La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Coordinamento FREE Via Genova, 23 – 00184 Roma - Tel. 06 – 485539 mail: Convegno “Proposte green per l’economia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Coordinamento FREE Via Genova, 23 – 00184 Roma - Tel. 06 – 485539 mail: Convegno “Proposte green per l’economia."— Transcript della presentazione:

1 Coordinamento FREE Via Genova, 23 – Roma - Tel. 06 – mail: Convegno “Proposte green per l’economia e il lavoro in Liguria - ll futuro non è nei combustibili fossili”, Genova 22 aprile 2015 G.B. Zorzoli G.B. Zorzoli COME SI STA TRASFORMANDO L’ECONOMIA PER FARE A MENO DEI COMBUSTIBILI FOSSILI E VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA

2 2 Impatto economico dei cambiamenti climatici Last fall, investors, which collectively manage $3.5 trillion in assets, wrote to the world’s 45 largest fossil fuel companies, asking them to disclose how climate change will affect their businesses, including the potential of current and future reserves becoming unusable – or “stranded.” They also filed shareholder resolutions with a dozen companies and held face-to-face meetings with oil giants such as Exxon and Shell DA UN ARTICOLO DELLA VERSIONE ON LINE DELLA RIVISTA AMERICANA DI ECONOMIA E FINANZA “FORBES”

3 3 Impatto economico dei cambiamenti climatici

4 4 Comunicato della Reuters Tue Jul 16, :03pm World Bank to limit financing of coal-fired plants WASHINGTON | By Anna Yukhananov and Valerie Volcovici Anna YukhananovValerie VolcoviciAnna YukhananovValerie Volcovici (Reuters) - The World Bank's board on Tuesday agreed to a new energy strategy that will limit financing of coal-fired power plants to "rare circumstances," as the Washington-based global development powerhouse seeks to address the impact of climate change

5 5 Anche la Cina si adegua Produzione giù del 2,5% e import da 260 a 215 mln di t. in un anno Cina, miniere chiudono. Si brucia meno carbone Titolo sul numero 031 pag. 14 del 06/02/2015

6 6 Nel 2014 in Cina la potenza installata FER supera quella di carbone e nucleare

7 7 La fiscalità ambientale in Europa Nel 1990 la Finlandia per prima introdusse una “sovrattassa CO 2 ”, destinata sia ai cittadini che alle imprese, su prodotti e servizi, sulla base dei gas serra emessi. L’anno dopo si associò la Svezia, che nel tempo è diventata la più severa, passando da 25 a 120 €/ tCO 2. Successivamente Danimarca, Norvegia, Irlanda e Paesi Bassi hanno optato per forme di carbon tax

8 8 Più recentemente, nel quadro della riforma del mercato energetico, il Regno Unito ha introdotto un floor price dell’ETS che, al cambio attuale sterlina/euro, nel periodo sarà pari a circa 25 €/t CO 2. Visto che sul mercato gli ETS sono oggi quotati intorno a 6-7 €/t CO 2, un floor price più di tre volte tanto è un mero artificio formale, per non parlare esplicitamente di carbon tax. Malgrado in UK il carbone pesi ancora molto nel mix elettrico (31% nel 2014), il governo britannico non ha esitato a supplire motu proprio alle carenze della normativa europea La fiscalità ambientale in Europa

9 9 In Francia dall’1 aprile 2014 è entrata in vigore la taxe intérieure sur la consommation (TIC), che include imposizioni specifiche su carbone, prodotti petroliferi e gas naturale, introducendo di fatto una carbon tax estesa a tutti i consumi finali di energia: elettricità, calore, trasporti La fiscalità ambientale in Europa

10 10 A dicembre 2014 il governo tedesco ha varato il Climate Action Plan, che investe tutte le modalità di consumo di energia, e nel settore elettrico prevede per le centrali in attività da più di 20 anni un permesso di emissione pari 7 milioni di tonnellate di CO 2 per ogni MW, che decresce linearmente fino 3 milioni per gli impianti in esercizio da 40 anni. Per ogni tonnellata in eccesso, si pagheranno euro, cioè una carbon tax quasi tre volte gli attuali ETS. In Germania nel 2014 le centrali a lignite hanno fornito il 25,6% alla produzione elettrica e quelle a carbone il 19,3% La fiscalità ambientale in Europa

