La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMU Imposta Municipale Propria SECONDE CASE. IMU SECONDA CASA ▪Termine atecnico, una definizione analoga la troviamo nel D.L. 27 maggio 2009, n. 93, articolo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMU Imposta Municipale Propria SECONDE CASE. IMU SECONDA CASA ▪Termine atecnico, una definizione analoga la troviamo nel D.L. 27 maggio 2009, n. 93, articolo."— Transcript della presentazione:

1 IMU Imposta Municipale Propria SECONDE CASE

2 IMU SECONDA CASA ▪Termine atecnico, una definizione analoga la troviamo nel D.L. 27 maggio 2009, n. 93, articolo 1 – “Esenzione ICI prima casa”, termine che nel testo del medesimo Decreto Legge non è stato più utilizzato, facendosi riferimento, più correttamente, al termine “abitazione principale”. ▪definizione dell’oggetto e significato di “IMU SECONDA CASA”. ▪L’articolo 13, comma 2, del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla Legge 22 dicembre 2011, n. 214: “L'imposta municipale propria ha per presupposto il possesso di immobili; restano ferme le definizioni di cui all‘ articolo 2 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n.504 …”, norma che dà la definizione di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli.

3 ESCLUSIONI Non costituiscono Imu seconde case: ▪le aree fabbricabili; ▪i terreni agricoli; ▪le categorie catastali appartenenti ai gruppi da B a F; ▪i fabbricati classificati nel gruppo A alla categoria A10, rappresentati da uffici e studi privati.

4 FATTISPECIE Le fattispecie della “seconda casa” sono: ▪immobili classificati nel gruppo catastale A, con esclusione di quelli appartenenti alla categoria A10, non adibiti dal possessore ad abitazione principale ; ▪immobili situati nel territorio comunale per i quali non si applicano le agevolazioni per l’abitazione principale, in quanto i componenti del nucleo familiare hanno stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi, potendosi applicare, in tal caso, le agevolazioni per un solo immobile; ▪unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente; ▪unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo a parenti in linea retta entro il primo grado.

5 QUADRO NORMATIVO C on l’articolo 8 del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23 “Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale”, adottato in attuazione della delega conferita con Legge 5 maggio 2009, n. 42 “Delega al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell'articolo 119 della Costituzione” è stata istituita l'imposta municipale propria in sostituzione, per la componente immobiliare, dell'imposta sul reddito delle persone fisiche e le relative addizionali dovute in relazione ai redditi fondiari relativi ai beni non locati, e l'imposta comunale sugli immobili. ▪aveva per presupposto il possesso di immobili diversi dall'abitazione principale; ▪non si applicava al possesso dell'abit. principale e pertinenze della stessa escluse le cat. A1, A8 e A9; ▪aveva per base imponibile il valore dell'immobile, costituito da quello che risulta applicando all'ammontare delle rendite catastali, vigenti al 1° gennaio dell'anno di imposizione, i moltiplicatori determinati con i criteri e le modalità previsti da specifiche disposizioni normative; ▪era dovuta annualmente in ragione di un'aliquota dello 0,76%; nel caso in cui l'immobile fosse stato locato, l'aliquota era ridotta alla metà. I comuni avrebbero potuto, con deliberazione del C.C. adottata entro il termine per la deliberazione del bilancio di previsione, modificare l'aliquota, in aumento o in diminuzione, sino a 0,3 punti percentuali, ovvero sino a 0,2 punti percentuali nel caso di immobili locati; ▪avrebbe dovuto essere corrisposta a far data dal completamento dell'attuazione dei D lgs in materia di adeguamento dei sistemi contabili adottati ai sensi della L. delega a partire dal 1° gennaio 2014.

