La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LO SVILUPPO DEL BAMBINO TRA NORMALITA’ E PATOLOGIA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LO SVILUPPO DEL BAMBINO TRA NORMALITA’ E PATOLOGIA."— Transcript della presentazione:

1 LO SVILUPPO DEL BAMBINO TRA NORMALITA’ E PATOLOGIA

2 Stadi evolutivi  mesi  mesi  mesi  anni  anni  adolescenza

3 0 – 6 mesi

4 Prono Da 0 fino a 3 mesi Supino Seduto Eretto

5 Prono Supino Seduto Eretto Da 4 a 6 mesi

6 0 – 6 mesi: Sviluppo del linguaggio 0-3 mesi: i bambini si impegnano in interazioni vocali e gestuali basate sull’alternanza di turno. I suoni sono vocalici. 4-6 mesi: I bambini rispondono alle espressioni negative e positive con espressioni facciali corrispondenti (intersoggettività empatica). Compare la lallazione.

7 0 – 6 mesi: Sviluppo affettivo- relazionale 0 – 3 mesi: Sorride al volto umano e risponde al sorriso modificando la mimica. Gioca con le proprie mani portandole davanti agli occhi, segue i volti e gli oggetti in movimento. Si consola alla voce della madre. Si interessa a tutta l’attività gestuale di chi gli sta vicino. Presta attenzione alle voci e ai rumori, cercando di individuare la sorgente. 4 – 6 mesi: Fa dei gorgheggi ed emette saltuariamente delle urla. La lallazione è generalmente abbondante. A scopo consolatorio succhia il dito o il biberon. Se si vede allo specchio, sorride.

8 0 – 6 mesi: Sviluppo cognitivo e modalità di esplorazione dell’ambiente Il bambino nei primi mesi di vita impara a conoscere la realtà esterna attraverso i sensi (stadio senso-motorio per Piaget). Il suo organo preferito di conoscenza è la bocca (porta l’oggetto alla bocca), ma gradualmente aumentano le capacità visive e uditive.

9 6 – 18 mesi

10 Prono Supino Seduto Eretto Da 6 a 9 mesi

11 Passaggi posturali dalla posizione supina o seduta al gattonamento, alla posizione eretta e infine alla marcia. Dai 9 ai 12 mesi

12 Dai 12 ai 18 mesi Passaggi posturali: Seduto, Eretto, Marcia a guardia alta, media e bassa.

13 6 – 18 mesi: Sviluppo del linguaggio 6-9 mesi: Presta attenzione alle voci e ai rumori, cercando di individuare la sorgente. Prima di intraprendere un’attività osserva la madre. Fa dei gorgheggi ed emette saltuariamente delle urla. La lallazione è abbondante. Se desidera un oggetto, lo indica col dito (pointing) mesi: Chiamato per nome risponde. Reagisce alle proibizioni. Emette i primi bisillabi ed è ricco nell’espressione facciale. Alternanza di sguardo (indicando col dito l’oggetto desiderato, controlla con lo sguardo la madre per verificare se questo è stato effettivamente ricevuto). Riparazione di messaggi falliti (se la madre non risponde al messaggio, aumenta l’intensità del comportamento comunicativo o usa un nuovo gesto, per rendere il messaggio più chiaro). 12 –13: Dice mamma, papà e qualche altra parola mesi: Prima parola-frase, poi il linguaggio si arricchisce e vengono pronunciate diverse parole con comprensione di frasi semplici.

14 6 – 18 mesi: Sviluppo affettivo- relazionale 6-9 mesi: A scopo consolatorio succhia il dito o il biberon. Se si vede allo specchio, sorride mesi: Distingue i volti familiari da quelli degli estranei e sorride solo a coloro che conosce. In assenza della madre, all’avvicinarsi di un estraneo piange (angoscia per l’estraneo). Esprime il piacere di essere preso in braccio allungando le braccia verso gli adulti (reazione anticipatrice). Mangia i cibi solidi da solo (es. biscotto) mesi: C’è un aumento di interesse per tutto ciò che lo circonda e con gli oggetti che afferra ripete e riprova gli schemi di movimento. Reagisce con emozione alla comparsa dei genitori. Comincia a giocare con i fratelli e con gli adulti. Si addormenta senza troppe difficoltà.

15 6 – 18 mesi: Sviluppo cognitivo e modalità di esplorazione dell’ambiente Siamo ancora nello stadio senso-motorio (fino ai 2 anni di età). Le competenze motorie aumentano progressivamente e il bambino esplora l’ambiente. Si precisa l’importante concetto di permanenza dell’oggetto (un oggetto non smette di esistere nel momento in cui non lo può vedere). Compare il gioco del cucù e diventa quindi divertente. Compare il senso di relazione causa-effetto.

