La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I sensi chimici Dr. Paola Perin Dipartimento di Scienze Fisiologiche-Farmacologiche Cellulari-Molecolari – Università di Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I sensi chimici Dr. Paola Perin Dipartimento di Scienze Fisiologiche-Farmacologiche Cellulari-Molecolari – Università di Pavia."— Transcript della presentazione:

1 I sensi chimici Dr. Paola Perin Dipartimento di Scienze Fisiologiche-Farmacologiche Cellulari-Molecolari – Università di Pavia

2 Il problema dei sensi chimici Riconoscere le molecole (qualunque esse siano) che arrivano a contatto con l’organismo Tre categorie speciali: –Molecole nutritive –Molecole tossiche –Molecole “sociali”

3 La soluzione Una molecola non viene riconosciuta in toto ma ciascuno dei suoi gruppi funzionali viene riconosciuto da un recettore diverso Ad uno stadio successivo I segnali dei recettori vengono integrati e l’identita’ della molecola emerge

4 Ad esempio Alcoli e acidi carbossilici con uguale numero di atomi C hanno odori diversi Le strutture stimolate da ciascuna sostanza (glomeruli) sono diverse

5 Cosa e’ un odore? “Nasi” allenati distinguono odori diversi Come distinguere due molecole tra loro? Gruppi funzionali (ottanolo: arancio; acido ottanoico: rancido) Lunghezza della catena (ottanolo: arancio; eptanolo: violetta) Stereoselettivita’: (L-carvone: carruba; D-carvone: inodore) Effetti della concentrazione!! Indolo a basse concentrazioni ha odore floreale, concentrato ha odore putrido Amil acetato ha profumo di frutta a concentrazioni tra 0.1  M e 10 mM Effetti della storia e/o dell’ambiente Misture di odori diversi non sono scomponibili negli odori costituenti La risposta neuronale ad un odore cambia dopo la prima esposizione

6 Cosa e’ un sapore? Sapore: gusto + odore del cibo La componente olfattiva fornisce informazioni sull’identita’ del cibo La componente gustativa fornisce informazioni sul potere nutritivo o sulla possibile tossicita’ del cibo Recettori gustativi danno la stessa risposta a stimoli anche molto diversi

7 Odori sociali Feromoni: sostanze escrete nell’urina o altri secreti Modulano o segnalano fattori socialmente importanti: Accoppiamento Gravidanza Aggressivita’ Comportamento materno Odotipo individuale: complesso MHC, feromoni, ormoni, patologie, etc Non ancora caratterizzati nell’uomo Effetti olfattivi sul comportamento riproduttivo umano (sincronizzazione del ciclo mestruale)

8 Anatomia del sistema olfattivo Epitelio olfattivo primario: 5 cm 2 Riveste la regione apicale della mucosa nasale Turbinati aumentano la superficie e massimizzano il tempo di contatto con l’aria Organo vomeronasale Localizzazione diversa, il suo ruolo nell’uomo e’ ancora controverso Nel ratto ha un ruolo nella percezione dei feromoni

9 Neuroni olfattivi I recettori del sistema olfattivo sono veri neuroni (5-50 milioni) Rigenerano in 60 giorni! Apparato chemotrasduttore: cilia

10 Trasduzione del segnale olfattivo Il legame di molecole odorose alle cilia produce un potenziale di recettore depolarizzante La depolarizzazione invade il dendrite apicale e viene codificata in una scarica di potenziali d’azione Gli assoni dei neuroni olfattivi (I nervo cranico) contattano neuroni nel bulbo olfattivo Fibre nonmielinate: lente Sinapsi eccitatoria

11 Come arrivano le molecole ai recettori? Nei pesci le sostanze che arrivano ai chemorecettori sono idrofile Nei tetrapodi le sostanze volatili sono anche idrofobe Il muco che ricopre l’epitelio e’ una soluzione acquosa di mucopolisaccaridi Per disciogliere le sostanze lipofile ci sono proteine leganti (OBP) Evoluzione indipendente nei tetrapodi e negli insetti Le sostanze odorose sono percepite ad ogni respiro: degradazione rapida Enzimi di biotrasformazione (Cyt P-450) eliminano le sostanze odorose

12 I recettori olfattivi Recettori accoppiati alle proteine G 3 Famiglie di geni: Recettori olfattivi (sostanze aspecifiche) Recettori vomeronasali 1: accoppiati a Gi (feromoni) Recettori vomeronasali 2: accoppiati a Go (peptidi?) Regioni ipervariabili: contatto con il ligando

