La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La casistica L’approccio della giurisprudenza 2 Alle origini delle incertezze “Ogni attività umana economicamente rilevante può essere oggetto sia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La casistica L’approccio della giurisprudenza 2 Alle origini delle incertezze “Ogni attività umana economicamente rilevante può essere oggetto sia."— Transcript della presentazione:

1

2 1 La casistica L’approccio della giurisprudenza

3 2 Alle origini delle incertezze “Ogni attività umana economicamente rilevante può essere oggetto sia di rapporto di lavoro subordinato sia di rapporto di lavoro autonomo, a seconda delle modalità del suo svolgimento” Cass., sez. lav., , n. 4036

4 3 La subordinazione L’approccio sistematico (la dottrina) Nel pensiero sistematico, il contratto di lavoro è un concetto allo stesso tempo unico e unificante; il contratto di lavoro assume una funzione di unificazione dello « status » dei lavoratori subordinati, LEZIONEPRECEDENTE

5 4 L’approccio casistico: la giurisprudenza Nell’approccio casistico (la giurisprudenza) - non a caso diffuso in GB o nei paesi nordici - il contratto di lavoro è concepito come una « realtà » varia e difficilmente comprensibile: riflette la diversità degli « status » attribuibili a questi lavoratori. LEZIONEPRECEDENTE

6 5 Il metodo utilizzato dai giudici Il metodo “sussuntivo”, utilizzato dalla dottrina IL METODO “TIPOLOGICO o Casistico”

7 6 Il pragmatismo della giurisprudenza La rinuncia alle soluzioni definitorie “forti”, assolute e rigide Gli indici di subordinazione e il giudizio di approssimazione

8 7 Gli indici giurisprudenziali La sottoposizione alle direttive tecniche, al potere di controllo e al potere disciplinare dell’imprenditore Si può misurare il quantum di eterodeterminazione, oltre il quale sussiste subordinazione? – Secondo alcune sentenze l’elemento decisivo è la contestualità del controllo rispetto allo svolgimento della prestazione

9 8 … “Quando la distinzione tra rapporto di lavoro autonomo e subordinato non risulti agevole alla luce di criteri univoci come l'esercizio di potere direttivo e disciplinare da parte del datore di lavoro (la cui esistenza è sicuro indice di subordinazione, mentre la relativa assenza non è sicuro indice di autonomia)….” Cass., sez. lav., , n. 3674

10 9 Gli altri indici giurisprudenziali Il vincolo di orario Le modalità della retribuzione L’imputazione del rischio della prestazione La concessione di periodi di riposo, senza incidenza nel trattamento retributivo L’esclusività della dipendenza da un solo datore di lavoro

11 10 …segue La “continuità” giuridica dell’obbligo “Se l’azienda non pretende la disponibilità del singolo collaboratore, che rimane libero di stabilire il se e il quando delle proprie prestazioni, non può parlarsi di quella continuità in senso tecnico che costituisce elemento indispensabile della subordinazione”

12 11 La qualificazione del rapporto e la volontà delle parti La svalutazione del nomen iuris implica un annullamento della volontà individuale? O piuttosto solo lo spostamento nel tempo del momento in cui si verifica la effettiva volontà delle parti? Nella qualificazione del rapporto di lavoro come autonomo o subordinato, anche a fronte di una manifestazione di volontà delle parti nel senso dell'autonomia, deve tenersi conto prevalentemente delle concrete modalità di svolgimento, le quali possono anche evidenziare che il rapporto lavorativo si è invece realizzato nelle forme proprie della subordinazione Cass., sez. lav., , n. 2039

13 12 La ponderazione degli indici Si può parlare di una gerarchia tra indici?

14 13 Indice a peso specifico maggiore L'insieme dei criteri che riguardano il vincolo della subordinazion e inteso in sé e per sé: l'assoggettamento POTENZIALE al potere direttivo l'esistenza di un potere disciplinare, di controllo e di vigilanza

15 14 Indici a peso specifico intermedio L'insieme delle modalità di svolgimento della prestazione considerati parametri esterni rispetto al contenuto della obbligazione la continuità l'inserimento nell’organizzazione predisposta da altri la monocommittenza

16 15 Indici a peso specifico minore Indici residuali, generalmente evocati in funzione di supporto o conferma di una scelta qualificatoria già operata sulla base degli altri indici modalità retributive vincoli di orario imputazione del rischio Nomen iuris

17 16 * Subordinazione * Modalità di esercizio della prestazione * Altri criteri sussidiari: la forma della retribuzione l’incidenza soggettiva del rischio il vincolo d’osservanza dell’orario Intensità decrescente

