La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AMICO FIUME SCUOLA PRIMARIA DI GAZZOLA A.S. 2012/2013 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AMICO FIUME SCUOLA PRIMARIA DI GAZZOLA A.S. 2012/2013 1."— Transcript della presentazione:

1 AMICO FIUME SCUOLA PRIMARIA DI GAZZOLA A.S. 2012/2013 1

2 IN COLLABORAZIONE CON ITAS RAINERI INFOAMBIENTE CLINICA VETERINARIA LURETTA 2

3 IN TREBBIA A RACCOGLIERE MACROINVERTEBRATI 3

4 AL LABORATORIO DELL’ITAS RAINERI PER OSSERVARE PIANTE E MACROINVERTEBRATI DEL TREBBIA 4

5 Gli animali del Parco del Trebbia Il nostro parco! 5

6 L’occhione 6

7 E’ una specie rara e quindi protetta. In Italia vivono solo coppie. 7

8 Ogni coppia depone solo 2 uova, tra i sassi, senza costruire il nido. Il guscio ha colori mimetici… … per rendere più difficile il loro ritrovamento da parte della ghiandaia, della gazza e anche delle volpi, che ne sono ghiotte! 8

9 Il Martin Pescatore 9

10 Attende con pazienza sopra ad un ramo che passi un pesciolino… … poi si lancia in picchiata… 10

11 … si tuffa in acqua, cattura la preda e poi risale sul suo ramo! 11

12 Conquista la sua fidanzata offrendole un pesciolino per dimostrarle di essere un ottimo pescatore, in grado di procurare cibo ai figli… 12

13 …poi entrambi scavano il nido, che in realtà è un tunnel, lungo fino a 1,30 metri, il quale termina in una stanza circolare più larga dove verranno deposte le uova. 13

14 L’ Airone Cenerino 14

15 Tutti gli aironi costruiscono i nidi vicini tra loro, su alberi molto alti. Un insieme di nidi viene detto «garzaia». 15

16 L’airone bianco maggiore 16

17 La garzetta 17

18 Come distinguere un airone bianco maggiore da una garzetta, se doveste incontrarli durante una passeggiata lungo il Trebbia? L’airone bianco e molto più alto, ha becco giallo con zampe e piedi neri, invece la garzetta ha il becco nero con zampe nere e piedi gialli! 18

19 Il picchio verde 19

20 Il nido viene ricavato, grazie al robusto becco, all’interno di un tronco d’albero ad almeno 1 metro di altezza. Si nutre di insetti, frutti, semi. 20

21 La volpe 21

22 Vive in gruppi formati da 1 maschio, 5-6 femmine e i loro cuccioli. Ognuno di questi gruppi ha un suo territorio di caccia i cui confini vengono tracciati lasciando messaggi odorosi sul terreno con urine e feci. 22

23 Partoriscono da 2 fino a 8-10 cuccioli, in primavera, all’interno di tane scavate nel terreno, in anfratti tra le rocce o anche nei tronchi d’albero. 23

24 E’ onnivora: mangia lepri, conigli, topi, ricci, uccelli e loro uova, ma anche frutta, bacche, persino lombrichi! 24

25 Il cinghiale 25

26 Vive nei boschi fitti e vicino a fonti d’acqua. I branchi, guidati da una scrofa anziana, sono formati solo da femmine, fino a 20, e dai loro cuccioli. I maschi adulti sono solitari, mentre quelli giovani stanno in piccoli gruppi. Ogni branco ha un suo territorio, che viene delimitato con le urine. 26

27 I maschi si distinguono dalle femmine grazie ai canini sporgenti. I canini sono a crescita continua e sfregando su quelli superiori, quando chiude la bocca, si mantengono sempre affilati! Vengono usati, assieme alle zampe, anche per scavare le buche in cui dormono. 27

