La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo registro telematico

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo registro telematico"— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo registro telematico
Portale SIAN Il nuovo registro telematico 1

2 Gli operatori iscritti al SIAN
2

3 Operatori aderenti alla filiera oleicola e per i
quali Agea ha attribuito il codice PIN per la tenuta del registro di carico e scarico 14.466 3

4 Gli stabilimenti distinti per tipologia
Frantoio 5.903 Confezionatore 4.532 Commerciante olio 2.200 Commerciante olive 313 Sansificio 41 Raffineria 11 Commerciante sansa 70 Dati al 4

5 I frantoi in Italia 200 204 278 538 459 1.233 444 487 1.086 157 164 814 Frantoi Dati al 5

6 I confezionatori in Italia
191 309 296 1.394 246 678 272 210 269 79 65 368 Confezionatori Dati al 6

7 Sansifici e raffinerie
1 Raffinerie 1 Sansifici 1 5 1 3 10 2 2 3 4 10 1 1 2 4 1 Dati al 7

8 La campagna oleicola 8

9 Dati produttivi Campagna N. Operatori frantoi Olive molite In tonnellate Olio prodotto 2008/2009 5.032 2009/2010 4.808 2010/2011 4.835 2011/2012 4.743 2012/2013 4.775 2013/2014 4.680 2014/2015 5.367 Dati al 9

10 Campagna 2014-2015 - Olio prodotto in tonnellate
3.821 19.078 Totale nazionale t Nord 2% Centro 9% Sud 89% Dati al 10

11 Dati produttivi per regione - Campagna 2014-2015
Olive in tonnellate Olio in tonnellate Resa % % olio prodotto su totale nazionale Puglia 13,88 60,53 Calabria 23.133 16,49 11,28 Sicilia 21.037 16,05 10,26 Sardegna 46.347 6.884 14,85 3,36 Lazio 38.835 5.209 13,41 2,54 Toscana 38.234 6.034 15,78 2,94 Campania 36.217 4.709 13,00 2,30 Abruzzo 30.584 3.842 12,56 1,87 Basilicata 18.951 2.314 12,21 1,13 Molise 11.425 1.337 11,70 0,65 Liguria 8.147 1.906 23,39 0,93 Umbria 7.852 1.046 13,32 0,51 Altre regioni 39.537 3.526 - 1,72 Dati al 11

12 Dati produttivi per regione Confronto campagna 2013/2014 – 2014/2015
Diff. Olio Olive in tonnellate Olio in tonnellate Resa % Puglia 15,07 13,88 -35% Calabria 42.127 17,69 23.133 16,49 -82% Sicilia 28.707 15,44 21.037 16,05 -36% Sardegna 13.134 2.237 17,03 46.347 6.884 14,85 +208% Lazio 86.522 11.126 12,86 38.835 5.209 13,41 -114% Toscana 17.593 12,6 38.234 6.034 15,78 -192% Campania 14.090 13,84 36.217 4.709 13,00 -199% Abruzzo 96.863 12.868 13,28 30.584 3.842 12,56 -235% Basilicata 39.561 5.996 15,16 18.951 2.314 12,21 -159% Molise 28.767 4.120 14,32 11.425 1.337 11,70 -208% Liguria 25.272 4.366 17,28 8.147 1.906 23,39 -129% Umbria 50.797 6.366 12,53 7.852 1.046 13,32 -509% Dati al 12

13 Olio prodotto per provincia – Regione Puglia
Campagna 21.577 41.119 29.829 17.446 9.770 4.417 Dati al 13

14 Dati produttivi per provincia – Regione Puglia
Campagna Provincia Olive in tonnellate Olio in tonnellate Resa % Bari 41.119 13,89 Barletta-Andria-Trani 29.829 15,81 Brindisi 21.577 13,00 Lecce 17.446 12,84 Foggia 73.773 9.770 13,24 Taranto 34.096 4.417 12,95 13,88 Dati al 14