13 I recettori olfattivi Famiglia molto ampia (1000 geni nei mammiferi – 2% del genoma!!) Recettori dei pesci (100 geni): sostanze idrofile Recettori dei tetrapodi: sostanze volatili (molte famiglie diverse duplicate in vari stadi) OR si trovano in cluster su tutti I cromosomi tranne Y e 20 Il 60% dei geni OR umani sono pseudogeni: perdita di capacita’ olfattiva Recettori vomeronasali e gustativi sono omologhi ma molti meno

14 Espressione dei recettori olfattivi Epitelio olfattivo e’ diviso in tre-quattro zone di espressione Ciascun recettore viene espresso in una sola zona Circa 5000 neuroni esprimono un dato recettore Ciascun neurone olfattivo esprime solo UN recettore Neuroni che esprimono lo stesso recettore sono sparsi nell’epitelio olfattivo I recettori sono stati clonati ma non si esprimono in membrana in sistemi eterologhi Sistemi di trasporto alla membrana specifici dei neuroni olfattivi Alcuni individui sono anosmici per determinati odori Androstenone e’ piacevole per alcuni, sgradevole per altri, inodore per altri

15 La trasduzione olfattiva Nelle cilia dei neuroni olfattivi: recettori per le sostanze odoranti Attivazione dei recettori Attivazione della proteina G olf Attivazione della ACIII Attivazione di un canale CNG (piu’ permeabile al Ca di quelli retinici!) Attivazione di un canale del Cl - Ca 2+ -dipendente Depolarizzazione del ciglio

16 I canali del Cl olfattivi Nei neuroni olfattivi [Cl] i =60-70 mM Nella maggior parte dei neuroni [Cl] i =10 mM Il Cl viene concentrato grazie al cotrasportatore NKCC1 e all’assenza del cotrasportatore KCC2 NKCC: influsso di Cl legato all’influsso di Na KCC: estrusione di Cl legata all’estrusione di K KCC2 e’ assente nei neuroni in cui I segnali di Cl sono depolarizzanti

17 Adattamento Le anosmie selettive possono recuperare con l’esposizione prolungata L’esposizione a odori provoca anche adattamento e desensitizzazione Adattamento: riduzione della risposta al secondo di due stimoli appaiati Desensitizzazione: riduzione della risposta in presenza continua della molecola odorante

18 Adattamento rapido e desensitizzazione Modulazione Ca-dipendente della attivazione dei canali CNG Adattamento scompare completamente bloccando l’ingresso di Ca 2+ Desensitizzazione: ridotta da antagonisti della CaMKII CAMKII inhibitor

19 Adattamento rapido ACIII inibita da CaMKII CNG inibito dal Ca Esposizione prolungata agli odori: effetto sul livello basale di cAMP Esposizione breve: effetto solo sul canale

20 Adattamento rapido Altri effetti simili alla regolazione della cascata visiva

21 Adattamento lento Effetti prolungati (minuti) Attivazione prolungata dei canali CNG dal cGMP Attivazione subliminale del canali: non si vede la corrente ma si ha un continuo influsso di Ca In alcuni neuroni l’adattamento lento e’ spontaneo In tutti e’ possibile indurlo aumentando il cGMP

22 Adattamento lento Inibizione della eme ossigenasi II elimina l’adattamento GC solubile attivata da CO

23 Neuroni olfattivi cGMP-ergici Una sottoclasse di neuroni olfattivi non trasduce gli stimoli tramite il cAMP ma tramite il cGMP Questi neuroni hanno una guanilato ciclasi di membrana (GC-D; isoforme retiniche GC-E, GC-F) e una cGMP-PDE ma non esprimono la ACIII Non e’ chiaro cosa attivi la GC-D (non I recettori olfattivi) I neuroni cGMP-ergici proiettano a strutture anomale nel bulbo olfattivo (glomeruli a collana) Possibile ruolo nel riconoscimento di sostanze particolari (ormoni, feromoni) Regolano il comportamento neonatale (ricerca e suzione del capezzolo nel ratto)

24 Altre anomalie nella trasduzione olfattiva Una sottoclasse di neuroni olfattivi trasduce gli stimoli tramite l’IP 3 - in questi neuroni la G olf e’ accoppiata ad una PLC In alcuni casi lo stimolo odoroso produce iperpolarizzazione invece che depolarizzazione La risposta evocata da un dato odorante puo’ essere tonica o fasica