28 Le femmine partoriscono 2 volte all’anno, in primavera e a fine estate. Possono nascere fino a 12 cuccioli 28

29 Il cinghiale è onnivoro: predilige ghiande, castagne, frutti, bacche, funghi, uova, ma durante l’inverno, in loro assenza, mangia anche insetti, lombrichi, carcasse di animali, rane, piccoli roditori. 29

30 Il capriolo 30

31 Vivono in branchi composti da 5-7 femmine, capeggiati dalla femmina dominante. I maschi vivono in questi branchi solo in autunno, nel resto dell’anno vivono solitari. I maschi si distinguono dalle femmine perché hanno le corna, che per loro forma particolare vengono chiamate PALCHI. I palchi cadono ogni anno tra ottobre e dicembre, a primavera sono già completamente ricresciuti. 31

32 Non dobbiamo mai avvicinarci o accarezzare un cucciolo: la mamma, sentendo il nostro odore, non lo allatterebbe più! 32

33 Il rospo e la rana Fate attenzione: il rospo non è il maschio della rana! Sono due animali diversi! 33

34 I rospi hanno pelle asciutta e rugosa rivestita da ghiandole che producono un liquido irritante per contatto, camminano (fanno salti lunghi solo pochi cm), non hanno bisogno dell’acqua, se non per deporre le uova riunite fra loro a formare nastri lunghi fino 5 metri. 34

35 In inverno cadono in letargo: le rane lo trascorrono nel fango sul fondo degli stagni e dei canali… …i rospi invece all’asciutto, sotto alle pietre o in piccoli rifugi sotto agli alberi. 35

36 Alla schiusa delle uova nasce un GIRINO: non ha le zampe, solo una lunga coda… … poi spuntano le due zampe posteriori… 36

37 … poi compaiono anche le zampe anteriori e solo con la perdita della coda avremo la rana, o il rospo, adulti. La durata della metamorfosi varia a seconda della temperatura e della quantità di cibo a disposizione; può avvenire in 2-4 mesi! 37

38 I pesci protetti del Parco del Trebbia Cobite comune

39 Barbo comune

40 I barbi da maggio a luglio iniziano a migrare verso monte, risalendo la corrente per arrivare dove l’acqua è più bassa e il fondale ghiaioso: lì avverrà la deposizione delle uova, da 1500 a 6500 a seconda delle dimensioni e dell’età della femmina. ATTENZIONE: le uova dei barbi sono tossiche per l’uomo, causano gastroenteriti! Se ne pescate uno, prima di cuocerlo, dovete rimuovere con attenzione le interiora!

41 I Macroinvertebrati 41

42 I macroinvertebrati sono invertebrati di lunghezza superiore al millimetro. Per quale motivo li cerchiamo nei fiumi? 42

43 Perché la presenza di questi animaletti nelle acque ci aiuta a capire se il fiume è inquinato oppure no. 43

44 Gammaridi: il nostro amico «gamberetto» 44

45 I gammaridi hanno 2 occhi, 2 paia di antenne, 7 paia di zampe (ma il primo paio, grazie alle chele, serve per mangiare, non per camminare). 45

46 Tricotteri Questi insetti si costruiscono una casetta con i granelli di sabbia o pezzetti di foglie! 46

47 Solo le loro larve vivono nell’acqua. Al contrario dei gamberetti, sono molto sensibili all’inquinamento organico e quindi se sono numerosi significa che il fiume è pulito. 47

48 Nuotano a dorso appena sotto il livello dell’acqua, respirando l’aria che intrappolano tra i peli che rivestono la loro pancia. Quando l’aria finisce si mettono a testa in giù facendo uscire l’estremità posteriore del corpo dove si trovano i fori da cui entra nuova aria. 48 Eterotteri

49 Odonati Libellula Può volare fino a 50 km/h e impiega fino a 5 anni per passare da larva ad adulto. 49

50 Efemerotteri Sono, assieme ai Plecotteri, i macroinvertebrati più importanti per capire se un fiume è inquinato: infatti vivono solo dove l’acqua è pulitissima! 50

