La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La collettività di Wallis e Futuna (in francese: Collectivité des Îles Wallis et Futuna) è un territorio insulare composto principalmente da tre isole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La collettività di Wallis e Futuna (in francese: Collectivité des Îles Wallis et Futuna) è un territorio insulare composto principalmente da tre isole."— Transcript della presentazione:

1 La collettività di Wallis e Futuna (in francese: Collectivité des Îles Wallis et Futuna) è un territorio insulare composto principalmente da tre isole vulcaniche tropicali (Wallis, Futuna, e Alofi) con scogliere areali che si trovano nella parte sud dell'oceano Pacifico, fra le isole Figi e Samoa.franceseisolevulcanichetropicaliWallisFutunaAlofioceano PacificoFigiSamoa

2 Collettività d'oltremare Wallis e Futuna è una Collettività d'Oltremare francese (francese: collectivité d'outre-mer, o COM) dal Tra il 1961 e il 2003, ebbe lo status di Territorio d'Oltremare francese (territoire d'outre-mer, o TOM).Collettività d'Oltremarefrancese Territorio d'Oltremare francese Re tradizionali Le isole hanno tradizionalmente 3 re:re Kapiliele FaupalaKapiliele Faupala, re di Uvea dal 25 luglio 2008;Uvea25 luglio2008 Visesio MoelikuVisesio Moeliku re di Sigave dal 2004.Sigave2004 Nell'isola di Tu'a il trono è vacante dal maggio 2008 e le redini dell'isola sono nelle mani del Consiglio dei Ministri locale.Tu'a

3 Anche se venne scoperto dagli olandesi e dai britannici nel XVII e XVIII secolo, furono i francesi i primi europei a stabilirsi in questo territorio, con l'arrivo di missionari nel 1837, che convertirono la popolazione al cattolicesimo. Il 5 aprile 1842, essi chiesero la protezione della Francia a seguito della ribellione di parte della popolazione locale. Il 5 aprile 1887, la Regina di Uvea (sull'isola di Wallis) firmò un trattato ufficiale che stabiliva il protettorato francese. I re di Sigave e Tu`a (Alo), sulle isole di Futuna e Alofi, firmarono anch'essi un trattato che stabiliva un protettorato francese, il 16 febbraio Le isole vennero poste sotto l'autorità della colonia francese della Nuova Caledonia.olandesibritanniciXVIIXVIII secolo1837cattolicesimo5 aprile1842Francia5 aprile1887UveaprotettoratoSigaveTu`a16 febbraio1888colonia franceseNuova Caledonia Nel 1917, i tre regni tradizionali vennero annessi alla Francia e trasformati nella Colonia di Wallis e Futuna, sempre sotto l'autorità della Nuova Caledonia.1917 Nel 1959, gli abitanti delle isole votarono per diventare un territorio d'oltremare francese, in vigore dal 1961, ponendo quindi fine al subordinamento alla Nuova Caledonia

4 Il territorio è diviso nei tre regni tradizionali (royaumes coutumiers): Uvea (sull'isola di Wallis), Sigave (sulla parte ovest dell'isola di Futuna), e Alo (sull'isola di Alofi e sulla parte est di Futuna). Uvea è ulteriormente suddiviso in tre distretti: Hanake, Hihifo, e Mua. La capitale del territorio è Mata-Utu, sull'isola di Wallis (che è anche la più popolosa). In quanto territorio francese, è governato secondo la costituzione francese del 28 settembre 1958: usa il sistema legale francese, ed il suffragio è universale per i maggiori di 18 anni. Il presidente viene eletto tramite voto popolare per un mandato di cinque anni; l'"alto amministratore" viene nominato dal presidente di Francia, su consiglio del Ministro degli interni francese; i presidenti del Governo Territoriale e dell'Assemblea Territoriale vengono eletti dai membri dell'assemblea.UveaSigaveAlo HanakeHihifoMuaMata-Utucostituzione francese28 settembre1958sistema legale franceseMinistro degli interni francese Il capo di stato è il presidente francese (da maggio 2007 Nicolas Sarkozy), e viene rappresentato da un Alto Amministratore (Xavier de Furst dal 18 gennaio 2005). Il capo del governo è il presidente dell'Assemblea Territoriale (Patalione Kanimoa, dal Gennaio 2001). Il Consiglio dei territori è formato dai Re dei tre regni tradizionali e di tre membri nominati dall'Alto Amministratore su indicazione dell'Assemblea Territoriale.Nicolas SarkozyXavier de Furst18 gennaio2005Patalione Kanimoa Il ramo legislativo consiste di una Assemblea Territoriale unicamerale (o Assemblée territoriale) con 20 seggi; i membri vengono eletti con voto popolare per un mandato di cinque anni. Wallis e Futuna eleggono un senatore al Senato francese ed un deputato per l'Assemblea Nazionale francese.Senato franceseAssemblea Nazionale francese La giustizia viene in genere amministrata secondo il diritto francese, da un tribunale di prima istanza a Mata-Utu, ma i tre regni tradizionali amministrano la giustizia secondo le leggi tradizionali (solo per reati non penali). La corte di appello si trova a Nouméa, nella Nuova Caledonia.diritto franceseNouméa Il territorio partecipa al Segretariato delle Comunità del Pacifico.Segretariato delle Comunità del Pacifico

