La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Diritto del lavoro - II - LA SUBORDINAZIONE 2 Il diritto del lavoro (subordinato) 1) Cosè la subordinazione? 2) E perché è così importante?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Diritto del lavoro - II - LA SUBORDINAZIONE 2 Il diritto del lavoro (subordinato) 1) Cosè la subordinazione? 2) E perché è così importante?"— Transcript della presentazione:

1

2 1 Diritto del lavoro - II - LA SUBORDINAZIONE

3 2 Il diritto del lavoro (subordinato) 1) Cosè la subordinazione? 2) E perché è così importante?

4 3 Lavoro subordinato Lavoro autonomo Da quale parte conviene stare?

5 4 La differenza sul costo del lavoro per prestazioni di uguale valore economico Orario di lavoro 40 ore settimanali Costo per limpresa annui Compenso per il lavoratore Orario di lavoro Dipendente dalloggetto dellobbligazione Costo per limpresa annui Compenso per il lavoratore Lavoratore dipendente (contratto di lavoro subordinato ex art. 2094) Lavoratore autonomo (contratto di prestazione dopera ex art. 2222)

6 5 Altre conseguenze Tutela malattia Riposi e ferie Diritti sindacali in azienda Limiti di orario Garanzie retributive Tutela contro il recesso

7 6 Quali principi giuridici regolano lattribuzione di questi diritti?

8 7 a tassatività La legislazione del lavoro Lapplicazione ai rapporti di lavoro La qualificazione giuridica del rapporto di TUTTI gli effetti L

9 8 Linderogabilità La legislazione del lavoro Lapplicazione ai rapporti di lavoro La qualificazione giuridica del rapporto di TUTTI gli effetti Anche contro la volontà (e a volte gli interessi) del singolo lavoratore

10 9 Inderogabilità e tassatività della disciplina giuslavoristica: un doppio problema Si rischia di attribuire tutela a chi non ne avrebbe bisogno Si rischia di negarla a chi ne avrebbe bisogno

11 10 Cosa è la subordinazione?

12 11 Coincidenza tra modello normativo e modello empirico = Operario-massa della grande industria tayloristica Il lavoratore subordinato secondo lart c.c. Modelloempirico Modellonormativo

13 12 Lart cod. civ. E lavoratore subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nellimpresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dellimprenditore La porta del diritto del lavoro

14 13 Come si decifra lart c.c.? E lavoratore subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nellimpresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dellimprenditore Debole attitudine qualificatoria e conseguente necessità di: Operazioni dottrinarie Interpretazioni giurisprudenziali collaborare alle dipendenze

15 14 I tentativi dottrinari 1.La distinzione basata sulla tradizione romanistica 2.La nozione tecnico-funzionale di subordinazione 3.La nozione socio-economica di subordinazione

16 15 Leredità della tradizione romanistica Distinzione tra obbligazioni di mezzi (locatio operarum) e obbligazione di risultato (locatio operis) La diversa ripartizione dei rischi come dato essenziale della distinzione

17 16 Critica della impostazione tradizionale 1.Loggetto della prestazione può essere identico 2.Non è vero che nella locatio operarum il risultato è indifferente 3.La ripartizione dei rischi non è un elemento costitutivo della fattispecie è la sua conseguenza

18 17 La nozione tecnico-funzionale E fondata sulla valorizzazione dellelemento della eterodeterminazione si può considerare lavoratore subordinato qualunque debitore di opere tenuto ad obbedire alle disposizioni impartite da un soggetto che per legge, e per contratto, è autorizzato ad esercitare il potere di determinare luogo e tempo dell'adempimento, controllandone altresì l'esecuzione obbedire potere controllandone

19 18 Critica della nozione tecnico-funzionale L'etero- determinazione può sussistere anche dove non cè subordinazione in senso tecnico giuridico L'etero- determinazione può non sussistere anche dove cè subordinazione in senso tecnico giuridico

20 19 La nozione socio- economica di subordinazione La disciplina protettiva del diritto del lavoro si dovrebbe applicare a tutti i soggetti socialmente ed economicamente deboli Elemento fondamentale: la alienità dei mezzi di produzione, che nel lavoro subordinato sono sempre nella disponibilità del datore di lavoro

21 20 Critica della nozione socio-economica: E sempre vero che chi non dispone dei mezzi di produzione è in posizione di debolezza? E sempre vero che chi dispone dei mezzi di produzione non è in posizione di debolezza?

