La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Torino - 15 settembre 2005 Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Ufficio Monitoraggio e gestione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Torino - 15 settembre 2005 Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Ufficio Monitoraggio e gestione."— Transcript della presentazione:

1 1 Torino - 15 settembre 2005 Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Ufficio Monitoraggio e gestione progetti delle Regioni e degli Enti Locali Convegno Confindustria - CNIPA La qualità negli acquisti di beni e servizi ICT Torino, 15 settembre 2005

2 2 Torino - 15 settembre 2005 Presentazione Per erogare servizi efficaci, rapidi e di qualità, le PA hanno bisogno di tecnologie in grado di offrire sicurezza, affidabilità e prestazioni ad altissimo livello  Come acquistare servizi ICT di qualità?  Come misurare la qualità dei servizi offerti dai fornitori? Le Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione e il governo dei contratti della PA predisposte dal CNIPA nascono dalla ricerca di una risposta a queste due domande L’obiettivo è fornire indicazioni utili alle PA nella acquisizione di forniture ICT e nell’efficace governo dei contratti stipulati con i fornitori

3 3 Torino - 15 settembre 2005 Contesto - Pubblica Amministrazione La Pubblica Amministrazione ha scoperto di  avere dei clienti (Cittadini, Imprese, Dipendenti pubblici)  dover offrire a questi clienti servizi di qualità Modalità di contatto con le amministrazioni Accesso ai servizi e Tempestività di risposta Efficacia della risposta e Professionalità La qualità dei servizi pubblici è un valore importante per il giudizio politico nei confronti di una Amministrazione Questo valore corrisponde ad un costo dal lato del Fornitore che gli deve essere riconosciuto in misura equa

4 4 Torino - 15 settembre 2005 Contesto - Catena Cliente/Fornitore Erogazione di servizi a cittadini ed imprese  Amministrazione fornitore di servizi amministrativi ai propri Clienti (cittadini, imprese, utenti interni) Acquisizione di servizi ICT per supportare l’innovazione organizzativa e tecnologica  Amministrazione cliente dei Fornitori ICT fornitore cliente CittadiniAmministrazioni fornitore cliente Fornitori ICT

5 5 Torino - 15 settembre 2005 Contesto - Obiettivo Per poter dare un prezzo alla qualità è necessario  poterla definire  misurarla in modo preciso Obiettivo  identificare analiticamente le caratteristiche della qualità dei beni e dei servizi  definire per ciascuna caratteristica metriche e processi di misura  tradurre tutto ciò in indicazioni concrete per la gestione della qualità nelle fasi di definizione e di gestione dei Contratti ICT

6 6 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida - Avventura culturale Le Linee guida rappresentano una avventura culturale prima che tecnico-professionale  veicolano una cultura dell'unione e della contrapposizione, privilegiano il confronto  integrano i diversi punti di vista Cliente, Fornitore, Utente  costituiscono occasione di incontro e vicendevole contaminazione di culture differenti Giuridica, Amministrativa, Informatica, Manageriale  esprimono volontà di informazione e didattica  creano una comunità sociale, quella degli utilizzatori

7 7 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida - Metodologia Le Linee guida delineano un metodo di approccio all’acquisizione delle forniture ICT Le Linee guida costituiscono un quadro di riferimento utile nelle diverse fasi del ciclo di vita delle forniture ICT :  fase di definizione delle strategie, per la scelta delle modalità di acquisizione e di gara  fase di negoziazione, per la definizione di contratti ICT  fase di attuazione, per il governo di contratti ICT Le Linee guida non hanno l’ambizione di offrire un contributo innovativo dal punto di vista scientifico

8 8 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida - Metodologia Le Linee guida forniscono indicazioni per la gestione della qualità  attuabili per il governo dei contratti di buon senso, pragmatiche, semplici, non ambigue basate su esperienze precedenti (best practices)  utilizzabili per la scrittura di atti di gara e offerte come base di partenza  applicabili da parte di Amministrazioni e Fornitori  di facile comprensione per tutte le diverse culture espresse delle professionalità a diverso titolo coinvolte nella definizione e governo dei contratti ICT  didatticamente utili per favorire la loro diffusione e la predisposizione di eventi formativi

9 9 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida - Metodologia Le Linee guida forniscono risposte concrete a domande operative  come richiedere la qualità per appaltare i servizi Che modalità di acquisizione praticare ?  come valutare la qualità per aggiudicare le gare Che criteri di aggiudicazione definire ?  come formalizzare la qualità nel contratto Che attributi di qualità utilizzare ?  come utilizzare la qualità per governare il contratto Che misure di qualità adottare ?