5 Il territorio comprende l'isola di Wallis (la più popolosa), l'isola di Futuna, la disabitata isola di Alofi (sembra che la popolazione di Alofi sia stata sterminata dalla popolazione cannibale di Futuna nel corso di una singola incursione nel XIX secolo), e 20 isolotti disabitati, per un totale di 274 km² con 129 km di linea costiera. Il punto più elevato è il Monte Singavi (sull'isola di Futuna) con 765 m.cannibale XIX secolo Monte Singavi Le isole hanno una stagione calda e piovosa da novembre ad aprile, ed una secca e fredda da maggio a ottobre. Le piogge accumulano da a millimetri ogni anno. L'umidità media è dell'80% e la temperatura media di 26,6°C. Solo il cinque percento del territorio dell'isola è arabile; piantagioni permanenti coprono un altro 20%. La deforestazione (resta solo una piccola parte della foresta originale), ampiamente dovuta al continuo uso di legname come principale fonte di combustibile, è un grave problema. Come conseguenza del continuo abbattimento delle foreste, il terreno montagnoso di Futuna è particolarmente soggetto all'erosione. Non ci sono insediamenti permanenti su Alofi a causa della mancanza di fonti naturali d'acqua dolce. deforestazioneerosione

6 L'economia del territorio è limitata alla tradizionale agricoltura di sussistenza, con circa l'80% della forza lavoro che trae sostentamento dalle coltivazioni (noci di cocco e verdura), dall'allevamento (principalmente maiali) e dalla pesca commerciale. Circa il 4% della popolazione è impiegata dal governo. Le entrate derivano dai sussidi del governo francese, dalle licenze di pesca concesse a Giappone e Corea del Sud, dalle tasse sull'importazione e dalle rimesse dei lavoratori emigrati in Nuova Caledonia.noci di coccomaialipesca commercialeGiapponeCorea del SudNuova Caledonia Nel 1995 il prodotto interno lordo aveva una parità di potere d'acquisto di circa 28,7 milioni di dollari, circa 2.000$ pro capite. Il territorio ha entrate per circa 20 milioni di dollari l'anno e spese per circa prodotto interno lordoparità di potere d'acquisto$ L'industria comprende produzione della copra, manifatture, pesca e legname. I prodotti agricoli comprendono frutto del pane, igname, taro, banane, maiali e capre. Nel 1995, circa dollari in merci (copra, frutto del pane, igname, radici di taro e manufatti) sono stati esportati, e circa 13,5 milioni di dollari di beni (alimentari, beni di consumo, equipaggiamento da trasporto, carburante, vestiti) sono stati importati, principalmente da Francia, Australia e Nuova Zelanda.coprafrutto del paneignametarobananecapre1995AustraliaNuova Zelanda Il territorio usa il Franco CFP, come i territori francesi della Nuova Caledonia e della Polinesia Francese; il Franco CFP (XPF) è agganciato all'Euro al tasso di XPF = 8,38 €.Franco CFPPolinesia FranceseEuro

7 La popolazione totale del territorio al censimento del 2003 era di abitanti (67,4% sull'isola di Wallis, 32,6% sull'isola di Futuna), in grande maggioranza di etnia polinesiana, con una piccola percentuale di discendenza francese. Più di Wallisiani e Futuniani vivono come emigranti in Nuova Caledonia, il che è più della popolazione totale di Wallis e Futuna. La stragrande maggioranza degli abitanti professa la religione cattolica. La popolazione parla sia francese che wallisiano o futuniano, le lingue polinesiane indigene. Metà della popolazione totale (sia uomini che donne) sopra i 15 anni è in grado di leggere e scrivere.2003francesewallisianofutunianolingue polinesiane