11 11 Con qualsiasi di queste norme quasi tutte le centrali italiane a carbone non sarebbero più competitive. Particolarmente a rischio di chiusura sarebbero le più vecchie (La Spezia e Vado Ligure sono state realizzate negli anni ’60) : il Governo approva il Documento Economico e Finanziario, a cui è allegato il Programma Nazionale di Riforma, dove fra le priorità è indicato l’obiettivo di “trasferire ulteriormente il carico fiscale dai fattori produttivi ai consumi, ai beni immobili e all’ambiente”, già previsto all’art. 15 della legge delega per la riforma fiscale In Italia …

12 12 Due esempi di insediamenti alternativi PER CENTRALI VICINI A ZONE FORESTALI Impianto cogenerativo a biomassa da 500 kW, che fornisce energia elettrica e calore necessari per un pellettificio da t/a PER CENTRALI LIMITROFE A PORTI Impianto di polimerizzazione di biomonomeri alimentato da impianto a biomassa (CHIMICA VERDE) Spesso è disponibile spazio residuo per altri insediamenti

13 13 Efficienza energetica - 1 PRIORITÀ A MISURE A FAVORE DI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA COMPLESSIVA DEGLI EDIFICI Vanno favoriti accordi fra imprese edilizie, fornitori di apparecchiature e strutture in grado di definire le specifiche degli interventi, coprendo l’intera filiera che va dalla diagnosi energetica, agli interventi sull’edificio e sull’impiantistica, alle misure ex-post Si creerebbe un mercato delle tecnologie per la generazione termica ed elettrica su piccola scala, con fonti rinnovabili o cogenerazione, necessarie per realizzare le prestazioni energetiche richieste Si creerebbe un mercato delle tecnologie per la generazione termica ed elettrica su piccola scala, con fonti rinnovabili o cogenerazione, necessarie per realizzare le prestazioni energetiche richieste In quanto componenti ordinarie dell’edilizia, queste tecnologie creerebbero un mercato certo per la crescita competitiva dei relativi comparti industriali, in quanto la selezione fra le diverse tecnologie avverrebbe sulla base del rapporto costo/prestazioni energetiche In quanto componenti ordinarie dell’edilizia, queste tecnologie creerebbero un mercato certo per la crescita competitiva dei relativi comparti industriali, in quanto la selezione fra le diverse tecnologie avverrebbe sulla base del rapporto costo/prestazioni energetiche

14 14 Efficienza energetica - 2 Senza interventi integrali e radicali, non si riuscirebbe a realizzare l’obiettivo fissato da una direttiva europea, la quale, a partire dal 2021, richiede che l’edilizia nuova o largamente ristrutturata sia ad assorbimento di energia dall’esterno quasi nullo Edifici diventati smart rappresentano inoltre la cella elementare degli smart districts, a loro volta componenti essenziali delle smart cities Senza questa trasformazione edilizia, non sarebbe realizzabile l’obiettivo di migliorare la vita dei cittadini nel quadro di uno sviluppo economico sostenibile, a cui mira il progetto Genova Smart City

15 15 Un territorio Green - 1 È pensabile di riuscire a realizzare smart cities in assenza di un parallelo sviluppo smart (ambientalmente sostenibile) del territorio extra-urbano? 1. Vanno recuperate le tre gambe sulle quali si reggeva l’economia agricola: produzione (oltre tutto diversificata) di alimenti, di energia e di fibre. Non a caso le politiche comunitarie si stanno orientando verso il ricupero di questa multifunzionalità perduta, naturalmente utilizzando le più aggiornate conoscenze scientifiche e tecnologiche 2. A tal fine va innanzi tutto abbandonata la pratica della monocoltura e dello sfruttamento intensivo, basato su prodotti chimici. Il solo food garantisce sempre meno la sopravvivenza economica dell’agricoltore, mentre il no food, se realizzato in modo sostenibile, lungi dal competere col food, lo mantiene in vita

