La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Atti con forza di legge e regolamenti dell’Esecutivo Giancarlo Rando - a.a. 2009-2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Atti con forza di legge e regolamenti dell’Esecutivo Giancarlo Rando - a.a. 2009-2010."— Transcript della presentazione:

1 Atti con forza di legge e regolamenti dell’Esecutivo Giancarlo Rando - a.a

2 2 Atti aventi forza di legge La Costituzione prevede due casi in cui l’ esercizio (non la titolarità) della funzione legislativa spetta al Governo: 1. decreti legislativi (art. 76 Cost.) 2. decreti legge (art. 77 Cost.) - una legge del Parlamento trasferisce al Governo l’esercizio della funzione legislativa; - il Governo decide nei casi straordinari di necessità e urgenza, salva successiva conversione in legge del Parlamento.

3 3 Decreti legislativi Il procedimento previsto dall’art. 76 Cost. per i decreti delegati si articola in due fasi nettamente distinte: a)legge di delegazione b)decreto legislativo Atti aventi forza di legge

4 4 Decreti legislativi  legge ordinaria del Parlamento;  approvata con iter legislativo ordinario in Assemblea (art. 72 c. 4° Cost.);  è sempre ammessa la revoca della delega da parte del Parlamento. Atti aventi forza di legge a) legge di delegazione (art. 14, l. 400/1988)

5 5 Decreti legislativi  Contenuti necessari (art 76 Cost.):  oggetto  principi e criteri direttivi  limitazione temporale. Atti aventi forza di legge a) legge di delegazione

6 6 Decreti legislativi  fonte primaria del diritto;  subordinato alla legge di delegazione, nei limiti di quanto previsto dalla Costituzione;  deliberato dal Consiglio dei ministri;  emanato con dPR;  emanato con la denominazione “decreto legislativo”; preceduto da un preambolo. Atti aventi forza di legge b) decreto delegato (art. 14, l. 400/1988)

7 7 Testi unici  Raccolgono e ordinano materiali legislativi anteriori, collegati da omogeneità di materia, ma emanati in tempi diversi.  Rispondono non ad un’esigenza di nuova produzione legislativa, ma di chiarificazione e organizzazione di materiale già esistente.  Classificazione : a) testi unici meramente compilativi b) testi unici innovativi. Atti aventi forza di legge

8 8 Decreti legge (art. 77 Cost.)  Presupposti: casi straordinari di necessità e urgenza.  Procedura: 1. emanazione del decreto legge; 2. approvazione della legge di conversione da parte del Parlamento; 3. perdita di efficacia del decreto non convertito. Atti aventi forza di legge

9 9 Decreti legge 1. Procedura di emanazione del decreto legge (art. 15, l. 400/1988) a) deliberazione del Consiglio dei ministri; b) emanazione con dPR; c) pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale  entrata in vigore immediata del decreto (non c’è vacatio )  decorrenza del termine di 60 giorni per la conversione  conclusione della fase di formazione del decreto e inizio di quella della conversione; d) presentazione del decreto alle Camere. Atti aventi forza di legge

10 10 Decreti legge 2. Legge di conversione a) legge ordinaria del Parlamento; b) per la sua approvazione le Camere, anche se sciolte,devono riunirsi entro 5 giorni dalla presentazione (art. 77 c. 2° Cost.); c) si compone di un articolo: “è convertito in legge il decreto legge …”; d) può comunque modificare il decreto. Atti aventi forza di legge

11 11 Decreti legge 3. Perdita di efficacia del decreto non convertito (art. 77 c. 3° Cost.):  “I decreti perdono efficacia fin dall’inizio se non sono convertiti in legge entro 60 giorni dalla loro pubblicazione”.  Perdita di efficacia ex tunc (dall’origine)  “Le Camere possono regolare con legge i rapporti giuridici sorti sulla base dei decreti non convertiti”. Atti aventi forza di legge

12 12 Decreti legge Reiterazione Approvazione di un decreto legge identico o di contenuto analogo a quello di un decreto decaduto  prassi assai diffusa sino al 1996;  dichiarata incostituzionale con la sent. n. 360 del 1996, a meno che:  il decreto reiterato non si basi su nuovi presupposti di necessità e urgenza  le nuove disposizioni siano diverse da quelle contenute nel decreto non reiterato. Atti aventi forza di legge

13 13 Decreti legge Responsabilità del Governo per mancata conversione : a) responsabilità politica ex art. 94 Cost.; b) responsabilità ministeriale ex art. 96 Cost.; c) responsabilità dei Ministri per danno erariale; d) responsabilità civile dei ministri, quando il decreto legge non convertito abbia determinato un danno ingiusto (art c.c.). Atti aventi forza di legge

14 14 Regolamenti governativi  Fonte del diritto secondaria  Fondamento costituzionale: – sino al 2001 art. 87, c. 5, Cost. – adesso anche art. 117, c. 6, Cost.  Fondamento legislativo: – preleggi: artt. 3 e 4 – art. 17 della l. 400 del 1988

15 15 Regolamenti governativi e ministeriali  Regolamenti del Governo: art. 17, l. 400/88  Reg. dei Ministri o di autorità sottordinate al Ministro: si fondano su singole leggi ordinarie e non possono dettare norme contrarie a quelle dei regolamenti del Governo (art. 17, c. 3, l. 400/88) Fondamento legale

16 16 Procedimento Regolamenti governativi  Proposta di uno o più Ministri  Parere obbligatorio ma non vincolante del Consiglio di Stato  Delibera del Consiglio dei ministri  Emanazione come d.P.R.  Visto e registrazione Corte dei Conti  Pubblicazione in G.U.

17 17 Procedimento Regolamenti ministeriali  Emanazione da parte del Ministro come D.M.  Previo parere Consiglio di Stato  Comunicazione al Presidente del Consiglio (può sospenderli o provocare una deliberazione del Consiglio dei Ministri)  Controllo Corte dei Conti  Pubblicazione in G.U.

18 18 Tipologia Regolamenti governativi Art. 17, c. 1, l. 400/1988:  Esecuzione  Attuazione  Indipendenti  Organizzazione

19 19 Regolamenti di esecuzione Regolamenti governativi  Norme che assicurano l’operatività della legge e degli atti con forza di legge e, ora, dei regolamenti comunitari

20 20 Regolamenti d’attuazione Regolamenti governativi  Sono adottati per l’attuazione e l’integrazione delle leggi e dei decreti legislativi (non dei decreti legge) recanti norme di principio

21 21 Regolamenti indipendenti Regolamenti governativi  Sono emanati nelle materie in cui si ha una lacuna non coperta dalla legge o da atti aventi forza di legge e non è prevista una riserva di legge

22 22 Regolamenti di organizzazione Regolamenti governativi  Servono per dare la disciplina organizzativa della P.A.  Esiste in materia una riserva di legge relativa cui si accompagna ora il c. 4- bis dell’art. 17 l. 400/1988 che delegifica la disciplina del settore

23 23 Regolamenti delegati Regolamenti governativi  Scopo: delegificazione di materie non coperte da riserva di legge assoluta  La legge stabilisce “le norme generali regolatrici della materia” e dispone l’abrogazione delle norme legislative precedenti facendo decorrere l’effetto abrogativo dalla data di entrata in vigore del regolamento (c. 2, art. 17, l. 400/1988)  In seguito la materia è disciplinata dal regolamento


Scaricare ppt "Atti con forza di legge e regolamenti dell’Esecutivo Giancarlo Rando - a.a. 2009-2010."

Presentazioni simili


Annunci Google