La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Risparmio economico ed efficienza energetica «EFFICIENZA ENERGETICA IN TOSCANA: ACCORDO QUADRO E FONDI COMUNITARI (ASSE URBANO) PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI»

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Risparmio economico ed efficienza energetica «EFFICIENZA ENERGETICA IN TOSCANA: ACCORDO QUADRO E FONDI COMUNITARI (ASSE URBANO) PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI»"— Transcript della presentazione:

1 Risparmio economico ed efficienza energetica «EFFICIENZA ENERGETICA IN TOSCANA: ACCORDO QUADRO E FONDI COMUNITARI (ASSE URBANO) PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI» 1

2 La Società Consortile Energia Toscana (C.E.T.) Risparmio Economico Efficienza Energetica Fonti Rinnovabili Nasce all’inizio del 2002 su iniziativa della Regione Toscana, e del Dip. di Sistemi Elettrici e Automazione dell’Università di Pisa. E’ aperto alle Pubbliche Amministrazioni (PPAA) e società pubbliche aventi sede in Toscana. Opera come Centrale di Committenza con i seguenti obiettivi statutari: acquisire i vettori energetici necessari a soddisfare i bisogni dei soci, alle migliori condizioni di mercato; promuovere iniziative di razionalizzazione degli usi finali dell’energia sviluppo installazione di impianti da fonte rinnovabile, assistendo i soci nella loro realizzazione 2

3 Enti Associati 3

4 Risparmio Economico Il Consorzio opera come Centrale di Committenza attraverso bandi pubblici di rilevanza europea effettuati annualmente e in pieno rispetto del D. Lgs 163/06. I bandi prevedono che le tariffe ottenute debbano essere più vantaggiose di quelle CONSIP. E inoltre: Verifica della correttezza del 100% delle fatture Supporto nelle pratiche di connessione Allineamento di offerte Analisi dei consumi Informative sulle novità normative 4

5 Risparmio Economico Ad oggi il Consorzio «acquista»: circa 600 GWh di energia elettrica, che rappresentano circa la metà del Volume di energia consumata dagli Enti Pubblici Toscani circa mc di gas naturale 5

6 Risparmio Economico Energia Elettrica: AnnoRisparmio Vs CONSIP Riferimento CONSIP 2015€ Ener. Elettrica € Ener. Elettrica € Ener. Elettrica € Ener. Elettrica € Ener. Elettrica € Ener. Elettrica € Ener. Elettrica 6 Gas Naturale: Anno Termico Risparmio Vs CONSIP Riferimento CONSIP 2014/15€ Gas Naturale /14€ Gas Naturale /13€ Gas Naturale 5 Risparmio di € in 7 anniRisparmio di € in 3 anni 6

7 Efficienza Energetica: Protocollo di Intesa RT e CET Con il DGR n.152 del 03/03/2014 “Accordo tra Regione Toscana e CET per favorire lo sviluppo dell'efficienza energetica, la diffusione delle energie rinnovabili e l'attuazione di un "grande progetto" ai sensi dell'art. 8 DM 28/12/2012”, Regione Toscana e CET hanno stipulato un Protocollo di Intesa con lo scopo di individuare e realizzare sul territorio toscano iniziative e progetti inerenti lo sviluppo delle tematiche dell’efficienza energetica, della sostenibilità ambientale, delle energie rinnovabili, che coinvolgano l’Ente Regione, gli Enti locali, le strutture sanitarie regionali e, in generale, le Pubbliche Amministrazioni con sedi nell’ambito regionale, comprese le strutture periferiche dello Stato. 7

8 Efficienza Energetica: Accordo Quadro Il CET, in attuazione del protocollo firmato e quale centrale di committenza incaricata dalla Regione Toscana, ha indetto una gara europea dal valore di circa 150 milioni di euro per la stipula di Accordi Quadro di appalti per la realizzazione di servizi energetici, ai sensi dell’articolo 15 d.lgs. 115/2008, con lo strumento del Finanziamento Tramite Terzi. 8

9 Efficienza Energetica: Accordo Quadro La gara è stata indetta ai sensi dell’art. 59 del d.lgs 163/06, commi 5 e 8: Comma 5: Accordo concluso con più operatori Comma 8: Singoli appalti affidati a seguito di rilancio del confronto competitivo fra gli operatori 9