15 Dati produttivi per provincia - Regione Puglia
Confronto campagna 2013/2014 – 2014/2015 Provincia Diff. olio Olive in t Olio in t Resa % Bari 58.234 15,60 41.119 13,89 -29% Barletta-Andria-Trani 42.037 17,45 29.829 15,81 Brindisi 22.591 12,94 21.577 13,00 -4% Lecce 18.507 13,18 17.446 12,84 -6% Foggia 18.907 15,29 73.773 9.770 13,24 -48% Taranto 57.122 7.024 12,30 34.096 4.417 12,95 -37% Dati al 15

16 OLIO SFUSO Da registro di carico e scarico e registro provvisorio 16

17 Dati produttivi per regione - Campagna 2014-2015
Totale olio prodotto (ton) Extravergine (ton) Vergine (ton) Lampante (ton) In attesa di classificazione (ton) Puglia 73.535 2.652 28.137 19.834 Calabria 23.133 7.456 476 2.721 12.480 Sicilia 21.037 13.575 753 136 6.573 Toscana 6.034 4.638 151 23 1.222 Campania 4.709 1.691 191 5 2.822 Abruzzo 3.842 1.769 47 139 1.887 Lazio 5.209 2.314 19 1 2.875 Umbria 1.046 841 4 201 Basilicata 761 51 1.501 Liguria 1.906 1.239 195 82 390 Molise 1.337 610 50 677 Sardegna 6.884 1.228 285 3 5.368 Dati al 17

18 Dati produttivi per regione - Campagna 2014-2015
Totale olio prodotto (ton) % Extravergine sul totale % Lampante sul totale Puglia 59,23 22,66 Calabria 23.133 32,23 11,76 Sicilia 21.037 64,53 0,65 Toscana 6.034 76,86 0,38 Campania 4.709 35,91 0,11 Abruzzo 3.842 46,04 3,62 Lazio 5.209 44,42 0,02 Umbria 1.046 80,40 - Basilicata 2.314 32,89 0,04 Liguria 1.906 65,01 4,30 Molise 1.337 45,62 Sardegna 6.884 17,84 Dati al 18

19 Dati produttivi per regione - Campagna 2014-2015
Totale olio prodotto (ton) Olio Dop e IGP % olio Dop IGP sul totale Puglia 3.388 2,73 Calabria 23.133 108 0,47 Sicilia 21.037 174 0,82 Toscana 6.034 158 2,68 Campania 4.709 23 0,49 Abruzzo 3.842 16 0,26 Lazio 5.209 47 0,89 Umbria 1.046 132 10,43 Basilicata 2.314 - Liguria 1.906 402 19,39 Molise 1.337 Sardegna 6.884 Dati al 19

20 OLIO CONFEZIONATO Da registro di carico e scarico 20

21 OLIO CONFEZIONATO EXTRAVERGINE
per regione Regione Extravergine in litri Di cui origine ITALIA Toscana Umbria Puglia Lombardia Liguria Lazio Campania Emilia Romagna Abruzzo Sicilia Veneto Calabria Altre regioni TOTALE Litri di olio extravergine Dati al 21

22 OLIO CONFEZIONATO venduto
Categoria Quantità di olio confezionato in litri Quantità di olio venduto in litri Quantità di olio in giacenza al Extravergine Vergine TOTALE Dati al 22

23 OLIO CONFEZIONATO EXTRAVERGINE venduto per regione
Quantità di olio confezionato in litri Olio confezionato venduto in litri Olio confezionato in giacenza a Toscana Umbria Puglia Lombardia Liguria Lazio Campania Emilia Romagna Abruzzo Sicilia Veneto Calabria Altre regioni TOTALE Dati al 23

24 Campagna 2014-2015 - Olio confezionato EXTRAVERGINE in litri
Totale nazionale lt Nord 19% Centro 61% Sud 20% Dati al 24

