La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Globalizzazione Definizione Per "globalizzazione" si intende l'interdipendenza economica di tutti i paesi della terra. È il fenomeno più significativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Globalizzazione Definizione Per "globalizzazione" si intende l'interdipendenza economica di tutti i paesi della terra. È il fenomeno più significativo."— Transcript della presentazione:

1 Globalizzazione Definizione Per "globalizzazione" si intende l'interdipendenza economica di tutti i paesi della terra. È il fenomeno più significativo della nostra epoca in quanto investe non solo la sfera economica, ma anche quella politica, culturale, sociale, dei consumi.

2 L'attuale livello di globalizzazione dell'economia è dovuto a: 1)sviluppo dei trasporti e delle comunicazioni comunicazioni ● tecnologie ● mass-media

3 L'attuale livello di globalizzazione dell'economia è dovuto a: 2) diffusione delle multinazionali

4 L'attuale livello di globalizzazione dell'economia è dovuto a: 3) liberalizzazione dei commerci internazionali e degli investimenti finanziariaricommerci internazionali ●e-commerce ● new-economy

5 IL VILLAGGIO GLOBALE IL MERCATO GLOBALE

6 Problemi della globalizzazione Omologazione di consumi e stili di vita - il modello occidentale/americano è quello imperante - ovunque si trovano le stesse aziende (logo) - ovunque si trovano gli stessi centri commerciali

7 New York, Times square

8 New York, Times Square

9

10 E qui…?

11

12 New York, Times Square

13 E qui…?

14

15 New York, Times Square

16 E qui…?

17

18 …Kuala Lumpur (Malaysia) Bukit Bintang shopping district

19

20 …Parigi Galeries Lafayette

21

22 …Kuala Lumpur (Malaysia) Shopping Center

23

24 …Berlino Galeries Lafayette

25

26

27

28

29 Grugliasco

30 Firenze

31 Sidney, Australia

32 Hong Kong

33 MacDonalds Singapore

34

35 Grugliasco

36

37 Boutique Missoni a Macao

38

39

40 Problemi della globalizzazione La globalizzazione del gusto alcuni prodotti alimentari si stanno diffondendo a ogni latitudine: pizza, kebab, cappuccino, hamburger, sushi… -motivi: - le megalopoli e i fast food - il turismo - il cinema americano

41 Problemi della globalizzazione La globalizzazione del gusto l’esempio della …un impero senza confini

42 Giappone

43 Russia

44 Cina

45 Capo Verde

46 Problemi della globalizzazione La globalizzazione del gusto l’esempio della …un prodotto USA che influenza gusti e… mentalità in tutto il mondo

47

48

49 Secondo alcuni il vestito rosso di Babbo Natale sarebbe opera della Coca-Cola, originariamente infatti il vestito di Babbo Natale era verde. Sarebbe divenuto rosso solo dopo che, negli anni '30, la Coca-Cola lo usò per la sua pubblicità natalizia, e lo vestì in bianco e rosso, come appunto la scritta della sua famosa bibita,ma la storia è stata smentita Coca-Cola

50 Fu la necessità di trovare, nel 1931, un veicolo pubblicitario per il lancio della Coca Cola ai fanciulli ed agli adolescenti, che spinse la Compagnia della famosa bevanda americana a vestire Santa Claus di rosso e di bianco, con la tonalità dei due colori rigorosamente identica a quelli della bibita che dovevano ricordare.

51

52 Bisognava concepire una campagna pubblicitaria in grado di rivolgersi ai bambini senza mai metterli al centro della scena. Il compito fu affidato a Haddon Sundblom. L’ espediente utilizzato fu quello di arruolare un messaggero, un intermediario tra infanzia e mondo degli adulti che fosse in grado di catalizzare l’immaginazione dei bambini. La scelta cadde appunto su Santa Claus.

53

54 Sundblom ebbe come primo parametro il Santa Claus disegnato da Thomas Nast per Harper’s Weekly nel 1862: un portadoni con pancione e barba bianca che cominciava a distanziarsi dalle versioni esotiche con cui era stato rappresentato fino a quel momento.