10 L’Accordo Quadro è un EPC Risparmi Reali Appaltatore Ente L’appaltatore realizza gli interventi finanziandoli L’appaltatore ha l’obbligo di gestire e manutenere gli interventi a proprie spese per un periodo predeterminato L’appaltatore viene remunerato tramite una parte dei risparmi realmente conseguiti Agli Enti aderenti è garantita una quota del risparmio economico 10

11 Accordo Quadro: linee di intervento 1.Sostituzione dei corpi illuminanti e installazione di sistemi di regolazione per l'illuminazione pubblica; 2.Costruzione di impianti di cogenerazione o trigenerazione; 3.Sostituzione dei corpi illuminanti e installazione di sistemi di regolazione per l'illuminazione interna degli edifici; 4.Installazione di sistemi elettronici di regolazione e sostituzione dei motori elettrici; 5.Efficientamento dei sistemi climatizzanti; 6.Telegestione di sistemi energetici; 7.Utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione dell'energia; 8.Sistemi passivi 11

12 Accordo Quadro: «stato di avanzamento» Hanno presentato offerta 7 operatori economici, sui seguenti lotti: lotto 1: 4 offerte lotto 2: 1 offerta lotto 3: 2 offerte lotto 6: 1 offerta lotto 7: 1 offerta lotto 8: 1 offerta Attualmente è in corso la valutazione delle offerte tecniche Per i lotti «andati» deserti per mancanza di offerte o, eventualmente, mancanza di offerte valide, verrà effettuata una procedura negoziata senza previa pubblicazione di bando di gara 12

13 Accordo Quadro Manifestazione di Interesse L’Ente manifesta al CET il proprio interessa per un o più linee di intervento. La manifestazione non è impegnativa. Convenzione L’Ente e il CET stipulano una convenzione per l’adesione all’accordo quadro Capitolati tecnici specifici Il CET redige i capitolati tecnici di dettaglio degli interventi 13 Step 1Step 2Step 3

14 Accordo Quadro - Step Rilancio Competitivo Il CET gestisce la fase di rilancio competitivo sull’intervento specifico per l’individuazione dell’appaltatore Stipula del Contratto L’Ente e l’appaltatore individuato stipulano il contratto Realizzazione degli interventi L’appaltatore realizza gli interventi a proprie spese 14 Step 1Step 2Step 3

15 Accordo Quadro - Step Gestione e manutenzione L’appaltatore gestisce e manutiene gli interventi a proprie spese Ripartizione dei Risparmi L’Ente e l’appaltatore si dividono i risparmi Monitoraggio Il CET verifica il rispetto dei parametri contrattuali 15 Step 1Step 2Step 3

16 Accordo Quadro: Tempistiche Manifestazioni di Interesse: sin da subito. La documentazione è reperibile Manifestazioni di Interesse: sin da subito. La documentazione è reperibile partecipazione-accordo-quadro-accordo-tra-regione-toscana-e-cet-per-favorire-lo-sviluppo- dellefficienza-energetica-e-la-diffusione-delle-energie/ partecipazione-accordo-quadro-accordo-tra-regione-toscana-e-cet-per-favorire-lo-sviluppo- dellefficienza-energetica-e-la-diffusione-delle-energie/ Stipula dei Contratti Quadro: I Trimestre 2015 Stipula delle Convenzione con gli Enti e redazione dei capitolati tecnici di dettaglio: I Trimestre 2015 Rilancio competitivo: II Trimestre 2015 Start up degli interventi: inizio del III Trimestre

17 Accordo Quadro – Oneri per gli ENTI Nessuno Il Finanziamento e la gestione è a carico dell’appaltatore viene ripagato con una parte dei risparmi Gli oneri del CET sono a Carico dell’appaltatore e sono già stabiliti nel bando di gara Al fine di poter usufruire dei sevizi del CET, compreso l’accordo quadro, è necessario aderire al Consorzio o in via diretta o indirettamente tramite ANCI/UNCEM 17

18 Grazie per l’attenzione LUCA PERNI telefono: mobile: SOCIETÀ CONSORTILE ENERGIA TOSCANA 18


Scaricare ppt "Risparmio economico ed efficienza energetica «EFFICIENZA ENERGETICA IN TOSCANA: ACCORDO QUADRO E FONDI COMUNITARI (ASSE URBANO) PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI»"

Presentazioni simili


Annunci Google