti sono responsabili di garantire ladeguata crescita e benessere dei bambini. Quali adulti: genitori, società civile, istituzioni (scuola e servizi).

4 Obiettivo generale Promozione del benessere dei bambini Come? Protezione e cura Prevenzione

5 PREVENZIONE AL DISAGIO COMPITO DEGLI ADULTI RICONOSCIMENTO DI SEGNALI PREDITTIVI RICONOSCIMENTO DI SEGNALI PREDITTIVI PROBLEM SOLVING PROBLEM SOLVING RICERCA E ATTIVAZIONE DI RISORSE DI AIUTO E SOSTEGNO RICERCA E ATTIVAZIONE DI RISORSE DI AIUTO E SOSTEGNO

6 EVENTI CHE POSSONO CREARE DISAGIO CONFLITTI IN FAMIGLIA SEPARAZIONE DEI GENITORI MALATTIE IMPORTANTI DELLE PERSONE DI RIFERIMENTO COINVOLGIMENTO ECCESSIVO NELLE QUESTIONI DEGLI ADULTI DIFFICOLTA ECONOMICHE LUTTI IMPORTANTI CAMBIO CASA – SCUOLA ASPETTATIVE ELEVATE DEGLI ADULTI

7 QUALI REAZIONI CALO RENDIMENTO SCOLASTICO PROBLEMI DI COMPORTAMENTO A SCUOLA CONTINUE LAMENTELE FISICHE (MAL DI PANCIA, MAL DI TESTA….) TRISTEZZA CAMBIO RITMI SONNO/VEGLIA ED ALIMENTARI COMPORTAMENTI INTRUSIVI E CONTROLLANTI DELLA VITA DEGLI ADULTI INCAPACITA DI FAR FRONTE A DIFFICOLTA QUOTIDIANE NESSUNA IDEA DI FUTURO CHIUSURA CON IL MONDO ESTERNO (WEB)

8 COSA CHIEDONO? RELAZIONI AUTENTICHE PARLARE ED ESSERE ASCOLTATI CONTENIMENTO E CONFINI FEDELTA RECIPROCA EQUILIBRIO FRA INVADENZA E CONTROLLO RISPETTO DEI PROPRI BISOGNI ESSERE RICONOSCIUTI COME BAMBINI E NON PICCOLI ADULTI

9 ACCOGLIENZA VICINANZA FISICA RAPPORTO PRIVILEGIATO CON LADULTO ESSERE RICONOSCIUTI COME GRUPPO ESSERE PROTETTI CHIAREZZA- NON FARE CONFUSIONE FRA FIGURE PARENTALI AVERE INTORNO UN AMBIENTE DI PERSONE INTERESSATE

10 ALTRI BISOGNI LUOGHI DIVERSI DAL SOLITO DOVE GIOCARE GIOCARE IMPARARE LE NORME DI CONVIVENZA CIVILE SOSTEGNO SCOLASTICO IMPARARE AD ORGANIZZARSI AVERE UN GRUPPO DI PARI IMPARARE IL RISPETTO DEGLI ORARI RIDIMENSIONARE LAGGRESSIVITA ESPRIMERSI NUTRIRSI ADEGUATAMENTE FARE COSE DIVERSE DA QUELLE CHE FANNO A SCUOLA AVERE UN LUOGO APERTO PER INTEGRARE LE DIVERSITA VIVERE LA RELAZIONE FISICA LIBERA, NON STRUTTURATA

11 COSA CHIEDONO GLI ADOLESCENTI STARE INSIEME- CHIACCHERARE DIVERTIRSI SCOPRIRE LAGGREGAZIONE PER FARE QUALCOSA INSIEME RISCOPRIRE LA RELAZIONE CON LADULTO UN ADULTO CHE DIA SENSO ALLE STRUTTURE COSTRUITE UN GRUPPO DI PARI DOVE VEDERSI COME SONO

12 I GENITORI HANNO BISOGNO DI SAPER LEGGERE I PROPRI BISOGNI, SAPERSI CONFRONTARE SU QUESTI, SAPERLI ESPRIMERE. METTERSI IN GIOCO PARLARE DI SE COME GENITORI E COME CONIUGI SOSTEGNO NELLA RELAZIONE EDUCATIVA RISOPRIRE LA FIGURA PATERNA QUALCUNO CHE STIA CON I FIGLI SVILUPPARE SENSIBILITA NEI CONFRONTI DEI FIGLI TROVARE EQUILIBRIO TRA APPRENSIONE E LASSISMO SUPERARE I TIMORI DELLA SFERA SESSUALE CHE LI METTE IN DIFFICOLTA CON I FIGLI RECUPERARE LA PROPRIA STORIA DI FIGLI E RIPENSARE IN MODO NUOVO COSA VUOL DIRE AVERE FIGLI ED AVERE UN RUOLO EDUCATIVO SICUREZZA SOCIALE INTORNO AI FIGLI

13 RAPPORTO SCUOLA FAMIGLIA I GENITORI HANNO BISOGNO DI CHIARIRSI LIMPORTANZA E IL RUOLO DELLA SCUOLA AIUTO SCOLASTICO PER I FIGLI MAGGIORE FLESSIBILITA DALLA SCUOLA

14 RIFLESSIONI LA PREVENZIONE E POSSIBILE A CONDIZIONE CHE IL SISTEMA FAMIGLIA – SCUOLA – SERVIZI SIA INSIEME ED ATTENTO AI SEGNALI DEL DISAGIO PROMUOVERE RISORSE – POTENZIALITA COMPETENZE

15 FATTORI PROTETTIVI FAMILIARI RELAZIONI FAMIGLIARI DI CALORE ED AFFETTO CAPACITA DI CURA ED ELEVATE CAPACITA DI SOSTEGNO BUONE CAPACITA DI CONTROLLO E SUPERVISIONE

16 FATTORI PROTETTIVI SCUOLA LA SCUOLA CONDIZIONA LADOLESCENTE SIA NELLA SUA RAPPRESENTAZIONE PERSONALE CHE IL SUO PROGETTO DI VITA CE RELAZIONE TRA DIFFICOLTA DI PRESTAZIONE SCOLASTICA ED ELABORAZIONE IMMAGINE NEGATIVA DI SE STESSI FATTORE PROTETTIVO: LEGAME CON INSEGNANTI E COMPAGNI LIMITE: CARENZA DI RISORSE CHE IMPEDISCONO RISPOSTE ADEGUATE SOLITUDINE: MANCATO COINVOLGIMENTO DEI PROTAGONISTI DEL TERRITORIO


Scaricare ppt "Family network. Servizio sociale minori Bambini 0 – 18 anni in condizione di rischio e pregiudizioAzioni: - Aiuto - Sostegno - Protezione - cura."

Presentazioni simili


Annunci Google