La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 PATOLOGIE PSICHICHE LAVORO-CORRELATE Antonio Paoletti ( Università degli Studi, L’Aquila ) MEDICO COMPETENTE E: n MOBBING n BURNOUT n STRESS DA LAVORO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 PATOLOGIE PSICHICHE LAVORO-CORRELATE Antonio Paoletti ( Università degli Studi, L’Aquila ) MEDICO COMPETENTE E: n MOBBING n BURNOUT n STRESS DA LAVORO."— Transcript della presentazione:

1 1 PATOLOGIE PSICHICHE LAVORO-CORRELATE Antonio Paoletti ( Università degli Studi, L’Aquila ) MEDICO COMPETENTE E: n MOBBING n BURNOUT n STRESS DA LAVORO A TURNI

2 2 Tendenze comunitarie (UE) n Migliorare l’integrazione della tutela della salute fisica e della salute psichica n Risoluzione del Parlamento EU - 25/02/99 n La gestione dei rischi e il miglioramento di sicurezza e benessere dei lavoratori sono parte integrante della normale attività lavorativa n Bisogna analizzare le problematiche dello stress, del logoramento, delle aggressioni e delle molestie sul posto di lavoro n Le patologie muscoloscheletriche e i fattori psicosociali costituiscono oggi la principale minaccia per la salute occupazionale

3 3 Variazioni nello scenario occupazionale n Incremento dell’uso dei computers n Incremento dei lavori a contatto con la “clientela” (clienti-utenti-pazienti-call center..) n Gestione qualità, logistica, lavoro in team n Aumento impegno cognitivo n Monotonia e ripetitività n Ritmi serrati e scadenze impellenti __________________________________________________________________________ n IMPEGNO SUL LAVORO spesso ALTO n CONTROLLO SUL LAVORO spesso BASSO

4 4 Guida allo stress lavorativo (L. Levi, 1997) n Lasciare tempo sufficiente al lavoratore n Fornire chiara descrizione di ciò che deve fare n Ricompensarlo per una buona prestazione n Fargli esprimere osservazioni e lamentele n Responsabilità proporzionale al grado di autorità n Esplicitare gli obiettivi dell’organizzazione n Favorire il controllo del lavoratore sull’outcome n Promuovere tolleranza, sicurezza e giustizia sul posto di lavoro n Eliminare la nocività da agenti chim. / fis. / biol. n Imparare dall’esperienza di precedenti insuccessi

5 5 M o b b i n g ( rischio ) Manifestazioni neuro-psichiche (= danno ) n Possibile coinvolgimento del Medico competente (lo viene a sapere…) n Attraverso l’anamnesi, in corso di sorveglianza sanitaria n Per richiesta di visita straordinaria da parte del lavoratore (ex art. 17/626,comma-1/lettera-i) n Per segnalazione da parte di terzi (ad es., un RLS) n Possibili risposte del Medico competente n Non è un rischio tabellato, né contemplato nella valutazione dei rischi: ”faccia causa civile!” n Avvia un approfondimento sul rischio (H.R.) ed una consulenza sul danno (psichiatra): se il caso, attiva la denuncia di malattia lavoro-correlata

6 6 Mobbing: difficoltà nel gestirlo n E’ un rischio psico-sociale ancora poco conosciuto e compreso (anche dal Medico competente) e difficile da prevenire n Il danno da lavoro è atipico in quanto intenzionale/doloso (non colposo) n L’intervento correttivo richiede spesso la collaborazione delle H.R. (Personale) n Gli Ispettori non possono gestirlo con la prescrizione (forse con la disposizione) n Le leggi attuali (626, 2087) mal si adattano alla sua gestione in campo occupazionale

7 7 SINDROME DI BURNOUT Helping professions - Managers - Tutti? Bruciato, Spento … professionalmente e psicologicamente Fino alla DEPRESSIONE ANCHE GRAVE ____________________________________________________________________________________________ n ESAURIMENTO EMOTIVO n Progressivo spegnimento di entusiasmo per il lavoro e inaridimento del rapporto con l’utente n DEPERSONALIZZAZIONE n Acquisizione di comportamenti freddi, sgarbati, dittatoriali vs gli utenti (pazienti, assistiti, ecc.) n DISTRUZIONE PROGRESSIVA DELLA REALIZZAZIONE PERSONALE n Sensazione di fallimento, disillusione sul proprio lavoro

8 8 PREVENZIONE DEL BURNOUT nelle helping professions n PROGRAMMI ANTISTRESS n FORMAZIONE - ESPERIENZE DI GRUPPO n ABBATTIMENTO DEL SOVRACCARICO LAVORATIVO n PIANIFICAZIONE DEL LAVORO n MEDICO COMPETENTE n Se il caso, fa includere il Burnout tra i Pericoli da considerare nella valutazione dei rischi (art.4/626) n Se il caso, attiva la Sorveglianza sanitaria, specie nelle categorie più esposte

9 9 LAVORO NOTTURNO (LN) & SALUTE Interessa il 21% dei lavoratori europei. E’ in forte aumento con la globalizzazione (trading on line, call center, logistica...) n DIR. 93/104/CE n Riconosce un’accresciuta possibilità di stress e di danni alla salute per lunghi periodi di LN n D.Lgs 532/99 n Riconosce il LN come un nuovo rischio ‘specifico’ per la salute meritevole di Sorveglianza sanitaria n STUDI ANNI ‘70-’90 n Riconoscono la potenziale pericolosità del LN per: - BIORITMI (sonno/veglia, ormonali…) - EFFETTI SANITARI a breve e lunga scadenza - EFFETTI SUL LAVORO (performance, infortuni, assenteismo, turn over) - EFFETTI SOCIALI (rapporti sociali, di coppia…)

10 10 Disadattamento al LN n SINDROME DEI TURNISTI (I.C.D.S.90) n Insonnia (e abuso di farmaci e sigarette) n Sonnolenza nelle ore di veglia (e abuso di caffè..) n Affaticamento e irritabilità n Disturbi gastroenterici, pressori, coronarici n [Peggioramento di malattie (diabete, OSA, ecc.)] n INDISPONIBILITA’ AL LN n Disagio psico-fisico (il lavoratore “allodola”) n Stanchezza n Motivi sociali e familiari n Scarsa motivazione

11 11 Prevenzione dei danni da LN n EVITARE DI FARE IL LN !!! _______________________________________________________________________________________ n EDUCARE E FORMARE IL LAVORATORE n Igiene del sonno (orologio biol./bisogno di sonno) n Luce (buona luce di notte, occhiali a fine turno e dormire al buio) n Alimentazione (proteica prima della notte, zuccherina al termine del turno di notte) n Dormire prima del turno di notte per 2 ore e non dormire la mattina successiva al turno n Limitare farmaci, caffè e sigarette n ATTUARE LE MIGLIORI ROTAZIONI n Turnare in senso orario e con regolarità n Non più di due notti consecutive n Più week end liberi possibile n Iniziare il turno di mattina alle ore 7 (e non alle 6) n EFFETTUARE LA SORVEGLIANZA SANITARIA


Scaricare ppt "1 PATOLOGIE PSICHICHE LAVORO-CORRELATE Antonio Paoletti ( Università degli Studi, L’Aquila ) MEDICO COMPETENTE E: n MOBBING n BURNOUT n STRESS DA LAVORO."

Presentazioni simili


Annunci Google