10 10 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Avvio dei lavori Dicembre 2003  Il CNIPA istituisce un Gruppo di lavoro per incentivare l’utilizzo di forniture ICT di qualità e supportarne l’azione di governo Gruppo di lavoro12 persone Febbraio 2004  Si acquisiscono le competenze necessarie da 6Amministrazioni8 persone CONSIP, INPS, GIUSTIZIA, MIUR, SOGEI, Banca d’Italia 21Fornitori ICT80 persone Accenture, Alcatel, Atesia, Bull, CSC Italia, Elsag, Laser Memory card, Microsoft, Symantec, ACI Informatica,, Business Object, C&M Group, COMPUWARE, EDS Italia, FINSIEL, GETRONICS, IBM, ORACLE Italia, SAP Italia, Sistemi Informativi, Telecom Italia

11 11 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Babele di linguaggi Guido Allegrezza, Monica Barattieri, Dario Biani, Piero Bordoni, Annarita Bove, Antonello Busetto, Arnaldo Carbone, Caterina Ciarallo, Alfredo D’Amato, Giuseppe Neri, Giorgio Pala, Enrico Pesce, Giorgio Turconi, Stefano Fabrizi, Sergio Giacoponi, Carla Mastino, Aldo Mastroianni, Gianfranco Pontevolpe, Marina Venzo, Emanuela Banzo, Danilo Bianco, Brunello Bonanni, Giuseppe Borgonovo, Paolo Buttinelli, Roberto Caldarella, Maurizio Caminiti, Marco Casazza, Alessandra Chianese, Fabio Conciatori, Giuseppe Conforti, Luigi Costantini, Carmine D'arconte, Maurizio De Benedetto, Alfonso De Cristofaro, Roberto De Preta, Laura Destro, Giuseppe di Cesare, Marco Di Leo, Barbara Donato, Carla Fabiano, Elena Farina, Salvatore Ferraro, Assunta Formato, Alessandro Fossati, Giovanni Gadaleta, Aurora Girolamo, Andrea Giuliani, Ludovico Gullifa, Vittorio La Commare, Cristina Leonardi, Fabrizio Liberatore, Ferdinando Liberti, Stefania Lombardi, Giacinto Lopiccolo, Francesco Magatti, Luca Malagodi, Loredana Mancini, Andrea Manuti, Francesco Marconi, Giacomo Massi, Ettore Mastrorilli, Alessandro Mehlem, Francesco Meneghetti, Luigi Mezzanotte, Giuseppe Militello, Mario Modesti, Franco Moselli, Federico Morena, Daniele Pagani, Marco Palermo, Paola Palleschi, Giuliano Perego, Marcella Pignatiello, Giovanni Pistarini, Romano Poggi, Andrea Praitano, Anna Prelati, Domenico Pugliese, Annalisa Quagliata, Antonio Lorenzo Rassu, Andrea Rigoni, Massimo Rocchi, Paolo Roncella, Roberto A. Romano, Alessandro Rossi, Dario Russo, Maurizio Sacchetti, Bruno Salvadori, Giacomo Samuelli Ferretti, Vincent N. Santacroce, Lorella Santucci, Teresa Saragò, Emanuela Savelli, Bruno Scialpi, Lorenzo Severini, Francesco Strata, Marco Tampelloni, Alfredo Vessicchio, Stefania Zaccagnini, Marco Gentili

12 12 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Redazione Linee guida Maggio 2004  Il CNIPA annuncia al Forum PA la scelta di realizzare le Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione e il governo dei contratti della PA  Lo slogan posto alla base dei lavori esprime uno dei bisogni più pressanti delle amministrazioni pubbliche Ottenere qualità dai fornitori di servizi ICT per fornire qualità a cittadini ed imprese Dicembre 2004  Il Gruppo di lavoro completa le proprie attività nel rispetto dei tempi previsti

13 13 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Emissione Linee guida Gennaio 2005  Il CNIPA pubblica sul proprio sito le Linee guida (v. 1.0) e le presenta con un apposito Convegno tenuto nella sede Confindustria di Roma Migliorare la qualità dei beni e servizi nei contratti ICT delle pubbliche amministrazioni  Il Convegno non ha celebrato il completamento di un lavoro, piuttosto ha avviato una nuova serie di attività  Importanza attribuita da PA e fornitori ICT alle Linee guida testimoniata dalla partecipazione di 800 persone 49% PA= 39% PAC+ 10% PAL 48% IMP= 32% Imprese ICT+ 10% Imprese CONSULENZA + 5% Imprese non ICT+ 3% studi legali, consulenti