8 La cultura di queste isole è tipicamente polinesiana. Soprattutto la musica di Wallis e Futuna ha una ricca tradizione. Trasporti e Comunicazioni Nel 1994, il territorio aveva telefoni, una stazione radio AM e due stazioni televisive.1994 L'isola di Wallis ha circa 100 chilometri di strade, di cui 16 asfaltati, mentre l'isola di Futuna ne ha solo 16, tutti non asfaltati. Il territorio ha due porti principali, Leava (su Futuna), e Mata-Utu, che da supporto alla sua flotta di marina mercantile, consistente di tre navi per un totale di tonnellate di stazza: due navi passeggeri ed una petroliera. Ci sono due aeroporti, uno con una pista asfaltata di circa metri, e uno con una pista sterrata di metri. Il codice nazionale (e TLD internet) è WF.Leavamarina mercantileTLD

9 Nonostante gli arcipelaghi più vicini a Wallis e Futuna siano Samoa e Fiji, i collegamenti più regolari sono quelli assicurati dai voli per/dagli altri due territori francesi della zona, ovvero la Nuova Caledonia e Tahiti; da entrambe queste località potrete prendere un volo per Wallis e Futuna. Aircalin, una compagnia aerea con sede in Nuova Caledonia, è l’unica a fare servizio per Wallis e Futuna, e ha un ufficio a Mata Utu (Wallis). Attualmente non esistono navi passeggeri di linea in servizio tra le isole, ma soltanto mercantili che passano da queste parti più volte nell’arco di un mese per scaricare l’indispensabile birra Foster’s e il vino francese. Può darsi che riusciate a trovare uno yacht diretto a Wallis in partenza dalla Nuova Caledonia, ma è anche probabile che attraccherà nel poco pittoresco molo delle petroliere di Halalo, sul versante meridionale di Wallis. Se volete visitare entrambe le isole principali dell’arcipelago ma avete poco tempo a disposizione, vi sconsigliamo di spostarvi in barca tra le due perché Wallis e Futuna sono separate da ben 230 km di mare aperto. Il trasferimento più rapido è offerto dalla compagnia aerea Aircalin, che effettua un volo di 45 minuti otto volte la settimana. È in programma la sostituzione dei voli con un servizio di catamarani o traghetti – chiedete informazioni aggiornate a Mata Utu (a Wallis). Visitare l’entroterra di Wallis o Futuna con i mezzi pubblici sarebbe semplice, se ce ne fossero! Non mancano invece automobili, motociclette e scooter (la Vespa è il più diffuso) a noleggio. Ci spiace per i ciclisti, invece, perché le biciclette scarseggiano.

10 L’Arcipelago di Wallis e Futuna si trova a metà strada tra le Fiji e le Samoa e copre una superficie totale di 274 kmq, ovvero 2 volte e mezzo l’estensione di Parigi. L’arcipelago è formato da 20 isolotti e da tre isole maggiori chiamate Wallis, Futuna e Alofi. La bassa Wallis è l’isola principale: è circondata da una vasta laguna di acque poco profonde e ha molti laghi vulcanici. Al confronto con Wallis, Futuna e la disabitata Alofi si possono definire prive di lagune, ma entrambe hanno un entroterra montuoso; la vetta più elevata di Futuna (e dell’intero arcipelago) è il Monte Puke dal nome curioso (‘puke’ significa ‘vomito’ in inglese), che misura 524 m di altezza. L’arcipelago è privo di importanti specie native di flora e fauna, ma a Wallis vive una lucertola endemica. I maiali (che vengono uccisi nel corso di complessi rituali durante le feste isolane) sono numerosissimi ovunque, ma soprattutto ad Alofi, dove si stima che vivano esemplari su una superficie di soli 51 kmq. La grande chiocciola africana giunse nell’arcipelago spontaneamente una ventina di anni fa, e vi si è ben radicata cibandosi delle colture locali. L’isola risente anche di un massiccio disboscamento, dovuto non tanto alle grandi multinazionali quanto piuttosto all’utilizzo del legno da parte degli abitanti locali come combustibile. Tale disboscamento ha provocato una vasta erosione del suolo, che frana nell’oceano, soprattutto a Futuna. Se cercate il bel tempo, in questo arcipelago non resterete delusi. Wallis e Futuna godono infatti del classico clima desertico, caldo e tropicale, con temperature che non sono mai scese sotto i 17ºC né hanno superato i 33ºC negli ultimi trent’anni. Da maggio a ottobre il clima è secco, mentre il periodo da novembre ad aprile porta con sé l’afosa stagione delle piogge, e a volte i cicloni. Le isole sono vicine al punto d’incontro delle placche continentali del Pacifico e indo-australiana, per cui sono talvolta interessate da fenomeni sismici. L’ultimo terremoto di una certa entità si è verificato nel 1993.

