La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione arch.. Daniela Ladiana.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione arch.. Daniela Ladiana."— Transcript della presentazione:

1 La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione arch.. Daniela Ladiana

2 La manutenzione intesa come processo è costituita da una serie di fasi consistenti in: - acquisizione delle informazioni dimensionali e qualitative del sistema da manutenere; - progettazione, programmazione degli interventi manutentivi; - organizzazione dei fattori di produzione; - informatizzazione delle informazioni di andata e ritorno tra fase di programmazione-progettazione e quella gestionale; - esecuzione delle attività.

3 Normativa della garanzia della qualità Normativa volontaristica Normativa tecnica di settore Legislazione in materia di lavori pubblici Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio

4 TERMINOLOGIA UNI 9910 Terminologia sulla fidatezza e sulla qualità del servizio UNI Manutenzione. Terminologia ASPETTI GENERALI UNI Manutenzione. Principi fondamentali della funzione manutenzione UNI Manutenzione. Criteri di progettazione della manutenzione UNI Manutenzione. Indici di manutenzione UNI10584 Manutenzione. Sistema informativo di manutenzione UNI Manutenzione. Valutazione e valorizzazione dello stato dei beni UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Aspetti generali e problematiche organizzative UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Criteri di classificazione, codifica, unificazione e supporto UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Criteri di selezione dei materiali da gestire UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Criteri di gestione operativa UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Criteri di acquisizione, controllo e collaudo UNI Manutenzione. Guida per la gestione dei materiali per la manutenzione – Criteri amministrativi

5 CONTRATTUALISTICA UNI Classificazione dei servizi di manutenzione UNI FA 1-95 Classificazione dei servizi di manutenzione UNI Definizione dei fattori di valutazione delle imprese fornitrici di servizi di manutenzione UNI Criteri per la formulazione di un contratto per la fornitura di servizi finalizzati alla manutenzione UNI FA 1-95 Criteri per la formulazione di un contratto per la fornitura di servizi finalizzati alla manutenzione UNI Manutenzione. Gestione di un contratto di manutenzione UNI FA 1-95 Manutenzione. Gestione di un contratto di manutenzione UNI Manutenzione. Criteri per la formulazione e la gestione del permesso di lavoro UNI Manutenzione. Criteri per la formulazione di un contratto basato sui risultati (global service)

6 Principali riferimenti di norme volontarie nel settore del progetto e gestione del servizio di manutenzione UNI Terminologia sulla fidatezza e sulla qualità del servizio

7 Affidabilità: Attitudine di un sistema a svolgere una funzione richiesta in condizioni date per un prefissato intervallo di tempo Manutenibilità: Attitudine di un sistema, in condizioni assegnate di utilizzazione, a essere mantenuta o essere riportata in uno stato nel quale essa può svolgere la funzione richiesta Logistica di manutenzione: lattitudine di una organizzazione, in date condizioni, a offrire le risorse necessarie alla manutenzione di un sistema il concetto di FIDATEZZA richiede che il Servizio Manutentivo abbia la proprietà di garantire UNI 9910 Terminologia sulla fidatezza e sulla qualità del servizio

8 UNI Manutenzione - Terminologia UNI Criteri di progettazione, gestione e controllo dei servizi di manutenzione degli immobili Principali riferimenti di norme volontarie nel settore del progetto e gestione del servizio di manutenzione UNI Terminologia sulla fidatezza e sulla qualità del servizio

9 UNI articola in sette ambiti di riferimento la definizione di un sistema di progetto e gestione della manutenzione: dati e requisiti base strategia immobiliare e di manutenzione il piano di manutenzione sistemi informativi gestione operativa dei servizi di manutenzione il controllo della manutenzione le informazioni di ritorno

10 UNI Manutenzione - Terminologia UNI Criteri di progettazione, gestione e controllo dei servizi di manutenzione degli immobili UNI Criteri per la formulazione di un contratto di Global Service di manutenzione UNI Criteri di stesura e struttura dei manuali duso e di manutenzione dei beni immobili Principali riferimenti di norme volontarie nel settore del progetto e gestione del servizio di manutenzione UNI Terminologia sulla fidatezza e sulla qualità del servizio