16 18 – 36 mesi

17 18 – 36 mesi: Sviluppo motorio mesi: Il cammino ha già raggiunto un grado di automatismo simile a quello dell’adulto. Inizia a correre e diventa progressivamente più sicuro. Fa le scale in salita mesi: Fa le scale da solo. Salta. Va sul triciclo. Cammina sulla punta dei piedi. Tira calci al pallone. Afferra oggetti di piccole dimensioni e con la matita fa prima scarabocchi, poi linee.

18 18 – 36 mesi: Sviluppo del linguaggio mesi: Espansione del vocabolario. Prime combinazioni di parole. Il 50% delle consonanti è prodotto correttamente. Nella comunicazione predomina il linguaggio sui gesti mesi: Il 70% delle consonanti è prodotto correttamente. Compaiono diversi meccanismi morfo-sintattici: accordo soggetto-verbo, le forme singolari prima e poi plurali dei verbi (l’ultima a comparire è la seconda persona plurale). Inizia a usare i primi pronomi (io/tu; me/te; lo/la) e più tardi gli altri.

19 18 – 36 mesi: Sviluppo affettivo- relazionale mesi: Richiede costantemente l’attenzione della madre. Va in braccio a lei per affetto, paura o stanchezza. Si ribella se contrariato. Fa scene di collera, se viene deluso, ma è facilmente consolabile. Divide poco i suoi giochi con gli altri bambini. Gioca vicino ai bambini, ma raramente con loro. E’ geloso dell’attenzione mostrata agli altri bambini, particolarmente dai suoi familiari. Non comprende la necessità di rimandare un desiderio.Compare il gioco simbolico mesi: Compaiono alcune autonomie personali (mangiare da solo, aiutare a lavarsi). Aiuta a riordinare. Diventa più affettuoso e arrendevole. Inizia a giocare con gli altri bambini. Inizia ad accettare di differire un desiderio.

20 18 – 36 mesi: Sviluppo cognitivo e modalità di esplorazione dell’ambiente Nella prima fase dello stadio pre-operatorio (2-7 anni) aumentano rapidamente le capacità linguistiche. Il linguaggio compare per imitazione e per potenzialità comunicative innate. La conoscenza della realtà esterna passa progressivamente sempre di più attraverso il linguaggio. L’egocentrismo del bambino è indice del fatto che non è ancora capace di assumere il punto di vista dell’altro e quindi ogni cosa viene vissuta in una prospettiva strettamente personale.

21 3 – 5 anni

22 3 – 5 anni: Sviluppo motorio Sul versante motorio diventa progressivamente più abile e coordinato. Verso i 5 anni è in grado di camminare a tandem e di stare su un piede solo. Sul versante della motricità fine infila, taglia, usa costruzioni. Grafismo (compare il disegno prima della figura umana, poi del resto che denomina). Copia figure geometriche e lettere in stampato maiuscolo.

23 3 – 5 anni: Sviluppo del linguaggio Circa il 100% del discorso è comprensibile, anche se fino ai 4-5 anni possono ancora essere presenti errori nella produzione dei suoni verbali (fonemi “r”, “v”, gruppi consonantici).

24 3 – 5 anni: Sviluppo affettivo- relazionale Progressivamente acquisisce le autonomie personali (igiene personale, vestirsi). Il comportamento diventa progressivamente più ragionevole, controllato e indipendente. Gioca con gli altri bambini e i giochi diventano complessi e programmati. Comprende il significato e la necessità delle regole ed inizia a rispettarle, anche se non sempre autonomamente.

25 3 – 5 anni: Sviluppo cognitivo e modalità di esplorazione dell’ambiente In questa fase il linguaggio si è arricchito sia nella comprensione, che nella produzione. I tempi di attenzione si prolungano progressivamente. Cognitivamente sono in grado di comprendere situazioni concrete e il pensiero magico è creduto come reale.

26 6 – 11 anni

27 6 – 11 anni: Sviluppo motorio Tra i 6 e i 7 anni lo sviluppo delle competenze motorie si completa, in quanto le regioni cerebrali che regolano il movimento hanno completato il loro processo maturativo. Successivamente migliora la coordinazione (regolata dal cervelletto).

28 6 – 11 anni: Sviluppo del linguaggio Si completa lo sviluppo grammaticale. Il linguaggio con la scolarizzazione si arricchisce sia sul versante lessicale, che morfo-sintattico.

29 6 – 11 anni: Sviluppo affettivo- relazionale Tra i 6 e gli 11 anni il bambino attraversa la fase di latenza, durante la quale tutte le energie sono concentrate negli apprendimenti. Rispetto alle figure genitoriali non è in conflitto, come lo sarà nell’adolescenza. Aumentano progressivamente le autonomie personali e sociali (rapporto con i coetanei, gioco di gruppo o di squadra, collaborazione).