25 Importazione OLIO SFUSO dall’estero Principali paesi interessati
CAMPAGNA 2013/2014 Paese estero Quantità di olio sfuso importato dall’estero in tonnellate Spagna Grecia 26.950 Tunisia 14.007 Portogallo 5.231 Cile 205 CAMPAGNA 2014/2015 Paese estero Quantità di olio sfuso importato dall’estero in tonnellate Spagna Grecia 53.147 Tunisia 21.363 Portogallo 6.351 Cile 375 Dati al 25

26 Distribuzione regionale delle importazioni di OLIO SFUSO dall’estero
2013/2014 Regione Quantità di olio sfuso importato dall’estero in tonnellate Toscana Umbria 56.051 Liguria 25.532 Puglia 32.266 Emilia Romagna 12.979 Lombardia 505 Lazio 7.816 Campania 4.241 Sicilia 3.974 Calabria - 2014/2015 Regione Quantità di olio sfuso importato dall’estero in tonnellate Toscana Umbria 58.553 Liguria 26.827 Puglia 42.896 Emilia Romagna 9.578 Lombardia 754 Lazio 10.519 Campania 7.193 Sicilia 5.899 Calabria 25 Dati al 26

27 Olio confezionato EXTRAVERGINE in litri
Olio prodotto EXTRAVERGINE in tonnellate (19%) 3.821 (2%) (61%) (9%) (89%) (20%) Dati al

28 Il DM 23 dicembre 2013 28

29 Frantoi Registro ordinario registrazione ogni 6 giorni DM 8077/2009 Fino al Confezionatori Commercianti olio Registro ordinario Ogni 6 giorni Sansifici e raffinerie DM 16059/2013 Dal Commercianti olive Commercianti sansa Registro provvisorio 10 del mese successivo Oli Dop/Igp Olivicoltori che commercializzano Dal Registro definitivo disponibile dal 01 marzo 15 Tutti entro 6 giorni Fino a 500Kg Il 10 del mese successivo

30 Il DM n. 16059 del 23 dicembre 2013 (Reg UE 299/2013)
Chi deve compilare il registro L’operatore HA L’OBBLIGO DI ATTIVARE IL REGISTRO quando svolge una o più delle seguenti attività: commercializza (acquisto e vendita) olive da olio non prodotte negli oliveti aziendali acquista olive per produzione di olio non destinato all’autoconsumo commercializza sansa destinata alla produzione di olio di sansa di oliva greggio effettua la molitura e produzione olio (attività di frantoio) commercializza olio sfuso confeziona ed etichetta olio detiene olio sfuso non destinato all’autoconsumo raffina olio di oliva lampante o olio di sansa di oliva greggio effettua operazioni conto terzi 30

31 Chi è esente dalla tenuta del registro
Il DM n del 23 dicembre 2013 Chi è esente dalla tenuta del registro L’operatore NON HA L’OBBLIGO DI ATTIVARE IL REGISTRO se svolge una o più delle seguenti attività: vende olive da olio prodotte nei propri oliveti aziendali detiene olio destinato esclusivamente all’autoconsumo detiene olio destinato alla produzione di conserve, di prodotti da forno, di condimenti, di energia, ecc. commercializza esclusivamente olio confezionato ed etichettato da terzi si avvale di terzi per la detenzione, la lavorazione e la commercializzazione 31

32 I soggetti interessati
I soggetti interessati alla tenuta del registro sono : frantoi ovvero imprese che esercitano attività di molitura delle olive imprese di confezionamento di olio extravergine e vergine, di olio di oliva e di olio di sansa di oliva Commercianti di olio sfuso di qualsiasi categoria (es. extravergine, lampante), origine (Italia, DOP ecc.) e qualifica Raffinerie che producono olio di oliva raffinato o olio di sansa di oliva raffinato Sansifici che lavorano la sansa per ottenere olio di sansa greggio Contoterzisti che effettuano la produzione, la lavorazione e/o il deposito di olio per conto terzi Commercianti di olive che effettuano l’acquisto e la vendita di olive destinate alla produzione di olio Commercianti di sansa (acquisto e vendita sansa) Olivicoltore ovvero soggetto che possiede oliveti che producono olive destinate alla produzione di olio 32

