La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Origine della specie creazionismo evoluzionismo Lamark Darwin Cuvier Linneo fissismo Nomenclatura binomia catastrofismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Origine della specie creazionismo evoluzionismo Lamark Darwin Cuvier Linneo fissismo Nomenclatura binomia catastrofismo."— Transcript della presentazione:

1 Origine della specie creazionismo evoluzionismo Lamark Darwin Cuvier Linneo fissismo Nomenclatura binomia catastrofismo

2 La teoria dellevoluzione di Lamarck e Darwin variabilità nella specie La teoria dellevoluzione Darwin Lamarckdi la quale si basa sulla la prolificità degli esseri la lotta per la sopravvivenza e la conseguente selezione naturale che determina la sopravvivenza del più adatto di conseguenze delluso e il disuso degli organi lereditarietà dei caratteri acquisiti afferma che le specie non rimangono immutate nel tempo,ma derivano da un antenato comune la quale si basa sulle alle teorie del fissismo e del creazionismo, che ritenevano gli esseri immutabili nel tempo Si contrappone

3 Lesempio classico del lamarckismo è la crescita del collo delle giraffe. Egli riteneva che le giraffe ancestrali avessero il collo corto e che si fossero sforzate per arrivare alle foglie più alte degli alberi (legge delluso degli organi). Questo sforzo si sarebbe trasmesso alla discendenza che presentava un collo un po più lungo ( legge dellereditarietà dei caratteri acquisiti ). Si formò così nel corso di molte generazioni, una stirpe di erbivori dal collo lunghissimo: le giraffe. Lamarck ( ) Il meccanismo di cambiamento delle specie sarebbe dovuto, secondo Lamarck, ad alcune forze interne, che produrrebbero negli organismi leggere modificazioni, che si andrebbero accumulando nelle generazioni seguenti. Il suo modello di ereditarietà era scorretto e si basava sul concetto dei caratteri acquisiti. Qualsiasi incidente, malattia, sforzo fisico, ecc, si ripercuoterebbe nelle cellule sessuali dellindividuo e si trasmetterebbe alla discendenza. La teoria dellevoluzione di Lamarck

4 Linglese C. Darwin ( ) compì, nel 1831, un viaggio a bordo del brigantino Beagle. In 5 anni di navigazione sostò nellAmerica Meridionale, nelle isole del Pacifico e nelle coste dellAtlantico. Nel corso del viaggio Darwin ebbe modo di condurre studi e osservazioni che gli consentirono di formulare le teorie dell'evoluzione e della selezione naturale.

5 Pensò allora ad una spiegazione differente: Un piccolo numero di giraffe nascevano -per caso- con il collo e le gambe un po più lunghe del normale. Proprio come qualcuno di noi è più alto, o più basso, dei propri genitori. Queste giraffe avevano dei vantaggi sulle altre, quello di potere raggiungere le foglie dei rami più alti in caso di scarsità di cibo, e quello di scappare più veloci davanti a un leone o un leopardo. Avevano perciò rispetto alle altre più possibilità di sopravvivere, e quindi di avere dei piccoli (che avrebbero avuto il collo e le gambe più lunghi degli altri). Ovviamente se un gruppo di queste giraffe si fosse spostate in una zona dove gli alberi erano più alti, o i leopardi più veloci, a lungo andare colli e gambe si sarebbero dovuti allungare ancora di più, altrimenti le possibilità di sopravvivenza sarebbero state minime. Questo spiegava come le specie si trasformavano, e il motivo per cui le caratteristiche delle specie erano diverse da luogo a luogo. Darwin conosceva la teoria di Lamarck, … se io faccio flessioni tutta la vita diventerò magari muscolosissimo, ma i miei figli non nasceranno per questo muscolosissimi!!! La teoria dellevoluzione di Darwin

6 "... Vi è una semplice grandezza nel modo di considerare la vita coi suoi poteri di crescere, di assimilare e di riprodursi, come ispirata originariamente nella materia in una o poche forme; e mentre questo nostro pianeta è andato rotando secondo determinate leggi, la terra e lacqua in un ciclo di cambiamenti si sostituivano luna allaltra, in modo tale che da una origine così semplice, attraverso il processo di una selezione graduale di cambiamenti infinitesimi, si sono evolute infinite forme di stupenda bellezza...." C. Darwin Lorigine della specie, abbozzo del 1842

7 Nasceva così la teoria della selezione naturale, che Darwin rese nota più di 20 anni dopo nel famosissimo libro Lorigine della specie. Fu la prudenza che gli suggerì di aspettare così tanto, e non aveva torto. Infatti, non appena pubblicato, il libro scatenò feroci polemiche, soprattutto da parte della Chiesa. La teoria di Darwin sosteneva che gli animali si evolvevano a caso, seguendo una crudele competizione naturale in cui sopravvivevano solo i migliori. Ma ancora più grave era una dei punti della nuova teoria: luomo e le scimmie avevano gli stessi antenati! Allora non era vero che Dio aveva creato in origine Adamo ed Eva, come diceva la Bibbia. Aveva creato delle scimmie da cui poi saremmo discesi tutti noi, con i nostri cugini babbuini, orango-tango e scimpanzé. La stretta parentela tra uomo e scimmia era difficile da mandare giù. Il lavoro di Darwin incontrò resistenze anche da parte di moltissimi uomini di scienza, e ci vollero molti anni prima che venisse accettato completamente.


Scaricare ppt "Origine della specie creazionismo evoluzionismo Lamark Darwin Cuvier Linneo fissismo Nomenclatura binomia catastrofismo."

Presentazioni simili


Annunci Google