La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Convegno: Lavoratori autonomi: identità e percorsi formativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Convegno: Lavoratori autonomi: identità e percorsi formativi."— Transcript della presentazione:

1 I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Convegno: Lavoratori autonomi: identità e percorsi formativi Roma, 26 marzo 2013 Struttura Sistemi e Servizi Formativi Roma, Corso d’Italia 33 Davide Premutico Ricercatore ISFOl

2 I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Parte II: a)Prassi formative;

3 I dati Forze Lavoro: partecipazione nelle 4 settimane precedenti l'intervista ad attività formative elaborazione Isfol su dati Istat (Forze Lavoro Media 2011). I dati sono al netto dei "non sa"

4 I dati Forze Lavoro: partecipazione nei 12 mesi precedenti l'intervista ad attività formative elaborazione Isfol su dati Istat (Forze Lavoro Media 2011). I dati sono al netto dei "non sa"

5 L’indagine: Cosa significa aggiornarsi Imprenditori e lavoratori in proprio Professionisti Totale RegolamentatiNon regolamentati Giornali, riviste di settore 66,676,570,570,1 Corsi di formazione, seminari specialistici 50,377,559,259,8 Confronto con collaboratori, consulenti e fornitori 58,154,656,056,8 Confronto con altri professionisti 51,064,460,256,0 Piattaforme web, internet, audiovisivi 49,864,359,855,2 Forum e community di apprendimento specialistico 12,124,717,816,6 Centri di ricerca universitari, d'innovazione e trasferimento tecnologico 4,910,28,36,8 Altro 6,82,44,05,2

6 Cosa ostacola l’aggiornamento Ostacoli motivazionali personali prevalgono su potenziali caratteristiche critiche dell’offerte Imprenditori e lavoratori in proprio Professionisti Totale Regolamentati Non regolamentati Difficoltà nel conciliare gli impegni di lavoro 56,161,754,157,8 Costi elevati17,815,622,917,4 Bisogno di aggiornamento non percepito18,78,312,614,9 Nessuno di questi13,315,515,114,1 Difficoltà logistiche10,413,112,611,4 Contenuti formativi non rispondenti alle esigenze 7,25,27,76,6 Formatori poco esperti/autorevoli1,31,52,11,4 Metodologie didattiche poco efficaci1,01,21,51,1 Complesse procedure per finanziamenti pubblici 0,6 1,40,6 Disorientamento da eccesso di offerta formativa 0,30,50,60,4

7 La prassi formativa nell’ultimo anno Il 26,2% degli intervistati non ha partecipato a nessuna tipologia di formazione o aggiornamento. Il 39,4% che ha partecipato tra i 3-5 eventi ed oltre (ma il 60% tra i liberi professionisti). Sempre rispetto alla partecipazione di 3-5 eventi formativi  si conferma quanto accede anche tra i dipendenti: Maggiore frequenze tra gli autonomi del Nord; Tra coloro in possesso di titoli universitari (oltre 62%); Tra coloro fino ai 44 anni.

8 Conoscenza e utilizzo dei fondi pubblici per la formazione dei lavoratori autonomi TotaleCategoriaIscritti ad albiIscritti ad associazioni Imprendit ore/Lavor atore in proprio Libero profession ista SiNoSiNo Si richiesti ma non ottenuti 3,84,32,32,64,34,62,8 SI, utilizzati 4,95,33,63,95,36,43,2 Conosco ma non li ho mai richiesti 56,957,555,158,456,256,157,8 NO, non li conosco 34,432,939,035,034,232,836,2 Totale100

9 Soggetto organizzatore dell’iniziativa di formazione più importante a cui il lavoratore autonomo ha partecipato nel 2011 (solo per coloro che hanno partecipato nel 2011) Organizzatore assimilato nella percezione dei rispondenti anche a finanziatore Imprenditori e lavoratori in proprio ProfessionistiTotale Regolamentati Non regolamentati Fornitore, altra azienda46,428,343,339,1 Associazioni professionali /di categoria 26,717,924,923,1 Ordine professionale0,634,12,413,8 Enti locali pubblici11,74,69,08,8 Ente di formazione privata7,89,310,38,5 Non sa5,13,06,84,4 Università, altro istituto pubblico 1,72,93,42,3 Totale100,0

10 Canale di informazione principale che ha segnalato l’iniziativa di formazione più importante a cui il lavoratore autonomo ha partecipato nel 2011 Canali di relazione professionale e di «rappresentanza» più rilevanti di quelli informali Imprenditori e lavoratori in proprio ProfessionistiTotale Regolamentati Non regolamentati Segnalazione di fornitori, clienti, collaboratori 44,226,040,036,8 Ordine professionale, associazione di categoria 24,548,522,633,8 Autonomamente17,713,017,615,9 Segnalazione di colleghi6,75,811,36,6 Contatto diretto con organizzatori o docenti 4,84,14,34,5 Altro2,22,64,22,5 Totale100,0