33 Dove va compilato il registro
Il DM n del 23 dicembre 2013 Dove va compilato il registro I registri vanno tenuti con modalità telematiche nell'ambito dei servizi del SIAN - Sistema Informativo Agricolo Nazionale (art 5 comma 3), la tenuta può essere delegata ai Centri di Assistenza Agricola (Art 5 comma 6) Con che frequenza va compilato il registro Le registrazioni di carico e scarico si effettuano entro e non oltre il sesto giorno successivo a quello dell’operazione, giorni festivi compresi, in ordine cronologico (art 5 comma 4) Gli olivicoltori che detengono e commercializzano proprio olio sfuso o confezionato fino a 500 Kg possono effettuare le annotazioni entro il 10 del mese successivo (art 5 comma 5) 33

34 Per chi decade l’esenzione
Il DM n del 23 dicembre 2013 Per chi decade l’esenzione L’obbligo di tenuta del registro riguarda anche gli oli assoggettati al sistema di controllo DOP/IGP e gli olivicoltori che commercializzano olio allo stato sfuso e/o confezionato della propria azienda Le dichiarazioni mensili di produzione Per i frantoi decade l’obbligo della dichiarazione mensile di produzione olio (previsto dal DM H393/2007) sostituite dal registro provvisorio (art 5 comma 7) 34

35 Il fascicolo aziendale
Il DM n del 23 dicembre 2013 Il fascicolo aziendale Chi deve aggiornare il fascicolo aziendale Tutti gli olivicoltori hanno l’obbligo di aggiornare annualmente il fascicolo aziendale (prima della commercializzazione delle olive e/o prima molitura delle olive) con il numero delle piante e, se nota, la varietà coltivata (art 8 comma 3) Chi NON deve aggiornare il fascicolo aziendale Gli olivicoltori che producono olio destinato esclusivamente all’autoconsumo e la cui produzione non supera i 200 Kg per campagna di commercializzazione (art 8 comma 3) 35

36 Il nuovo registro telematico
36

37 Come cambia il registro ordinario di carico e scarico

38 Le semplificazioni Per semplificare la registrazione delle operazioni di carico e scarico è stata definita una precisa mappatura tra: Tipologia di operatore/stabilimento (frantoio, confezionatore, sansificio, raffineria ecc.) Codice operazione (A1, AP, C1 ecc.) Categoria di olio (Extravergine, Lampante, olio di oliva ecc.) Tale mappatura consente di mettere a disposizione delle diverse tipologie di operatori i soli codici operazione di propria competenza (e le categorie di olio) sulla base della classificazione dello stabilimento La tipologia di operatore/stabilimento è quella indicata nell’anagrafica dello stabilimento

39 Alcune novità Alcune operazioni sono unificate in un unico codice operazione (es. il codice B3 che assomma le operazioni B0, B1 e B2 oppure i codici T0A e T0B) Sono definiti i codici di riferimento per i nuovi soggetti (es. i codici G per il commerciante di sansa) Sono introdotti nuovi codici operazioni per gestire particolari operazioni (es. R1 per la produzione di olio di oliva raffinato) Viene introdotta la gestione della certificazione DOP/IGP con indicazione della denominazione interessata (utilizzo del codice operazione C9) E’ ora possibile trattare separatamente l’operazione di etichettatura da quella di confezionamento Nella miscelazione sono introdotti nuovi codici operazione per la produzione di olio di oliva e olio di sansa mentre il cambio di categoria e qualifica può essere fatto con un’unica operazione (O1)

40 Gli oli trattati Codice Categorie di olio 1 Olio di oliva vergine 2 Olio extra vergine di oliva 3 Olio in attesa di classificazione 4 Olio lampante 5 Olio di oliva 6 Olio di oliva raffinato 7 Olio di sansa di oliva 8 Olio di sansa greggio 9 Olio di sansa raffinato Le uniche categorie di olio per cui è prevista l’indicazione dell’ORIGINE sono olio extra vergine di oliva, olio di oliva vergine e olio in attesa di classificazione