30 6 – 11 anni: Sviluppo cognitivo e modalità di esplorazione dell’ambiente Nello stadio operativo concreto di Piaget il modo di pensare del bambino diventa più sistematico e ordinato, oltre che più flessibile, e la distinzione tra realtà e fantasia più netta (aumenta l’esame di realtà). Si attenua l’egocentrismo e il bambino diventa capace di capire il punto di vista dell’altro. Le aumentate capacità di ragionamento spesso lo fanno porre in un atteggiamento di sfida verso l’adulto.

31 Nuovi modelli neurofisiologici nella normalità e patologia Molti disturbi di sviluppo che coinvolgono la sfera motoria, linguistica, cognitiva e relazionale possono oggi essere spiegati in termini unitari Il modello del sistema dei neuroni specchio (Rizzolatti, Gallese) Ma in cosa consiste ?

32 Il sistema dei neuroni specchio

33 Il sistema dei neuroni specchio ci permette di comprendere il legame esistente tra funzioni storicamente considerate indipendenti tra loro. Oggi è quindi possibile interpretare questi disturbi in termini di disfunzionalità di sistemi neuronali, ben identificabili a livello anatomo-fisiologico, i quali hanno un ruolo di provata importanza nel determinare un armonico sviluppo di diverse funzioni.

34 Il Disturbo della coordinazione motoria Colpisce il 5-6% dei bambini Ritardo del raggiungimento delle tappe motorie Ritardo dell’acquisizione delle tappe non motorie Si associa frequentemente a: Disturbo del linguaggio (espressione-comprensione) ‏ ADHD Disturbo di Asperger (spettro autistico) ‏ Ritardo mentale Disturbi di apprendimento

35 Il Disturbo della coordinazione motoria – Sintomatologia Gruppo eterogeneo di sintomi in cui spicca la presenza di un disturbo motorio di lieve entità che coinvolge: Abilità grosso-motorie Abilità fini-motorie Coordinazione oculo-manuale Controllo posturale Ambiti di manifestazione del disturbo: Casa (difficoltà di autoaccudimento, igiene personale, alimentazione) ‏ Scuola (attività grafo-motorie, scrittura; spesso viene ipotizzato un disturbo di apprendimento ) ‏ Gioco (corsa, bicicletta, altri sport) ‏

36 Il Disturbo della coordinazione motoria – Diagnosi Si rileva sempre una prevalenza del disturbo motorio rispetto ad altre patologie. E’ presente marcata compromissione dello sviluppo della coordinazione motoria con significativa interferenza sugli apprendimenti scolastici e difficoltà nell’esecuzione degli atti della vita quotidiana

37 Il Disturbo della coordinazione motoria – Diagnosi P.C.I. Malattie muscolari Epilessie Ritardo mentale Spina bifida Accidenti vascolari cerebrali

38 Il Disturbo della coordinazione motoria – Evoluzione Sequele in età adolescenziale e adulta (rischio sociale, emotivo, scolastico; disturbi psichiatrici ) ‏

39 Neuroni specchio e linguaggio Dal punto di vista dei NS la capacità imitativa rappresenta un passo fondamentale per lo sviluppo ontogenetico del linguaggio. L’imitazione è cruciale per lo sviluppo delle abilità sociali e il SNS gioca un ruolo chiave, traduce in termini motori gli atti elementari che caratterizzano l’azione osservata, rendendo possibile una sua replica. Tale sistema è alla base dell’ empatia, infatti permette di codificare non solo le azioni, ma anche le intenzioni.

40 NS in soggetti autistici (1) ‏ Sono noti gli studi di Baron-Cohen ( Theory of Mind Mechanism, la cui funzione è di consentire la comprensione degli stati mentali attraverso l’osservazione dei comportamenti ) ‏ Nel soggetto a. si rileva una carenza di questo meccanismo, con: Incapacità di riconoscimento degli stati mentali Incapacità di stabilire un contatto visivo-attentivo, di imitare il comportamento e di comprendere pensieri, emozioni e sensazioni Incapacità di entrare in comunicazione con gli altri Difficoltà ad esprimere le proprie emozioni attraverso la mimica facciale

41 NS in soggetti autistici (2) ‏ Questa carenza del ToMM può essere ricondotta ad un disturbo della funzionalità del sistema neuroni specchio (SNS): Studi recenti (di RMN- F) evidenziano infatti che quando soggetti autistici osservano le azioni altrui non mostrano un’attivazione di questo sistema (per una sua ipotizzabile disfunzione). La comtemporanea presenza di disturbi o di assenza del linguaggio, nei bambini con autismo, avvalora l’ipotesi del disfunzionamento del SNS.


Scaricare ppt "LO SVILUPPO DEL BAMBINO TRA NORMALITA’ E PATOLOGIA."

Presentazioni simili


Annunci Google