La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 E’ possibile insegnare un metodo di studio? NO, perché …. Loredana Mercadante SPAEE-Univ. Cattolica del Sacro Cuore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 E’ possibile insegnare un metodo di studio? NO, perché …. Loredana Mercadante SPAEE-Univ. Cattolica del Sacro Cuore."— Transcript della presentazione:

1 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 E’ possibile insegnare un metodo di studio? NO, perché …. Loredana Mercadante SPAEE-Univ. Cattolica del Sacro Cuore

2 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Studiare ….. è un'arte e come tale presuppone la pratica e l'esercizio delle teorie studiate.. è darsi da fare, con passione e la voglia di faticare, cercando il modo di emergere, di esporre le proprie opinioni.. è generare idee, da sviluppare nel tempo e nel modo di realizzarle: per questo è necessario ingegnarsi per non rischiare di dover buttare via l'idea in cui crediamo Motivazione intrinseca Volontà - Auto Determinazione Gratificazione in sé- Aspirazione ad emulare un modello Reciprocità sociale…. Bruner Autonomia Responsabilità LO SAPPIAMO !!.. è un'arte e come tale presuppone la pratica e l'esercizio delle teorie studiate.. è darsi da fare, con passione e la voglia di faticare, cercando il modo di far emergere, di far esporre le proprie opinioni.. è far generare idee, da sviluppare nel tempo e nel modo di realizzarle: per questo è necessario far si che si ingegnino per non rischiare di dover buttare via l'idea in cui credono Insegnare ? LO SAPPIAMO fare ?? ?

3 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Insegnare è apprendere le discipline ? educare ? è un processo complesso di trasferimento di contenuti e metodi … formare ? è il Dover essere nel passaggio di conoscenza O è incidere segni per far apprendere attraverso le discipline ? educere, riconoscere e potenziare talenti…? permettere il soggetto in situazione di Poter essere dandosi forme in una relazione di formazione- apprendimento nel passaggio di idee Allora è agire in Autonomia e Responsabilità Elementi da CERTIFICARE Consiglio del Parlamento Europeo

4 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Studiare con metodo Insegnare con metodi E’ possibile ? E’ possibile !

5 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante 1- Insegnare come ? con il metodo della ricerca: scientifico, riflessivo, metacognitivo facendo ricorso a teorie e ai modelli dell’apprendimento 2- Insegnare cosa? i metodi della disciplina ei suoi oggetti disciplinari facendo ricorso a teorie e ai modelli disciplinari e di autoregolazione Il punto di vista: la reciprocità

6 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità FASE 1 PROGETTAZIONE O IPOTESI DEL DOCENTE che apre alla sua sperimentazione FASE 2 sperime ntazione del docente CO-PROGETTAZIONE: si avvale delle IPOTESI Di ciascun discente FASE 3 speriment azione di ogni studente- gruppo CO-PRODUZIONE O SPERIMENTAZIONE DI QUANTO PENSATO E SCELTO dallo studente- gruppo e gruppi FASE 4 RI-PROGETTAZIONE, AUTO-CO-VALUTAZIONE RIFLESSIVA - Ricerca di senso delle azioni del Docente e degli Studenti o AUTOREGOLAZIONECONSAPEVOLE 1- Insegnare come ? con il metodo della ricerca: formalizzato SPERIMENTANDO INSIEME, OGNUNO CON LE PROPRIE IDEE E TALENTI, Interagendo in una Relazione comunicativa di formazione-apprendimento nel rispetto delle sequenze di feedbak comunicativo, funzionale al pensiero:

7 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità CO-PROGETTAZIONE CO-PRODUZIONE RI- PROGETTAZIONE è il METODO DELLA RICERCA, QUELLA DEL DOCENTE E QUELLA DELLO STUDENTE PROGETTAZIONE- ipotesi di lavoro del docente condivisione dello scopo ogni studente genera IDEE personali-collettive per raggiungere lo scopo – ipotesi del discente-gruppo mobilitazione dell’intenzione ad agire con regole proprie –contestualizzate-, “Autonomia” personale e collettiva, nel Voler portare a compimento il COMPITO quale Progetto Autentico di sé, cimentandosi con sé nella ricerca di riconoscimenti personali e collettivi del modello Autoregolativo Mercadante O sperimentazione delle IDEE-IPOTESI METODO DI STUDIO 1- Insegnare come ? con il metodo della ricerca: formalizzato