41 Trattare le olive Nuovi codici sono resi disponibili sia al frantoio che al commerciante di olive Codice Descrizione A7 Carico olive provenienti da altro stabilimento della stessa impresa o di terzi A8 Reso olive da clienti A9 Scarico/vendita olive a ditta italiana A10 Scarico/vendita olive a ditta estera A11 Scarico olive per trasferimento verso deposito/stabilimento proprio o di terzi A12 Scarico olive per autoconsumo o non destinate alla produzione di olio A13 Perdite o cali di olive A14 Superi olive A15 Reso di olive al fornitore

42 Le semplificazioni Il nuovo codice B3 consente al frantoio di unificare in un’unica registrazione l’avvio delle olive alla molitura (B0) e la produzione di olio classificato (B1) oppure da classificare (B2) Codice Descrizione B3 Scarico giornaliero olive e produzione olio classificato/da classificare I codici B0, B1 e B2 rimangono disponibili Il carico delle olive può essere effettuato con i codici : AP – Carico olive proprie A1 – Carico olive da ditta italiana A2 – Carico olive da ditta comunitaria A3 – Carico olive da ditta extracomunitaria

43 Il conto terzi Per il conto terzi, sono disponibili i nuovi codici T0A e T0B che permettono, con un’unica operazione, di effettuare il carico di olive (T1) l’avvio delle stesse alla molitura (T2) la restituzione immediata dell’olio al produttore (T3) oppure la presa in carico dell’olio da parte del frantoio (T4) e lo stoccaggio in un silos Codice Descrizione T0A Carico olive e produzione olio con restituzione immediata T0B Carico olive e produzione olio stoccato presso il frantoio I codici T1, T2, T3 e T4 rimangono disponibili

44 La certificazione DOP E’ stato eliminato il codice operazione C6 - Carico di olio che non ha ottenuto la certificazione Dop/Igp e sono stati definiti nuovi codici per il frantoio, il commerciante di olio e il confezionatore Codice Descrizione C9 Certificazione olio DOP/IGP C10 Carico olio lampante da recupero

45 Il confezionamento Cambia l’operazione di confezionamento
Codice Descrizione L Confezionamento e etichettatura L1 Confezionamento senza etichettatura L2 Etichettatura Anche per il CONTO TERZI sono previsti i nuovi codici operazione TL e i corrispondenti TL1 e TL2 Codice Descrizione TL Confezionamento ed etichettatura (conto terzi) TL1 Confezionamento senza etichettatura (conto terzi) TL2 Etichettatura (conto terzi)

46 La miscelazione Per il confezionatore e il commerciante di olio sono presenti nuovi codici per la miscelazione e produzione di olio di oliva e olio di sansa Codice Descrizione M3 Miscelazione per produzione di olio d’oliva M4 Miscelazione per produzione di olio di sansa Viene unificato il codice operazione O1 per il cambio di categoria e di qualifica Codice Descrizione O1 Cambio categoria e qualifica Sono definite due nuove qualifiche da utilizzare in alternativa esclusiva : BIOLOGICO IN CONVERSIONE Permangono le qualifiche PRIMA SPREMITURA A FREDDO e ESTRATTO A FREDDO

47 La gestione della sansa
Per il trattamento della sansa sono definiti nuovi codici operazione (disponibile sia per commercianti di sansa che per i frantoi) Codice Descrizione G1 Carico di sansa da ditta italiana G2 Carico di sansa da ditta estera G3 Scarico/vendita di sansa a ditta italiana G4 Scarico/vendita di sansa a ditta estera G5 Scarico di sansa per trasferimento di prodotto verso stabilimento o deposito di terzi G6 Perdite o cali di sansa G7 Superi di sansa G9 Scarico di sansa non destinata alla produzione di olio

