La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 5 Mario Benassi Copyright1 Lezione 5 Confronto internazionale e sistema innovativo italiano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 5 Mario Benassi Copyright1 Lezione 5 Confronto internazionale e sistema innovativo italiano."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 5 Mario Benassi Copyright1 Lezione 5 Confronto internazionale e sistema innovativo italiano

2 Lezione 5 Mario Benassi Copyright2 … qualche idea Fila 1 Fila 2 Fila 3 Fila 4

3 Lezione 5 Mario Benassi Copyright3 Il ranking relativo alle capacità tecnologiche paesi leaders (es. jap nei microchip, usa nel software) paesi followers imitatori innovatori paesi deboli o perdenti (es. Italia nella informatica)

4 Lezione 5 Mario Benassi Copyright4 Misure della performance tecnologica 1. spese di R&D e intensità della R&D 2. brevetti e capitale umano 3. commercio internazionale beni ad alta tecnologia le limitazioni di queste misure possibili misure alternative?

5 Lezione 5 Mario Benassi Copyright5 1. Spese di R&D e intensità R&D influenzano la produttività del lavoro, la ricchezza prodotta e quindi la posizione internazionale di un Paese ha senso confrontarle per verificare se vi sia convergenza o meno tra Paesi tra loro omogenei (riferimento classico: OCSE) Indice di convergenza

6 Lezione 5 Mario Benassi Copyright6 L’impatto della R&D

7 Lezione 5 Mario Benassi Copyright7 1. Spese totali in rapporto al PIL usa jap ue germania uk francia italia ocse

8 Lezione 5 Mario Benassi Copyright8 … un aggiornamento

9 Lezione 5 Mario Benassi Copyright9 1. INVESTIMENTI IN R&S, 2001 (Milioni di dollari correnti a parità di potere di acquisto)

10 Lezione 5 Mario Benassi Copyright10 1. INVESTIMENTI IN R&S, 2001 (Milioni di dollari correnti a parità di potere di acquisto)

11 Lezione 5 Mario Benassi Copyright11 1. Budget pubblico per R&S: difesa, 2000

12 Lezione 5 Mario Benassi Copyright12 1. Convergenza tecnologica tra Paesi Ocse

13 Lezione 5 Mario Benassi Copyright13 2. Brevetti pro-capite rilasciati da Us patent office

14 Lezione 5 Mario Benassi Copyright14 … un aggiornamento sui brevetti

15 Lezione 5 Mario Benassi Copyright15 2. Indicatori riferiti al capitale umano

16 Lezione 5 Mario Benassi Copyright16 2. Convergenza tecnologica tra Paesi Ocse (brevetti)

17 Lezione 5 Mario Benassi Copyright17 2. Indicatori di investimento nazionale nell’istruzione

18 Lezione 5 Mario Benassi Copyright18 3. Specializzazione tecnologica Fatti salienti nel periodo declino usa in alcuni settori (es. elett. consumo, veicoli a motorie), crescita in altri (materiali, tecnologie militari, etc) crescita jap elett. consumo, motoveicoli, beni capitali, declino nella chimica eu stabile nella chimica, rafforz nelle tecnologie militari, declino nella elettronica italia: vantaggio comparato nella chimica, nel macchinario e nei motoveicoli

19 Lezione 5 Mario Benassi Copyright19 3. Specializzazione tecnologica

20 Lezione 5 Mario Benassi Copyright20 … un aggiornamento

21 Lezione 5 Mario Benassi Copyright21 Due modelli diversi ma non antitetici Sistema innovativo basato sul network di piccole imprese (es. settori tradizionali localizzati in distretti) Sistema innovativo basato sulla R&D delle imprese di grandi dimensioni (sia private che pubbliche)

22 Lezione 5 Mario Benassi Copyright22 Note sul sistema Italia industrializzazione recente mancanza di una tradizione di R&D industriale condizioni di sostanziale follower tecnologico all’inizio degli anni ‘50 forte sviluppo negli anni ‘60 e ‘70 sostanziale dualismo in termini di sviluppo forte propensione alla esportazione ma bassa propensione alla internazionalizzazione produttiva