22 21 La casistica Lapproccio della giurisprudenza

23 22 Il pragmatismo dai giudici Il metodo sussuntivo, utilizzato dalla dottrina IL METODO TIPOLOGICO basato sugli indici di subordinazione

24 23 Gli indici giurisprudenziali La sottoposizione alle direttive tecniche, al potere di controllo e al potere disciplinare dellimprenditore Secondo alcune sentenze lelemento decisivo è la contestualità del controllo rispetto allo svolgimento della prestazione

25 24 Gli altri indici giurisprudenziali Il vincolo di orario Le modalità della retribuzione Limputazione del rischio della prestazione La concessione di periodi di riposo, senza incidenza nel trattamento retributivo Lesclusività della dipendenza da un solo datore di lavoro

26 25 …segue La continuità giuridica dellobbligo Se lazienda non pretende la disponibilità del singolo collaboratore, che rimane libero di stabilire il se e il quando delle proprie prestazioni, non può parlarsi di quella continuità in senso tecnico che costituisce elemento indispensabile della subordinazione

27 26 La qualificazione del rapporto e la volontà delle parti Nella qualificazione del rapporto di lavoro come autonomo o subordinato, anche a fronte di una manifestazione di volontà delle parti nel senso dell'autonomia, deve tenersi conto prevalentemente delle concrete modalità di svolgimento, le quali possono anche evidenziare che il rapporto lavorativo si è invece realizzato nelle forme proprie della subordinazione Cass., sez. lav., , n. 2039

28 27 Un esempio di dissidio giurisprudenziale: il caso dei pony express Ha natura subordinata la prestazione lavorativa resa, con l'impiego di mezzo proprio, da motociclisti addetti al ritiro e recapito di plichi (c.d. pony express), non rilevando, in contrario, né la breve durata del rapporto, né la possibilità di rifiutare l'esecuzione delle prestazioni lavorative richiamate e, peraltro, sussistendo un controllo sui prestatori, sia pure a distanza (mediante contatto radio). PRET - P. Milano, subordinata possibilità di rifiutare controllo

29 28 …segue: i pony express Non ha natura subordinata, in difetto dell'essenziale requisito della continuità, la prestazione lavorativa resa, con l'impiego di mezzi propri, da motociclisti addetti al ritiro ed al recapito di plichi (c.d. ), che non sono tenuti a presentarsi ogni giorno al lavoro e possono anche rifiutare le singole prestazioni loro richieste. Trib. Milano, 10 ottobre 1987 Non ha natura subordinata possono anche rifiutare

30 29 I cambiamenti della subordinazione La subordinazione cambia perché cambia lorganizzazione del lavoro Lorganizzazione del lavoro cambia per sfuggire alla subordinazione

31 30 Due fronti di crisi del lavoro subordinato tradizionaleEsterno Interno La crescente diffusione dei lavori non subordinati La frammentazione del lavoro subordinato: i lavori (subordinati ma) atipici

32 31 Etero determinazione della prestazione lavoro subordinato 2094 c.c. Auto determinazione della prestazione lavoro autonomo 2222 c.c La zona grigia: Tra il lavoro pienamente subor- dinato e il lavoro totalmente autono- mo, fra chi lavora seguendo istruzioni per ogni mossa che fa, e chi lavora decidendo da solo tutti i passaggi, si incontra una infinità di stati diversi (A. Accornero)

33 32 La parasubordinazione

34 33 Il percorso (simile a quello già utilizzato per la subordinazione) Chi sono i lavoratori para- subordinati Come si identificano dal punto di vista della fattispecie Quali sono gli effetti della parasubordinazione

35 34 Chi sono i lavoratori para- subordinati (Il popolo del 10-12%) Una popolazione variegata –consulenti aziendali –amministratori di società –revisori contabili –agenti di commercio –informatori farmaceutici –giornalisti free lance –autotrasportatori –medici convenzionati

36 35 I lavoratori parasubordinati: indipendenti, qualificati e flessibili per scelta? Non sempre si caratterizzano per lesercizio di nuove professioni. – Si tratta invece di professioni per la maggior parte consolidate, che vengono però esercitate sotto una nuova veste contrattuale. Quasi la metà è costituita da lavoratori precedentemente occupati come subordinati – Licenziati (13,3%) – Contratti a termine non rinnovati (37%)