48 La gestione della sansa
Per determinare i quantitativi di sansa prodotta viene utilizzato un fattore di conversione olive – sansa (%) che i frantoi devono comunicare per ciascun stabilimento Il sistema in automatico, quando viene effettuata l’operazione di molitura, calcola il quantitativo stimato di sansa prodotta (carico sansa). Per scaricare la sansa il frantoio può utilizzare i codici operazione : Codice Descrizione G3 Scarico/vendita di sansa a ditta italiana G4 Scarico/vendita di sansa a ditta estera G9 Scarico di sansa non destinata alla produzione di olio Utilizzando i codici G6 - Perdite o cali di sansa e G7 - Superi di sansa per operazioni di compensazione

49 Sansifici e raffinerie
Il sansificio I sansifici hanno a disposizione quasi tutte le operazioni per il carico, lo scarico e la movimentazione dell'olio dell'olio e tutto quanto riguarda la sansa e la produzione di olio di sansa greggio. Le raffinerie Le raffinerie, al pari dei sansifici, dispongono delle operazioni tipiche per il carico, lo scarico e la movimentazione dell'olio. Hanno inoltre un insieme specifico di operazioni per gestire la fase di raffinazione (da considerare anche le corrispondenti c/terzi): R1 - SCARICO DI OLIO AVVIATO ALLA RAFFINAZIONE R2 - CARICO DI OLIO PROVENIENTE DA RAFFINAZIONE PR - SCARICO RESIDUO DA IMPIANTO DI RAFFINAZIONE Il ciclo della raffinazione si compone di tre fasi gestite dalle operazioni "R1", "R2" e "PR”

50 Revisione del tracciato record di upload

51 Viene rivisto il tracciato di upload relativo ai movimenti di registro (OPERREGI) relativamente a :
Ampliamento del codice lotto a 20 caratteri Ampliamento di tutti i campi contenenti quantitativi di olio, olive e sansa a 13 caratteri per consentire l’indicazione delle tre cifre decimali Inserimento dei campi CARICO E SCARICO DI SANSA FLAG di inizio e fine operazione per il cambio di qualifica (biologico, in conversione, prima spremitura a freddo, estratto a freddo) Inserimento del FLAG relativo all’etichettatura Eliminazione dei campi CUAA, DENOMINAZIONE e PAESE (sia del fornitore che del committente e olivicoltore) sostituiti dal solo campo CODICE SOGGETTO (fornitore e committente) Eliminazione del campo DATA DI INVIO Ampliamento del campo NOTE a 300 caratteri Introduzione di nuovi campi per la Dop (Data/Ora raccolta olive, Data/ora molitura, Annata, Serie collarini ecc.)

52 Viene rivisto il tracciato di upload relativo ai fornitori/clienti(ANAGFCTO) relativamente a :
Indicazione diretta del CODICE SOGGETTO Eliminazione di alcuni campi ridondanti (es. Sigla automobilistica, tipologia di soggetto ecc.) Riorganizzazione dei campi nel record Viene rivisto il tracciato di upload relativo ai recipienti di stoccaggio(ANAGSILO) per quanto riguarda : Indicazione della tipologia di recipiente ai fini della determinazione del termine di validità del certificato di analisi chimico-fisica e organolettica delle partite di olio Dop Semplificazione del record e eliminazione di alcuni campi non significativi

53 Iniziare a lavorare con il nuovo registro

54 Accedere al nuvo registro
Per accedere al nuovo registro è sufficiente andare al link https://www.sian.it/SSLicqrfportaleolio/start.do utilizzando le medesime credenziali già in possesso Prima di iniziare al lavorare è necessario procedere con la chiusura straordinaria del vecchio registro in modo da trasferire l'anagrafica dei recipienti di stoccaggio attivi compreso le giacenze alla data e gli stabilimenti/depositi dichiarati nel precedente registro a quello tenuto con le nuove modalità

55 La chiusura straordinaria
Il processo di CHIUSURA STRAORDINARIA consente di trasferire tutte le informazioni dal vecchio al nuovo registro e si articola in due fasi : si accede al vecchio registro e si attiva la funzione di CHIUSURA STRAORDINARIA REGISTRO che provvede in automatico al trasferimento nel nuovo dei stabilimenti attivi alla data, dell’anagrafica fornitori/clienti attivi e dei recipienti di stoccaggio attivi (trasferendo non solo il silos ma anche la giacenza di olio contenuta), tutte le movimentazioni presenti nel vecchio registro sono archiviate e non più modificabili si accede al nuovo registro e, per ciascun stabilimento attivo, si attiva la funzione di GESTIONE GIACENZE INIZIALI dove sono resi disponibili le giacenze di olio sfuso e confezionato trasferite dal vecchio registro e calcolate all'ultima operazione registrata.