25 Modulazione del segnale nei neuroni olfattivi

26 Compartimentalizzazione dei neuroni olfattivi Fino a 2500 CNG/mm2 nelle ciglia Elevata resistenza di ingresso: migliore risoluzione in ampiezza, segnali lenti Canali del Ca LVA e HVA nel soma e dendrite prossimale: boost del segnale sensoriale Canali K(Ca): ripolarizzazione Scambiatore Na/Ca: separa le variazioni di Ca nelle ciglia da quelle nel soma Vz=-70/-80 mV, mantenuto da IR e delayed rectifier Solo i canali coinvolti nella trasduzione Canali Nav Canali del Ca LVA e HVA; canali KCa; scambiatore Na/Ca

27 Il bulbo olfattivo Nel bulbo olfattivo i neuroni olfattivi formano glomeruli sinaptici Forte convergenza: neuroni/glomerulo 2000 glomeruli/bulbo nel topo Nessuna divergenza: 1 neurone olfattivo innerva 1 solo glomerulo

28 I glomeruli Tutti I neuroni che esprimono lo stesso recettore convergono sullo stesso glomerulo La posizione dei glomeruli corrispondenti a un dato recettore e’ conservata tra individui e tra specie, ma non fissa La posizione del neurone non e’ significativa, quella del glomerulo si

29 Circuiti del bulbo olfattivo Cellule principali del bulbo olfattivo: –Cellule mitrali (Glu) –Cellule “tufted” (Glu) Interneuroni: –Cellule granulari (GABA) –Cellule periglomerulari (GABA, dopamina) Input efferenti –Corteccia olfattiva –Braccio orizzontale della banda diagonale –Rafe e locus ceruleus La scarica dei neuroni olfattivi primari puo’ venire modulata da vari neurotrasmettitori Tufted cell

30 Codice di popolazione I singoli recettori olfattivi e le cellule mitrali associate rispondono ad una grande varieta’ di odori La combinazione delle risposte da’ la percezione olfattiva Le cellule mitrali associate variano con la concentrazione

31 Apprendimento olfattivo L’isoamil acetato e l’etil pentanoato hanno gruppi funzionali molto simili IAA: arancio-rosso-blu EP: arancio rosso giallo verde I neuroni olfattivi primari e le cellule mitrali rispondono alle singole parti delle molecole I neuroni della corteccia piriforme distinguono tra le due sostanze (in modo plastico!)

32 Apprendimento olfattivo Gli oggetti olfattivi vengono ricostruiti da centri nervosi superiori

33 Codice di popolazione Si ritiene che la percezione di un odore sia associata ad un pattern spaziotemporale di attivazione ed inibizione nel bulbo olfattivo Le cellule mitrali ricevono il segnale dai neuroni olfattivi di un clone ma il segnale che viene portato ai centri superiori non e’ uguale alla somma delle attivazioni dei neuroni olfattivi primari L’attivazione dei glomeruli puo’ non mostrare adattamento Ritmi intrinseci: lento (2Hz) e rapido (40-80 Hz)

34 Circuiti nel bulbo olfattivo Nei glomeruli: –trasmissione tra neuroni olfattivi (5000) e cellule mitrali (25, glutamato, recettori AMPA) –Trasmissione retrograda mitrali-olfattive –Trasmissione eccitatoria tra cellule mitrali dello stesso glomerulo (spillover?) –Trasmissione inibitoria dalle cellule periglomerulari (GABA-B, D2) A livello dei dendriti delle cellule mitrali: –Le cellule mitrali eccitano le cellule granulari (glutamato, recettori NMDA) –Le cellule granulari inibiscono le cellule mitrali (GABA) Inibizione laterale tra glomeruli: contrasto del segnale olfattivo Eccitazione retrograda: riverbero del segnale

35 Le cellule mitrali Trasmissione sinaptica dendrodendritica Dendriti attivi: propagazione del segnale sinaptico dal glomerulo al soma e ai dendriti secondari – generano pda EPSP>10mV, costante di spazio>1mm Dendrite principale Dendrite secondario Assone

36 Vie olfattive centrali Le cellule mitrali proiettano alla corteccia olfattiva (direttamente) e alla corteccia orbitofrontale (attraverso il talamo) La via talamo-orbitofrontale da’ la percezione cosciente degli odori La via alla corteccia olfattiva da’ la componente affettiva degli odori

37 Vie olfattive centrali Le vie olfattive proiettano anche al sistema amigdala-ipotalamo (legato alle risposte emotive) Il sistema vomeronasale proietta SOLO al sistema amigdala- ipotalamo (percezione inconscia)

38 L’organo vomeronasale Epitelio separato da quello olfattivo primario Proietta al bulbo olfattivo accessorio Non esposto all’aria esterna in condizioni normali