37 36 La ricerca IRES il consulente informatico pagato assai bene, che cambia spesso committente perché il suo delicato compito si esaurisce presto... I flessibili per scelta...ma anche lincaricata alle vendite pagata assai male, che cambia spesso committente perché le campagne promozionali durano poco. I flessibili per necessità Il lavoro parasubordinato può riguardare:

38 37 Come si identificano dal punto di vista della fattispecie giuridica rapporti di collaborazione che si concretano in una prestazione di opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato continuativacoordinata prevalentemente personale

39 38 La continuatività Nelle prestazioni dopera di durata –Il rapporto di agenzia Anche prestazioni uniche che si protraggono o si ripetono nel tempo –Es. Collaborazione di un avvocato nei confronti di un ente che si protrae sulla base di successive convenzioni Sono escluse le prestazioni meramente occasionali

40 39 La coordinazione Inerenza funzionale alla attività del committente Secondo la giurisprudenza è compatibile con la para- subordinazione anche una li- mitata ingerenza del com- mittente –Labile confine con letero- dterminazione che configura un rapporto di lavoro subordinato

41 40 La natura prevalentemente personale dellopera Elemento generalmente considerato decisivo ai fini della qualificazione Prevalenza dellattività di lavoro del prestatore rispetto alle strutture di tipo materiale, allorganizzazione e ai capitali – Dove cè impresa (2082 c.c.) non può esserci parasubordinazione Ciò non vuol dire che qualsiasi utilizzo di macchinari, anche complessi e costosi (medici convenzionati) escluda la parasubordinazione, se si dimostra la personalità della prestazione, cioè il riferimento alla competenza tecnica del professionista.

42 41 Quali sono gli effetti della parasubordinazione? Si individuano, nellambito dei lavoratori autonomi, alcune tipologie che si presumono caratterizzate da una situazione di debolezza socio- economica simile a quella dei lavoratori subordinati Tale da giustificare una parziale estensione delle tutele

43 42 Quali tutele si estendono? La norma che definisce la parasubordinazione è inserita nel codice di procedura civile. Perché? Viene estesa in primo luogo la tutela processuale –Competenza del giudice del lavoro –Sistemi di conciliazione amministrativa –Esecutività della sentenza di primo grado –Possibilità di ottenere unordinanza in corso di causa che vale come titolo esecutivo delle somme non contestate

44 43 Una tappa del consolidamento normativo del lavoro parasubordinato: il 10-12% Lassoggettamento ai contributi INPS delle prestazioni continuative e coordinate Lestensione delle tutele previdenziali (su base strettamente contributiva ) – Per i flessibili è una imposizione – Per i precari una garanzia Lassegno in caso di parto (finanziaria 1997) Lassicurazione antinfortunistica (D. lgs. 38/2000).

45 44 SENATO DELLA REPUBBLICA – XIV LEGISLATURA – N. 848 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali (MARONI) di concerto col Ministro per la funzione pubblica (FRATTINI) col Ministro per le politiche comunitarie (BUTTIGLIONE) e col Ministro per gli affari regionali (LA LOGGIA) COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 NOVEMBRE 2001 – Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro

46 45 Art Al fine di ridurre il contenzioso in materia di qualificazione dei rapporti di lavoro, il Governo è delegato ad emanare, disposizioni in materia di certificazione del relativo contratto stipulato tra le parti, ispirate ai seguenti princìpi e criteri direttivi: a) carattere volontario e sperimentale della procedura di certificazione; b) individuazione dellorgano preposto alla certificazione del rapporto di lavoro in enti bilaterali costituiti a iniziativa di associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro comparativamente rappresentative, ovvero presso strutture pubbliche aventi competenze in materia; c) definizione delle modalità di organizzazione delle sedi di certificazione e di tenuta della relativa documentazione; d) indicazione del contenuto e della procedura di certificazione; e) in caso di controversia sulla esatta qualificazione del rapporto di lavoro posto in essere, valutazione da parte della autorità giudiziaria competente anche del comportamento tenuto dalle parti in sede di certificazione.


Scaricare ppt "1 Diritto del lavoro - II - LA SUBORDINAZIONE 2 Il diritto del lavoro (subordinato) 1) Cosè la subordinazione? 2) E perché è così importante?"

Presentazioni simili


Annunci Google