56 Iniziare a lavorare Le principali attività:
Nel caso di frantoio è necessario indicare nell’anagrafica dello stabilimento la percentuale di conversione olive – sansa (%) che servirà per il calcolo automatico della sansa Se nel registro sono registrate giacenze di olio sfuso o confezionato con qualifica “biologico/in conversione” va specificato se la qualifica è “biologico” oppure ”in conversione” Nel caso di produzione di olio DOP/IGP è necessario indicare la tipologia dei recipienti di stoccaggio utilizzati al fine di garantire la validità del certificato Se sono presenti giacenze di olio DOP va specificata la denominazione (nell’origine specifica)

57 Trattamento degli oli DOP

58 Gli oli DOP Per la gestione degli oli DOP sono state introdotte nuove informazioni : La denominazione-sottozona (es. Olio Dop Canino) La data e l’ora di raccolta delle olive L’annata a cui si riferisce la partita di olio Dop La serie che identifica i collarini nell’operazione di confezionamento Le caratteristiche del silos dove viene stoccato l’olio Dop La Denominazione-sottozona viene indicata nel campo ORIGINE SPECIFICA mentre lo stato della partita di olio (atto a divenire Dop/Igp oppure certificato Dop/Igp) va indicata nel campo ORIGINE MACROAREA

59 Gli oli DOP Per passare una partita di olio dallo stato ATTO A DIVENIRE DOP allo stato CERTIFICATO DOP si utilizza il codice operazione C9 – Certificazione olio DOP/IGP Per declassare una partita di olio (es. olio Dop venduto come origine ITALIA) si utilizza il codice operazione N – Cambio designazione origine Per le operazioni di carico e scarico si utilizzano gli ordinari codici (A1, A2 ecc.) Per le operazioni di molitura va sempre utilizzato il codice B3

60 Il fascicolo aziendale

61 L’Art. 8 lettera b) punto 3 del DM del 23 dicembre 2013 dispone che “gli olivicoltori devono costituire e/o aggiornare il fascicolo aziendale”, tale obbligo deve essere assolto prima della commercializzazione delle olive e/o prima della molitura delle olive L’obbligo non sussiste per gli olivicoltori che possiedono oliveti che producono olio destinato esclusivamente all’autoconsumo e la cui produzione non supera i 200 Kg. di olio per campagna di commercializzazione (dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno successivo). Tale obbligo deve altresì essere assolto dagli olivicoltori, che pur possedendo oliveti che producono olio per una produzione che non supera i 200 Kg. : commercializzano, anche in parte, il proprio olio o le proprie olive producono olio certificato (DOP/IGP oppure biologico)

62 Particelle olivetate non interessate da produzioni DOP/IGP
numero delle piante varietà prevalente se nota Particelle con oliveti iscritti alle produzioni DOP/IGP denominazione e menzione specifica numero di piante di olivo presenti nella particella varietà di olivo presenti nella particella (vanno indicate tutte le varietà colturali presenti nella particella espresse come quota percentuale stimata) tipo di utilizzo (uso specializzato oppure promiscuo) titolo di possesso (proprietà, affitto, comodato, titolo gratuito, usufrutto, ecc.) Sono inoltre previste le seguenti informazioni aggiuntive per le sole menzioni che ne fanno richiesta nel disciplinare di produzione : capacità produttiva in Kg/HA caratteristica del sesto d’impianto forma di allevamento

63 Grazie per l’attenzione


Scaricare ppt "Il nuovo registro telematico"

Presentazioni simili


Annunci Google