La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI."— Transcript della presentazione:

1 I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI

2

3

4 Il Global Gender Gap Report è un rapporto internazionale sul divario di genere pubblicato per la prima volta nel 2006 dal World Economic Forum.2006World Economic Forum Il Rapporto prende in esame quattro aree critiche della disuguaglianza tra uomini e donne in 135 economie in tutto il mondo, oltre il 92% della popolazione mondiale: Partecipazione economica e opportunità Livello d'istruzione Rafforzamento politico Salute e la sopravvivenza

5 CountryOverall Economic participation and opportunity Educational Attainteme nt Health and survival Political Empowerm ent Iceland12419§1 Norvegia Finlandia Spagna Argentina Italia Yemen

6 La relazione annuale dalla Banca d’Italia dedica 10 pagine alla problematica della partecipazione femminile; “La carenza dei servizi volti a conciliare vita professionale e familiare” che continua a essere “un freno alla partecipazione al mercato del lavoro nei primi anni di vita dei figli”

7 Una maggiore partecipazione femminile al mercato del lavoro, nelle posizioni di vertice e nelle amministrazioni porterebbe non solo “meno corruzione” perché “a una più elevata presenza di donne tra gli amministratori pubblici corrispondono livelli di corruzione più bassi e un’allocazione delle risorse orientata alla spesa sanitaria e ai servizi di cura e istruzione”. Ma anche, “un aumento del numero di famiglie con redditi da lavoro e una riduzione del rischio di povertà, con una crescita complessiva del Pil”.

8 «Gli uomini fanno confusione, poi arrivano le donne e mettono in ordine». Era il 2008 quando l'allora premier islandese Geir Haarde pronunciò queste parole di fronte al Parlamento. Tre donne ai vertici sono protagoniste dell’uscita dell’Islanda dalla crisi: Birna Einarsdòttir, esperta di corporate banking; Landsbanki, Elìn Sigfùdòttir, economista nel settore commerciale e marketing.

9 La premier Jòhanna Siguroardòttir, eletta nel 2009 dopo le dimissioni di Haarde. Socialdemocratica e femminista, omosessuale dichiarata e mamma. Jòhanna sta guidando l'Islanda fuori dalla crisi.

10 " In politica, se vuoi che qualcosa venga detto, chiedi ad un uomo. Se vuoi che qualcosa venga fatto, chiedi ad una donna." Margaret Thatcher

11

12

13

14  Stereotipi culturali  Inesistenza di quote rosa (discriminazione positiva)  Manca il tempo a causa degli impegni familiari  Incapacità di tenere un fronte unico di fare gruppo ( Giulia Buongiorno noto avvocato e deputata del PDL)

15 Prevalgono gli interessi personali e mancano gli ideali Molti incontri inconcludenti mancanza di concretezza Lotta di potere fine a se stesso Mancanza di disponibilità del partner nella gestione degli impegni Le donne sono meno adatte a districarsi nelle difficoltà della politica

16  54 SENATORI 25 DONNE  109 DEPUTATI 37 DONNE


Scaricare ppt "I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI I CITTADINI… E LE CITTADINE DEVONO RIAPPROPRIARSI DELLE ISTITUZIONI."

Presentazioni simili


Annunci Google