6 SUCCESSIVAMENTE Con l’articolo 13 del Decreto Legge n. 201/2011: ▪è stata anticipata l’istituzione dell'imposta municipale propria prevista dall’articolo 8 del D. Lgs. n. 23/2011, in via sperimentale, a decorrere dall'anno 2012; ▪è stato definito quale presupposto dell'imposta municipale propria il possesso degli immobili di cui all'articolo 2 del D. Lgs. 30 dicembre 1992, n. 504, ivi compresa l'abitazione principale e le pertinenze della stessa; ▪sono stati ridefiniti i moltiplicatori da applicare alle rendite risultanti in catasto ai fini della determinazione della base imponibile; ▪è stato previsto che una quota di imposta pari alla metà dell'importo calcolato applicando alla base imponibile di tutti gli immobili L’ALIQUOTA BASE DELLO 0,76%, ad eccezione dell'abitazione principale e delle relative pertinenze nonché dei fabbricati rurali ad uso strumentale, è riservata allo Stato.

7 DA ULTIMO Con la Legge 27 dicembre 2013, n. 147 (legge di stabilità 2014) il legislatore è nuovamente intervenuto in materia di imposta municipale propria, prevedendo: a)l’istituzione dell’imposta unica comunale (IUC), composta, tra le altre, dall'imposta municipale propria (IMU); b)che l’'istituzione della IUC lascia salva la disciplina per l'applicazione dell'IMU; c)che l'imposta municipale propria non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; d)l’assimilazione all’abitazione principale: ▪delle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari; ▪dei fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali; ▪della casa coniugale assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

8 ▪di un unico immobile posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica; e) la possibilità per i comuni di considerare direttamente adibita ad abitazione principale: ▪l'unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata; ▪l'unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata (disposizione poi superata da quanto previsto dall’articolo 9-bis del D.L. 28 marzo 2014, n. 47, convertito dalla legge 23 maggio 2014, n. 80); ▪l'unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale, prevedendo che l'agevolazione operi o limitatamente alla quota di rendita risultante in catasto non eccedente il valore di euro 500 oppure nel solo caso in cui il comodatario appartenga a un nucleo familiare con ISEE non superiore a euro annui. In caso di più unità immobiliari, la predetta agevolazione può essere applicata ad una sola unità immobiliare.

9 LE SINGOLE FATTISPECIE ▪Tra le “seconde case” possiamo considerare anche la fattispecie degli immobili locati e, per sommi capi, possiamo riassumere le varie tipologie di contratto di locazione nelle seguenti: ▪a equo canone; ▪in regime di libero mercato; ▪a canone convenzionale, cioè determinato sulla base di appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni degli inquilini maggiormente rappresentative a livello nazionale, ai sensi dell’articolo 2, comma 3, della Legge 9 dicembre 1998, n Nella prima stesura dell’IMU, il legislatore, all’articolo 8, comma 6, del D.Lgs. n. 23/2011, aveva previsto che l’aliquota ordinaria, pari allo 0,76 per cento, fosse ridotta alla metà nel caso in cui “l’immobile sia locato”. Questa eventualità di fatto non è mai entrata in vigore e con l’articolo 1, comma 713, lett. b), della Legge n. 147/2013, tale comma è stato definitivamente abrogato. Infatti, l’articolo 13, comma 9, del D.L. n. 201/2011 ha stabilito che “I comuni possono ridurre l'aliquota di base fino allo 0,4% Quindi nella fase di applicazione sperimentale e dal 2014 a regime, la riduzione dell’aliquota non è più un obbligo ma una possibilità che il comune può esercitare nell’ambito della sua potestà regolamentare.

10 IMU FONTE DI INASPRIMENTO DELLA TASSAZIONE PER LE LOCAZIONI ▪La Legge n. 431/1998 aveva, infatti, previsto una fattispecie che ha trovato larga applicazione nelle aliquote dell’Imposta Comunale sugli Immobili (ICI): ▪con l’articolo 2, comma 3, è stato previsto che “… le parti possono stipulare contratti di locazione, definendo il valore del canone, la durata del contratto, … ed altre condizioni contrattuali sulla base di quanto stabilito in appositi accordi definiti in sede locale fra le organizzazioni della proprietà edilizia e le organizzazioni dei conduttori maggiormente rappresentative. …”; ▪con l’articolo 2, comma 4, è stato previsto che “Per favorire la realizzazione degli accordi di cui al comma 3, i comuni possono deliberare, nel rispetto dell'equilibrio di bilancio, aliquote ICI più favorevoli per i proprietari che concedono in locazione immobili alle condizioni definite dagli accordi stessi. I comuni che adottano tali delibere possono derogare al limite minimo stabilito, ai fini della determinazione delle aliquote, dalla normativa vigente al momento in cui le delibere stesse sono assunte. …”. Il legislatore dell’IMU non ha tenuto conto di quanto sopra e non vi sono richiami, nei vari decreti che in questi tre anni sono stati approvati, alla Legge n. 431/1998, che ripropongano un trattamento di favore.