39 Reazione di Flehmen In presenza di un odore potenzialmente interessante dal punto di vista comportamentale molti mammiferi esibiscono la reazione di Flehmen L’aria viene pompata attraverso l’organo vomeronasale

40 Feromoni Sostanze che segnalano l’identita’ di un conspecifico Feromoni primer: favoriscono un comportamento Feromoni releaser: scatenano un comportamento Nell’uomo si ritiene esistano I feromoni primer ma non I releaser Probabile candidato: ghiandole ascellari

41 Recettori vomeronasali Sensibili a molecole intere, non a gruppi funzionali V1R: –137 nel topo – 1-3 funzionali nell’uomo (espressi nell’epitelio olfattivo!) –Accoppiati con proteina G i2 –Espressi nella parte luminale del VNO V2R: –100 nel topo – nessuno nell’uomo? –Accoppiati con proteina G o –Espressi nella parte basale del VNO V1RV2R

42 Recettori V2R Eteromultimeri con MHC-1b Riconoscimento dell’identita’ dell’individuo Lipocaline: proteine emesse con alcune secrezioni (es. Urina) –Altamente eterogenee tra individui –Legano alcuni feromoni

43 Trasduzione nel sistema vomeronasale Il meccanismo di trasduzione vomeronasale e’ diverso da quello olfattivo Proteine Gi e Go Attivazione del canale TRPC2 La cascata che collega le proteine G con il canale TRPC2 e’ ancora poco chiara Possibili intermedi: PLC/IP 3 /AA Topi KO per TRPC2 hanno forti deficit nelle risposte vomeronasali ma non totale abolizione Nell’uomo TRPC2 e’ uno pseudogene

44 Organizzazione del bulbo olfattivo accessorio I neuroni vomeronasali proiettano a piu’ glomeruli Le cellule mitrali vomeronasali proiettano a piu’ glomeruli I neuroni sensoriali primari di un dato clone proiettano tutti alle stesse cellule mitrali

45 Il sistema gustativo Papille gustative: Fungiformi Vallate Foliate Bottoni gustativi: gruppi di cellule recettoriali (cellule gustative) – 1% delle cellule dell’epitelio linguale

46 Modalita’ gustative Sostanze gustate: finalita’ alimentare Distinguere sostanze nutrienti da sostanze tossiche 5 modalita’ gustative: Dolce Amaro Salato Acido Umami Input somatosensoriali (consistenza del cibo) Input di temperatura e dolore Input olfattivi

47 Le cellule gustative Le singole cellule gustative rispondono a diversi stimoli Sostanze con struttura chimica diversa evocano simili percezioni (Es. Ca 2+, chinino sono amari) Stati fisiologici influenzano la risposta gustativa Ciascuna papilla e’ piu’ sensibile a determinati stimoli ma alzando la concentrazione risponde anche agli altri

48 Trasmissione del segnale gustativo Le cellule gustative sono cellule epiteliali (20-100/bottone) Giunzioni strette apicali: regione apicale gustativa, regione basolaterale sinaptica I gustanti sono disciolti nella saliva Enzimi digestivi salivari: campionano la composizione (es. lipasi, amilasi) Proteine di trasporto dei gustanti

49 Trasmissione del segnale gustativo Trasmissione sinaptica molto complessa Cellule gustative di tipo I (scure), II (chiare), III (N-CAM+) Cellule di tipo I non hanno contatti sinaptici (funzione gliale? Cellule immature?) Cellule di tipo II hanno contatti anomali (cisterne subsinaptiche) Cellule di tipo III hanno sinapsi convenzionali con le fibre afferenti Tipo III Tipo II

50 Trasmissione del segnale gustativo Le cellule di tipo II e III producono pda e contattano terminali afferenti Le cellule di tipo Ia non generano pda Le cellule di tipo Ib generano pda solo per stimoli molto forti

51 Trasmissione del segnale gustativo Le cellule III hanno canali del Ca (presinaptici?) e accumulano serotonina Tutte o quasi le cellule che trasducono l’amaro sono di tipo II Contatti sinaptici anomali tra cellule di tipo II e terminazioni afferenti

52 Trasduzione degli stimoli gustativi Trasduzione del dolce, amaro, umami utilizzano meccanismi simili Trasduzione del salato e dell’acido utilizzano meccanismi diversi e ancora parzialmente da chiarire Altre modalita’ gustative (es. piccante) derivano dalla interazione con recettori tattili, termici e dolorifici