11 Chiese In queste isole devotamente cattoliche la percentuale di chiese per numero di abitanti è elevata, e quasi tutte meritano una visita anche solo per le loro navate piacevolmente fresche. La splendida Chiesa di San Giuseppe, la più antica di Wallis, è una meta da non perdere per il suo caleidoscopio di motivi geometrici, scene bibliche e motivi a forma di pesce. Più vicina a Mata Utu, la Chiesa del Sacro Cuore assomiglia a un alto faro che torreggia ai margini della strada ed è davvero interessante. A Futuna, la Chiesa di Pierre Chanel, che prende il nome dal santo patrono dell’Oceania, è una meta assolutamente prioritaria per la sua originalità. Vi si trovano infatti le reliquie del santo, alcuni dei suoi abiti e la mazza da guerra che si dice l’abbia ucciso. La Chiesa di Leava è altrettanto suggestiva, con le sue sculture lignee, che ritraggono personaggi maschili a braccia aperte, disposte lungo le pareti laterali a sostegno del tetto.

12 Futuna Futuna è un po’ più sonnolenta e legata alle tradizioni rispetto a Wallis. Priva di laghi vulcanici e di lagune, l’isola non offre molto altro che qualche bella chiesa, un interessante fale fono di fattura tradizionale nel villaggio di Vaisei e l’opportunità di osservare la gente del posto mentre partecipa alla cerimonia della bevuta di kava. Il paesaggio locale è caratterizzato purtroppo anche da un mucchio di immondizia. Se avete optato per un’escursione di un giorno o due, trascorrerete buona parte del tempo sulla spiaggia di Alofi. Prima di proseguire il vostro viaggio nel Pacifico, ricordate che uno dei pochi pregi di Futuna sono i suoi supermercati ben forniti di champagne francese.

13 Wallis Le origini vulcaniche di Wallis, l’isola principale dell’arcipelago, sono evidenti nei suoi numerosi laghetti che riempiono antichi crateri. Si tratta dell’isola più animata e popolosa dell’arcipelago, che offre inoltre diversi video-shop e persino delle serate in discoteca nel fine settimana! È dunque la tipica isoletta del Pacifico, il cui fascino dimesso risiede anche nella sua laguna, nelle chiese, nei laghi vulcanici e nei siti archeologici. Mata Utu è il più importante centro abitato, mentre le altre attrattive si raggiungono percorrendo la strada che segue tutto il perimetro dell’isola. Il centro di Mata Utu è un misto di sacro e profano, con la cattedrale che spunta in mezzo a ristoranti, un albergo, un negozio di artigianato, il Palazzo del Re e l’ufficio postale. A pochi passi in direzione ovest troverete la stazione di polizia, l’ufficio della compagnia aerea e l’Uvea Shopping Centre, mentre gli altri ristoranti e alberghi si trovano tutti nelle vicinanze. Circa 9 km a sud di Mata Utu ecco Talietumu, magnifico ma poco conosciuto sito archeologico che ospita alcuni insediamenti fortificati eretti dai tongani, che invasero l’arcipelago intorno al Tonga Toto è un altro importante sito archeologico di Wallis: il suo nome vuol dire ‘il sangue dei tongani’ e si riferisce alla ferocia dell’invasione. Il Lago Lalolalo è il più spettacolare tra tutti i laghi vulcanici di Wallis: forma un cerchio quasi perfetto con la sua parete rocciosa alta 30 m che scende verso le acque di pece, a loro volta profonde 80 m. Si dice che l’esercito americano abbia nascosto degli armamenti in questo lago alla fine della seconda guerra mondiale. A Wallis ci sono poche belle spiagge, perciò sono i numerosi isolotti (perlopiù disabitati) della circostante laguna a offrire i luoghi più adatti ai bagni e ai picnic: le località migliori da questo punto di vista sono Faioa, Nukuhione e Nukuhifala.

14 Feste e manifestazioni A parte le solite festività occidentali come Natale, Pasqua e Capodanno, questo territorio francese celebra anche la Festa dei Lavoratori (1° maggio), l’Anniversario della Presa della Bastiglia (14 luglio), Ognissanti (1° novembre) e l’Anniversario dell’Armistizio (11 novembre). La Giornata di san Pierre Chanel (28 aprile) commemora il primo missionario giunto a Futuna nel 1837 e ucciso quattro anni dopo per ordine del sovrano locale. Le tre parrocchie di Wallis fanno festa anche il 14 maggio, il 29 giugno e il 15 agosto.


Scaricare ppt "La collettività di Wallis e Futuna (in francese: Collectivité des Îles Wallis et Futuna) è un territorio insulare composto principalmente da tre isole."

Presentazioni simili


Annunci Google