11 Normativa della garanzia della qualità Normativa volontaristica Legislazione in materia di lavori pubblici Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio Normativa tecnica di settore

12 Legge n.10/91 Il decreto legislativo n.626/94 Il decreto legislativo n.494/96 Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio: Normativa tecnica di settore

13 L.10/91 Art. 31. Esercizio e manutenzione degli impianti. 1. Durante l'esercizio degli impianti il proprietario, o per esso un terzo, che se ne assume la responsabilità, deve adottare misure necessarie per contenere i consumi di energia, entro i limiti di rendimento previsti dalla normativa vigente in materia.2. Il proprietario, o per esso un terzo, che se ne assume la responsabilità, e' tenuto a condurre gli impianti e a disporre tutte le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria secondo l.e prescrizioni della vigente normativa UNI e CEI.

14 Art. 32. Obblighi del datore di lavoro 1. Il datore di lavoro provvede affinché: b) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare manutenzione tecnica e vengano eliminati, quanto più rapidamente possibile, i difetti rilevati che possono pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori; c) i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi vengano sottoposti a regolare pulitura, onde assicurare condizioni igieniche adeguate; d) gli impianti e i dispositivi di sicurezza, destinati alla prevenzione o all'eliminazione dei pericoli, vengano sottoposti a regolare manutenzione e al controllo del loro funzionamento. D.Lgs.626/94 Art. 3. Misure generali di tutela 1. Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori sono: ….. r) regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti; Art. 3. Misure generali di tutela 1. Le misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza dei lavoratori sono: ….. r) regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, macchine ed impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti;

15 Art. 33. Adeguamenti di norme 3. l'Art 8 del D.P.R. 27 Aprile 1955 n.547 è sostituito dal seguente: Art.8 - (Vie di circolazione, zone di pericolo, pavimenti e passaggi) 9. I pavimenti degli ambienti di lavoro e dei luoghi destinati al passaggio non devono presentare buche o sporgenze pericolose e devono essere in condizioni tali da rendere sicuro il transito ed il movimento delle persone e dei mezzi di trasporto. Art (Aerazione dei luoghi di lavoro chiusi) - 2. Se viene utilizzato un impianto di aerazione, esso deve essere sempre mantenuto funzionante. Ogni eventuale guasto deve essere segnalato da un sistema di controllo, quando ciò è necessario per salvaguardare la salute dei lavoratori. Art (Illuminazione naturale ed artificiale dei luoghi di lavoro) - 4. Le superfici vetrate illuminanti ed i mezzi di illuminazione artificiale devono essere tenuti costantemente in buone condizioni di pulizia e di efficienza. 9. L'Art. 7 del D.P.R. 19 Marzo 1956, n.303, è sostituito dal seguente: Art. 7. -(Pavimenti, muri, soffitti, finestre e lucernari dei locali scale e marciapiedi mobili, banchina e rampe di carico) 1. A meno che non sia richiesto diversamente dalle necessità della lavorazione, è vietato adibire a lavori continuativi locali chiusi che non rispondono alle seguenti condizioni: d) avere le superfici delle pareti, dei pavimenti, dei soffitti tali da poter essere pulite e deterse per ottenere condizioni adeguate di igiene.

16 Art. 35. Obblighi del datore di lavoro 4. Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano: c) oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la rispondenza ai requisiti di cui all'art. 36 e siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d'uso. Art. 36. Disposizioni concernenti le attrezzature di lavoro 6. Nell'art. 374 del D.P.R. 27 Aprile 1955, n. 547, dopo il comma 2 è aggiunto, in fine, il seguente comma: Ove per le apparecchiature di cui al comma 2 è fornito il libretto di manutenzione occorre prevedere l'aggiornamento di questo libretto.

