La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PERCHE MANGIARE? PER ASSUMERE ENERGIA REGOLARE LE NOSTRE FUNZIONI PROCURARCI MATERIALI Gabriella Delmastro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PERCHE MANGIARE? PER ASSUMERE ENERGIA REGOLARE LE NOSTRE FUNZIONI PROCURARCI MATERIALI Gabriella Delmastro."— Transcript della presentazione:

1 PERCHE MANGIARE? PER ASSUMERE ENERGIA REGOLARE LE NOSTRE FUNZIONI PROCURARCI MATERIALI Gabriella Delmastro

2 REGOLARE PER far avvenire le reazioni in modo ordinato e in tempo utile Gabriella Delmastro

3 Il cibo soddisfa queste nostre necessità fornendoci: glucidi (carboidrati come amido e zucchero) protidi (proteine) lipidi (grassi) vitamine sali minerali acqua Che sono introdotti attraverso lALIMENTAZIONE e la NUTRIZIONE Gabriella Delmastro

4 ALIMENTAZIONE introdurre alimenti Atto volontario ma condizionato dallinconscio NUTRIZIONE digerire assorbire trasportare e utilizzare Atto involontario Gabriella Delmastro

5 Cosa ci spinge a iniziare un pasto? LA FAME È un segnale fisiologico buco allo stomaco nervosismo LAPPETITO Sensazione piacevole associata al cibo (olfatto, vista e gusto lo accentuano) Cosa ci spinge a finire il pasto? Cosa ci spinge a finire il pasto? LA SAZIETA Sensazione di appagamento digestivo >Volume di cibo più rapida > apporto calorico più duratura Gabriella Delmastro

6 Cosa mangiamo? Dipende dalle abitudini alimentari Le abitudini alimentari sono cambiate nel tempo e sono diverse in paesi diversi in funzione della disponibilità delle risorse alimentari. Le abitudini alimentari sono influenzate da molti fattori tra cui: 1.fattori ambientali: caratteristiche geografiche e climatiche; 2.fattori socio-culturali: sviluppo economico - tecnologico, scelte politiche, modelli culturali, pubblicità; 3.Fattori individuali: famiglia, informazione e istruzione, religione, etnia, genetica, disponibilità economica, condizioni psichiche e di salute, sesso e età. Gabriella Delmastro

7 Nuove tendenze alimentari Con la globalizzazione dei mercati, i cui protagonisti sono le multinazionali, si stanno uniformando le abitudini alimentari. Così alcuni prodotti sono ormai reperibili ovunque (Coca-Cola) e alcune catene hanno riscosso enorme successo tra i giovani (fast-food) Con lo sviluppo delle conoscenze alimentari e delle tecnologie sono nati nuovi alimenti: funzionali, dietetici, fortificati, con comodità duso… NASCONO SPONTANEE ALCUNE DOMANDE: 1.Fanno davvero bene alla nostra salute? 2.Sono sempre necessari questi prodotti? 3.È giusto uniformare le abitudini alimentari? 4.Che impatto hanno sullambiente? Gabriella Delmastro

8 Uniformare le abitudini alimentari significa Diminuire la qualità degli alimenti Diminuire la produzione e la vendita locale Creare fame nel mondo Diminuire la biodiversità Gabriella Delmastro

9 DIMINUIRE LA BIODIVERSITA Significa: Ridurre le risorse naturali anche alimentari Rompere gli equilibri naturali Esporci a carestie e malattie Dove la dieta è basata esclusivamente sulla produzione locale si stanno verificando carenze di vitamina A (in Africa) e di ferro (in America Latina). Gabriella Delmastro

10 MANGIARE E UN DIRITTO DI TUTTI ma… Ogni anno nel mondo si macellano 60 miliardi di animali. Negli Stati Uniti vengono macellati, ogni ora, 1 milione di polli. COME MAI 925 milioni di persone, nel 2010, non avevano cibo sufficiente (fonte fao)?. COME E POSSIBILE se siamo circa 6 miliardi di persone nel mondo? Kg carne consumata, procapite, allanno Stati Uniti70200 Cina470 Gabriella Delmastro

11 NON CE CIBO PER TUTTI PERCHE ANCHE SE il fabbisogno mondiale di cibo è soddisfatto per: l86% dal commercio locale e regionale; il 14% da grandi imprese. le dinamiche dei prezzi, che valgono anche sui mercati locali, dipendono dallattività delle grandi imprese le quali, hanno aumentato a dismisura i propri profitti e concentrano risorse, potere e profitti del sistema alimentare mondiale. IL MERCATO AGROALIMENTARE E INFLUENZATO: dalle grandi imprese dall'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), dal Fondo Monetario Internazionale (IMF) e dalla Banca Mondiale Gabriella Delmastro

12 IL CIBO CE PER TUTTI ma non è accessibile a tutti E MOLTI SPRECANO CIBO ogni anno in Italia buttiamo 25 MILIONI DI TONNELLATE di cibo che ci costano 37 miliardi di euro e 4200 kg di CO 2 3,3% della produzione agricola resta sul campo 2,3% dei prodotti è sprecata dallindustria alimentare 1,2 % distrutto dalla grande distribuzione e nella spazzatura delle nostre case finisce il 16% della frutta e verdura 35% del latte, uova, carne, formaggi Gabriella Delmastro


Scaricare ppt "PERCHE MANGIARE? PER ASSUMERE ENERGIA REGOLARE LE NOSTRE FUNZIONI PROCURARCI MATERIALI Gabriella Delmastro."

Presentazioni simili


Annunci Google