8 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità 1- Insegnare come ? c on il metodo della ricerca: formalizzato I paradigmi di riferimento: La costruzione epistemologica, cognitiva e sociale del sapere L’Ambiente di apprendimento La cultura della progettazione, il docente pro-jecta la sua idea INSEGNARE nel contesto progettato di un Ambiente di apprendimento-classe, che traduce teorie e modelli situati e dell’apprendistato cognitivo delle competenze esperte Collins Paradigmi che SOVVERTONO gli oggetti ROUTINARI della classe: lezione, interrogazione, valutazione e Compito.. Che necessariamente Cambiano ! Come cambia il ruolo: -della Scuola Autonoma che si fa PROSSIMA allo studente - del docente Riflessivo che è di tutoring, scaffolding e monitoring

9 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità 2- Insegnare cosa? i metodi della disciplina e i suoi oggetti disciplinari I paradigmi di riferimento: La cultura della progettazione, LA LOGICA DEL PROGETTO è di offrire un’occasione formativa di un apprendimento significativo personalizzato e contestualizzato da: un dominio cognitivo – nodo disciplinare - quale contesto di un Problema; INSEGNARE L’IMPARARE AD APPRENDERE attraverso i modelli disciplinari - sistematizzare le conoscenze relative a un campo di un sapere. Un apprendimento grazie al quale il soggetto sceglie, personalizzando quanto è per lui rilevante e significativo, trovando conferme e/o smentite delle sue convinzioni sottese ai suoi comportamenti azioni investigative ed euristiche di ricerca, secondo procedure dettate da metodi e da modelli DI QUELLA SPECIFICA DISCIPLINA; metodi di ricerca funzionale a mettere ogni studente in situazione di conflitto cognitivo tra le sue conoscenze e le conoscenze scientifiche prodotti culturali, provvisori, relativi a un nuovo punto di vista, a un nuovo sapere, a una nuova teoria uno SCOPO – ipotesi condivisa da perseguire - punto di intersezione tra discipline e conoscenze-orientamenti dell’alunno;

10 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità 2- Insegnare cosa? i metodi della disciplina e i suoi oggetti disciplinari LA TEORIA CURRICOLORE DEL PROGETTO: tra scelte autonome e responsabilità del docente e dell’alunno, è caratterizzato da : il Curricolo Personale e Dinamico degli apprendimenti e delle competenze contestualizzate dell’alunno, funzionale alla regolazione delle dimensioni delle competenze: conoscitivo - disciplinari, operative, emotivo- socio-relazionali Reciproco al: Curricolo Professionale degli apprendimenti e delle competenze Personali e Professionali del docente: funzionale alla regolazione della relazione di formazione-apprendimento

11 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante IL CURRICOLO DELLA SCUOLA che predispone/gestisce: IL CURRICOLO DELLO STUDENTE che realizza/gestisce: a cui corrisponde il curricolo dinamico Personalizzato delle competenze e degli apprendimenti contestualizzati relativi alle 4 aree culturali Nodi semantici disciplinari realizza negli anni reti semantiche, organizzandone la struttura dei concetti attraverso l ’ esplicitazione delle relazioni Scopi articola nel Compito Personale, gestito intenzionalmente sapendo il fine del lavoro; si mette in gioco con la sua idea-ipotesi che argomenta con i compagni del suo gruppo, con un certo grado di libert à decisionale e di responsabilit à, convinto di portarlo a compimento con successo, grazie all ’ autodeterminazione e all ’ autoefficacia delle risorse interne ed esterne Teorie e modelli disciplinari di riferimento, da cui estrapolare indicatori che illustrano i processi di apprendimento e le tre dimensioni della competenza applica metodi disciplinari nell ’ indagare i saperi riconosce, gestisce, autovaluta criticamente le proprie competenze secondo le tre dimensioni comparandole con quelle della classe La competenza da monitorare nelle sue tre dimensioni: conoscitiva, operativa ed emotivo/socio/relazionale Domande -situazioni generativeesplicita sue conoscenze nel gruppo formula ipotesi

12 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità 2- Insegnare cosa? - I metodi della disciplina e i suoi oggetti disciplinari c’è una rispondenza tra - IL SAPERE INGENUO e il SAPERE TEORICO del docente Con IL SAPERE INGENUO e il SAPERE TEORICO dello studente ? - E’ MISURABILE IL VALORE AGGIUNTO DEL DOCENTE ALL’APPRENDIMENTO DI OGNI STUDENTE? PROBLEMA:

13 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Un esempio di un Progetto disciplinare delle Competenze e degli Apprendimenti (Unità di Apprendimento – UdA) Secondo il paradigma della progettazione Esiti di sperimentazioni dal Nido alle Secondarie

14 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Oggetto disciplinare: TESTO Asse Culturale: linguistico-espressiva Scopo: comprendere un testo Domanda-Situazione generativa: Che cos’è un testo? Da che parti è formato un testo? Cosa significa comprendere un testo? Indicatori per la valutazione: - individuare i tipi di testo; - distinguere le parti del testo: inizio, parte centrale, fine; - distinguere la sequenza causale e temporale del testo; - individuare personaggi, azioni, spazio e tempo. Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO

15 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Alla domanda Che cos’è un testo? Gli alunni rispondono: fiaba, favola, testo descrittivo, testo regolativo, testo fantastico, di paura, diario, miti, leggende. Alla domanda Da che parti è formato un testo? Gli alunni rispondono: la divisione in sequenze introduzione – sviluppo – parte finale, un tema, le caratteristiche del tipo di testo, la coerenza e la coesione. Alla domanda Cosa significa comprendere un testo? Gli alunni rispondono: leggere e sottolineare con attenzione, rilevare e riordinare le sequenze, saper riassumere un testo e saperlo ripetere oralmente, saper rispondere in modo esatto alle domande. Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO

16 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Riflessione personale del docente Mi sono accorta di aver utilizzato “male” gli indicatori forniti dagli alunni, non sono riuscita a focalizzare la mia attenzione sulle risposte degli alunni dalle quali prendere spunto per COPROGETTARE il percorso. Credo che sia successo questo perché non avevo ben chiaro cosa fossero gli indicatori, confondendoli con gli obiettivi. Ora ho capito la differenza, che è sostanziale. Gli obiettivi sono delle mete da raggiungere e sono molto generici. Invece gli indicatori sono gli elementi relativi a quel processo che si è definito con lo scopo e mettono in evidenza come monitorarli Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO

17 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante LA RICERCA DEGLI INDICATORI RELATIVI AI PROCESSI DI COMPRENSIONE, necessari alla auto- co-valutazione/regolazione dei processi e delle competenze autoregolative Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO DAL PROGETTO DEL DOCENTE, Indicatori : - individuare i tipi di testo; - distinguere le parti del testo: inizio, parte centrale, fine; - distinguere la sequenza causale e temporale del testo; - individuare personaggi, azioni, spazio e tempo. DAL CONTRIBUTO DEI DISCENTI, Indicatori : -le caratteristiche dei tipi di testo; - la sequenza : inizio, parte centrale, fine; - tema, - coerenza - coesione. Sottolineare Riassumere Ripetere oralmente Rispondere

18 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante LA RICERCA DELLA TEORIA DI RIFERIMENTO DALLA QUALE ESTRARRE GLI INDICATORI Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO TEORIE: Modello proposizionale di Kintsch e Van Dijk Modello cognitivista dello Schema, da Bartlett, Levorato, le inferenze, Clark, significato del testo, Lumbelli, sulla Lettura, Pontecorvo sulla Metacognizione, De Beni, Pazzaglia, Brown, … Autoregolazione, Zimmerman Indicatori : micro- e macrostrutturale: cancella- generalizza-costruisce vecchie-nuove strutture Inferenze (deduzioni) rappresentazione coerente del significato. Schemi Gerarchici, situazionali tipo e struttura del testo; argomento-i del testo, scopo del testo, dell’autore, del lettore, strategie e controllo per monitorare la comprensione strategie autoregolative Sottolineare Riassumere SCHEMATIZZ ARE per Ripetere oralmente Rispondere

19 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante LA RICERCA DEGLI INDICATORI RELATIVI AI PROCESSI DI COMPRENSIONE, necessari alla auto- co-valutazione/regolazione dei processi e delle competenze autoregolative 1.Teorie e modelli interpretativi della conoscenza, modelli e metodi procedurali di ricerca-spiegazione scientifica, pluralista, dei fenomeni, esplicitanti i molteplici punti di vista della conoscenza stessa; strumenti che garantiscono al sapere una sua coerenza e rigore interpretativo dei fenomeni indagati nei diversi percorsi; 2. La funzione degli indicatori, è di: promuovere e monitorare la rilevazione dei processi, in entrata in itinere e in uscita; disegnare l’area di sviluppo prossimale del percorso fatto da ogni alunno in quel gruppo- classe e dall’intero gruppo-classe; avviare riflessioni sistemiche, personali e collettive, per il riconoscimento e potenziamento delle risorse; gestire i processi messi in gioco in quel percorso e per la ricerca di senso dei propri apprendimenti; definire processi di auto-co-valutazione (discente-docente-gruppo-classe) che si avvale dei diversi punti di vista sugli processi conoscitivi, volitivi, attribuzionali, agiti in situazione