11 Quale formazione di contrasto alla crisi Considerazioni trasversali/condivise tra le diverse categorie e condizioni professionali Imprenditori e lavoratori in proprio Professionisti Totale Regolamentati Non regolamentati Miglioramento della gestione dell’attività 52,451,2 51,9 Specializzazione delle produzioni/servizi su esigenze mercati 39,542,340,240,5 Maggiore comprensione esigenze cliente 40,739,639,340,2 Maggiore scambio di esperienze con colleghi 38,842,541,940,2 Maggiori informazioni su nuovi prodotti/servizi 34,934,234,7 Certificazioni di qualità dei servizi/prodotti 31,127,729,329,9 Adozione nuovi sistemi di produzione28,725,529,427,7 Attestazioni che certifichino le competenze 25,630,427,827,3 Approfondimento su attività concorrenza 26,823,123,925,4 Alleanze/accordi con centri di ricerca, innovazione 17,621,522,419,2

12 I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Parte II: a)Prassi formative; b)Quale formazione;

13 Quali strumenti a sostegno della crescita professionale

14 Strumenti a supporto: poche differenze tra professioni regolamentate e non

15 Strumenti a supporto: percezione di utilità per strumento

16 I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Parte II: a)Prassi formative; b)Quale formazione; c)Una segmentazione dei lavoratori autonomi

17 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: tradizionali evoluti e professionals i “tradizionali evoluti”, 25,7% del campione  età e livello di studio intermedio, con prevalenza spiccata di imprenditori e lavoratori in proprio, senza addetti, esercitano la professione nei settori primario e secondario. Il loro atteggiamento verso la formazione è ambivalente e comunque “residuale”: riconoscono, tuttavia, un valore specifico nella formazione esperienziale e basata sulla relazione con figure professionali analoghe; i “professionals”, 21,1% del campione  forte connotazione di liberi professionisti (ambiti di spicco sono quello giuridico ed economico-fiscale). Gestori della “complessità” amministrativa ed economica, con elevati livelli di studio e una forte propensione verso la formazione.

18 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: net builders e tradizionali conservatori i “net-builders”, 22,2% del campione  Alcune analogie con il precedente, tuttavia, prevalgono le figure di lavoratori in proprio e imprenditori. Elevata la presenza di professionisti dell’area sanitaria e di altre attività di servizio. Vocazione ad associarsi e a creare reti di contatti funzionali alla propria professione, ma anche all’approvvigionamento di nuove conoscenze e competenze con utilizzo di nuove tecnologie. Maggiore incidenza di professionisti con dipendenti a supporto della propria attività; i “tradizionali conservatori”, il 31,0% del campione  Imprenditori e lavoratori autonomi con un’età media più elevata e un titolo di studio più basso rispetto agli altri. Operano anche in contesti economici di tipo tradizionale, come il commercio, e si avvalgono in misura minore di collaboratori. Si tratta nel complesso del gruppo più distante rispetto alle prassi di formazione.

19 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: connotazione generazionale

20 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: come apprendono Tradizionali evolutiProfessionals Net- builders Tradizionali conservatori Apprendo informazioni tramite piattaforme web, internet, audiovisivi, etc. 71,8%70,1%71,1%20,0% Partecipo a forum e community di apprendimento specialistico 9,2%27,0%35,5%2,2% Mi confronto con altri professionisti 77,9% 66,9%75,0%16,9% Partecipo a corsi di formazione, seminari specialistici, etc 37,7%94,4%90,5%32,6% Mi confronto con collaboratori/consulenti esterni/fornitori/clienti 82,6%49,2%77,7%25,6% Mi confronto con centri di ricerca universitari/di innovazione e trasferimento tecnologico 5,1%9,5%14,6%0,9%

21 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: per partecipazione ad almeno 1 giornata formativa l’anno

22 Segmentazione in 4 gruppi dei lavoratori autonomi: priorità di scelta verso i supporti formativi Tradizionali evoluti ProfessionalsNet-builders Tradizionali conservatori Voucher interamente rimborsato su catalogo qualificato da amministrazione pubblica 33,6%47,3%12,9%13,4% Voucher parzialmente rimborsato su catalogo a mercato libero 10,0%17,1%4,1%2,8% Agevolazioni fiscali39,1%24,9%73,6%59,8% Contributo da versare su reddito per la propria formazione 4,4%3,9%5,0%3,5%

23 Quali dimensioni per una nuova policies ? Azioni individuale vs incentivazioni programmazione formativa nell’ambito di reti Incentivi monetari diretti vs agevolazioni fiscali vs servizi Estendere le incentivazioni/agevolazioni per le imprese agli autonomi (da singoli lavoratori  a imprese) Diversificazione e segmentazione per interventi su platea eterogenea


Scaricare ppt "I risultati dell’indagine quali- quantitativa sui processi formativi dei lavoratori autonomi Convegno: Lavoratori autonomi: identità e percorsi formativi."

Presentazioni simili


Annunci Google