17 D.Lgs.494/96

18 Art. 8 - Misure generali di tutela 1. I datori di lavoro delle imprese esecutrici, durante l'esecuzione dell'opera, osservano le misure generali di tutela di cui all'articolo 3 del decreto legislativo n. 626 del 1994, e curano ciascuno per la parte di competenza, in particolare: a) il mantenimento del cantiere in condizioni ordinate e di soddisfacente salubrità; …. d) la manutenzione, il controllo prima dell'entrata in servizio e il controllo periodico degli impianti e dei dispositivi al fine di eliminare i difetti che possono pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori; Art. 4 - Obblighi del Coordinatore per la progettazione 1.Durante la progettazione dell'opera, e comunque prima della richiesta di presentazione delle offerte, il coordinatore per la progettazione: a) redige il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'art.12 comma 1; b) predispone un fascicolo contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, tenendo conto delle specifiche norme di buona tecnica e dell'allegato II al documento U.E. 260/5/93. Il fascicolo non è predisposto nel caso di lavori di manutenzione ordinaria di cui all'articolo 31, lettera a), della legge 5 agosto 1978, n.457. D.Lgs.494/96

19 Legislazione in materia di lavori pubblici Normativa della garanzia della qualità Normativa volontaristica Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio Normativa tecnica di settore

20 Legge n.109/94 Il decreto legislativo n. 157/95 Il decreto legislativo n. 158/95 Ambiti normativi che concorrono a definire il processo manutentivo come servizio: Legislazione in materia di lavori pubblici

21 L. 109/94 Art.16 - Attività di progettazione 5.Il progetto esecutivo deve essere altresì corredato da apposito piano di manutenzione dellopera e delle sue parti da redigersi nei termini con le modalità, i contenuti, i tempi, le gradualità stabiliti dal regolamento di cui allart.3 Art.16 - Attività di progettazione 5.Il progetto esecutivo deve essere altresì corredato da apposito piano di manutenzione dellopera e delle sue parti da redigersi nei termini con le modalità, i contenuti, i tempi, le gradualità stabiliti dal regolamento di cui allart.3 Art, 2 - Ambito oggettivo e soggettivo di applicazione della legge 1. Ai sensi e per gli effetti della presente legge e del regolamento di cui allarticolo 3, comma 2, si intendono per lavori pubblici, se affidati dai soggetti di cui al comma 2 del presente articolo, le attività di costruzione, demolizione, recupero, ristrutturazione, restauro e manutenzione di opere ed impianti anche di presidio e difesa ambientale e di ingegneria naturalistica. Art, 2 - Ambito oggettivo e soggettivo di applicazione della legge 1. Ai sensi e per gli effetti della presente legge e del regolamento di cui allarticolo 3, comma 2, si intendono per lavori pubblici, se affidati dai soggetti di cui al comma 2 del presente articolo, le attività di costruzione, demolizione, recupero, ristrutturazione, restauro e manutenzione di opere ed impianti anche di presidio e difesa ambientale e di ingegneria naturalistica.

22 Quadro normativo in materia manutentiva

23 LUni definisce Global Service di manutenzione un contratto riferito ad una pluralità di servizi sostitutivi delle normali attività di manutenzione con piena responsabilità sui risultati da parte dellassuntore Il committente affida ad un terzo, per un periodo definito, la manutenzione di un bene al fine di: Mantenerlo nello stato di conservazione richiesto; Ottenerne la disponibilità a produrre e/o espletare il servizio richiesto; Avere proposte di migliorie miranti a ridurre il costo del servizio e/o migliorare le caratteristiche tecniche del bene e la sua disponibilità a produrre. Il committente garantisce la conduzione del bene secondo i parametri e le procedure concordate. Lassuntore è responsabile delle scelte di progetto, di pianificazione, di direzione e dattuazione delle attività manutentive, salvo quanto espressamente concordato in maniera collegiale con il committente. Lassuntore garantisce comunque il raggiungimento di tutti i risultati pattuiti. Lassuntore fornisce la documentazione concordata che deve permettere al committente di: Continuare ad avere la conoscenza della storia tecnico-economica del bene; Valutare se lassuntore ha operato nel rispetto del capitolato tecnico e del progetto del global service di manutenzione. Il compenso contrattuale è basato sui risultati ottenuti. La misura dei risultati viene effettuata secondo metodologie concordate.

