La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’economia regionale ed il Piano per le Attività Produttive 2005 – 2010 (bozza)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’economia regionale ed il Piano per le Attività Produttive 2005 – 2010 (bozza)"— Transcript della presentazione:

1

2 L’economia regionale ed il Piano per le Attività Produttive 2005 – 2010 (bozza)

3 IL SISTEMA DELLE IMPRESE il sistema marchigiano è caratterizzato da una serie di piccole e medie imprese, con tendenza a fare sistema, che è risultato negli anni ‘90 molto dinamico e con una elevata produttività questo sistema necessita di una continua trasformazione per mantenere la competitività nell’attuale fase di globalizzazione.

4 IL SISTEMA PRODUTTIVO MARCHIGIANO Il sistema produttivo marchigiano si è profondamente trasformato, a partire dagli anni ‘60, da agricolo ad industriale con un sistema di piccole imprese settorialmente specializzate e diffuse sul territorio. Dagli anni ‘80 ed in particolare negli anni ‘90 e fino ad oggi vi è stato un profondo processo di trasformazione alle mutate condizioni di mercato con una elevata innovazione tecnologica.

5 SPECIALIZZAZIONI PRODUTTIVE E LOCALIZZ.. Calzature (provincie Ascoli e Macerata) Mobile (provincia di Pesaro) Strumenti musicali (comuni Castelfidardo e Recanati) Carta ed elettrodomestici (Fabriano) Tessile ed abbigliamento (a macchie su tutto il territorio) Meccanica (nella Vallesina) Pelli e cuoio (Tolentino) Agroalimentare-prodotti ittici (Valle del Tronto) Elettronica e tlc (su tutto il territorio)

6

7 FATTORI DI SUCCESSO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE  Diffusa imprenditorialità, con elevati indici di natalità delle imprese;  Estrema flessibilità produttiva e specializzazione tecnica con grande capacità di adattamento alla domanda;  Vitalità dei distretti industriali;  Competitività delle imprese rispetto alla concorrenza;  Coesistenza dei settori tradizionali accanto all'emergere di nuove attività nella "new economy";  Presenza di centri Universitari e di centri servizi per l'innovazione;  Incremento dell'offerta privata di servizi alle imprese.

8 ELEMENTI DI CRITICITÀ DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE  posizionamento di molte delle produzioni regionali in fasce di mercato medio basse;  permanere della specializzazione nei settori “maturi”;  ridotta dimensione delle imprese che può vincolare l’attività delle stesse per l’internazionalizzazione e per lo sviluppo dell’innovazione e della ricerca;  bassa vocazione verso forme non tradizionali di posizionamento sui mercati esteri;  scarsità di personale qualificato;  mancanza di contatti diretti con il mercato finale di molte imprese;  fragilità finanziaria delle imprese;  difficoltà di accesso alle reti nazionali ed internazionali;  problema di ricambio generazionale.

9 CONDIZIONI PER LO SVILUPPO Infrastrutture (strade, ferrovie, porti, interporto, energia) Istruzione e formazione Qualità, innovazione, ricerca e servizi alle imprese Internazionalizzazione e promozione Finanza innovativa (migliori condizioni per l’accesso al credito) Sviluppo della società dell'informazione Marketing territoriale

10 benessere ⇄ sviluppo innovazione risorse umane rete internazionalizzazione finanza ….o.. filo rosso… LE “PAROLE D’ORDINE”

11 PIL 0,0 % reddito0,1 % consumi 0,3 % investimenti - 0,6% export 0,3 % disocc. 7,7 % (2005) ITALIA STATO E PROSPETTIVE DELL’ECONOMIA (dati Istat 2005 su 2004)

12 P.I.L. 0,9% Esportazioni 4,6% Consumi 1,7% Investimenti 3,4% Reddito n.d. disocc. 4,7 %(2005) STATO E PROSPETTIVE DELL’ECONOMIA (dati Istat - Unioncamere 2005 su 2004 stime) MARCHE

13 1. Sviluppare l’innovazione, tecnologica e organizzativa 2. migliorare le strutture organizzative e di gestione delle attività di produzione, 3. collocarsi su fasce di mercato meno sensibili al prezzo, 4. attenuare gli effetti negativi delle dimensioni, 5. incrementare i livelli di efficienza degli assetti produttivi, 6. riposizionare le produzioni sui mercati interni e internazionali, 7. allentare il vincolo del passaggio generazionale, 8. mantenere elevata la generazione e l’attivazione di energie imprenditoriali 1. diversificazione del sistema produttivo; 2. aumento della dimensione reale d’impresa; 3. emersione e consolidamento di nuove specializzazioni; 4. spostamento delle produzioni tradizionali verso livelli qualitativi più elevati. Le azioni a sostegno della competitività