14 14 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Gestione Linee guida Gennaio 2005  Il CNIPA affida la gestione delle Linee guida all’Ufficio Monitoraggio e gestione dei progetti delle Regioni e degli Enti locali  Evoluzione delle Linee guida manuale dedicato al governo dei contratti estensione delle tipologie di fornitura ICT trattate  Manutenzione delle Linee guida recepimento di suggerimenti e richieste di PA e imprese  Confronto sulla contrattualistica ICT attivazione di un canale con PA e Associazioni  Formazione sull’acquisizione delle forniture ICT

15 15 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Diffusione Linee guida Maggio 2005  Il CNIPA distribuisce la versione a stampa delle Linee guida in una prima tiratura di copie Quaderni CNIPA n. 10, 11, 12, 13 Anno II - Gen 05 Giugno 2005  In 4 mesi sono state distribuite copie dei manuali copie integrali scaricate dal sito CNIPA copie integrali distribuite su Cd-Rom copie distribuite a mezzo stampa documenti scaricati dal sito CNIPA Settembre 2005  Avvio seminari sul territorio in collaborazione con Confindustria

16 16 Torino - 15 settembre 2005 Progetto – Formazione sulle Linee guida Formazione sull’acquisizione e governo delle forniture ICT  Presentazione multimediale su Cd-Rom organizzare il vasto materiale costituente le linee guida agevolare la consultazione delle linee guida Ricercare rapidamente gli argomenti di interesse  Seminari introduttivi in aula per dirigenti informare dell’esistenza delle Linee guida sensibilizzare  Corsi in e-learning modulari soddisfare differenti tipologie di destinatari impattare il meno possibile sul lavoro raggiungere tutto il territorio

17 17 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Utilizzo Linee guida Luglio 2005  Circolare n. 47 (GU 12 luglio 2005 n. 160), nuove indicazioni riguardanti le richieste di parere sugli schemi dei contratti per l’acquisizione di beni e servizi relativi a sistemi informativi automatizzati, ai sensi dell’art. 8 del D.Lgs. 39/93 richiamata esplicitamente l’adozione delle Linee guida nella relazione esplicativa contenente le valutazioni e l’avviso dell’amministrazione competente sull’iniziativa contrattuale da attivare dovranno essere puntualmente rappresentati diversi elementi informativi tra cui l’aderenza complessiva del progetto alle Linee guida  il CNIPA ha emesso più di una decina di Pareri che fanno esplicito riferimento alle Linee guida

18 18 Torino - 15 settembre 2005 Progetto - Utilizzo Linee guida Luglio 2005  CONSIP ha deliberato l’adozione delle Linee guida per le loro procedure di appalto Il lavoro del CNIPA convince e viene ritenuto utile per aumentare trasparenza e governabilità di procedure di appalto e contratti ICT una Linea guida CNIPA, priva di qualunque cogenza, è autonomamente elevata al rango di "regolamento interno", cogente  CONSIP si distingue in termini di sensibilità alla qualità e governo dei contratti ICT cultura manageriale volumi economici di spesa ICT

19 19 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida Trattazione coerente e collegata con tutti i documenti specifici prodotti da MIT e CNIPA Assunzione dei punti di vista complementari degli stakeholder per la definizione della qualità Qualità estesa a tutte le fasi del ciclo di vita delle forniture Qualità riferita a tutte le caratteristiche delle forniture Scomposizione dell’oggetto contrattuale in più classi di fornitura elementari Adozione di metodi quantitativi per la misura della qualità Condivisione dei contenuti con PA e Fornitori ICT

20 20 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida - Punti di vista della qualità Assunzione di punti di vista complementari per la definizione della qualità  Fruitore del servizio (utente finale) qualità attesa e percepita (qualità in uso)  Stazione appaltante (chi appalta il servizio) qualità dei processi di sviluppo e di erogazione  Qualità intrinseca dei beni e servizi forniti caratteristiche di qualità del servizio caratteristiche di qualità dei prodotti correlati

21 21 Torino - 15 settembre 2005 Acquisizione Fornitura Gestione operativa Manutenzio ne Sviluppo Progettazione Realizzazione Gestione Configurazione PROCESSIPRIMARI PROCESSI TRASVERSALI Documentazione Assicurazione Qualità Gestione Criteri guida - Ciclo di Vita Qualità estesa a tutte le fasi del ciclo di vita della fornitura

