La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dal Comune alla Signoria e dalla Signoria al Principato.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dal Comune alla Signoria e dalla Signoria al Principato."— Transcript della presentazione:

1 Dal Comune alla Signoria e dalla Signoria al Principato

2 La crisi politica del Comune e l'origine delle Signorie  Comuni  vittoria contro l'Impero  vittoria contro i feudatari  potenza economica  Limite di sviluppo: continue lotte per la conquista del potere  nobili  borghesia  arti maggiori  arti minori  Instabilità del governo, continuo stato di guerra

3 La crisi politica del Comune e l'origine delle Signorie  Desiderio di un governo forte: assicurare a tutti una maggiore tranquillità, un relativo benessere  governo autoritario e personale: Signoria  Tra il XIII e il XIV secolo: dal Comune alla Signoria  imparzialità  migliore amministrazione  Comune: autogoverno dei cittadini  Signoria: personalizzazione del governo (  Principe)

4 Dai Comuni alle signorie Contrasti interniContrasti esterni Mutamento dei conflitti interni: da scontri tra famiglie a scontro fra classi Debolezza delle istituzioni comunali, sottoposte a continua riforma Nel Trecento i Comuni si trasformano in signorie, a causa dei seguenti fattori: Crescita della borghesia artigiana, che preme per il controllo del potere Bisogno di pace garantita da un’autorità indiscussa e ritenuta super partes Espansione dei territori assoggettati alla città, con conseguente bisogno di un migliore controllo militare Inasprimento dei contrasti tra i Comuni conseguente all’espansionismo territoriale Minaccia dello straniero: l’Italia è terra di conquista per i regni d’oltralpe L’espansione del mercato determina un ampliamento dei traffici, con conseguente allargamento delle tensioni geopolitiche Sempre maggiore importanza degli eserciti mercenari, sostenibili solo con ingenti ricchezze Sviluppo della finanza, che in parte sostituisce l’economia “reale”

5 Le compagnie di ventura  XIII secolo: crisi militare in Italia  guerre frequenti, lunghe  pagamento di un capitano di ventura o condottiero (professionisti delle armi)  "Signori“: appoggio a tale tendenza  Comune disarmato di fronte al "Signore"

6 Le compagnie di ventura  Prime formazioni mercenarie: XIV secolo  Capitani famigerati (Fra' Moriale)  Condottieri  guerra = fonte di ricchezza  tradimento  violenze  saccheggio  incendi  stragi

7 Caratteristiche del regime signorile  concentrazione del potere nelle mani di una sola persona, di una sola famiglia (monarchia assoluta)  nascita di una sovranità sempre più indipendente dalla volontà popolare e non più responsabile davanti ai Consigli cittadini  eliminazione delle contese civili e delle lotte fratricide  ripresa di una costruttiva politica interna ed estera  governo imparziale  uguale trattamento per tutti i diversi strati sociali  tranquillo esercizio delle industrie e dei commerci governo imparziale  deciso sviluppo: tecnica, scienze,arti

8 Dalla Signoria al Principato  Signori  ottenere il riconoscimento del loro potere da parte del papa o dell'imperatore, concessione di titoli particolari (vicario, marchese, duca, principe) trasmissibili ai propri figli  ampliare i propri domini: costituire unità territoriali sempre più vaste

9 Dalla Signoria al Principato  Lunga serie di guerre  veri e propri Stati regionali: equilibrio di forze (sec. XIV–XV)  impossibile formazione in Italia di uno Stato unitario  Stati maggiori  Ducato di Milano  Repubblica di Firenze  Repubblica di Venezia  Regno di Napoli  Stato Pontificio

10 Milano  Della Torre  Visconti (1287)  vicari imperiali (1312)  potenza: Veneto, Lombardia, Bologna, Genova, alta valle del Ticino  Gian Galeazzo Visconti: titolo di "duca“ (1395)  Signoria  Principato  conquiste nell'Italia centro- settentrionale  magnifica corte  monumenti famosi: Castello, Duomo, Certosa di Pavia

11 Milano  Morte di Giangaleazzo (1402): momento difficile  Filippo Maria: politica di espansione  Milano  Venezia  Morte di Filippo Maria (1447): Repubblica Ambrosiana (rinascita del Comune)  Minaccia da Venezia  aiuto di Francesco Sforza (figlio di Muzio Attendolo, capitano di ventura)  Duca (1450)  Signoria degli Sforza (fino al 1536)

12 Firenze  Borghesia mercantile (popolo grasso): esclusione dalla vita politica dei nobili, del popolo minuto e della plebe  Ricca borghesia: guelfa – due fazioni  Bianchi  Neri  Discordie  appoggio di Bonifacio VIII ai Neri  caccia dei Bianchi (Dante)

13 Firenze  Firenze  splendore della civiltà artistica e letteraria  instabilità della vita politica  lotte continuae  nobili  popolo grasso  popolo grasso  popolo minuto (appoggiato dalla plebe)  Peste (1348)  situazione più grave  tumulto dei Ciompi (1378)  ciompi: lavoratori salariati dell'industria della lana  tumulto represso  Potere nelle mani della ricca borghesia: anni di stabilità  espansione (Pisa, Livorno)

14 Firenze  Grandi famiglie: tentativo di controllare completamente il governo della città  Signoria medicea  Cosimo il Vecchio (1434)  Culmine della potenza dei Medici: Giuliano e Lorenzo  Congiura dei Pazzi (1478)  Lorenzo il Magnifico  eliminazione dei nemici interni  abile politica di alleanze: equilibrio fra i vari Stati italiani ("l'ago della bilancia tra i principi d'Italia“)  Firenze: uno dei centri più importanti della vita intellettuale e artistica del Rinascimento

15 Repubblica di Venezia  Politica di espansione sulla terraferma:  Veneto  Friuli  Lombardia (in parte)  dominio sulla terraferma: intatto sino al 1797  Mare Adriatico: mare veneziano  conquista dell’Istria (1418)  Pericolo: Turchi

16 Signorie italiane  Lombardia, Veneto, Emilia, Romagna  Padova: Carraresi  Ferrara: Estensi  Mantova: Gonzaga  Forlì: Ordelaffi  Rimini: Malatesta  Urbino: Montefeltro  Ravenna: Da Polenta  Verona: Scaligeri


Scaricare ppt "Dal Comune alla Signoria e dalla Signoria al Principato."

Presentazioni simili


Annunci Google