14 Il distretto mobiliero del pesarese Il distretto meccanico della valle dell’Esino I “figli” degli strumenti musicali Il distretto calzaturiero Oggettistica d’ argento e prodotti in plastica Peculiarità del territorio ascolano Le politiche di localizzazione: i Distretti Verso i “nuovi Distretti”

15 Innovazione e PMI  NATURA: 47 % di prodotto  R & S: 15 % PMI – 43 % G.I.  INVESTIMENTI: 64 % PMI – 42 % G.I. Politiche di innovazione nelle imprese marchigiane  Incidenza: 63 %  Opportunità: progettazione di prova – fatturato – - export – finanziamenti pubblici  e Vincoli: € - Terzismo all’innovazione Ricerca e Innovazione

16 La Società regionale di Garanzia Marche Le Cooperative artigiane di garanzia nelle Marche I Centri servizi Le infrastrutture a sostegno della produzione (strade, aeroporti, ferrovie, energia, reti ………) Finanza, Centri di Servizi, Infrastrutture

17 Cosmob Cta Meccano Scam Tecnomarche Comit (SVIM) I Centri servizi Gli Strumenti della politica economica della Regione

18 Composizione, andamenti e performance dell’export regionale 2004: 3,1% export nazionale 2005: 3,2% export nazionale 2005/2004 Regione:+4,6% 2005/2004 Italia:+4% INTERNAZIONALIZZAZIONE Le Marche e l’export

19 Composizione, andamento e performance dell’export regionale (2005/2004) Tessile - 14,9% Abbigliamento0,5% Cuoio e prodotti5,2% Legno e prodotti5% Macchine e apparecchi mecc - 2,8% Apparecchi elettrici e di precisione7,2% Mobili - 3% INTERNAZIONALIZZAZIONE Le Marche e l’export

20 Composizione, andamento e performance dell’export regionale (2005) UE % UE 2560,1% Europa Est21,3% USA7,1% America centro sud 2% Medio oriente3,2% Asia orientale 4,2% INTERNAZIONALIZZAZIONE Le Marche e l’export

21 IMPORTAZIONI AREE GEOGRAFICHE: anno 2000 Unione europea37,8 Europa centro orientale13,9 Altri paesi europei2,9 Africa settentrionale2,6 Altri paesi africani1,3 America settentrionale4,7 America centro meridionale2,9 Medio oriente21,4 Asia centrale2,0 Asia orientale10,3 Oceania ed altri territori0,3

22 ESPORTAZIONI ITALIAMARCHE Unione Europea 57,349,1 Germania16,512,4 Francia13,09,4 U K7,16,8 USA9,510,3 ECO7,513,5 Russia0,84,7

23 Gli IDE 1999

24 IL PESO DELL’INTERNAZIONALIZZAZIONE Stanziamenti Accordo di Programma Ml lire Altri finanziamenti da soggetti diversi Totale Accordo di Programma 2001 – 2002 REGIONI Risorse Regionali Risorse ICE Lazio Abruzzo Campania P.A. di Trento Em. Romagna Marche Liguria Sicilia Piemonte P.A. di Bolzano Veneto Toscana Umbria Valle d’Aosta Friuli Molise TOTALE ITALIA 61186

25 Il sostegno pubblico alla politica di internazionalizzazione L’agevolazione finanziaria e assicurativa L’assicurazione pubblica dei crediti all’esportazione L’accesso a finanziamenti a tasso agevolato I servizi reali: i consorzi all’esportazione La promozione all’export: le fiere

26 Le tendenze del mercato del lavoro regionale  disoccupazione circa al 5 % (1/2 dei valori nazionali)  alti tassi di attività (v. donne)  minore disoccupazione giovanile  flessibilità IL MERCATO DEL LAVORO

27 la gestione del Fondo Unico Semplificazione e contenimento del numero delle leggi finanziate; Premio agli investimenti diretti all'innovazione (tecnologica e organizzativa), alla ricerca, all'impatto ambientale e alla sicurezza del lavoro; Sostegno all’internazionalizzazione attraverso forme consortili di imprese con produzioni complementari sul mercato finale; Rispetto del modello di sviluppo industriale in termini di dimensioni e natura delle imprese; Sostegno alla creazione di impresa; Sviluppo e rafforzamento degli attuali strumenti di gestione finanziaria delle imprese. valutando l’investimento agevolato in termini di innovazione, ricerca, compatibilità ambientale dei processi produttivi, sicurezza e occupazione; favorendo incentivi con elevato gradimento da parte delle imprese (ammontare delle agevolazioni richieste investimenti attivati e contributi concessi); tenendo conto della complementarità rispetto ad altri strumenti nazionali già funzionanti (o interventi coperti da leggi regionali di incentivazione) IN ATTESA DEL TITOLO V.....