22 22 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida - Caratteristiche di qualità CaratteristicheSottocaratteristiche Funzionalitàadeguatezza, accuratezza, interoperabilità, sicurezza, conformità alla funzionalità Affidabilitàmaturità, tolleranza, ripristinabilità, conformità Usabilitàcomprensibilità, apprendibilità, operabilità, attrattività, conformità all’usabilità Efficienzaefficienza temporale, utilizzazione delle risorse, conformità all’efficienza Manutenibilitàanalizzabilità, modificabilità, stabilità, testabilità, conformità alla manutenibilità Portabilitàadattabilità, installabilità, coesistenza, sostituibilità, conformità alla portabilità Efficaciaefficacia Produttivitàproduttività Salvaguardiasalvaguardia Soddisfazioneempatia, capacità di rassicurazione Qualità riferita a tutte le caratteristiche della fornitura

23 23 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida - Oggetto Contrattuale Scomposizione dell’oggetto contrattuale in più classi di fornitura elementari ognuna rappresentata da una o più istanze Classi di fornituraN° Istanze Dimensioni Istanza Sviluppo SW3procedura A900 Function Point procedura B500 Function Point procedura C500 Function Point  Sviluppo Reti2LAN sede centrale100 Nodi WAN periferie20 Nodi  Fornitura HW2dipartimentali30 Server postazioni di lavoro300 Pc  Assistenza utente1call center nazionale3000 chiamate/GG ESEMPIO

24 24 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida – Metodi quantitativi Metodi quantitativi per la definizione di misure di qualità e l’identificazione dei relativi processi di misura  Oggetto delle misure di qualitàCosa misurare ? attributi di qualità, livelli di servizio  Modalità di misuraCome misurare ? unità di misura, metriche, strumenti di misura regole di campionamento, calcolo e arrotondamento  Clausole contrattualiCome reagire ? rilevazione e gestione delle non conformità identificazione ed attuazione delle azioni correttive (penali, escalation, ecc.)

25 25 Torino - 15 settembre 2005 Criteri guida – Condivisione dei contenuti Partecipazione ai lavori coordinati dal CNIPA di Amministrazioni, Associazioni di categoria e Fornitori ICT  integra i diversi punti di vista della amministrazione appaltante e del fornitore  permette ad entrambe le parti di conoscere le proprie ragioni e motivazioni  consente di imparare insieme per migliorare le logiche di appalto e di offerta Possibilità per chiunque di suggerire modifiche o nuove implementazioni Approccio inedito ed innovativo per la condivisione dei contenuti

26 26 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Struttura Le Linee Guida sono articolate in una collana di 7 Manuali, 4 dei quali supportano i passi operativi fondamentali della definizione della qualità della fornitura

27 27 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Manuali Presentazione e utilizzo delle Linee guida  documento introduttivo su contenuti e utilizzo Strategie di acquisizione delle forniture ICT  illustra i vantaggi ed i rischi delle possibili scelte strategiche da compiere propedeuticamente all’appalto Appalto pubblico di forniture ICT  illustra le conseguenze derivanti dalle possibili scelte ed approcci inerenti l’appalto Dizionario delle forniture ICT  descrive le tipologie di forniture ICT utili per costruire di capitolati tecnici Governo dei contratti ICT  approfondisce le attività di competenza di amministrazione e fornitore per realizzare progetti e erogare servizi

28 28 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Manuali Esempi di applicazione  fornisce esempi di costruzione di capitolati tecnici mostrando l’utilizzo del Dizionario delle forniture ICT Modelli per la qualità delle forniture ICT  descrive gli standard e le logiche adottate per la redazione delle Linee guida

29 29 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Utilizzo Vantaggi  accesso diretto alle tematiche di specifico interesse  percorsi di lettura differenziati per tipo di destinatario  manutenzione semplificata per aggiornamenti  possibilità di rilasci progressivi  scarico dei documenti facilitato con banda stretta Caratteristiche  autoconsistenti (ridondanza)  indipendenti (riferimenti)  riutilizzabili (cut & paste)

30 30 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Opera Enciclopedica Prodotto pagine in 6 manuali 36 lemmi = 32 Forniture + 4 processi trasversali 450 attività (task) descrittive delle forniture ICT 305 prodotti (deliverables) generati dalle attività 120 indicatori di qualità per attività/prodotti Impegno 140 incontri in 12 mesi solari giorni persona di 100 persone 50% CNIPA + 15% PA + 35% Fornitori ICT

31 31 Torino - 15 settembre 2005 Linee guida – Percorsi di lettura X = leggere C = consultare Il numero in corrispondenza di ogni manuale indica l’ordine di lettura consigliato

