La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Definizione di Dimenticanza: Definizione di Dimenticanza: 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva. 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Definizione di Dimenticanza: Definizione di Dimenticanza: 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva. 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva."— Transcript della presentazione:

1

2 Definizione di Dimenticanza: Definizione di Dimenticanza: 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva. 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva. 2. Cessazione di un affetto che si provava. 2. Cessazione di un affetto che si provava. 3. Trascuratezza di qualcosa che si doveva tener presente. 3. Trascuratezza di qualcosa che si doveva tener presente.

3 Adesso ti faccio una domanda: Tu, mi hai già dimenticato?

4 Se lo hai fatto, ti voglio ricordare chi ero

5 Ciao, sono Lolek! E questa è la mia storia Sono nato un 18 maggio a Wadowice, Polonia

6 Lei è la mia mammina, Lei è la mia mammina, si chiamava Emilia, se ne è andata in cielo da Dio, ma mi ha fatto il regalo ma mi ha fatto il regalo più bello, più bello, la vita la vita

7 I miei genitori mi hanno lasciato molto presto e sono dovuto andare avanti da solo; anzi così credevo.....

8 Ho conosciuto il mio Miglior Amico a 8 anni E sai… …Non mi ha mai abbandonato!!!

9 Ero un ragazzo allegro, mi piaceva il calcio, il nuoto ed ero un bravo studente

10 Quando sono cresciuto mi è piaciuto molto il teatro, ma il mio Amico insisteva molto che lo dovevo seguire, Quando sono cresciuto mi è piaciuto molto il teatro, ma il mio Amico insisteva molto che lo dovevo seguire, e sai: mi ha convinto…

11 Mi è toccato vedere gli orrori della seconda guerra mondiale; io non potevo andare a scuola perché i nazisti non ce lo permettevano e ho dovuto farlo di nascosto. Mi è toccato vedere gli orrori della seconda guerra mondiale; io non potevo andare a scuola perché i nazisti non ce lo permettevano e ho dovuto farlo di nascosto.

12 Ho dato tutta la mia vita al mio Amico, e Lui voleva sempre di più…

13 Un giorno mi ha nominato responsabile della sua Compagnia e allora la mia vita è cambiata, Un giorno mi ha nominato responsabile della sua Compagnia e allora la mia vita è cambiata, e forse anche la tua.

14 dovevo lavorare molto dovevo utilizzare tutti gli strumenti a mia disposizione e sapevo di contare sul sostegno di Tutti

15 Qualcuno pensava che io non fossi una persona normale e si sbagliava

16 Mi sono fatto alcuni amici…

17 … soltanto alcuni …

18 Una volta sono caduto...

19 Ma per amore mi sono rialzato E hoperdonato E ho perdonato

20 Mi sono reso conto che non ero da solo che c’erano altre persone che condividevano il mio amore per la gente,

21 il mio amore per i bambini

22 e per i giovani, che ho cercato tante volte e alla fine loro sono venuti a cercarmi

23 Ho viaggiato molto e ti ho conosciuto

24 Siamo stati assieme molte volte

25 Mi sono reso conto che ero anche Messicano!!!

26 Mi piaceva tanto identificarmi con te

27 Ma il mio tempo stava per finire…

28 Mi sarebbe piaciuto continuare a stare con te, ma era il momento di andare a trovare il mio amico E DIRGLI : MISSIONE CUMPIUTA!!!!

29 Vi ho visto piangere per me

30 Vi ho visto tristi

31 Vi ho visto soffrire per me

32 Non pensate di camminare da soli, io non lo ho mai fatto!

33 Io ho pregato per voi

34 E per i vostri peccati

35 Avvicinatevi a Dio

36 AFFERRATELO FORTEMENTE!!!

37 GUARDATE LA SUA GRANDEZZA, comparata con la piccolezza dei problemi

38 E Grazie per essermi stati vicino!!!!

39 Grazie per avermi dimostrato quanto mi amate!!!!!!

40 Perché anch’io vi amo!!!

41 Io continuerò a osservarvi

42 Non vi dimenticherò mai!

43 Ricordatemi con un sorriso!!!!!

44 Aiutate il mio fratello, che porterà avanti la croce di Cristo

45 E non dimenticatevi di una cosa

46 Che me ne vado ma non me ne vado, che me ne vado ma rimango con voi fino alla fine dei tempi!!!!

47 1° maggio 2011 Beatificazione di Giovanni Paolo II

48 Cari amici, vedo in voi le sentinelle del mattino...

49 (Giovanni Paolo II, Tor Vergata, 19 agosto 2000, XV Giornata Mondiale della Gioventù) Cari giovani, questa sera vi consegnerò il Vangelo. E' il dono che il Papa vi lascia in questa veglia indimenticabile. La parola contenuta in esso è la parola di Gesù. Se l'ascolterete nel silenzio, nella preghiera, facendovi aiutare a comprenderla per la vostra vita dal consiglio saggio dei vostri sacerdoti ed educatori, allora incontrerete Cristo e lo seguirete, impegnando giorno dopo giorno la vita per lui! In realtà, è Gesù che cercate quando sognate la felicità; è lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è lui la bellezza che tanto vi attrae; è lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare. E' Gesù che suscita in voi il desiderio di fare della vostra vita qualcosa di grande, la volontà di seguire un ideale, il rifiuto di lasciarvi inghiottire dalla mediocrità, il coraggio di impegnarvi con umiltà e perseveranza per migliorare voi stessi e la società, rendendola più umana e fraterna. Carissimi giovani, in questi nobili compiti non siete soli. Con voi ci sono le vostre famiglie, ci sono le vostre comunità, ci sono i vostri sacerdoti ed educatori, ci sono tanti di voi che nel nascondimento non si stancano di amare Cristo e di credere in lui. Nella lotta contro il peccato non siete soli: tanti come voi lottano e con la grazia del Signore vincono! Cari amici, vedo in voi le "sentinelle del mattino" in quest'alba del terzo millennio. Nel corso del secolo che muore, giovani come voi venivano convocati in adunate oceaniche per imparare ad odiare, venivano mandati a combattere gli uni contro gli altri. I diversi messianismi secolarizzati, che hanno tentato di sostituire la speranza cristiana, si sono poi rivelati veri e propri inferni. Oggi siete qui convenuti per affermare che nel nuovo secolo voi non vi presterete ad essere strumenti di violenza e distruzione; difenderete la pace, pagando anche di persona se necessario. Voi non vi rassegnerete ad un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti, mancano di lavoro. Voi difenderete la vita in ogni momento del suo sviluppo terreno, vi sforzerete con ogni vostra energia di rendere questa terra sempre più abitabile per tutti. Cari giovani del secolo che inizia, dicendo «sì» a Cristo, voi dite «sì» ad ogni vostro più nobile ideale. Io prego perché Egli regni nei vostri cuori e nell'umanità del nuovo secolo e millennio. Non abbiate paura di affidarvi a lui. Egli vi guiderà, vi darà la forza di seguirlo ogni giorno e in ogni situazione.


Scaricare ppt "Definizione di Dimenticanza: Definizione di Dimenticanza: 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva. 1. Cessazione di un ricordo che si possedeva."

Presentazioni simili


Annunci Google