La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari."— Transcript della presentazione:

1 1 IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari

2 Benessere animale Perchè?

3 Alcune definizioni di benessere animale sono analoghe a quelle relative al benessere umano E’ per questo che il concetto di benessere animale avanza parallelamente (al seguito) a quello di ergonomia e sicurezza

4 Animali hanno una qualche consapevolezza di sè, del dolore e della paura che provano DOVERE diretto da parte dell’uomo di commisurare i benefici derivati dagli animali per soddisfare i suoi bisogni con gli oneri ad essi imposti in termini di disagi, costrizione, privazioni, sofferenze. ETICA DELLA RESPONSABILITA’

5 SUL CONCETTO DI RESPONSABILITA’ SI FONDANO LE ARGOMENTAZIONI RELATIVE AL BENESSESERE DEGLI ANIMALI

6 EVOLUZIONE DEL CONCETTO IN BASE A ETICA ↔TECNICA Campo di battaglia fra due opposti estremi: Alcuni ritengono che gli animali debbano godere di condizioni simili a quelle del loro habitat naturale – vedono solo l’animale; Altri considerano come unico parametro di valutazione la produttività - vedono solo l’uomo Entrambi i punti di vista vanno integrati in un’ottica sistemica animale-uomo

7 IL BENESSERE ANIMALE VA CONSIDERATO COME FATTORE PRINCIPALE NELLA PROGETTAZIONE E GESTIONE DELLE STALLE

8 LE 5 LIBERTA’ Dalla fame e dalla sete Dal disagio Dal dolore, da stimoli dannosi e da malattie Di espressione del normale comportamento Dalla paura e da fattori stressanti

9 QUADRO NORMATIVO Aggiornamento Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 53 "Attuazione della direttiva n. 2001/93/CE che stabilisce le norme minime per la protezione dei suini" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 49 del 28 febbraio Supplemento Ordinario n. 30

10 MISURE MINIME VALIDE PER TUTTI GLI ANIMALI ALTRE NORMATIVE SPECIFICIE PER: D.leg. 146/01 (analoga alla 626/94 per la sicurezza sul lavoro) OVAIOLE SUINI VITELLI.

11

12

13

14

15 PROTEZIONE DEGLI ANIMALI NEGLI ALLEVAMENTI (D.l.vo 146/2001) ISPEZIONE IN AZIENDA (Animali diversi dai vitelli, suini e galline ovaiole) Non verificato I materiali e le attrezzature con i quali gli animali possono venire a contatto non devono essere nocivi per gli animali. Non devono esservi spigoli taglienti o sporgenze. La circolazione dell'aria, la quantita' di polvere, la temperatura, l'umidita' relativa dell'aria e le concentrazioni di gas devono essere mantenute entro limiti non dannosi per gli animali. Gli animali custoditi nei fabbricati non devono essere tenuti costantemente al buio o senza un adeguato periodo di riposo. Titolare: ………………………………………………………….. A.S.L. competente:………………………………….. Ubicazione dell'azienda: ……………………………………………………………………………………………….…(…..) Conformita' ai principali requisiti previsti dal d.l.vo 146/2001 (dir. 98/58/CE) ConformeNon conforme PersonaleGli animali sono accuditi da un numero sufficiente di addetti aventi adeguate conoscenze. Controllo degli animali Gli animali sono ispezionati almeno una volta al giorno. Per consentire l'ispezione completa degli animali in qualsiasi momento deve essere disponibile un'adeguata illuminazione. Gli animali malati o feriti devono ricevere immediatamente un trattamento appropriato. Ove necessario, gli animali malati o feriti vengono isolati in appositi locali. Registraz. dei dati Il proprietario o il custode degli animali tiene un registro di ogni trattamento medico effettuato e del numero dei casi di mortalita' constatati ad ogni ispezione per un periodo di almeno tre anni. Liberta' di movimento La liberta' di movimento dell'animale non deve essere limitata in modo tale da causargli inutili sofferenze o lesioni. Requisiti dei fabbricati Specie animale e orientamento produttivo ……………………………………… Data di costruzione o ultima ristrutturazione dell'azienda ……………………………….…..…. Numero di animali presenti in azienda ……………………………………….…