55 Illustrazione tratta da A Visit from Saint Nicholas, testo illustrato da Thomas Nast nel 1869

56 Il colpo di genio di Sundblom consistette nel far convivere l’aura di soprannaturalità che circondava Babbo Natale con l’estetica dell’ uomo comune. Basta elfi, creature dei boschi, personaggi provenienti da immaginari e culture lontane: il nuovo Babbo Natale avrebbe dovuto essere partorito dal cuore magico dell’America del XX secolo.

57

58 La data della rivista Liberty è 22 dicembre Il 'Babbo Natale' targato Coca- Cola, disegnato da Haddon Sundblom, irrompe sulla scena pubblica statunitense.

59 Sundblom utilizzò come modello l’ uomo della porta accanto, vale a dire il suo vicino di casa Lou Patience, un commesso viaggiatore che l’American way of life aveva fornito di una corporatura robusta, un volto allegro entro i limiti del sospetto, una fiducia nel presente e una vitalità che debordava da tutti i pori della sua persona. A Lou Pantience Sundblom allungò la barba e arroventò le guance, aumentò di qualche misura il girovita, sostituì gli abiti borghesi con la celebre casacca rossa e bianca, e così i cartelloni pubblicitari si riempirono di figure al limite dell’iperrealismo: fragorosamente comuni eppure in qualche modo provenienti da un altro pianeta.

60 La diffusione della Coca-Cola sui mercati locali si è tinta spesso di sfumature politiche, quasi che bere una Coke avesse lo stesso significato di sventolare una bandiera a stelle e strisce. Attualmente non sembrano esserci più ostacoli di questo genere… Tuttavia nel mondo arabo circola la…

61 Oggi Mecca Cola è distribuita in 60 paesi. È venduta particolarmente in Medio Oriente, in Europa, in Asia, e in Africa, e in modeste quantità anche in America e Oceania. Anche se il prodotto è stato creato in Francia, la sede dell'azienda si trova a Dubai negli Emirati Arabi Uniti dall'ottobre Caratteristica di questo prodotto è che non si trova nelle catene dalla grande distribuzione, ma solo nei piccoli negozi specializzati dei quartieri a forte immigrazione delle città europee. In Francia, paese a forte immigraznione magrebina, nel 2003 sono stati venduti 20 milioni di litri della « Mecca ».Medio OrienteEuropaAsia AfricaAmerica OceaniaDubaiEmirati Arabi Uniti2003grande distribuzionemagrebina2003

62 Ancora sulle multinazionali Qualche esempio, guardando negli scaffali di casa nostra…

63 Ferrero Multinazionale italiana che si colloca al 4° posto fra le imprese di dolciumi a base di cacao, dopo Nestlé, Mars e Altria. Fattura circa 4,4 miliardi di euro e impiega persone. Possiede 16 stabilimenti di cui 10 in Europa. Gli altri sono in Argentina, Australia, Brasile, Ecuador, Portorico, Stati Uniti. La proprietà del gruppo è della famiglia Ferrero, che opera attraverso la finanziaria Ferrero International SA che ha sede in Lussemburgo.

64 Ferrero

65 Nestlé L'attività del gruppo Nestlé si sviluppa in 508 unità produttive presenti in 85 nazioni. La Nestlé è presente in Europa-Americhe-Asia-Oceania-Africa

66 Nestlé

67 Nestlé

68 Procter & Gamble Nata nel 1837, è oggi una multinazionale leader nel settore della ricerca, della produzione e della commercializzazione di beni di largo consumo, detergenti, cosmetici, fragranze e prodotti farmaceutici. Opera in oltre 180 Paesi e dispone di 100 stabilimenti di produzione, 18 centri di ricerca e oltre dipendenti in tutto il mondo

69 Procter & Gamble

70 Procter & Gamble fu fondata negli Stati Uniti nel 1837 da un produttore di candele e da un produttore di sapone. Nel 1862 P&G si distinse nel ruolo di fornitore dell'Union Army durante la guerra civile.

71


Scaricare ppt "Globalizzazione Definizione Per "globalizzazione" si intende l'interdipendenza economica di tutti i paesi della terra. È il fenomeno più significativo."

Presentazioni simili


Annunci Google