20 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante RI-PROGETTAZIONE Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO Oggetto disciplinare: TESTO Asse Culturale: linguistico-espressiva Scopo: comprendere un testo Domanda-Situazione generativa: Che cos’è un testo? Da che parti è formato un testo? Cosa significa comprendere un testo? Indicatori *: -collocare i fatti: chi, dove,quando - trovare l'idea principale: quale lo scopo comunicativo? - usare il contesto (per comprendere parole, frasi, situazioni) - trarre conclusioni (deduzioni, inferenze, ecc.) - argomentare: esprimere opinioni in merito al testo - sintetizzare il testo * Psicologia dell'apprendimento scolastico" di Piero Boscolo.

21 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante L’ AUTO-CO-VALUTAZIONE per la REGOLAZIONE DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO E DELLE COMPETENZE AUTOREGOLATIVE Un esempio di un Progetto disciplinare: TESTO RI-PROGETTAZIONE Fatti chi, dove, quando scopo comunicati vo contestodeduzionii nferenze argoment a sintetizza Al 1 Al 2 Al 3 Al 4 argoment a sintetizza

22 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Il punto di vista: la reciprocità 2- Insegnare cosa? - I metodi della disciplina c’è una rispondenza tra - IL SAPERE INGENUO e il SAPERE TEORICO del docente Con IL SAPERE INGENUO e il SAPERE TEORICO dello studente ? - E’ MISURABILE IL VALORE AGGIUNTO DEL DOCENTE ALL’APPRENDIMENTO DI OGNI STUDENTE? PROBLEMA SI, c’è CORRISPONDENZA tra IL SAPERE INGENUO e il SAPERE TEORICO docente- studente SI, è possibile MISURARE IL VALORE AGGIUNTO ALL’APPRENDIMENTO DI OGNI STUDENTE RISOLUZIONE: Motivazione intrinseca Volontà - Auto Determinazione Gratificazione in sé- Aspirazione ad emulare un modello Reciprocità sociale…. Bruner Autonomia Responsabilità !

23 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante L’ AUTO-CO-VALUTAZIONE RIFLESSIVA per la REGOLAZIONE:  Della RELAZIONE DI FORMAZIONE-APPRENDIMENTO  DEI PROCESSI DI APPRENDIMENTO  DELLE COMPETENZE AUTOREGOLATIVE del docente e dello studente  Monitorare i processi di apprendimento, con indicatori stabili, ricercati con gli studenti e ricondotti a teorie, permette di:  CERTIFICARE progress-regressioni, del soggetto composito, nei suoi anni di permanenza nella scuola, da parte sia dello studente sia del docente;  SINTONIZZARE costantemente il percorso, potenziando METODI e TALENTI dei ragazzi, in rapporto ai talenti del docente professionista, Sempre in formazione.  Monitorare i processi di apprendimento, con indicatori stabili, ricercati con gli studenti e ricondotti a teorie, permette di:  CERTIFICARE progress-regressioni, del soggetto composito, nei suoi anni di permanenza nella scuola, da parte sia dello studente sia del docente;  SINTONIZZARE costantemente il percorso, potenziando METODI e TALENTI dei ragazzi, in rapporto ai talenti del docente professionista, Sempre in formazione.

24 Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 Loredana Mercadante Grazie dell’attenzione Loredana Bibliografia: O. Albanese, L. Mercadante, L’inclusione dell’insegnante di sostegno nel gruppo classe. Riflettere e innovare, 2010, edizione Junior, BG L. Mercadante, (a cura di), Coprogettare l’apprendimento. Modelli, esperienze, casi, 2007, Carocci Ed., Roma


Scaricare ppt "Così Impari Brescia 1 Ottobre 2011 E’ possibile insegnare un metodo di studio? NO, perché …. Loredana Mercadante SPAEE-Univ. Cattolica del Sacro Cuore."

Presentazioni simili


Annunci Google