La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sito Internet:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sito Internet:"— Transcript della presentazione:

1

2 Sito Internet: Genesi 2000 Parrocchia di San Giorgio Martire e S.ma Annunziata – Massa

3 Comunità Parrocchiale di Lavacchio - Bergiola Maggiore – Bargana – Castagnetola/Ripa La Via della Croce e della Risurrezione

4 Nella Solennità del Venerdì Santo viene rievocata la Via della Croce e Risurrezione con le 15 stazioni o tappe percorrendo le strade nella Comunità di Castagnetola – Ripa Dipinto Cristo Morto del MANTEGNA

5 Quando si esegue la Via Crucis La Via Crucis rappresentano un momento di preghiera, di riflessione e un cammino penitenziale per i devoti delle confessioni cattolica e anglicana. La celebrazione della Via Crucis è molto comune nei venerdì di Quaresima, specialmente il venerdì santo. Di frequente le celebrazioni a carattere comunitario sono accompagnate da varie canzoni e preghiere, molto comune come accompagnamento musicale la sequenza dello Stabat Mater Dolorosa. La Via Crucis entra a far parte dell'insieme delle Rappresentazioni popolari. La Via Crucis (dal latino, Via della Croce - anche detta Via Dolorosa) è un rito cristiano, della Chiesa Cattolica e della Chiesa Anglicana, con cui si ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che si avvia alla crocifissione sul Golgota.

6 Il Sepolcro

7 Alcuni fanno risalire la storia di questa devozione alle visite della Vergine presso i luoghi della Passione a Gerusalemme, ma la maggior parte degli storici riconosce l'inizio della specifica devozione a San Francesco di Assisi o alla tradizione francescana. Intorno al 1294, Rinaldo di Monte Crucis, frate domenicano, racconta la sua salita al Santo Sepolcro"per viam, per quam ascendit Christus, baiulans sibi crucem", per varie tappe, che chiama stationes: il luogo della condanna a morte di Gesù, l'incontro con le pie donne, la consegna della croce a Simone di Cirene, e gli altri episodi della Passione fino alla morte di Gesù sulla Croce. Originariamente la vera Via Crucis comportava la necessità di recarsi materialmente in visita pressi i luoghi dove Gesù Cristo aveva sofferto ed era stato messo a morte. Dal momento che un tale pellegrinaggio era impossibile per molti, la rappresentazione delle stazioni nelle chiese rappresentò un modo di portare idealmente a Gerusalemme ciascun credente. Oggi tutte le chiese cattoliche dispongono di una "via dolorosa", o almeno di una sequenza murale interna. Il numero e nomi delle stazioni cambiarono radicalmente in diverse occasioni nella storia della devozione, sebbene l'elenco corrente di quattordici stazioni ora sia quasi universalmente accettato. E’ ormai prassi, aggiungere anche la 15° stazione, quella della Risurrezione, imitando la via Crucis di Lourdes che fu la prima ad inserirla nella via crucis tradizionale. Storia della VIA CRUCIS

8 Le 14 Tradizionali Stazioni della VIA CRUCIS

9 Nella Chiesa Cattolica il pio esercizio della Via Crucis è connessa con l'indulgenza plenaria secondo le normali condizioni stabilite dalla Chiesa. Per ottenere l'indulgenza, i fedeli devono pregare sostando in ciascuna stazione, meditando sul mistero della Passione. Non vi sono particolari requisiti sulla durata della meditazione, né la necessità di utilizzare preghiere specifiche, e non è indispensabile che la meditazione corrisponda alle stazioni che sono dipinte. Ciascuna raffigurazione delle Stazioni della Via Crucis dovrebbe essere benedetta da un francescano (o dall'ordinario del luogo o da un suo delegato) e dovrebbe includere una croce di legno ad ogni stazione. Le immagini sono opzionali. La stessa indulgenza può essere applicata a chi non può materialmente visitare le stazioni purché mediti per 30 minuti sulla Passione. INDULGENZE