28 La performance

29 LA POLITICA INDUSTRIALE DELLA REGIONE  Innovazione tecnologica  Dall’esportazione all’internazionalizzazione  Accesso al credito  Approccio territoriale degli interventi i distretti industriali i Centri Servizi  Lo sportello unico per le attività produttive  Il sostegno del sistema produttivo: l'asse 1 del DOCUP OB

30 REGIONE SVIM Camere di Commercio, Imprese, Consorzi di imprese, Associazioni di categoria, Università, Centri Servizi Gli attori AZIONE DI GOVERNO Indirizzi di progettazione (PRS, piani di settore, tavolo di concertazione) PROGETTAZIONE Partecipazione nelle società strumento della politica industriale (SRG, Interporto, SCAM, CTA, Meccano, COSMOB) GESTIONE delle AZIONI di POLITICA INDUSTRIALE Realizzazione dei progetti esecutivi di internazionalizzazione, innovazione tecnologica,infrastrutture, formazione e credito

31 OBIETTIVI E LINEE STRATEGICHE: dal Dipartimento al Servizio Crescita della competitività del Sistema ▼ Sviluppo compatibile ▼ Creazione di lavoro stabile e di Qualità ▼ Aumento del PIL Marche ▼ Miglioramento dei rapporti PA imprese ▼ Semplificazione Sostegno al sistema produttivo, alla valorizzazione del territorio, allo sviluppo e qualificazione dell’occupazione ▼ Sviluppo della coesione e ricambio generazionale ▼ Riorganizzazione interna e innovazione tecnologica ▼ Contenimento della spesa e ottimizzazione utilizzo risorse finanziarie ▼ Comunicazione istituzionale ▼ Concertazione ▼ Revisione enti strumentali ▼ Decentramento amministrativo ▼ Semplificazione

32 PIANO REGIONALE PER LE ATTIVITA’ PRODUTTIVE A MEDIO TERMINE Scopo: - fornire un quadro organico degli interventi che la Regione intende realizzare con le risorse a disposizione di fonte regionale, di fonte comunitaria (interventi del Docup), di fonte statale (risorse trasferite a seguito del decentramento degli incentivi alle imprese).

33 OBIETTIVI GENERALI DEL PIANO COMPETITIVITA' DEL SISTEMA PRODUTTIVO SVILUPPO COMPATIBILE CRESCITA DEL PIL MARCHE LAVORO STABILE E DI QUALITA’

34 OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVO INTERMEDIO: ASSE 1 SVILUPPO PRODUTTIVO OBIETTIVI SPECIFICI: AIUTI AGLI INVESTIMENTI Favorire la localizzazione delle imprese con interventi infrastrutturali Ridurre l’impatto ambientale delle attività produttive Favorire l’ampliamento della produzione e promuovere la crescita Favorire la nascita di nuove imprese e promuovere l’imprenditorialità Promuovere le forme associative fra le imprese e i consorzi

35 OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVO INTERMEDIO: asse 2 ricerca e sviluppo, qualita' ed innovazione OBIETTIVI SPECIFICI : Diffondere i servizi qualificanti e le certificazioni di qualità Facilitare l’introduzione di innovazioni Sostenere la ricerca e sviluppo Favorire la crescita e la competitività del sistema locale e dei distretti industriali

36 OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVO INTERMEDIO: asse 3. internazionalizzazione e promozione OBIETTIVI SPECIFICI : Favorire l’internazionalizzazione del sistema Marche

37 OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVO INTERMEDIO: asse 4. equilibrio gestione finanziaria OBIETTIVI SPECIFICI : Favorire la capitalizzazione delle imprese e sostenere il capitale di rischio Facilitare l’accesso al credito

38 OBIETTIVI DEL PIANO OBIETTIVO INTERMEDIO: Asse 5 miglioramento dei rapporti fra p.A. Ed imprese OBIETTIVI SPECIFICI : Diffusione Sportelli unici per le imprese Semplificazione amministrativa


Scaricare ppt "L’economia regionale ed il Piano per le Attività Produttive 2005 – 2010 (bozza)"

Presentazioni simili


Annunci Google