16 16 Anche il riassetto idrogeologico va ripensato in un’ottica green, che in modo innovativo riscopra la capacità di consolidare un territorio strutturalmente fragile come quello ligure Un territorio Green - 2 In una regione a vocazione industriale anche l’industria deve sviluppare nuove attività green, ma soprattutto indirizzare in questa direzione quelle tradizionali (go green)

17 17 Promozione dell’economia circolare - 1 Il sistema produttivo attuale, in prevalenza lineare (materie prime → prodotti intermedi → prodotto finale), nel 2010 ha richiesto 65 Gt di materie prime, che salirebbero a circa 82 nel Questi tassi di crescita creano problemi, destinati ad aggravarsi, dato che entro il 2030 nei paesi in via di sviluppo tre miliardi di individui entreranno a far parte della classe media, diventando consumatori al nostro livello La conseguente crescita tendenziale del costo delle materie prime favorisce lo sviluppo dell’economia circolare, dove ogni bene viene progettato e prodotto in modo da rendere agevole a fine vita lo smontaggio e il riuso dei materiali o dei componenti che lo costituiscono: dalla culla alla culla, invece che dalla culla alla tomba

18 18 Promozione dell’economia circolare - 2 A imprese e ad aziende addette all’illuminazione pubblica, invece dei suoi prodotti la Philips vende il servizio di illuminazione. Gli impianti vengono sostituiti quando è il momento appropriato per riciclare i materiali o riqualificarli per il riuso In Gran Bretagna i magazzini H&M, in cambio di un voucher valido per nuovi acquisti, incoraggia i clienti a restituire i capi dismessi. Questi sono ceduti a una ditta, che ne rivende una frazione consistente come vestiti di seconda mano. La parte non commerciabile è convertita in panni per la pulizia, riciclata come fibra per impianti tessili, utilizzata come ammortizzatori o materiali isolanti nell’industria automobilistica. Il residuo finale viene bruciato per produrre energia. Ogni tonnellata di vestiario raccolto e recuperato genera un profitto lordo di circa euro

19 19 Promozione dell’economia circolare - 3 L’ECONOMIA CIRCOLARE, OLTRE A ESSERE REDDITIZIA, CONSENTE a) un grosso risparmio di materiali, con beneficio per l’ambiente b) la generazione di un notevole indotto, anche locale c) la creazione di nuove opportunità professionali e di R&S Richiede però un grande impegno per riorganizzare l’intero ciclo produttivo, ma soprattutto un contesto culturalmente predisposto In agricoltura consente il sequestro nel suolo della CO 2

20 20 Non a caso la Philips è olandese Quantità pro capite di rifiuti urbani smaltiti in discarica nell’UE (kg/abitante per anno)

21 21 Produzione pro capite dei rifiuti urbani per regione Fonte: ISPRA

22 22 Percentuali di raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fonte: ISPRA

23 23 Impianti di compostaggio e digestione anaerobica* Fonte: ISPRA *Con un quantitativo trattato maggiore di t/a, Realizzando 65% di raccolta differenziata, Il FORSU ligure consentirebbe la produzione di quasi 70 GWh/a mediante digestione anaerobica

24 24 Potenza FV installata a fine 2013 Liguria: 82,8 MW Umbria: 448 MW Tenuto conto della differente estensione territoriale (la superficie ligure è il 60% di quella umbra) a fine 2013 in Liguria dovevano essere installati 287 MW

25 25 Produzione elettrica con FER IN LIGURIA È FATTIBILE L’OBIETTIVO DI 2000 GWh PRODOTTI CON FONTI RINNOVABILI, PARI A UN TERZO DELL’ATTUALE DOMANDA (6.1048,8 GWH NEL 2013), CUI VA AGGIUNTA LA PRODUZIONE DELLE FER INCORPORATE NELL’EFFICIENTAMENTO DEGLI EDIFICI Area Geografica Produzione FER/1000 abitanti Produzione FER/km 2 Liguria 0,417 GWh 0,122 GWh Italia 1,843 GWh 0,372 GWh LIGURIA 2013: 662,4 GWh

26 26 Gli accumuli elettrochimici - 1 Bloomberg, CiTI, Tesla fanno previsioni analoghe PREVISIONI UBS