10 MAPPA del Tragitto Via CRUCIS in Castagnetola/Ripa “ Corte di Lavacchio ”

11 Stazioni delle vie e Famiglie incaricate per allestire la Via Crucis INIZIO Chiesa Castagnetola – S. Maddalena de’ Pazzi 1 stazioneVIA RIPAFAM. BERTUCCELLI 2 stazioneVIA RIPA 29/1FAM. PIERONI 3 stazioneVIA RIPAFAM. LAZZINI 4 stazioneVIA RIPAFAM. GIGLIONE 5 stazione VIA RIPA 6 stazioneVIA RIPAFAM. VITA 7 stazioneVIA FOSSA CECA4 FAM. FIORENTINI 8 stazione VIA MANETTO 14FAM. BERTELLONI 9 stazione SAN ANTONIO FAM. FORNESI 10 stazione VIA CONTI BRUNETTI FAM. NICOLAI 11 stazioneCROCEFISSO FAM. ANGELONI 12 stazioneVIA BERGIOLA NUOVA30 FAM. FRIGELLI 13 stazione VIA BERGIOLAFAM. LAZZAROTTI 14 stazionePRESEPIOFAM. TORNABONI 15 stazioneVIA BERGIOLA VECCHIAFAM. MARCUCCETTI CONCLUSIONE Chiesa Castagnetola – S. Maddalena de’ Pazzi

12 PREGHIERA dello SPIRITO SANTO Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni padre dei poveri, vieni datore dei doni, vieni luce dei cuori. Consolatore perfetto, ospite dolce dell’anima dolcissimo sollievo. Nella fatica riposo, nella calure riparo, nel pianto conforto. O luce beatissima, invadi nell’intimo il cuore dei tuoi fedeli. Senza la tua forza, nulla è nell’uomo, nulla senza colpa. Lava ciò che è sordito, bagna ciò che è arido, sana ciò che sanguina. Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò ch’è sviato. Dona ai tuoi fedeli che solo in te confidano i santi sette doni. Dona virtù e premio, dona morte santa, dono gioia eterna. Amen

13 Sacerdote – Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo Popolo – Amen Sacerdote – il Signore sia con voi. Popolo – E con il tuo spirito. Sacerdote – Queste stazioni, che andremo a percorrere, ci offrono la possibilità di contemplare il dolore vissuto da Gesù verso il Calvario e verso la sua morte. La nostra comunità, prendendo esempio da Gesù, ripercorra questa via, nella speranza che il mondo diventi luogo di pace e di fratellanza. La Chiesa e il Mondo chiedono a viva voce: Non più guerre, non più violenza, non più dittature, non più poteri militari, non più poteri economici assoluti in mano di pochi. Ma gli Stati e le Nazioni promuovano la giustizia, il libero arbitrio, il diritto di esercitare la propria religione, i diritti umani, il diritto dell’istruzione, il diritto del lavoro, il diritto di una abitazione, il rispetto della natura, con la solidarietà e la disponibilità di tutti gli uomini di buona volontà. PREGHIERA INTRODUTTIVA Chiusa in un dolore atroce, eri là sotto la croce dolce Madre di Gesù Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

14 Lettura – ( Luca 23,20-25) Pilato parlò loro di nuovo, volendo rilasciare Gesù. Ma essi urlavano: Crocifiggilo, crocifiggilo! Ed egli, per la terza volta, disse loro: “Ma che male ha fatto costui? Non ho trovato nulla in lui che meriti la morte. Lo castigherò severamente e poi lo rilascerò”. Essi però insistevano e gran voce, chiedendo che venisse crocifisso; e le loro grida crescevano. Pilato allora decise che la loro richiesta fosse eseguita. Rilasciò colui che era stato messo in carcere per sommossa e omicidio e che essi richiedevano, e abbandonò Gesù alla loro volontà. I ° STAZIONE Gesù è condannato a morte Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Il tuo cuore desolato, fu in quell’ora trapassato,dallo strazio più crudel. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

15 Lettura (Galati 6,14) La croce, il patibolo degli schiavi, viene posta sulle spalle di Gesù e subito diventa per tutti i secoli il segno della misericordia di Dio e della nostra salvezza. Diventa addirittura la regola di vita per i discepoli di Cristo, che ha detto:”Se qualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua”. (Luca 9.23) I cristiani anzi non hanno altro vanto che nella croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo per noi è stato crocifisso, come noi per il mondo. 2° STAZIONE Gesù è caricato della Croce Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Quanto triste, quanto affranta, ti sentivi, O Madre santa, del divino Salvator. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

16 Lettura (1° Cor. 10,12-13) Quindi, chi crede di stare in piedi, guardi di non cadere. Nessuna tentazione vi ha finora sorpresi se non umana; infatti Dio è fedele e non permetter à che siate tentati oltre le vostre forze, ma con la tentazione vi dar à anche la via d ’ uscita e la forza per sopportarla. Lettura (Mt. 11,28-29) Ges ù disse: “ Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 3° STAZIONE Gesù cade per la prima volta Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo E vedesti il tuo Figliolo così afflitto, così solo dare l’ultimo respir. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