24 Decreto legislativo 24 luglio 1992, n 358 e successive modificazioni ed integrazioni. Testo unico delle disposizioni in materia di appalti pubblici di forniture in attuazione direttive 77/62/CEE, 80/767/CEE e 80/295/CEE Decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 157 Attuazione della direttiva 92/50/CEE in materia di appalti pubblici di servizi Decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 158 Appalti settori esclusi in attuazione delle direttiva 90/531/CEE e 93/38 CEE Decreto legislativo 19 dicembre 1991, n. 406 Attuazione direttiva 89/440/CEE aggiudicazione appalti LL.PP. Legge 11 febbraio 1994 n. 109 e successive modificazioni ed integrazioni. Legge quadro LL.PP Decreto legislativo 24 luglio 1992, n 358 e successive modificazioni ed integrazioni. Testo unico delle disposizioni in materia di appalti pubblici di forniture in attuazione direttive 77/62/CEE, 80/767/CEE e 80/295/CEE Decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 157 Attuazione della direttiva 92/50/CEE in materia di appalti pubblici di servizi Decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 158 Appalti settori esclusi in attuazione delle direttiva 90/531/CEE e 93/38 CEE Decreto legislativo 19 dicembre 1991, n. 406 Attuazione direttiva 89/440/CEE aggiudicazione appalti LL.PP. Legge 11 febbraio 1994 n. 109 e successive modificazioni ed integrazioni. Legge quadro LL.PP Principali norme di riferimento per i contratti pubblici

25 forniture servizi lavori forniture servizi lavori Il Global Service è caratterizzato da prestazioni di: E necessario individuare la natura delle prestazioni che possono essere considerate prevalenti

26 92/50/CEE considerando che gli appalti pubblici di servizi, segnatamente nel settore dei servizi di gestione di proprietà, possono in certi casi includere lavori; che dalla direttiva71/305/CEE risulta che un appalto può essere considerato appalto pubblico di lavori soltanto se il suo oggetto consiste nel realizzare un'opera; che tali lavori non possono giustificare la classificazione dell'appalto come appalto pubblico dei lavori nella misura in cui sono accessori e non costituiscono l'oggetto dell'appalto. 92/50/CEE considerando che gli appalti pubblici di servizi, segnatamente nel settore dei servizi di gestione di proprietà, possono in certi casi includere lavori; che dalla direttiva71/305/CEE risulta che un appalto può essere considerato appalto pubblico di lavori soltanto se il suo oggetto consiste nel realizzare un'opera; che tali lavori non possono giustificare la classificazione dell'appalto come appalto pubblico dei lavori nella misura in cui sono accessori e non costituiscono l'oggetto dell'appalto.

27 La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione COMMA 3: Gli appalti che, insieme alla prestazione di servizi, comprendono anche lesecuzione dei lavori, sono considerati di servizi qualora i lavori assumano funzione accessoria rispetto ai servizi e non costituiscano loggetto principale del contratto COMMA 4: Gli appalti che includono forniture e servizi sono considerati appalti di servizi quando il valore totale di questi è superiore al valore delle forniture comprese nellappalto. dallanalisi dellart. 3 viene alla luce la presenza di due DISCRIMINANTI QUALITATIVA tra servizi e lavori - viene introdotto il criterio dellaccessorietà (vedi comma 3), in questo caso sono prevalenti le prestazioni che qualificano il contenuto dellappalto QUANTITATIVA tra servizi e forniture - (vedi comma 4), in questo caso sono prevalenti le prestazioni contenute in quellappalto che ha il maggiore valore economico D.LGS. 17/03/95 N° 157 Appalti pubblici di servizi in attuazione della direttiva 92/50/CEE

28 La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione La normativa di riferimento per laffidamento a terzi dei servizi di GLOBAL SERVICE è quella del D.LGS. 17/03/95 N° 157 Appalti pubblici di servizi in attuazione della direttiva 92/50/CEE La procedura di aggiudicazione più confacente è LAPPALTO CONCORSO - art. 6 comma 1 lett. C Per una eventuale estensione la disciplina applicabile è quella prevista dallart. 7

29


Scaricare ppt "La normativa vigente in materia di appalto dei servizi di manutenzione arch.. Daniela Ladiana."

Presentazioni simili


Annunci Google