La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1861-2011 150 anni dall'unità d'Italia. La scuola”V. Vivaldi” presenta:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1861-2011 150 anni dall'unità d'Italia. La scuola”V. Vivaldi” presenta:"— Transcript della presentazione:

1 anni dall'unità d'Italia

2 La scuola”V. Vivaldi” presenta:

3 Personaggi e parole del nostro passato”

4 Il Risorgimento

5

6 Protagonisti del Risorgimento Mazzini Cavour

7 Garibaldi Tricolore garibaldino conservato nel Museo di Catanzaro

8 Alessandro Manzoni Marzo 1821 O stranieri, strappate le tende da una terra che madre non v’è. Non vedete che tutta si scote, dal Cenisio alla balza di Scilla? non sentite che infida vacilla sotto il peso de’ barbari piè?

9 Cara Italia! Quante volte sull’alpe spïasti l’apparir d’un amico stendardo! quante intendesti lo sguardo ne’ deserti del duplice mar! ecco alfin dal tuo seno sboccati, stretti intorno ai tuoi santi colori, forti, armati dei propri dolori, i tuoi figli son sorti a pugnar.

10 Addio,mia bella,addio Addio, mia bella, addio: l'armata se ne va; se non partissi anch'io sarebbe una viltà! Non pianger, mio tesoro: forse ritornerò; ma se in battaglia io moro in ciel ti rivedrò. Non è fraterna guerra la guerra ch'io farò; dall'italiana terra lo straniero caccerò. L'antica tirannia grava l'Italia ancor: io vado in Lombardia incontro all'oppressor.

11 Giuseppe Verdi

12 Il Nabucco Va, pensiero, sull'ali dorate; Va, ti posa sui clivi, sui colli, Ove olezzano tepide e molli L'aure dolci del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di Sionne le torri atterrate... Oh mia patria sì bella e perduta! O membranza sì cara e fatal!

13 Arpa d'or dei fatidici vati, Perché muta dal salice pendi? Le memorie nel petto riaccendi, Ci favella del tempo che fu! O simile di Solima ai fati Traggi un suono di crudo lamento, O t'ispiri il Signore un concento Che ne infonda al patire virtù!

14 Goffredo Mameli

15 Inno di Mameli Fratelli d'Italia L'Italia s'è desta, Dell'elmo di Scipio S'è cinta la testa. Dov'è la Vittoria? Le porga la chioma, Ché schiava di Roma Iddio la creò. Stringiamci a coorte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò.

16 Noi siamo da secoli Calpesti, derisi, Perché non siam popolo, Perché siam divisi. Raccolgaci un'unica Bandiera, una speme: Di fonderci insieme Già l'ora suonò. Stringiamci a coorte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò.

17 Uniamoci, amiamoci, l'Unione, e l'amore Rivelano ai Popoli Le vie del Signore; Giuriamo far libero Il suolo natìo: Uniti per Dio Chi vincer ci può? Stringiamci a coorte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò.

18 Dall'Alpi a Sicilia Dovunque è Legnano, Ogn'uom di Ferruccio Ha il core, ha la mano, I bimbi d'Italia Si chiaman Balilla, Il suon d'ogni squilla I Vespri suonò. Stringiamci a coorte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò.

19 Son giunchi che piegano Le spade vendute: Già l'Aquila d'Austria Le penne ha perdute. Il sangue d'Italia, Il sangue Polacco, Bevé, col cosacco, Ma il cor le bruciò. Stringiamci a coorte Siam pronti alla morte L'Italia chiamò

20 L'emigrazione

21 Bruno Pelaggi (Poeta catanzarese) Dunque ti lascio o regno infame e ingrato, e ricevi da me l’ultimo addio tu che sei da galeotti governato e di tutti l’Europa sei l’oblio. Hai ridotto i tuoi sudditi in tale stato da abbandonar per forza il suol natio e andar raminghi in paesi lontani per cercare allo stranier”lavuru e pani” Regno di camorristi e di spietati Questa è la libertà che promettesti?

