La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 L’EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI Da pag 14 a pag 15 e da pag 17 a pag 27.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 L’EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI Da pag 14 a pag 15 e da pag 17 a pag 27."— Transcript della presentazione:

1 1 L’EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI Da pag 14 a pag 15 e da pag 17 a pag 27

2 2 L’orologio del tempo biologico pag 14 e 15 Eventi fondamentali della storia della Terra Nascita Terra: 4,6 miliardi di anni fa Nascita, nel brodo primordiale, dei primi organismi unicellulari procarioti eterotrofi: 3, 5 miliardi di anni fa Nascita, nel brodo primordiale, dei primi organismi unicellulari procarioti autotrofi: 3 miliardi di anni fa Nascita, nel brodo primordiale, dei primi organismi unicellulari eucarioti eterotrofi ed autotrofi : 1, 5 miliardi di anni fa Nascita, nel brodo primordiale, dei primi organismi pluricellulari eucarioti, eterotrofi ed autotrofi:1 miliardo di anni fa Nascita dei primi organismi animali e vegetali terrestri: 500 milioni di anni fa

3 3 Prima di Darwin vennero formulate diverse teorie evolutive Premessa: in campo scientifico una teoria è un insieme di leggi tra loro correlate e convalidate da esperimenti; nel linguaggio comune una teoria è un’idea non verificata. A volte queste differenze nell’uso delle parole, possono generare equivoci e far pensare che gli scienziati siano poco sicuri delle loro affermazioni, ma in realtà non è così.

4 4 Prima di Darwin vennero formulate diverse teorie evolutive pag 17 Anassimandro ( a.C ) filosofo greco Lucrezio ( a.C) poeta latino che scrisse il De rerum natura ritenevano che il mondo non era stato creato, come diceva la religione, ma che gli animali e le piante si fossero evoluti da esseri più semplici Per molti secoli, la teoria evoluzionistica fu abbandonata, perché era in contrasto con la religione L’idea che la comparsa delle specie sia opera di un Creatore e perciò esse siano perfette ed immutabili è nota con il nome di creazionismo La teoria evoluzionistica venne ripresa nel 1700 da un naturalista francese Georges Buffon ( ) il quale intuì i fondamenti dell’evoluzione, ma ebbe paura di divulgare il proprio pensiero, perché minacciato di scomunica dalla Chiesa

5 5 Secondo alcuni geologi, la storia della Terra è molto lunga pag 18 Le basi della teoria evolutiva sono state gettate, più dai geologi che dai biologi, perché verso la metà del 1700, furono fatti molti scavi alla ricerca di giacimenti di carbone, la cui combustione poteva fornire l’energia per il funzionamento delle fabbriche costruite durante il periodo della rivoluzione industriale. I geologi studiano la composizione della Terra ed i processi che la modellano, mentre i biologi studiano gli organismi. Verso la fine del 1700 il geologo scozzese James Hutton ( ) formulò la teoria dell’attualismo: la superficie terrestre è stata plasmata da processi lenti come i cambiamenti climatici, il movimento dei ghiacciai, lo scorrimento delle acque ovvero da eventi che agiscono in modo continuo sulla superficie terrestre da sempre e che continuano ad agire anche in tempi attuali (da qui il nome attualismo)

6 6 Importanza della teoria dell’attualismo pag 18 Essa è importante per 3 ragioni 1. se la superficie terrestre è stata modellata da processi lenti e graduali, significa che l’età della Terra non è quella indicata dalla Bibbia (6000 anni), ma è molto più vecchia 2. se la superficie terrestre si modifica lentamente nel tempo, anche gli organismi possono cambiare insieme ad essa 3. ci potevano essere altre interpretazioni del contenuto della Bibbia

7 7 William Smith pag 19 Durante l’ultima parte del 1800 nacque, nel mondo scientifico,l’interesse per i fossili (resti di organismi vissuti in epoche passate); nei secoli precedenti essi erano considerati stranezze della natura o prove del Diluvio Universale L’inglese William Smith (1769 – 1839) fu tra i primi a studiare i fossili e comprese che la storia della Terra era inseparabile dalla storia della vita

8 8 Jean Batiste de Lamarck pag 20 Il francese Jean Batiste de Lamarck ( ) comprese che tutte le specie di organismi discendevano da altre specie meno complesse. Aveva osservato che le rocce più antiche contenevano fossili di forme più semplici Egli ipotizzò che le forme più complesse si fossero originate da forme più semplici mediante una evoluzione L’evoluzione si basa su 2 principi: 1. l’uso sviluppa l’organo (di un animale) – vedi sul libro esempio del collo delle giraffe 2. i caratteri acquisiti durante la vita sono trasmessi alla prole Egli comprese l’importanza dell’ambiente per l’evoluzione degli organismi; i caratteri utili per vivere in un determinato ambiente si acquisiscono nel corso della vita

9 9 Georges Cuvier pag 19 Il francese Georges Cuvier (1769 – 1832) paleontologo pensava che: - le specie fossero immutabili (teoria del fissismo) - le specie delle epoche precedenti non fossero i precursori di quelle moderne Egli spiegava l’estinzione delle specie con una teoria chiamata catastrofismo, secondo la quale sulla Terra erano avvenute nel corso del tempo molte catastrofi naturali che avevano causato l’estinzione di tante specie; successivamente queste erano state sostituite da altri organismi provenienti da luoghi sconosciuti

10 10 Charles Lyell e Charles Darwin pag Il geologo britannico Charles Lyell ( ) scrisse un libro “Principi di geologia” che Darwin ( ) portò con sé nel suo viaggio intorno al mondo. Lyell confermò la teoria dell’attualismo di Hutton Il viaggio di Darwin durò 5 anni dal 1831 al 1836; quando salpò dal’Inghilterra era ancora un ragazzo (aveva solo 22 anni) Spesso scendeva a terra per fare osservazioni naturalistiche Sebbene non sia stato il primo ad affermare che gli organismi si evolvono nel tempo, egli fu il primo a raccogliere una grande quantità di dati a sostegno di questa ipotesi e a proporre un meccanismo che potesse spiegare il processo evolutivo

11 11 Charles Darwin Tale meccanismo è la selezione naturale ( è la scelta che la natura opera sugli organismi viventi, favorendo maggiormente quelli che possiedono determinate caratteristiche e sfavorendo altre che non le possiedono)


Scaricare ppt "1 L’EVOLUZIONE DEGLI ESSERI VIVENTI Da pag 14 a pag 15 e da pag 17 a pag 27."

Presentazioni simili


Annunci Google