La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Obiettivi  favorire l’apprendimento di metodologie e principi generali e specifici di epidemiologia e prevenzione primaria sull'individuo e sulla collettività.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Obiettivi  favorire l’apprendimento di metodologie e principi generali e specifici di epidemiologia e prevenzione primaria sull'individuo e sulla collettività."— Transcript della presentazione:

1 Obiettivi  favorire l’apprendimento di metodologie e principi generali e specifici di epidemiologia e prevenzione primaria sull'individuo e sulla collettività e degli strumenti per la programmazione e l'attuazione di interventi preventivi nella popolazione e nel territorio  fornire gli strumenti conoscitivi di base per un corretto approccio preventivo ai problemi di salute che si pongono per il singolo e per le comunità nell’ambito delle attività motorie e sportive delle diverse età della vita IGIENE APPLICATA ALLO SPORT E ALL' ATTIVITA' MOTORIA

2 Programma del corso A.A. 2005/06 Dalla salute alla malattia: salute, rischio, malattia. La dinamica salute/malattia. I determinanti della malattia: la causalità e gli agenti eziologici; il rischio ed i fattori di rischio. Nozioni di epidemiologia generale e di prevenzione: definizioni, finalità e metodologie epidemiologiche; modelli e profili epidemiologici delle malattie infettive, delle malattie multifattoriali e dei traumatismi.

3 Programma del corso Principi generali di prevenzione individuale, comunitaria e collettiva. Gli strumenti di prevenzione e l’educazione sanitaria alla promozione della salute. Linee generali di prevenzione delle malattie infettive e delle malattie multifattoriali. Epidemiologia e profilassi delle malattie infettive in età evolutiva. Epidemiologia e profilassi delle malattie infettive in ambito sportivo. Epidemiologia delle malattie cronico-degenerative (malattie cardiovascolari, diabete, obesità, broncopneumopatie croniche ostruttive).

4 Programma del corso Educazione sanitaria: attività motorie, sport e prevenzione comportamentale. Alimentazione, sport e salute, doping. Rapporti tra ambiente e salute: igiene dell'ambiente scolastico: caratteristiche costruttive, microclima, viziatura dell'aria, illuminazione e acustica dell'aula e della palestra scolastica; igiene degli impianti sportivi: caratteristiche costruttive, microclimatiche, impiantistica sportiva, norme CIO e CONI; igiene della piscina natatoria, trattamenti di depurazione dell'acqua di piscina.

5 SCIENZE MEDICHE Area della Medicina preventiva Obiettivo: mantenere lo stato di salute attraverso la prevenzione Campo di attività: popolazione Modello di intervento: sanità pubblica Metodologia: epidemiologia Strumento di indagine: statistica Area della Medicina clinica Obiettivo: Ripristinare lo stato di salute attraverso la terapia Campo di attività: individuo Modello di intervento: Assistenza individuale Metodologia: semeiotica Strumento di indagine: tecniche diagnostiche

6 DEFINIZIONI DI EPIDEMIOLOGIA

7 Cinque parole chiave

8 SALUTE/MALATTIA

9 POPOLAZIONE

10 CLASSIFICAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO FATTORI AMBIENTALI –FISICI - CHIMICI - BIOLOGICI FATTORI COMPORTAMENTALI –ABITUDINI ALIMENTARI –USO DI TABACCO, ALCOL, DROGHE –SEDENTARIETA’ FATTORI GENETICI FATTORI INDIVIDUALI –ETA’ - RAZZA - SESSO - PATOLOGICHE PREDISPONENTI

11 DETERMINANTI DI MALATTIA PRIMARI E SECONDARI ENDOGENI Costituzione genetica Età Stato nutrizionale Stato immunologico Stato funzionale Comportamento Ecc. ESOGENI Ambiente Clima Traumi Malattie intercorrenti Agenti di stress Ecc.

12 DETERMINANTI DI MALATTIA

13 COMPITI SPECIFICI E SCOPI PRATICI DELL'EPIDEMIOLOGIA

14 I. EPIDEMIOLOGIA DESCRITTIVA II. EPIDEMIOLOGIA CAUSALE Epidemiologia descrittiva Epidemiologia analitica Stimare la frequenza di malattia Identificare i determinant i di salute/ malattia Possibili obiettivi di uno studio epidemiologico Ha lo scopo di scoprire COSA E’ la malattia, chi, quando e dove colpisce Ha lo scopo di raccogliere dati per verificare una ipotesi e rispondere al PERCHE’ una malattia si verifica

15 Applica gli stessi metodi dell'epidemiologia classica alle decisioni diagnostiche e terapeutiche da adottare su di un singolo paziente (ANALISI DELLE DECISIONI CLINICHE): buona salute  cambiamenti subclinici   malattia clinica  esito di malattia (guarigione, morte, cronicizzazione) Le decisioni cliniche si basano anche sui risultati degli studi epidemiologici sperimentali (EPIDEMIOLOGIA SPERIMENTALE) III. EPIDEMIOLOGIA CLINICA

16 STORIA NATURALE DELLA MALATTIA Epidemiologia clinica Epidemiologia analitica Esito Esposizione ai fattori di rischio Insorgenza della malattia guarigione cronicizzazione decesso

17 IV. EPIDEMIOLOGIA E VALUTAZIONE DEGLI INTERVENTI SANITARI Le misure epidemiologiche servono nella programmazione sanitaria per determinare i bisogni di salute sia presenti che futuri Inoltre vengono utilizzate nella valutazione degli effetti di una prestazione sanitaria in termini di analisi Costi - benefici e Costi - efficacia

18 Modelli di Malattia Malattia infettiva Malattia Agente eziologico Fattori ambientali, Fattori relativi all’ospite Fattori relativi al microrganismo La CAUSA è necessaria, ma non sufficiente

19 Modelli di Malattia Malattia multifattoriale Malattia 1 Fattore di rischio 1 Modulazioni ambientali, Fattori relativi all’ospite La CAUSA non è né necessaria, né sufficiente Fattore di rischio 2 Fattore di rischio 3 Malattia 2 Malattia 3

20 Natural selection of metabolic adaptation to starvation Social pressures Industrial society Hereditary factors Dietary excesses in saturated fat, cholesterol, calories, salt Obesity Personality & emotional stress Cigarette smoking Lack of exercise Coronary artery distribution Diabetes or carbohydrate intolerance Hyperlipidemia Hypertension Increased catecholamines Thrombotic tendency Significant coronary atherosclerosis Myocardial susceptibility Deficiency in collateral circulation Coronary occlusion Myocardial infarction Web of Causation for Myocardial Infarction (Heart Attacks) Taken from Friedman, G. D. (1994). Primer of Epidemiology (5 th Ed.). New York: McGraw-Hill, p.4.

21 Modelli di Malattia Malattia a causalità diretta Danno A Concause Fattori concorrenti La CAUSA è necessaria e sufficiente Causa Danno B Danno C Massima gravità Minima gravità Massima gravità Minima gravità Massima gravità Minima gravità

22 Modelli di Malattia Malattie genetiche Cromosomiche Concause Fattori concorrenti Monogeniche Multigeniche Allele recessivo Allele dominante Multifattoriali con prevalente componente genetica


Scaricare ppt "Obiettivi  favorire l’apprendimento di metodologie e principi generali e specifici di epidemiologia e prevenzione primaria sull'individuo e sulla collettività."

Presentazioni simili


Annunci Google