17 Lettura (Luca 2,34-35). Simeone li benedisse e parlò di Maria, sua madre: “ Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perch é siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafigger à l ’ anima ”. Lettura (Matteo 12,48-49) Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? Poi stendendo la mano verso i suoi discepoli disse: “ Ecco mia madre ed ecco i miei fratelli; perch é chiunque fa la volont à del Padre mio che è nei cieli, questi è per me fratello, sorella, madre ”. 4° STAZIONE Gesù incontra sua madre Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Se ti fossi stato accanto, forse che non avrei pianto, O Madonna, anch’io con te? Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

18 Lettura (Luca 23,26) Mentre lo conducevano via, presero un certo Simone di Cirene che veniva dalla campagna e gli misero addosso la croce da portare dietro a Ges ù. Lettura (1 Cor. 9,22-23). Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto a tutti, per salvare ad ogni costo qualcuno. Tutto io faccio per il Vangelo, per diventare partecipe con loro. 5° STAZIONE Ges ù aiutato da Simone Cireneo a portare la Croce Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Dopo averti contemplata, col tuo Figlio addolorata, quanta pena sento in cuor! Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

19 Lettura (Matteo 26,35-40) Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli pi ù piccoli, l ’ avete fatto a me. 6° STAZIONE La veronica asciuga il Volto di Ges ù Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Santa Vergine, hai contato tutti i corpi del peccato, nelle piaghe di Ges ù. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

20 Lettura (1Pietro 2,25) Dalle sue piaghe siete stati guariti. Eravate erranti come pecore ma ora siete tornati al pastore e guardiano delle vostre anime Lettura (Luca 5,24) Perch é sappiate che il Figlio dell ’ uomo ha il potere sulla terra di rimettere i peccati: “ io ti dico ” esclamò rivolto al paralitico “ alzati prendi il tuo lettuccio e va a casa tua ”. 7° STAZIONE Ges ù cade la seconda volta Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Fa che il tuo materno affetto, per tuo Figlio benedetto, mi commuova e infiammi il cuor. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

21 Lettura (Luca 23,28-29) Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ges ù disse: “ Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco verranno giorni nei quali si dir à : Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato ”. 8° STAZIONE Ges ù incontra le donne Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Dolce madre dell ’ amore, fa che il grande tuo dolore, io io senta pure in me. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

22 Lettura (Isaia 53,5-6.10) Egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquit à. Il castigo che ci d à salvezza si è abbattuto su di lui; per le sue piaghe noi siamo stati guariti. Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada. Il Signore fece ricadere su di lui l ’ iniquit à di noi tutti. Al Signore è piaciuto prostrato con dolori. Lettura (Luca 9,62). Nessuno che ha messo mano all ’ aratro e poi si volge indietro è adatto per il regno di Dio. 9° STAZIONE Ges ù cade la terza volta Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Con lo spasimo piangevi, mentre trepida vedevi, il tuo Figlio nel dolor. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

23 Lettura (Giovanni 19,23-24) I soldati poi, quando ebbero crocifisso Ges ù, presero le sue vesti e ne fecero quattro parti, una per ciascun soldato, e la tunica. Ora quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d ’ un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: “ Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca ”. Cos ì si adempiva la Scrittura: “ Si sono divisi tra loro le mie vesti e sulla mia tunica han gettato la sorte ”. E i soldati fecero proprio cos ì. 10° STAZIONE Gesù è spogliato delle vesti Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Le ferite che il peccato sul tuo corpo ha provocato siano impresse, o Madre, in me. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

24 Lettura (Marco 15,25.27) Erano le nove del mattino quando lo crocifissero: e l ’ iscrizione con il motivo della condanna diceva: il re dei giudei. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sua sinistra. 11° STAZIONE Ges ù è crocifisso Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Del Figliolo tuo trafitto, per scontare il mio delitto, condivido ogni dolor. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

25 Lettura (Luca 23,44-46) Era verso mezzogiorno, quando il solo si eclissò e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Il velo del tempio si squarciò nel mezzo. Ges ù, gridando a gran voce, disse: “ Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito ”. Detto questo spirò. 12° STAZIONE Gesù muore sulla croce Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Di dolori quale abisso, presso o madre, al crocifisso, voglio piangere con te. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

