La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Transparency International Italia Seminario sulle misure antifrode e anticorruzione nei fondi strutturali Napoli, 25.06.2014 )

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Transparency International Italia Seminario sulle misure antifrode e anticorruzione nei fondi strutturali Napoli, 25.06.2014 )"— Transcript della presentazione:

1 Transparency International Italia Seminario sulle misure antifrode e anticorruzione nei fondi strutturali Napoli, )

2 Transparency International Italia 2 “Non appena si entrava in uno Stato libero si poteva contare di trovarvi la lealtà nei negoziati e nei trattati, lo zelo per il bene di tutti nelle alleanze, il coraggio e la costanza nelle avversità, la liberalità dei più ricchi verso i più poveri nelle calamità, l’energia del popolo per reprimere le ingiustizie e le violenze. Al contrario entrando negli stati dei tiranni, vi si trovava un governo che si sosteneva mediante il crimine, la perfidia e la corruzione; delle spie sorvegliavano e denunciavano i sentimenti generosi, abusavano dei legami familiari e di vicinato per trasformarli in trappole, insegnavano che la prudenza del suddito consiste nel diffidare di tutti e nel non immischiarsi negli affari altri. L’assassinio, l’avvelenamento e la corruzione vi erano mezzi comuni di governo”. Da “L’Età dei Comuni” di D.Sismondi

3 Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President TRANSPARENCY INTERNATIONAL ITALIA QUALITA’ DELLA GOVERNANCE Una recente ricerca condotta dall’Università di Göteborg, pubblicata nel 2010, permette di analizzare più analiticamente le performance relative alla governance pubblica nelle diverse regioni italiane. Come si può notare, la qualità della governance, di cui la corruzione è una componente fondamentale, varia in maniera sensibile lungo il territorio nazionale, con picchi negativi nelle regioni del sud Italia (Calabria, Sicilia e Campania) ed eccellenze a livello europeo in Valle d’Aosta e Trentino Alto Adige.

4 MISURARE LA CORRUZIONE Dimensioni analizzate: Risorse Indipendenza Trasparenza Integrità Rendicontazione Attività anticorruzione Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President STRATEGIE ANTICORRUZIONE TRA RISPOSTA PUBBLICA ED ESPERIENZA PRIVATA

5 MISURARE LA CORRUZIONE SCARSO ACCESSO ALLE INFORMAZIONI DEBOLI SISTEMI DI CONTROLLO STATO DI CONFLITTO TRA ISTITUZIONI DI GOVERNANCE OPACITA’ NORMATIVA E MANCATA APPLICAZIONE Ogni «pilastro» viene analizzato in tre delle sue dimensioni fondamentali: capacità, governance e ruolo. Queste tre dimensioni sono a loro volta composte da diversi indicatori: risorse e indipendenza per quanto concerne la funzionalità; trasparenza, responsabilità e integrità per quanto concerne la governance. L’ultima dimensione, riguarda il ruolo del settore nel contrasto alla corruzione. Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President STRATEGIE ANTICORRUZIONE TRA RISPOSTA PUBBLICA ED ESPERIENZA PRIVATA

6 6

7 Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President TRANSPARENCY INTERNATIONAL ITALIA Fiducia nell’economia – Trust Barometer di Edelman Secondo il Trust Barometer 2011 di Edelman, l’Italia si colloca ai primi posti in Europa per quanto concerne la «Fiducia nel settore economico».

8 SFIDUCIA Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President STRATEGIE ANTICORRUZIONE TRA RISPOSTA PUBBLICA ED ESPERIENZA PRIVATA

9 Sistema di Prevenzione e Strumenti Transparency International Italia 9

10 Transparency International Italia 10 Strumenti di Transparency Ti-it

11 IL NOSTRO LAVORO Inconferibilità e incompatibilità degli incarichi nella PA Decreto 39 Decreto 33 Open Data Legge 190/2012 Corsi di formazione per la Pubblica Amministrazione Ridurre la corruzione nella PA attraverso maggiore trasparenza e l’uso di open data

12 IL NOSTRO LAVORO Efficienza e trasparenza negli approvvigionamenti e nelle gare d’appalto Patti di Integrità Whistleblowing Normative e progetti di Whistleblowing in aziende e PA Decreto 231/2001 Monitoraggio della 231 e strumenti anti- corruzione di TI-Italia

13 IL NOSTRO LAVORO Come prevenire il rischio di corruzione e frodi nel settore della green economy Green Clean Market Sanità Analisi dei rischi di corruzione nel sistema sanitario e diffusione di buone pratiche Beni confiscati Per incrementare l’efficacia del sistema di confisca dei beni illeciti

14 14 FINALMENTE LA L. 190/2012 PARLA DI PREVENZIONE. Passa dall’inquisizione/sanzione alla prevenzione: un salto di 5 secoli ! PARLA DI RESPONSABILITA PERSONALE, INTERESSE COLLETTIVO E TRASPARENZA ATTRAVERSO I DATI APERTI A CUI TUTTO Il SISTEMA PUBBLICO E’ CONFRONTATO SPERIAMO CHE I FUNZIONARI PUBBLICI COLGANO L’IMPORTANZA RIVOLUZIONARIA DELLE RECENTI LEGGI E SI ATTIVINO PER METTERLE IN PRATICA CON LA PASSIONE CHE MERITANO.