16 Impianti Se la salute e il benessere degli animali dipendono da un impianto di ventilazione artificiale, dev'essere previsto un adeguato impianto di riserva per garantire un ricambio d'aria sufficiente a salvaguardare la salute e il benessere degli animali in caso di guasto all'impianto e dev'essere previsto un sistema di allarme che segnali il guasto. Mangimi e altre sostanze Nessuna altra sostanza, ad eccezione di quelle somministrate a fini terapeutici o profilattici o in vista di trattamenti zootecnici come previsto dall'art. 1, par. 2, lettera c), della direttiva 96/22/CE, deve essere somministrata ad un animale, a meno che gli studi scientifici sul benessere degli animali e l'esperienza acquisita ne abbiano dimostrato l'innocuita' per la sua salute e il suo benessere. MutilazioniPertinenti disposizioni di cui all'allegato al d.l.vo 146/2001, punto 19. Animali da pelliccia Pertinenti disposizioni di cui all'allegato al d.l.vo 146/2001, punto 22. GIUDIZIO FINALE, riferito a tutti i requisiti del d.l. vo 146/2001, ed EVENTUALI PROVVEDIMENTI ADOTTATI …………………………………………………………………………………………………………………………………. Data del controllo o periodo di riferimento (vigilanza continua) Sottoscrizione da parte del Servizio vet. responsabile …………………………………………………………………. ………..……………………………………………….. Non devono essere praticati l'allevamento naturale o artificiale o procedimenti di allevamento che provochino o possano provocare agli animali in questione sofferenze o lesioni. Questa disposizione non impedisce il ricorso a taluni procedimenti che possono causare sofferenze o ferite minime o momentanee o richiedere interventi che non causano lesioni durevoli, se consentiti dalle disposizioni nazionali. Pratiche di allevamento

17 17

18 I bovini sono animali sociali Femmine e vitelli vivono separati dai maschi Attivi al pascolo durante le ore di luce alimentandosi specie al mattino presto e alla sera. Mentre si alimentano gli animali tendono anche a defecare. Negli allevamenti da latte l’attività alimentare delle vacche ruota invece attorno agli orari di mungitura. ESEMPIO BOVINI

19 Pascolando i bovini percorrono distanze variabili tra le poche centinaia di metri fino a 9 km al giorno. Le vacche da latte trascorrono in decubito quasi la metà della giornata

20 Struttura gerarchica: I sistemi di allevamento possono avere un ruolo nella formazione del gruppo, il che si ripercuote poi sulla produttività dell’animale stabulato e sulla sua aggressività. Le bovine sottomesse mangiano più velocemente di quelle dominanti (la fame è brutta !!!!). Molto interessante è osservare l’ordine assunto dalle bovine quando si recano in sala di mungitura: si instaura infatti un ordine di precedenza Grooming reciproco.

21 Impossibile fornire agli animali un ambiente completamente privo di stress Tuttavia si deve prestare massima attenzione a: le dimensioni delle aree stabulative; il tipo di lettiera; la pavimentazione; la pulizia; le condizioni ambientali sia estive, sia invernali. In ogni caso, l’utilizzo di buon senso e l’applicazione delle conoscenze nel campo del comportamento animale avranno ricadute estremamente positive sia sulle bovine che sulle persone che lavorano in allevamento.

22 22

23 23

24 La stabulazione dovrebbe consentire ad ogni animale: di avere un costante accesso all’alimento e all’acqua, di avere un’area di riposo confortevole e asciutta, un riparo in caso di cattivo tempo, spazio a sufficienza per muoversi e comportarsi secondo la normale gamma di comportamenti sociali specie-specifici (in particolare è necessario che gli animali più in basso nella scala gerarchica abbiano lo spazio sufficiente per allontanarsi da quelli dominanti).


Scaricare ppt "1 IMPIANTI E STRUTTURE Corso di Laurea PAAS Prof. Massimo Lazzari."

Presentazioni simili


Annunci Google