11 L’INCERTEZZA NORMATIVA Inoltre l’incertezza normativa che ha caratterizzato l’introduzione dell’IMU, variata nella sua applicazione per tutti gli anni della sua breve vigenza, ancora non ha dato modo alle amministrazioni comunali di perseguire politiche ad hoc per la locazione. Infatti, nell’anno 2012, il 3,8 per mille dell’aliquota base, cioè il 50%, era di competenza statale e pertanto sottratto dalla libera iniziativa dei comuni. Il 2013 e il 2014 hanno visto ancora variazioni normative e soprattutto l’impossibilità, per i tagli ai trasferimenti statali, di sottrarre una fetta importante di gettito a favore di una maggiore attenzione alle casistiche della locazione.

12 Tabella delle aliquote ordinarie e delle aliquote per gli immobili a canone concordato, di alcune grandi città e dei comuni di cui siamo dipendenti: COMUNIALIQUOTA ORDINARIAALIQUOTA Legge 431/1998 BOLOGNA10.6 per mille7.6 per mille GENOVA10.6 per mille8.5 per mille MILANO10.6 per mille6.5 per mille 9.6 per mille con contratto registrato ROMA10.6 per milleNon c’è aliquota particolare TORINO10.6 per mille5.75 per mille BEINASCO10.6 per mille7.6 per mille GRUGLIASCO10.6 per mille4.5 per mille RIVALTA DI TORINO10.6 per mille7.6 per mille RIVOLI9.4 per mille4 per mille

13 USO GRATUITO “Uso gratuito” o “Comodato gratuito” Introdotto a partire dall’anno 1998, a seguito delle novità introdotte dal D. Lgs. 15 dicembre 1997, n L’articolo 59, alla lettera e), prevedeva che con regolamento i comuni potessero “considerare abitazioni principali quelle concesse in uso gratuito a parenti in linea retta o collaterale, stabilendo il grado di parentela”. Il D.Lgs. n. 23/2011, la prima versione dell’IMU, non prevedeva questa casistica. il D.Lgs. n. 201/2011, non ha nuovamente preso in considerazione l’uso gratuito: l’imposta si è configurata da subito come una “mini patrimoniale” con spazi limitati per le agevolazioni. Nel corso di questi tre anni l’uso gratuito è stato però sempre interessato da tentativi di modifiche per alleggerirne la tassazione, in alcuni casi rimaste sulla carta tra un decreto e l’altro e mai approvate, o variate comunque significativamente in corso di approvazione del decreto legge. L’attuale versione, al comma 707 della L. n. 147/2013 con il quale sono state apportate modificazioni all’articolo 13 del D.L. n. 201/2011, prevede che i comuni possono considerare direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare concessa in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che la utilizzano come abitazione principale, prevedendo che l’agevolazione operi o limitatamente alla quota di rendita risultante in catasto non eccedente il valore di euro 500 oppure nel solo caso in cui il comodatario appartenga a un nucleo familiare con ISEE non superiore a euro annui. L’agevolazione può essere applicata a una sola unità immobiliare.