26 Lettura – (Giovanni 19,38.39) Dopo questi fatti, Giuseppe d ’ Arimatea, che era discepolo di Ges ù, ma di nascosto per timore dei Giudei, chiede a Pilato di prendere il corpo di Ges ù. Pilato lo concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Ges ù. Vi andò anche Nicodemo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e portò una misura di mirra e aloe di circa cento libbre. 13° STAZIONE Gesù è deposto dalla Croce Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Con amor di figlio, voglio fare mio il tuo cordoglio, rimanere accanto a te. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

27 Lettura – ( Romani. 6,4-5) Ges ù, consumato il suo sacrificio, viene deposto nel sepolcro, come il chicco di frumento è affidato alla terra per le messe future. Dal sepolcro uscir à l ’ umanit à rinnovata, gioiosa e partecipe dello splendore di Dio. Anche noi “ per mezzo del battesimo siamo stati sepolti insieme a lui nella morte, perch é come Cristo fu risuscitato dai morti per mezzo della gloria del Padre, cos ì anche noi possiamo camminare in una vita nuova. Se infatti siamo stati completamente uniti a lui con una morte simile alla sua, lo saremo anche con la sua risurrezione. 14° STAZIONE Gesù è posto nel sepolcro Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo O Madonna, o Ges ù buono, vi chiediamo il grande dono dell ’ eterna gloria in ciel. Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

28 Lettura (Romani 4,25) Il sepolcro sigillato di Ges ù non la fine della sua vicenda. La mattina di Pasqua il sepolcro è stato scoperchiato e il Cristo è apparso vivo e glorioso. La lotta, combattuta sul Calvario, è terminata con la sua vittoria. “ Si affrontarono morte e vita in un prodigioso duello: Il Signore della vita era morto, ora è vivo e trionfa ”. La meditazione del cammino con cui egli è passato da questo mondo al Padre, ci faccia crescere nella comunione di vita con colui che “è stato messo a morte per i nostri errori ed è stato risuscitato per la nostra giustificazione ”. Rit. - O Signore, ravviva in noi la speranza della nostra risurrezione - - Quando le forze del male sembrano dominare - - Quando il disfacimento del corpo e l ’ oppressione dello spirito tentano di toglierci ogni fiducia - Quando niente al mondo sembra pi ù consolarci 15° STAZIONE Gesù risorge Sacerdote – Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo Popolo – Perché con la tua santa croce hai redento il mondo Santa Madre, deh voi fate che le piaghe del Signore siano impresse nel mio cuore.

29 Lettura: LE BEATITUDINI (Mt. 5,1-12) “ Beati i poveri in spirito, perch é di essi è il regno dei cieli. Beati gli afflitti, perch é saranno consolati. Beati i miti, perch é erediteranno la terra. Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia, perch é saranno saziati. Beati i misericordiosi, perch é troveranno misericordia. Beati i puri di cuore, perch é vedranno Dio. Beati gli operatori di pace, perch é saranno chiamati figli di Dio. Beati i perseguitati per causa della giustizia, perch é di essi è il regno dei cieli. Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e mentendo diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perch é grande è la ricompensa nei cieli ”. CONCLUSIONE Sacerdote - Poniamo termine alla nostra preghiera comune, rianimando in noi la speranza e custodendo sempre nella mente e nel cuore il pensiero della morte e della Risurrezione del Signore Gesù. Sacerdote - Difendici sempre, o Dio, nel segno della tua vittoria, poiché abbiamo ricevuto la grazia e la gioia di seguire la croce come nostro vessillo. Per Cristo nostro Signore. Sacerdote - Il Signore sia con voi. Popolo - E con il tuo spirito. Sacerdote - Vi benedica Dio onnipotente, Padre e Figlio e Spirito Santo. Popolo – Amen Sacerdote - Andiamo in pace. Cristo Giudice – Perugino Musei Vaticani - Roma

30 I COMANDAMENTI DELL’AMORE ( Mt. 22,35-40) Questo è il più grande e il primo dei comandamenti. “… Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Il secondo è simile al primo: “Amerai il prossimo tuo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipende tutta la Legge e i Profeti. Dipinto – Raffaello Ascensione al Cielo di Gesù

31 Fine LA MORTE Il Trapasso XVII° sec. Città del Messico


Scaricare ppt "Sito Internet:"

Presentazioni simili


Annunci Google