15 BASSETTI : per anni abbiamo coltivato l’Illusione che il contrasto alla corruzione passasse attraverso norme e repressione: CI SIAMO ILLUSI CHE LA MAGISTRATURA POTESSE ESSERE L’UNICA SOLUZIONE E CHE LE FORMALITA’ FOSSERO l’ARGINE. DOVUNQUE LE FORMALITA’ SONO UN INCENTIVO ALLA CORRUZIONE. L’AZIONE DELLA MAGISTRATURA PER QUANTO EFFICIENTE E’ SEMPRE CASUALE OCCORRE CAMBIARE IL MODELLO IN TUTTI QUESTI ANNI NON SI E VOLUTO METTERE IN PIEDI UN SISTEMA PREMIANTE DEI VALORI E DELL’ONESTA E DELLA RESPONSABILITA’. SIAMO STATI INDULGENTI CON LA NEGLIGENZA, LA MENZOGNA, L’INCURIA,LA SCIATTERIA, L’IRRESPONSABILITA’ MA, SOPRATTUTTO CHE IL MINISTERO DELL’EDUCAZIONE SI RENDA CONTO CHE L’EDUCAZIONE NON E’ UNO STIPENDIFICIO MA IL PATRIMONIO DELLE GENERAZIONI. SE NON SI PRENDE COSCIENZA DI QUESTA EMERGENZA EDUCATIVA NON SARANNO LE LEGGI E I MAGISTRATI CHE CI SALVERANNO DALLA CORRUZIONE E DALL’ILLEGALITA’ Transparency International Italia 15 Srumenti di Transparency Ti-it

16 CORRUZIONE, UN PROBLEMA CULTURALE 47% 22,6% 21,8% 18,4% 14,4% 9,6% 7,9% 7,5% Con il termine analfabetismo funzionale si designa l'incapacità di un individuo di usare in modo efficiente le abilità di lettura, scrittura e calcolo nelle situazioni della vita quotidiana.letturascritturacalcolo Risultati ottenuti nel 2009 dal Human Development ReportHuman Development Report [Pubblicato da UNDP] Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo President STRATEGIE ANTICORRUZIONE TRA RISPOSTA PUBBLICA ED ESPERIENZA PRIVATA

17 Conclusioni: LA CORRUZIONE E’ INNANZITUTTO UN PROBLEMA CULTURALE, UN PROBLEMA DI RESPONSABILITA’ PERSONALE E COLLETTIVA. NON c’è EMERGENZA TANGENTI MA EMERGENZA EDUCATIVA EMERGENZA SONO le REGOLE SLEGATE DALLA RESPONSABILITA’ L’INCOMPETENZA e l’OSTILITà VERSO IL MERITO SONO ALTRI FRUTTI AVVELENATI CHE PORTANO LA CORRUZIONE e ALLA FRODE NON SONO LA MOLTEPLICITA’ DELLE REGOLE SCOORDINATE E I CONTROLLI SUI CONTROLLI CHE MIGLIORANO I COMPORTAMENTI MA REGOLE SEMPLICI E TRASPARENTI CHE RENDONO INUTILI I PERICOLOSI INTERMEDIARI CHE SONO I COLLETTORI E I DISTRIBUTORI DI TANGENTI LE PROCEDURE OPACHE, FARRAGINOSE, CONTRADDITORIE SONO L’AUTOSTRADA DELLA CORRUZIONE Transparency International Italia 17 Strumenti di Transparency Ti-it

18 Il valore dei valori è un concetto di natura attiva capace di tracciare contagiosi esempi virtuosi, che colgono l’occasione fornita dalla Legge per attuare un Sistema di Prevenzione della Corruzione che di fatto oltre ad arginare i rischi di comportamenti illeciti … … porta utili elementi organizzativi e innovativi, modella i comportamenti dei singoli e della struttura con orientamento alla difesa al bene comune e dell’interesse collettivo che si esplicano in : Transparency International Italia 18  testimonianza di Integrità e Trasparenza  creazione di uno spirito collaborativo tra istituzioni e cittadini  responsabilità sociale, reputazione, visione lungimirante

19 Transparency International Italia 19 L’esperienza internazionale dimostra che non è sufficiente imporre una condotta morale attraverso norme e leggi, per quanto ben strutturate ed appropriate. La tentazione di cedere a condotte non etiche, sorretta dall’illusione che esse siano più remunerative, può essere superata solo dalla scelta etica, libera e consapevole. Affinchè un pubblico funzionario possa riconoscersi nella struttura in cui opera, occorre che questa agisca sulla base di principi e valori etici condivisi. Imparzialità, legalità, trasparenza, efficienza, eguaglianza, responsabilità, giustizia, sono alcuni dei valori che devono guidare la Pubblica Amministrazione nell’attività quotidiana di dialogo e servizio nei confronti del cittadino. Il progetto Transparency International Italia ha come scopo la creazione di un Sistema Integrato per la gestione delle criticità. Un approccio basato sull’etica è essenzialmente un approccio preventivo. Grazie ad esso si risparmiano i costi successivi del controllo e della punizione.

20 L‘etica è vincente nel tempo sia a livello individuale che collettivo La gestione dei valori condivisi, una leadership diffusa, la capacità di far lavorare insieme persone motivate e consapevoli delle proprie responsabilità. Questo è ciò che ci ha insegnato l‘esperienza die Monasteri che di fatto hanno creato l‘Europa culla della democrazia, della manifattura per la creazione e la distribuzione del valore aggiunto, della solidarietà 20

21 Transparency International Italia Transparency International Italia Via Zamagna Milano, Italia tel fax Enti Territoriali e Private Sector Resp. Ing. Michelangelo Anderlini e Giovanni Colombo


Scaricare ppt "Transparency International Italia Seminario sulle misure antifrode e anticorruzione nei fondi strutturali Napoli, 25.06.2014 )"

Presentazioni simili


Annunci Google