27 27 Gli accumuli elettrochimici - 2 In pochi anni i sistemi di accumulo saranno competitivi, rendendo: Programmabili le produzioni eoliche e fotovoltaiche Fattibile lo sviluppo su larga scala della mobilità elettrica UNA GRANDE OPPORTUNITÀ PER ANSALDO, LE CUI STRUTTURE DI RICERCA HANNO LAVORATO A LUNGO SU QUESTO TEMA, SPESSO CIRCONDATE DA SCETTICISMO DA PARTE DELLLO STESSO MANAGEMENT AZIENDALE

28 28 Nuove opportunità produttive -1

29 29 Le prime stampanti 3D sfornavano alcuni semplici prodotti di plastica. Oggi possono utilizzare materiali come il titanio e realizzare componenti ad alto contenuto tecnologico, come i transistor e i led. La Boeing le usa per fabbricare duecento parti di dieci differenti modelli di velivoli Aziende di prodotti medici se ne servono per la produzione di arti artificiali Siemens utilizza la stampa 3D per accelerare la riparazione di turbine a gas. Per alcuni tipi di turbine, i componenti difettosi del bruciatore vengono semplicemente ristampati in modo da ridurre del 90% i tempi di riparazione Una società di Shanghai ha realizzato in meno di un giorno case di poco meno di 200 metri quadri, assemblando monoblocchi strutturali (lastre di cemento e controventature in acciaio) prodotti da una stampante 3D di grandi dimensioni (lunga 147 metri, larga 10, alta 6). Grazie anche all’impiego parziale di materiali di costruzione riciclati, ogni edificio è costato meno di euro. Ricorre a materiale riciclato (per il 70%) anche la fabbrica marchigiana Kubodesign, che con la tecnologia 3D riesce a ottenere cartone avente sofisticati profili curvilinei Nuove opportunità produttive -2

30 30 Gli esperti concordano sulla capacità della stampante 3D di produrre a costi contenuti su scala molto inferiore a quella dei tradizionali impianti industriali, per cui si diffonderà in quasi tutti i settori produttivi, che sempre più saranno quindi costituiti da piccole unità (anche con produzioni di nicchia o addirittura personalizzate), comunque tendenzialmente più vicine ai potenziali clienti La stampa 3D promuove la parallela diffusione della generazione diffusa di energia, per alimentare le crescenti botteghe artigianali high tech, distribuite entro le città. Lo stesso vale per l’efficienza energetica. I processi additivi di materiali, che caratterizzano la stampa 3D, eliminano quasi del tutto gli scarti di lavorazione propri della manifattura tradizionale, che opera prevalentemente sottraendo materiali ai semilavorati su cui interviene, rendendo possibile produzioni dove il concetto di rifiuto avrà meno cittadinanza Nuove opportunità produttive -3

31 31 La stampa 3D aumenta i profitti

32 32 Occorre una “vision” La crisi ambientale, sbocco inevitabile di un modo di produrre e di consumare svincolato dal senso del limite, sta trovando un imprevisto supporto nel contemporaneo affacciarsi di rivoluzioni tecnologico- produttive, provocate da convenienze economiche, le quali contribuiscono però a orientare il futuro verso la green economy Davanti a noi si è aperta una grande prateria, come tutti i territori inesplorati ricca di opportunità, ma anche piena di insidie. Per affrontarla con buone probabilità di successo, dobbiamo avere una “vision”, che non può consistere soltanto di pura razionalità

33 33 Vida es sueño Ogni “vision”, come ci insegnano i grandi innovatori del passato, per essere efficace deve includere una componente di sogno. Come suggerisce Papa Francesco: «se non siamo capaci di sogno non riusciamo a creare vita, a costruire il nuovo e l’insperato» «Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è arreso». Lo ripeteva sempre Nelson Mandela. Senza «I have a dream», la lotta per i diritti degli afroamericani avrebbe avuto lo stesso impeto?

34 34 GRAZIE !


Scaricare ppt "Coordinamento FREE Via Genova, 23 – 00184 Roma - Tel. 06 – 485539 mail: Convegno “Proposte green per l’economia."

Presentazioni simili


Annunci Google