18 17 Una massima standard Ai fini della distinzione tra rapporto di lavoro autonomo e rapporto di lavoro subordinato occorre fare riferimento non già al nomen iuris utilizzato dalle parti nella stipula del contratto di lavoro, bensì al concreto atteggiarsi del rapporto di lavoro fin dal momento del suo instaurarsi e sino a quello del successivo suo svolgimento; in tale prospettiva, determinano la sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato l'inserimento del lavoratore nell'organizzazione dell'azienda datoriale e il suo assoggettamento al potere gerarchico e disciplinare del datore di lavoro, mentre costituiscono criteri sussidiari indiziari ai fini della prova della subordinazione - decisivi solo se valutati globalmente e non singolarmente - quelli della retribuzione predeterminata pagata a scadenze prestabilite, dell'inserimento della prestazione lavorativa offerta nell'ambito della organizzazione imprenditoriale, dell'assenza di una sia pur minima struttura imprenditoriale in capo al lavoratore. Cass., sez. lav., , n. 6570

19 18 La giurisprudenza in concreto Alcune massime ricorrenti

20 19 …Sulla natura subordinata La suprema corte ha annullato la sentenza impugnata che, in relazione al rapporto con una società di intermediazione immobiliare di lavoratore addetto a contatti con i clienti, aveva ritenuto insussistente la subordinazione, senza prendere in considerazione le risultanze istruttorie secondo cui il direttore dell'agenzia impartiva specifiche disposizioni di lavoro, disponeva i turni delle ferie ed esercitava di fatto il potere disciplinare, né la presenza di una quota di retribuzione fissa, di un orario di lavoro e di una continuità della prestazione. Cass., sez. lav., , n

21 20 E sulla natura autonoma Non sono configurabili gli elementi costitutivi del rapporto di lavoro subordinato nel caso in cui le prestazioni necessarie ai fini del perseguimento dei fini aziendali siano organizzate in maniera tale da non richiedere l'esplicazione di un potere gerarchico, concretizzantesi in ordini e direttive e nell'esercizio del potere disciplinare (fattispecie relativa a prestazioni di guardia medica presso una clinica privata, con organizzazione del servizio autogestita dagli stessi medici incaricati, che predisponevano concordemente i turni, secondo le rispettive disponibilità, e avevano la possibilità di non presentarsi al lavoro, purché sostituiti da colleghi, senza necessità di comunicarlo al datore di lavoro). Cass., sez. lav., , n

22 21 Un esempio di dissidio giurisprudenziale: il caso dei pony express Ha natura subordinata la prestazione lavorativa resa, con l'impiego di mezzo proprio, da motociclisti addetti al ritiro e recapito di plichi (c.d. “pony express”), non rilevando, in contrario, né la breve durata del rapporto, né la possibilità di rifiutare l'esecuzione delle prestazioni lavorative richiamate e, peraltro, sussistendo un controllo sui prestatori, sia pure a distanza (mediante contatto radio). PRET - P. Milano, subordinata possibilità di rifiutare controllo

23 22 …segue: i pony express Non ha natura subordinata, in difetto dell'essenziale requisito della continuità, la prestazione lavorativa resa, con l'impiego di mezzi propri, da motociclisti addetti al ritiro ed al recapito di plichi (c.d. ), che non sono tenuti a presentarsi ogni giorno al lavoro e possono anche rifiutare le singole prestazioni loro richieste. Trib. Milano, 10 ottobre 1987 Non ha natura subordinata possono anche rifiutare

24 23 La disponibilità legale del tipo Il “nomen iuris” legislativo Il caso: una “leggina” del 1993 IL PROBLEMA Può il legislatore attraverso l’assegnazione di un nomen iuris neutralizzare gli effetti di tutela del diritto del lavoro?

25 24 La risposta della Corte Costituzionale (1994) “Non è consentito al legislatore negare la qualificazione giuridica di rapporti di lavoro subordinato a rapporti che oggettivamente abbiano tale natura, ove da ciò derivi l’inapplicabilità delle norme inderogabili previste dall’ordinamento per dare attuazione ai principi dettati dalla Costituzione a tutela del lavoro subordinato” oggettivamente

26 25 Alcune valutazioni di sintesi Forte eterogeneità delle pronunce giurisprudenziali soprattutto tra merito e legittimità. La ponderazione e la gerarchia degli indici


Scaricare ppt "1 La casistica L’approccio della giurisprudenza 2 Alle origini delle incertezze “Ogni attività umana economicamente rilevante può essere oggetto sia."

Presentazioni simili


Annunci Google