La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’evoluzione del rapporto di lavoro nella p.a.  Lento cammino della contrattazione nel p.i. dalla fine degli anni ‘60 agli anni ‘80.  Nel 1992 la svolta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’evoluzione del rapporto di lavoro nella p.a.  Lento cammino della contrattazione nel p.i. dalla fine degli anni ‘60 agli anni ‘80.  Nel 1992 la svolta."— Transcript della presentazione:

1

2 L’evoluzione del rapporto di lavoro nella p.a.  Lento cammino della contrattazione nel p.i. dalla fine degli anni ‘60 agli anni ‘80.  Nel 1992 la svolta della “privatizzazione” del rapporto.  Il rapporto tra sindacato e Stato

3 Il D.lgs.30/3/2001 n.165 (e successive modifiche)  La disciplina originaria affidava alla legge le linee fondamentali, lasciando alla contrattazione collettiva il compito di portare la disciplina del rapporto di lavoro quanto più vicina al lavoro privato (il CC può delegificare, in forza della sua peculiare forza)  La riforma «Brunetta» riporta il contratto a funzioni residuali rispetto alla legge e rende derogabile la legge solo quando sia espressamente previsto.

4 La contrattazione collettiva  Le «regole» sono ora stabilite dalla legge: durata del contratto nazionale e coordinamento tra livelli contrattatuali  I «comparti» (da 10 a 4, ma non ancora…)  La contrattazione ha competenze limitate  La legge si occupa di:  Organizzazione degli uffici (macro e micro)  Prerogative e incarichi dirigenziali  Materie oggetto di partecipazione sindacale

5 segue  Anche per le altre materie la legge regola le parti essenziali e la contrattazione interviene nei limiti stabiliti dalla legge.  Livelli:  [Accordo intercompartimentale]  Contratto nazionale di comparto  Contratto integrativo

6 Contratto integrativo  A livello di singola p.a.  Trattamenti economici accessori alla promozione di politiche premiali.  Il problema della valutazione della performance  Il problema dei costi: il caso della scuola  per il 2016 per retribuzione incentivante  i docenti  Se sono premiati il 50%: 330 euro/anno lordo; alias 190 netti …

7 I soggetti della contrattazione: Il datore di lavoro Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni

8 Caratteristiche  Composizione  Presidente (nomina del PdR su proposta del Ministro per la PA  Collegio di indirizzo e controllo  2 nominati dal Ministro della PA  1 Conferenza dei Presidenti delle Regioni  1 ANCI e UPI  E’ legale rappresentante della p.a.  Potere di indirizzo ai Comitati di settore  Controllo consuntivo della Corte dei Conti

9 Comitati di settore  Organismi espressi dalle diverse amministrazioni  1 per la conferenza dei Presidenti delle Regioni  1 nell’ambito dell’ANCI e dell’UPI  1 per tutti gli altri: la Presidenza del Consiglio

10 I soggetti contrattuali: i lavoratori  Per disciplina legale si selezionano i soggetti titolari di prerogative sindacali particolari (come avviene con l’art.19 st. x il privato) ed anche per selezionare i sindacati legittimati a stipulare i CNC

11 La rappresentatività Sono ammesse alla contrattazione: “Le organizzazioni sindacali che abbiano nel comparto o nell’area una rappresentatività non inferiore al 5% considerando a tale fine la media tra il dato associativo e il dato elettorale”

12 DDato associativo: percentuale delle deleghe per il versamento dei contributi sindacali rispetto al totale delle deleghe DDato elettorale: percentuale dei voti ottenuti nelle elezioni per le RSU QQui le RSU sono elettive al 100% LLe liste possono essere presentate dai sindacati rappresentativi e da ogni altra associazione che abbia una lista sottroscritta dal 2-3% dei dipendenti

13 La procedura contrattuale 1.Le risorse: definite dal Ministro del Tesoro, stabilite nella legge finanziaria 2. Deliberazioni di indirizzo dei comitati di settore 3. Contrattazione ARAN/Sindacati 4. Ipotesi di accordo 5.Parere vincolante Corte dei Conti: copertura finanziaria Verifica del consenso delle OO.SS. per almeno il 51% (media) o 60% dato elettorale

14  Firma del contratto  Pubblicazione nella G.U.

15 Efficacia del Contratto  L’efficacia generale del contratto è data da  L’Aran è legale rappresentante e “le p.a. adempiono agli obblighi assunti con i contratti collettivi nazionali o integrativi…  La p.a. ha l’obbligo di garantire trattamenti non inferiori a quelli previsti dai rispetti contratti collettivi (art.45 d.lgs. 165/2001)