22 Mamma mia dammi cento lire Canzone popolare Mamma mia dammi cento lire che in America voglio andar...! Cento lire io te li dò, ma in America no, no, no. (2v.) I suoi fratelli alla finestra, mamma mia lassela andar. Vai, vai pure o figlia ingrata che qualcosa succederà. (2v.) Quando furono in mezzo al mare il bastimento si sprofondò. Pescatore che peschi i pesci la mia figlia vai tu a pescar. (2v.) Il mio sangue è rosso e fino, i pesci del mare lo beveran. La mia carne è bianca e pura la balena la mangierà. (2v.) Il consiglio della mia mamma l'era tutta verità. Mentre quello dei miei fratelli l'è stà quello che m'ha ingannà. (2v.)

23 La Grande Guerra

24

25

26 Il Piave mormorava, calmo e placido, al passaggio dei primi fanti, il ventiquattro maggio; l'esercito marciava per raggiunger la frontiera per far contro il nemico una barriera... Muti passaron quella notte i fanti: tacere bisognava, e andare avanti! S'udiva intanto dalle amate sponde, sommesso e lieve il tripudiar dell'onde. Era un presagio dolce e lusinghiero, il Piave mormorò: «Non passa lo straniero!» Il Piave

27

28 San Martino del Carso Ma nel cuore nessuna croce manca E' il mio cuore il paese più straziato G.Ungaretti Di queste case non è rimasto che qualche brandello di muro Di tanti che mi corrispondevano non è rimasto neppure tanto

29

30 Il Fascismo

31

32

33 Matteotti

34

35 Alle fronde dei salici E come potevamo noi cantare con il piede straniero sopra il cuore, fra i morti abbandonati nelle piazze sull'erba dura di ghiaccio, al lamento d'agnello dei fanciulli, all'urlo nero della madre che andava incontro al figlio crocifisso sul palo del telegrafo? Alle fronde dei salici, per voto, anche le nostre cetre erano appese, oscillavano lievi al triste vento. Salvatore Quasimodo

36

37 Se questo è un uomo Voi che vivete sicuri nelle vostre tiepide case, voi che trovate tornando a sera il cibo caldo e visi amici: Considerate se questo è un uomo che lavora nel fango che non conosce pace che lotta per mezzo pane che muore per un si o per un no.

38 Considerate se questa è una donna, senza capelli e senza nome senza più forza di ricordare vuoti gli occhi e freddo il grembo come una rana d'inverno. Meditate che questo è stato: vi comando queste parole. Scolpitele nel vostro cuore stando in casa andando per via, coricandovi, alzandovi. Ripetetele ai vostri figli. Primo Levi

39 La Resistenza

40 Partigiani

41

42 Antifascisti Salvemini Togliatti

43 De Gasperi e Croce

44 Nenni e Sturzo Sturzo

45 Rosselli e Saragat Rosselli Saragat

46 Bella ciao Stamattina mi sono alzato o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao Stamattina mi sono alzato e ho trovato l'invasor. O partigiano portami via o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao O partigiano portami via che mi sento di morir. E se io muoio da partigiano o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao E se io muoio da partigiano tu mi devi seppellir.

47 Seppellire lassù in montagna... o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao Seppellire lassù in montagna... sotto l'ombra di un bel fior. E le genti che passeranno o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao E le genti che passeranno e diranno o che bel fior. E' questo il fiore del partigiano o bella ciao, bella ciao, bella ciao, ciao ciao E' questo il fiore del partigiano morto per la libertà.

48

49 L’ alba della Repubblica

50

51

52 L’Assemblea costituente risultò così composta :

53

54

55 Enrico De Nicola I°presidente della repubblica Italiana


Scaricare ppt "1861-2011 150 anni dall'unità d'Italia. La scuola”V. Vivaldi” presenta:"

Presentazioni simili


Annunci Google