53 Salato (1) Canali del Na + amiloride-sensibili (ENaC) Permeabili solo agli ioni Na + e Li + L’ingresso di Na depolarizza la cellula Gli anioni modificano la risposta (NaCl piu’ salato di NaAc) Agonisti del canale danno sensazione di salato Antagonisti eliminano la sensazione Inibito da aumenti di temperatura (70% inibito a 43 o C) Apertura del canale: depolarizzazione, attivazione canali del Ca 2+ Deplezione salina riduce la risposta Trascrizione regolata dall’aldosterone ENaC

54 Salato (2) Recettori amiloride-insensibili Canale VR-1 simile Canale cationico nonselettivo Permeabile a Na +, K +, NH 4 + Recettore predominante nell’uomo Modulato dal cloruro di cetilpiridinio Insensibile al pH Potenziato da aumenti di temperatura Apertura del canale: depolarizzazione, attivazione canali del Ca 2+ VR-1

55 Acido (1) Il canale amiloride-sensibile e’ permeabile agli H + ! I recettori del salato amiloride-sensibili rispondono anche all’acido Acido e salato si sopprimono in parte tra loro ENaC

56 Acido H + bloccano un canale del K + : meccanismo sensibile agli acidi ma non al salato Canale di leak a due pori costitutivamente attivo Il blocco del canale del K + depolarizza il recettore Acido e salato sono distinti per differenza di popolazione Riluzolo aumenta la sensazione di acido Alotano inibisce la sensazione di acido K2PK2P

57 Recettori metabotropici Dolce, amaro e umami sono in realta’ classi di composti T1R: 3 isoforme, formano eterodimeri T1R1+T1R3: umami T1R2+T1R3: dolce Omodimeri T1R2 e T1R3: dolce (meno sensibili) T1R2 nel topo non riconosce l’aspartame I recettori T1R riconoscono classi ampie di composti T2R: 30 isoforme Diverse classi di composti amari Piu’ T2R vengono espressi nelle stesse cellule

58 Amaro 2 classi di meccanismi: Blocco di un canale per il K + Attivazione di recettori T2R accoppiati alla proteina G gust Le cellule positive per G gust non hanno canali voltaggio- dipendenti per il Ca 2+ G gust : G  gust /G  3 /G  13 G  gust: attiva una PDE G  3/  13: attivano la PLC  2 Possibile trasmissione dovuta ad aumenti di Ca 2+ da stores IP3-sensibili Nell’uomo: 26 recettori T2R: diverse classi di amaro Sensibilita’ a PTC: sito altamente polimorfico nell’uomo

59 Dolce Recettore T1R2/T1R3 riconosce come dolce la saccarina ed il saccaroso ma non l’aspartame e il galattoso In alcune cellule: recettori accoppiati alla proteina Gs: aumento dell’AMP ciclico, chiusura di un canale al K + In altre cellule, la trasduzione e’ simile a quella per I recettori dell’amaro Leptina attiva un canale del K, iperpolarizzando la cellula

60 Umami 2 meccanismi Attivazione di un canale cationico aspecifico Attivazione di recettori T1R1/T1R3 Attivazione di T1R1/T1R3 segue le stesse vie dei recettori del dolce Una forma troncata di mGluR4 viene espressa dalle cellule umami mGluR4  ha una K D per il glutamato molto bassa (mM), confrontabile con le concentrazioni alimentari KO per questo recettore non hanno alterazioni gustative

61 Cellule dolce-amaro Alcune cellule esprimono sia I recettori per il dolce che per l’amaro Funzionalmente antagonisti (recettore per l’amaro attiva una fosfodiesterasi) Anomalie in queste cellule: disgeusia dolce-amaro (alcune sostanze amare vengono percepite come dolci) Illusioni gustative (es. miracolina)

62 Cascata della trasduzione metabotropica KO per PLC  2 sono insensibili a stimoli dolci, amari e umami PLC  2, TRPM5 e IP 3 R3 sono espressi dalle stesse cellule TRPM5: canale cationico nonselettivo per I monovalenti Attivato dal Ca e dalla depolarizzazione Inattivato dal Ca Inattivazione impedita da PIP 2

63 Vie gustative centrali I nervi che portano le sensazioni del gusto portano anche temperatura, dolore e tatto I recettori per l’amaro sono in maggioranza nelle regioni posteriori della lingua: segnale portato da IX-X ma non da VII

64 Vie gustative centrali Riflessi del vomito memoria aversiva gustativa Nucleo gustativo (nucleo del tratto solitario) Talamo Corteccia opercolare (adiacente alla somatosensoriale per la orofaringe)


Scaricare ppt "I sensi chimici Dr. Paola Perin Dipartimento di Scienze Fisiologiche-Farmacologiche Cellulari-Molecolari – Università di Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google