La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il legame chimico Configurazione degli elettroni diversa ed energeticamente più favorevole di quella degli atomi isolati? legame chimico Ionico (traferimento.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il legame chimico Configurazione degli elettroni diversa ed energeticamente più favorevole di quella degli atomi isolati? legame chimico Ionico (traferimento."— Transcript della presentazione:

1 Il legame chimico Configurazione degli elettroni diversa ed energeticamente più favorevole di quella degli atomi isolati? legame chimico Ionico (traferimento di e - ) Covalente (condivisione di e - ) legame ionico e-e- EI bassa AE elevata Attrazione elettrostatica

2 Legame ionico EI AE E coul MA E sub EI E atom AE E ret E reticolare!

3 Energia di legame Lunghezza del legame Legame covalente Modello di Lewis Guscio di valenza: pieno → stabilità non pieno →reattività Regola dell’ottetto: 4 coppie di e - condivise e/o solitarie = STABILITA’ EI ed AE molto diversi: trasferimento elettronico → legame ionico EI ed AE simili: condivisione di elettroni → legame covalente MA eccezioni alla regola dell’ottetto: molecole con numero dispari di e - ? es. NO molecole con carenza di e - ?es. BF 3 molecole con espansione del guscio di valenza ? es. SF 6

4 Dagli orbitali atomici agli orbitali molecolari Descriviamo il modello classico del legame covalente, basato sulla condivisione degli elettroni, con la Meccanica Quantistica Teoria del legame di valenza (VB)Teoria degli orbitali molecolari (MO) descrive la coppia di elettroni condivisa e localizzata tra due nuclei impegnati nel legame con un orbitale molecolare bielettronico descrive tutti gli elettroni di una molecola distribuiti su orbitali molecolari e delocalizzati su tutta la molecola Geometrie Come sono fatte le molecole! Legami multipli coniugati Reattività di specie radicaliche Paramagnetismo Legame metallico H A : H B con ψ A 1 e ψ B 2 Ψ cov = ψ A 1 ψ B 2 + ψ A 2 ψ B 1 + ψ A 1 ψ A 2 + ψ B 1 ψ B 2 covalente ionico

5 Legame σ Ricordiamo che stiamo descrivendo la particella «elettrone» in termini ondulatori la sovrapposizione di due orbitali dà luogo a interferenze Sovrapposizione frontale : orbitali molecolari σ simmetria cilindrica rispetto all’asse internucleare max densità lungo l’asse internucleare Sovrapposizione Laterale: max sovrapposizione possibile legame fortemente direzionale 1° legame tra due nuclei energia di legame orbitali molecolari π NO simmetria cilindrica max densità ai lati dell’asse internucleare Legame π legame successivo al 1° energia di legame minore MA rafforza e «blocca» il legame σ

6 Cl 2 HCl N2N2 σ π π

7 permesse proibite

8 Molecole poliatomiche La teoria del VB descrive ogni legame singolarmente: le coppie di elettroni condivise sono “localizzate” tra i due nuclei interessati al legame COME SONO FATTE LE MOLECOLE? coppie di elettroni = zone ad elevata densità elettronica Forti repulsioniGeometrie compatibili con il contenuto energetico più favorevole Metodo VSEPR (Valence Shell Electron Pair Repulsion) - Scelta atomo meno elettronegativo come atomo centrale elettroni del guscio di valenza spaiati e a spin parallelo - Disporre i suoi elettroni del guscio di valenza spaiati e a spin parallelo - Accoppiare gli e - (di legame bp o coppie solitarie lp) - Contare le coppie di e - (σ-bp + lp) - Assegnare la geometria - Distorsione delle geometrie: lp-lp > lp-bp > bp-bp

9 Geometrie molecolari

10 Distorsione delle geometrie ammoniaca acqua

11 Distorsione delle geometrie


Scaricare ppt "Il legame chimico Configurazione degli elettroni diversa ed energeticamente più favorevole di quella degli atomi isolati? legame chimico Ionico (traferimento."

Presentazioni simili


Annunci Google