23 Lezione 5 Mario Benassi Copyright23 Spese R&D in percentuale PIL 1955‘63-’64‘70-’80‘85-’871991‘94-’ italia Germania Francia nd UK nd Usa Giapponend nd

24 Lezione 5 Mario Benassi Copyright24 Caratteristiche dell’innovazione in Italia classe addetti imprese innovatrici sul totale imprese con R&D sul totale addetti alle imprese innovatrici sul totale fatturato delle imprese innovatrici sul totale e oltre totale

25 Lezione 5 Mario Benassi Copyright25 Fonti della innovazione nei diversi settori in Italia totaleautochimicaelettronicameccanicafarmaceutica imprese affiliate joint-venture fornitori clienti istituti ric. pubb reverse enginner media totale

26 Lezione 5 Mario Benassi Copyright26 Fonti della innovazione nei diversi settori in Europa totaleautochimicaelettronicameccanicafarmaceutica imprese affiliate joint-venture fornitori clienti istituti ric. pubb reverse engineer media totale NOTA:un rapporto superiore a 1 indica una maggiore rilevanza del fattore in Europa rispetto alla Italia

27 Lezione 5 Mario Benassi Copyright27 Distribuzione delle spese innovative (anni ‘90-’92) classe addetti RDbrevetti e licenze progettazioneproduzionemarketinginvestimentitotale e oltre totale

28 Lezione 5 Mario Benassi Copyright28 Fonti dell’innovazione (valori da 1 a 6) classeRDDesignProposte interne Acquisto tecnologia Materie prime Beni IntermediNuovi macchinari Competenze del personale e > totale

29 Lezione 5 Mario Benassi Copyright29 Il sistema innovativo italiano 1. Network di piccole imprese 2. Imprese produttrici beni capitali 3. Imprese settori tradizionali elementi fondamentali punti di forza punti di debolezza

30 Lezione 5 Mario Benassi Copyright30 Politiche in favore della innovazione Legge Sabatini (1965, estesa nel 1976,agevola l’acquisto dei macchinari, anche in leasing) Legge 317 del 1991: promozione dello sviluppo e della competitività delle PMI

31 Lezione 5 Mario Benassi Copyright31 Il sistema RD su larga scala forte ritardo in termini aggregati rispetto ad altri paesi europei (vedi invest. in RD) quota sul mercato mondiale dei prodotti ad alta tecnologia in costante diminuzione (dal 4.5% degli anni ’70 al 2.7% degli anni ‘90) poche grandi imprese operanti su scala internazionale

32 Lezione 5 Mario Benassi Copyright32 Il sistema della ricerca pubblica in Italia le Università c/o i dipartimenti il cnr il resto del network: enea (nuove tecnologie) asi (agenzia italiana per lo spazio) infn (istituto nazionale fisica nucleare) iss (istituto superiore sanità)

33 Lezione 5 Mario Benassi Copyright33 Innovazione nei sistemi produttivi locali

34 Lezione 5 Mario Benassi Copyright34 Il punto di partenza Il modello delle “Tre Italie” (Bagnasco) I corollari del modello L’origine del processo di sviluppo è interna L’innovazione ha una spiegazione “endogena” (fattori direttamente ascrivibili ad un sistema regionale) Questi fattori (know-how, strutture sociali, capacità imprenditoriali) sono sostanzialmente immobili e hanno rendimenti differenti La loro presenza influenza la capacità di attrazione nei confronti dei fattori mobili (capitale e lavoro)

35 Lezione 5 Mario Benassi Copyright35 Alcune prime conseguenze Se le risorse endogene sono centrali per lo sviluppo… Non si può pensare di svilupparle con interventi dall’esterno (es. politica economica per lo sviluppo del Sud) Vanno accuratamente “classate” Vanno sviluppate con pazienza “ammortizzandole” con le risorse esogene Le misure di politica regionale sono molto più articolate e complesse

36 Lezione 5 Mario Benassi Copyright36 Le due opzioni dei sistemi locali Attrarre risorse dall’esterno Sviluppare le risorse locali


Scaricare ppt "Lezione 5 Mario Benassi Copyright1 Lezione 5 Confronto internazionale e sistema innovativo italiano."

Presentazioni simili


Annunci Google