16 Corte Cost. 16 ottobre 1997, n.309  La p.a. è vincolata al rispetto del contratto per dato normativo  Il pubblico dipendente per accettazione con il contratto individuale

17 La disciplina nella pubblica amministrazione delle RSU  Accordo collettivo quadro 7 agosto 1998 che dà attuazione all’art. 47 del decreto legislativo 3 febbraio 1993 n.29 - recante norme sulla elezione ed il funzionamento degli organismi di rappresentanza sindacale unitaria del personale.  Ora, art.42 d.lgs 165/2001

18 1. Alla costituzione delle RSU si procede mediante elezione a suffragio universale ed a voto segreto con il metodo proporzionale tra liste concorrenti. 2. Nella composizione delle liste si perseguirà una adeguata rappresentanza di genere nonché una puntuale applicazione delle norme antidiscriminatorie

19 Compiti e funzioni Le RSU subentrano alle RSA o alle analoghe strutture sindacali esistenti comunque denominate ed ai loro dirigenti nella titolarità dei diritti sindacali e dei poteri riguardanti l’esercizio delle competenze contrattuali ad esse spettanti 2. Fermo rimanendo quanto previsto dall’art. 47, comma 2 del d.lgs. 29/1993, i CCNL di comparto possono disciplinare le modalità con le quali la RSU può esercitare in via esclusiva i diritti di informazione e partecipazione riconosciuti alle rappresentanze sindacali dall’art.10 del d.lgs.29/1993 o da altre disposizioni di legge o contratto collettivo

20 3. Nella contrattazione collettiva integrativa, i poteri e le competenze contrattuali vengono esercitati dalle RSU e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del relativo CCNL. di comparto. 4. In favore delle RSU sono, pertanto, garantiti complessivamente i seguenti diritti: a) diritto ai permessi retribuiti ; b) diritto ai permessi non retribuiti; c) diritto ad indire l’assemblea dei lavoratori ; d) diritto ai locali e di affissione secondo le vigenti disposizioni

21 ART. 42 DIRITTI E PREROGATIVE SINDACALI NEI LUOGHI DI LAVORO 1. Nelle pubbliche amministrazioni la libertà e l'attività sindacale sono tutelate nelle forme previste dalle disposizioni della legge 20 maggio 1970, n. 300, e successive modificazioni ed integrazioni. Fino a quando non vengano emanate norme di carattere generale sulla rappresentatività sindacale che sostituiscano o modifichino tali disposizioni, le pubbliche amministrazioni, in attuazione dei criteri di cui all'articolo 2, comma 1, lettera b) della legge 23 ottobre 1992, n. 421, osservano le disposizioni seguenti in materia di rappresentatività delle organizzazioni sindacali ai fini dell'attribuzione dei diritti e delle prerogative sindacali nei luoghi di lavoro e dell'esercizio della contrattazione collettiva.

22 2. In ciascuna amministrazione, ente o struttura amministrativa di cui al comma 8, le organizzazioni sindacali che, in base ai criteri dell'articolo 43, siano ammesse alle trattative per la sottoscrizione dei contratti collettivi, possono costituire rappresentanze sindacali aziendali ai sensi dell'articolo 19 e seguenti della legge 20 maggio 1970, n. 300, e successive modificazioni ed integrazioni. Ad esse spettano, in proporzione alla rappresentatività, le garanzie previste dagli articoli 23, 24 e 30 della medesima legge n. 300 del 1970, e le migliori condizioni derivanti dai contratti collettivi.

23 3. In ciascuna amministrazione, ente o struttura amministrativa di cui al comma 8, ad iniziativa anche disgiunta delle organizzazioni sindacali di cui al comma 2, viene altresì costituito, con le modalità di cui ai commi seguenti, un organismo di rappresentanza unitaria del personale mediante elezioni alle quali è garantita la partecipazione di tutti i lavoratori. 4. Con appositi accordi o contratti collettivi nazionali, tra l'ARAN e le confederazioni o organizzazioni sindacali rappresentative ai sensi dell'articolo 43, sono definite la composizione dell'organismo di rappresentanza unitaria del personale e le specifiche modalità delle elezioni.


Scaricare ppt "L’evoluzione del rapporto di lavoro nella p.a.  Lento cammino della contrattazione nel p.i. dalla fine degli anni ‘60 agli anni ‘80.  Nel 1992 la svolta."

Presentazioni simili


Annunci Google