La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il miracolo economico (1953-1963) La fase di sviluppo estensiva: sviluppo e squilibri Caratteri prevalenti: – Aumento delloccupazione – Processo di industrializzazione.

Copie: 1
Il miracolo economico ( ) La fase di sviluppo estensiva: sviluppo e squilibri Caratteri prevalenti: – Aumento delloccupazione – Processo di industrializzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il miracolo economico (1953-1963) La fase di sviluppo estensiva: sviluppo e squilibri Caratteri prevalenti: – Aumento delloccupazione – Processo di industrializzazione."— Transcript della presentazione:

1 Il miracolo economico ( ) La fase di sviluppo estensiva: sviluppo e squilibri Caratteri prevalenti: – Aumento delloccupazione – Processo di industrializzazione – Elevati tassi di crescita – Le componenti più dinamiche della domanda – Aumento delle dimensioni di impresa – Elevata concentrazione territoriale della produzione – Intensi flussi migratori

2 Obiettivi raggiunti Elevati investimenti produttivi Stabilità monetaria Equilibrio nella bilancia dei pagamenti

3 Bilancia dei Pagamenti (1) Bilancia delle transazioni con lestero che danno luogo a vendite di monete estere e acquisti di moneta nazionale Conto corrente: Crediti per esportazioni di beni e servizi Debiti per importazioni di beni e servizi Conto capitale Crediti per importazioni di capitali Debiti per esportazioni di capitali

4 Bilancia dei Pagamenti (2) Un deficit nel conto corrente deve essere bilanciato da un surplus nel conto capitale, il che significa sia presiti dallestero sia riduzione delle riserve possedute dalle autorità centrali

5 Le componenti della domanda aggregata Y = C + I + G + (X - M) Y = Reddito C = Consumi I = Investimenti G = Spesa pubblica X = Esportazioni M = Importazioni

6 La dinamica della domanda: i motori della crescita Il ruolo delle esportazioni La crescita degli investimenti

7

8

9 La distribuzione del reddito I salari crescono meno della produttività del lavoro La quota dei profitti e dei redditi non da lavoro cresce

10 I settori in espansione I settori esportatori (meccanica, gomma) Il settore edilizio (lavori pubblici e edilizia residenziale)

11 Aspetti territoriali Dualismo economico Aumento degli squilibri regionali Concentrazione territoriale della produzione industriale Elevati flussi migratori Crescente urbanizzazione (e urbanesimo)

12 La politica economica (1) Obiettivo prevalente: stabilità monetaria e rispetto del vincolo di cambio Controllo dei prezzi e dei salari (nel 1958 la lira ottiene il cosiddetto Oscar delle valute) Politica economica lievemente espansiva

13 La politica economica (2) Politica delloccupazione basata inizialmente sullespansione dei lavori pubblici Le politiche di sostegno del settore edilizio: Piano Fanfani e Legge Tupini Limpresa pubblica e la ristrutturazione industriale Le politiche per il Mezzogiorno: politica delle infrastrutture (fase di pre- industrializzazione)

14 Letà delloro (the golden age) Aumenta loccupazione Aumentano i salari Migliora la qualità della vita: consenso sociale Aumentano i profitti Aumenta la domanda e crescono le opportunità per gli investimenti Aumenta la produttività del lavoro e aumenta la competitività internazionale

15 Le interpretazioni Il modello di Vera Lutz: il dualismo nel mercato del lavoro Il modello di A. Graziani: il ruolo trainante delle esportazioni

16 Il modello di Vera Lutz Dualismo economico generato dal dualismo nel mercato del lavoro: lavoratori omogenei sono pagati salari differenti nei due settori (avanzato e arretrato) I salari relativamente elevati nel settore avanzato impediscono la piena occupazione Laccumulazione nel settore avanzato si trasforma automaticamente in investimenti Soluzione: tregua salariale

17 Il modello di A. Graziani La crescente apertura internazionale (le quote di mercato aumentano per la diminuzione del CLUP (Costo del lavoro per unità di prodotto: w/Y/L) Dualismo tecnologico (migliorano le tecniche e aumenta sensibilmente la produttività del lavoro nel settore esportatore) Squilibri regionali Distorsione nei consumi (prezzi relativi crescenti dei prodotti del settore arretrato/tradizionale)

18 Le variabili chiave La competitività da costi: il ruolo dei salari e labbondanza di forza lavoro Le economie di scala La dinamica della domanda Le ragioni di scambio favorevoli: i prezzi relativi decrescenti delle materie prime


Scaricare ppt "Il miracolo economico (1953-1963) La fase di sviluppo estensiva: sviluppo e squilibri Caratteri prevalenti: – Aumento delloccupazione – Processo di industrializzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google