14 Tabella delle aliquote ordinarie e delle aliquote per gli immobili concessi in uso gratuito COMUNIALIQUOTA ORDINARIAALIQUOTA USO GRATUITO BOLOGNA10,6 ‰7,6 ‰ GENOVA10,6 ‰Assimilazione in base all’ISEE MILANO10,6 ‰Assimilazione in base all’ISEE ROMA10,6 ‰Assimilazione in base all’ISEE TORINO10,6 ‰7,6 ‰ BEINASCO10,6 ‰7,6 ‰ GRUGLIASCO10,6 ‰ RIVALTA DI TORINO10,6 ‰7,6 ‰ RIVOLI9,4‰4,00 ‰

15 IUC - Riscossione Istanze di rateizzazioni L’Imu è un imposta giovane: non si riscontrano casistiche rilevanti rispetto all’accertamento e riscossione Istanze di rateizzazioni da parte dei grandi proprietari di immobili al fine di prevenire attività amministrative di ’accertamento da parte del comune entro i termini utili di applicazione del ravvedimento Art. 13-D lgs. 472/1997

16 IMU - Poteri istruttori L'applicazione e la riscossione della Imu sono attribuite al comune. La Legge di stabilità n 147 /2013 istitutiva della IUC norma dai commi 693 al 701 i poteri accertativi in capo al comune nella figura del Funzionario Responsabile. il quadro normativo di riferimento applicabile alla nuova imposta, effettua puntuali richiami alla normativa previgente non solo in materia Ici ma anche con riferimento alla disciplina generale dell’accertamento e della riscossione dei tributi locali. (comma 13, Art 13 D. Lgs 201/2011) Ai fini della verifica del corretto assolvimento degli obblighi tributari, il funzionario responsabile può inviare questionari ai contribuenti, richiedere dati e notizie ad uffici pubblici ovvero ad enti di gestione di servizi pubblici Eliminazione dell’obbligo di presentazione della dichiarazione Imu, eccetto i casi in cui si intenda usufruire di agevolazioni, ovvero quando i dati e le notizie non siano ricavabili da altre fonti Piattaforme Siatel, Sister

17 IMU - Accertamento e sanzioni ▪i comuni rettificano le dichiarazioni ▪ incomplete/infedeli ▪ i parziali o ritardati versamenti ▪omesse dichiarazioni e omessi versamenti ▪emissione dell’avviso di accertamento con contestuale comminazione delle relative sanzioni ed interessi Per tutto quanto non previsto dalle disposizioni dei precedenti articoli concernenti la IUC, si applicano le disposizioni di cui all’articolo 1, commi da 161 a 170, della legge 27 dicembre 2006, n. 296

18 Problematiche di applicazione dell’IMU ambito soggettivo e oggettivo ▪il presupposto per l’applicazione dell’IMU è il possesso di immobili di cui all'articolo 2 del D. Lgs. n. 504/1992. ▪in merito all’ambito soggettivoè necessario definire il quadro di riferimento circa il possesso di un bene e i casi particolari ▪il rapporto che lega il soggetto all’immobile deve essere “qualificato”, riconducibile, quindi, alla proprietà, all’usufrutto o ad altro diritto reale di godimento, o a un’altra situazione giuridica specificatamente stabilita dalla legge, come nel caso di locazione finanziaria o concessione di beni demaniali.

19 ▪Soggetti passivi dell’imu ▪il proprietario dell’immobile; ▪l’usufruttuario; ▪il titolare del diritto d’uso; ▪il titolare del diritto di abitazione; ▪il titolare del diritto di enfiteusi; ▪il titolare del diritto di superficie; ▪il locatario di bene in leasing; ▪il concessionario di beni demaniali. SEGUE

20 ▪il diritto di abitazione è un diritto strettamente personale del Coniuge superstite ▪Diritto personale di godimento per il coniuge separato a seguito di sentenza ▪Multiproprietà ▪Eredi ▪Assegnatario di alloggio di edilizia pubblica con patto di futura vendita detiene solo un diritto personale di credito: soggetto passivo è il proprietario dell’immobile


Scaricare ppt "IMU Imposta Municipale Propria SECONDE CASE. IMU SECONDA CASA ▪Termine atecnico, una definizione analoga la troviamo nel D.L. 27 maggio 2009, n. 93, articolo."

Presentazioni simili


Annunci Google