51 Plecotteri Vivono solo in acque fredde, molto ossigenate e non inquinate. 51

52 LE PIANTE DEL FIUME TREBBIA 52

53 BIANCOSPINO Arbusto o alberello spinoso di forma molto variabile. I rami sono molto spinosi, prima bruno- rossicci e lisci poi grigi. Lascia cadere le foglie. I fiori sono biancastri, riuniti in gruppi. l fiori compaiono in Aprile- maggio. 53

54 SALICE BIANCO E’ un arbusto che cresce nei luoghi umidi. Le sue foglie sono allungate e molto delicate. 54

55 TOPINAMBUR Chiamato anche “tartufo di canna” perché per tanto tempo è stato sostituto della patata. Fiorisce a fine estate e i fiori sono giallo-oro e bellissimi. E’ ricco di vitamina A che aiuta la vista. 55

56 IL ROVO Il rovo è una pianta con spine, molte foglie rimangono durante l’ inverno. Le foglie sono a margine seghettato di colore verde scuro. I fiori bianchi o rosa sono composti da cinque petali Il frutto si può mangiare ed è la mora. 56

57 L’OLMO CAMPESTRE L’ olmo campestre è un albero che fa cadere le foglie, è un albero di media grandezza, può raggiungere altezze comprese tra i 2 e i 30 metri I fusti giovani presentano una corteccia liscia e di colore grigio scuro. Le foglie sono di forma allungata. 57

58 LA ROVERELLA la Roverella è la specie di quercia più diffusa in Italia. E’ una pianta che resiste bene alla siccità vive in zone assolate E’ una specie che fa cadere le foglie ma spesso mantiene le foglie secche e marroni anche in inverno. Vive anni. 58

59 PIOPPO NERO Albero alto fino a 30 metri, con chioma stretta. Tronco diritto con corteccia spessa, grigio bruna, solcata in verticale. Foglie che cadono, di forma triangolare, con picciolo lungo e margine dentellato. I frutti liberano semi piumosi. 59

60 ROSA CANINA È un arbusto che fa cadere le foglie, fiorisce a giugno, la sua altezza media è di 2 metri. È chiamata spesso rosa mela per i suoi grandi frutti rotondi,rosso brillante che hanno l’aspetto di piccole mele; e’un arbusto molto forte, i colori dei fiori sono rosa scuro, a mazzetti di 3. 60

61 SANTOREGGIA Santoreggia è una pianta annuale d’aspetto elegante, con foglie lineari a forma di lancia. I gambi, sono di un verde che tende al rossastro. I fiori minuscoli, sono di colore lilla chiaro, o bianchi, i fiori della santoreggia appaiono in estate, tra giugno e settembre e sono molto amati dalle api. 61

62 COME VORREI IL PARCO…. 62

63 CON TANTI UCCELLI LIBERI 63

64 CON TANTI FIORI E FRUTTI 64

65 CON IL ROBOT RACCOGLI RIFIUTI 65

66 CON DISTRIBUTORI DI CIBO PER ANIMALI 66

67 DOVE ANIMALI, PIANTE E PERSONE VIVONO IN RISPETTO GLI UNI DEGLI ALTRI 67

68 TUTTO PULITO E IN ORDINE 68

69 Si ringraziano I ragazzi dell’ITAS Raineri con i prof. Dipierdomenico e Gazzola Dott.ssa Sara Pellizzari di Infoambiente Dott. Calza e Brigati della Clinica Veterinaria Luretta Dott. Bernini della Provincia di Piacenza Dott.ssa Sonia Anelli dell’Ente Parco Consorzio di Bonifica Prof.ssa Volpi del Museo di Storia Naturale Arpa Comune di Gazzola 69

70 I bambini delle classi 2^A-2^B di Gazzola con le insegnanti 70

71 BUONA FESTA A TUTTI 71

72 VIVA IL PARCO DEL TREBBIA! 72


Scaricare ppt "AMICO FIUME SCUOLA PRIMARIA DI GAZZOLA A.S. 2012/2013 1."

Presentazioni simili


Annunci Google