La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Guido Cavalcanti Voi che per li occhi mi passaste ‘l core.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Guido Cavalcanti Voi che per li occhi mi passaste ‘l core."— Transcript della presentazione:

1 Guido Cavalcanti Voi che per li occhi mi passaste ‘l core

2 e destaste la mente che dormia, guardate a l ’ angoscia vita mia, che sospirando la distrugge amore. E’ vèn tagliando di sì gran valore, che ‘ deboletti spiriti van via : riman figura sol en segnoria e voce alquanta, che parla dolore. Questa vertù d ’ amor che m ‘ ha disfatto da ‘ vostr ‘ occhi gentil ‘ presta si mosse : un dardo mi gittò dentro dal fianco. Sì giunse ritto ‘ l colpo al primo tratto, che l’anima tremando si riscosse Veggendo morto ‘ l cor nel lato manco.

3 Parafrasi 1-4 Voi che attraverso gli occhi mi trafiggeste il cuore e svegliaste la mente che dormiva, prestate attenzione alla mia vita angosciosa, che Amore distrugge in sospiri. 1-4 Voi che attraverso gli occhi mi trafiggeste il cuore e svegliaste la mente che dormiva, prestate attenzione alla mia vita angosciosa, che Amore distrugge in sospiri. 5-8 Egli avanza ferendo con così gran forza che le deboli funzioni vitali se ne vanno: in balìa rimangono solo l’aspetto esterno e poca voce, che parla dolore. 5-8 Egli avanza ferendo con così gran forza che le deboli funzioni vitali se ne vanno: in balìa rimangono solo l’aspetto esterno e poca voce, che parla dolore. 9-11 Questa forza d’amore che mi ha distrutto provenne rapida dai vostri occhi nobili mi lanciò una freccia nel fianco. 9-11 Questa forza d’amore che mi ha distrutto provenne rapida dai vostri occhi nobili mi lanciò una freccia nel fianco. 12-14 Il colpo giunse così centrato al primo lancio, che l’anima si svegliò vedendo il cuore morto nel fianco sinistro. 12-14 Il colpo giunse così centrato al primo lancio, che l’anima si svegliò vedendo il cuore morto nel fianco sinistro.

4 SPIEGAZIONE POESIA SPIEGAZIONE POESIA L’amore devasta la vita del autore: lo sguardo della donna attraversa i suoi occhi arrivando fino al cuore come la freccia di un potente guerriero. Come il cuore ferito a morte il poeta viene pervaso da sentimenti di angoscia e di tristezza: la sua anima ormai non può più trovare pace. L’amore devasta la vita del autore: lo sguardo della donna attraversa i suoi occhi arrivando fino al cuore come la freccia di un potente guerriero. Come il cuore ferito a morte il poeta viene pervaso da sentimenti di angoscia e di tristezza: la sua anima ormai non può più trovare pace.

5 Sonetto endecasillabo Voi che per li occhi mi passaste ‘ l core A e destaste la mente che dormia, B guardate a l ’ angoscia vita mia, B che sospirando la distrugge amore. A INCROCIATE QUARTINE INCROCIATE QUARTINE E’ vèn tagliando di sì gran valore, A che ‘ deboletti spiriti van via : B riman figura sol en segnoria B e voce alquanta, che parla dolore. A Questa vertù d ’ amor che m ‘ ha disfatto E da ‘ vostr ‘ occhi gentil ‘ presta si mosse : F un dardo mi gittò dentro dal fianco. G RIPETUTE TERZINE RIPETUTE TERZINE Sì giunse ritto ‘ l colpo al primo tratto, E che l’anima tremando si riscosse F Veggendo morto ‘ l cor nel lato manco. G

6 Voi che per li occhi mi passaste ‘ l core Giallo = sinalèfe e destaste la mente che dormia, verde = Sinèresi guardate a l ’ angoscia vita mia, Marrone = Piano che sospirando la distrugge amore. E’ vèn tagliando di sì gran valore, che ‘ deboletti spiriti van via : riman figura sol en segnoria e voce alquanta, che parla dolore. Questa vertù d ’ amor che m ‘ ha disfatto da ‘ vostr ‘ occhi gentil ‘ presta si mosse : un dardo mi gittò dentro dal fianco. Sì giunse ritto ‘ l colpo al primo tratto, che l’anima tremando si riscosse Veggendo morto ‘ l cor nel lato manco.

7 Figure retoriche ed Enjambement Voi che per li occhi mi passaste ‘ l core e destaste la mente che dormia, guardate a l ’ angoscia vita mia, che sospirando la distrugge amore. E’ vèn tagliando di sì gran valore, che ‘ deboletti spiriti van via : riman figura sol en segnoria e voce alquanta, che parla dolore. Questa vertù d ’ amor che m ‘ ha disfatto da ‘ vostr ‘ occhi gentil ‘ presta si mosse : un dardo mi gittò dentro dal fianco. Sì giunse ritto ‘ l colpo al primo tratto, che l’anima tremando si riscosse Veggendo morto ‘ l cor nel lato manco. Iperbole : esagera poiché lo sguardo non può Trapassare il cuore EnjambementEnjambementEnjambement Alliterazione : ripete la lettera “ r “ Enjambement


Scaricare ppt "Guido Cavalcanti Voi che per li occhi mi passaste ‘l core."

Presentazioni simili


Annunci Google