La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I COMUNI E LO SCONTRO CON L IMPERO www.didadada.it Schemi di supporto al testo Passi nella storia di Sergio Zavoli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I COMUNI E LO SCONTRO CON L IMPERO www.didadada.it Schemi di supporto al testo Passi nella storia di Sergio Zavoli."— Transcript della presentazione:

1 I COMUNI E LO SCONTRO CON L IMPERO Schemi di supporto al testo Passi nella storia di Sergio Zavoli

2 LA NASCITA DEI COMUNI NUOVE CLASSI SOCIALI EMERGENTI: MERCANTI ED A RTIGIANI I CONTADINI SI TRASFERISCONO NEI CONTADI, APPENA FUORI LA CITTÀ I COMUNI SI SVILUPPANO PRATTUTTO IN LONGOBARDIA (LOMBARDIA E TOSCANA) ECONOMIA APERTA BASATA SUGLI SCAMBI

3 CRISI DEL SISTEMA FEUDALE Le città crescono rapidamente Le città crescono rapidamente I Signori e i Vescovi sono visti come ostacoli alla libertà I Signori e i Vescovi sono visti come ostacoli alla libertà Perché mercanti, banchieri e artigiani devono pagare tasse ai feudatari ? Perché mercanti, banchieri e artigiani devono pagare tasse ai feudatari ? Spesso i feudatari si trovano costretti a vendere le loro terre ai nuovi ricchi Spesso i feudatari si trovano costretti a vendere le loro terre ai nuovi ricchi

4 Le associazioni di cittadini comuniones o coniurationes Erano forme libere di associazioni basate su comuni interessi economici Erano forme libere di associazioni basate su comuni interessi economici Si riunivano tramite giuramento Si riunivano tramite giuramento Chiedevano ai signori lettere di franchigia che li liberavano da obblighi feudali Chiedevano ai signori lettere di franchigia che li liberavano da obblighi feudali I signori le rilasciavano in cambio di denaro I signori le rilasciavano in cambio di denaro Anche i servi della gleba reclamano carte di franchigia Anche i servi della gleba reclamano carte di franchigia

5 La formazione del Comune Questi accordi da economici divennero anche politici Questi accordi da economici divennero anche politici Le associazioni ottennero il diritto ad autogovernarsi Le associazioni ottennero il diritto ad autogovernarsi Nasce il Comune Si emanano leggi autonome Si esercita la giustizia Si nominano cariche pubbliche

6 Lo sviluppo del Comune in Italia Possiamo considerare le repubbliche marinare Possiamo considerare le repubbliche marinare come i primi Comuni italiani come i primi Comuni italiani I Comuni si affermano bene soprattutto dove non cè unautorità politica forte come nell Italia del Nord I Comuni si affermano bene soprattutto dove non cè unautorità politica forte come nell Italia del Nord Invece nel centro Italia, governato dallo Stato della Chiesa, e nel sud, governato dai Normanni questo fenomeno non si sviluppa Invece nel centro Italia, governato dallo Stato della Chiesa, e nel sud, governato dai Normanni questo fenomeno non si sviluppa

7 LORGANIZZAZIONE COMUNALE Con- sorterie Grandi mercanti, Banchieri, proprietari Giudici, notai, medici Artigiani, bottegai, piccoli commercianti Nobiltà e alto clero Popolo grasso Popolo minuto Plebe Borghesia popolo

8 I CONSOLI Allinizio erano nobili, restavano in carica un anno Allinizio erano nobili, restavano in carica un anno Erano affiancati da un Consiglio di nobili Erano affiancati da un Consiglio di nobili Poi prese sempre più potere il popolo grasso

9 LOTTE TRA NOBILTA E BORGHESIA CONSORTERIENOBILIARI CORPORAZIONI BORGHESI CONTRO SI CREANO LE FAZIONI = ALLEANZE DI CITTADINI OSTILI TRA LORO E DISPOSTE ANCHE ALLO SCONTRO ARMATO PER OTTENERE CARICHE POLITICHE E CONTADI APPENA FUORI CITTA SI RENDE NECESSARIA LA FIGURA DEL PODESTÀ

10 IL PODESTA PODESTA NOBILE DI ALTRA CITTA SI PORTAVA COLLABORATORI ESTERNI CORPO SPECIALIZZATO DIVENTA UN MESTIERE

11 IL CAPITANO DEL POPOLO IL CAPITANO DEL POPOLO DAL XIII SECOLO RAPPRESENTANTE DELLA BORGHESIA SEMPRE PIU POTERE AL POPOLO GRASSO ESILIO PER I NOBILI ESCLUSIONE DEL POPOLO MINUTO E DEI SALARIATI

12 NASCE LUNIVERSITA ERANO CORPORAZIONI DI MAESTRI E ALLIEVI ERANO CORPORAZIONI DI MAESTRI E ALLIEVI MATERIE: FILOSOFIA, DIRITTO, ARCHITETTURA, FISICA E MEDICINA MATERIE: FILOSOFIA, DIRITTO, ARCHITETTURA, FISICA E MEDICINA PRIVILEGI. LEGGI AUTONOME E NIENTE TASSE PRIVILEGI. LEGGI AUTONOME E NIENTE TASSE GRANDE AUTONOMIA PER GLI INSEGNANTI GRANDE AUTONOMIA PER GLI INSEGNANTI

13 LO SCONTRO CON LIMPERO NEL 1152 DIVENTA IMPERATORE FEDERICO I detto il CHE INTENDE RIPRENDERE IL COMANDO IMPERIALE SUI COMUNI DITALIA

14 LODI chiede aiuto al BARBAROSSA perché si sente minacciata da MILANO IL BARBAROSSA SCENDE IN ITALIA E NEL 1158 CONVOCA LA DIETA DI RONCAGLIA IMPONE REGALIE ISTITUISCE UN TRIBUNALE NOMINA CARICHE CITTADINE

15 LEGA LOMBARDA I Comuni non rispettano laccordo con Barbarossa I Comuni non rispettano laccordo con Barbarossa Barbarossa torna in Italia e assedia Crema e Milano (che viene abbandonata nel 1162) Barbarossa torna in Italia e assedia Crema e Milano (che viene abbandonata nel 1162) Nel 1167 ventun Comuni si alleano nella LEGA LOMBARDA ( sostenuta da papa Alessandro III e Venezia) Nel 1167 ventun Comuni si alleano nella LEGA LOMBARDA ( sostenuta da papa Alessandro III e Venezia)

16 VITTORIA DEI COMUNI Nel 1176 Barbarossa nomina 4 antipapi e tenta di occupare Roma, ma… Nel 1176 Barbarossa nomina 4 antipapi e tenta di occupare Roma, ma… Ma viene pesantemente sconfitto dai Comuni italiani a Ma viene pesantemente sconfitto dai Comuni italiani a NEL 1183 Barbarossa è costretto a firmare la PACE DI COSTANZA, con la quale lascia piena autonomia ai Comuni italiani NEL 1183 Barbarossa è costretto a firmare la PACE DI COSTANZA, con la quale lascia piena autonomia ai Comuni italiani


Scaricare ppt "I COMUNI E LO SCONTRO CON L IMPERO www.didadada.it Schemi di supporto al testo Passi nella storia di Sergio Zavoli."

Presentazioni simili


Annunci Google