32 32 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 2 Identificazione della corretta strategia di acquisizione analizzando in modo sistematico le possibili alternative  Forme di acquisizione outsourcing, insourcing, ecc.  Approccio allo sviluppo sw ad hoc, riuso, open source, soluzioni commerciali, etc.  Modalità di fornitura contratto quadro o a progetto, numero dei lotti, etc.  Definizione del contratto e del corrispettivo prezzo a corpo, prezzo a tempo e spesa, etc. Manuale 2 Strategie di acquisizione di forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

33 33 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 3 Costruzione del meccanismo di selezione del Fornitore  Scelta della procedura di gara asta pubblica, licitazione privata, etc.  Determinazione dei criteri di accesso alla gara fatturato, capacità tecnica, etc.  Attribuzione del punteggio tecnico criteri, soglie minime, etc.  Attribuzione del punteggio economico scelta delle formule economiche Manuale 3 Appalto pubblico di forniture ICT GovernoContrattoAppaltoStrategia

34 34 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 Dizionario delle forniture ICT Manuale Lemmi ad oggi Il Dizionario delle forniture ICT si compone di un documento introduttivo a cui logicamente si aggiunge un insieme di documenti separati contenenti ciascuno uno dei lemmi costituenti il Dizionario Scomposizione dell’oggetto della fornitura in forniture elementari (lemmi) GovernoContrattoAppaltoStrategia

35 35 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 1. Servizi per l’utente 1.1 Sviluppo e MEV applicazioni 1.2 Gestione, manutenzione applicazioni 1.3 Assistenza all’utente 1.4 Formazione 2. Servizi interoperabilità e cooperazione 2.1 Servizi di integrazione 2.2 Servizi applicativi 2.3 Riconoscimento digitale 3. Servizi infrastrutturali 3.1 Servizi per le Reti 3.2 Servizi per i Sistemi 3.3 Servizi di sicurezza 3.4 Servizi di Gestione Documentale 3.5 Servizi monitoraggio qualità servizi 3.6 Servizi di Desktop Classificazione adottata Forniture elementari Processi trasversali 4. Servizi di consulenza e body rental 4.1 Servizi professionali 4.2 Servizi di body rental 5. Fornitura di beni 5.1 Fornitura di prodotti Hw e Sw 6. Processi trasversali 6.1 Processi di supporto 6.2 Processi organizzativi GovernoContrattoAppaltoStrategia... Forniture elementari

36 36 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 Descrizione analitica per ogni classe di forniture ICT  Attività (task che realizzano la fornitura)  Prodotti (elementi di fornitura o deliverables)  corrispondenti Indicatori di qualità suggeriti Metodi quantitativi per la definizione di misure di qualità e identificazione dei relativi processi di misura Selezione degli Indicatori di Qualità appropriati mediante analitiche Schede descrittive  metrica, formula di calcolo, frequenza delle misure, valori soglia e possibili eccezioni GovernoContrattoAppaltoStrategia... Forniture elementari

37 37 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 Descrizione della fornitura elementare Modalità di definizione della fornitura per la stesura dell’oggetto contrattuale Modalità di stima dei costi anche in funzione della qualità richiesta Attività Prodotti Indicatori di qualità Descrizione utile a capire se è quello che serve Regole per l’uso della classe di fornitura Parte immediatamente riutilizzabile (cut & paste) GovernoContrattoAppaltoStrategia... Forniture elementari

38 38 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 Una PA intende automatizzare un processo interno e richiede la fornitura di servizi di sviluppo sw, manutenzione, gestione operativa, assistenza utenti SSW-Sviluppo software MAC-manut. correttiva … SSI-sviluppo sistemi GSI-gestione sistemi … FOR-formazione ASS-assistenza utenti … DLA-direzione lavori PGD-gest. documentaz. … SSW-Sviluppo software MAC-manut. correttiva … SSI-sviluppo sistemi GSI-gestione sistemi … FOR-formazione ASS-assistenza utenti … DLA-direzione lavori PGD-gest. documentaz. … Si identificano tutte le classi elementari Si determinano, per ogni classe, attività e prodotti Si selezionano gli Indicatori di Qualità ESEMPIO GovernoContrattoAppaltoStrategia

39 39 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 4 Aprile 2005  Il CNIPA pubblica sul proprio sito la prima integrazione alle Linee guida redatta con il contributo dei fornitori ICT  WFMGestione elettronica dei documenti Nuove Forniture elementari in lavorazione  DREDisaster Recovery  CNSGestione della Carta nazionale dei servizi GovernoContrattoAppaltoStrategia Forniture elementari

40 40 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 7 Governare un contratto significa  mantenere il controllo, nel periodo di validità, di tutti gli elementi che caratterizzano una fornitura  disporre degli strumenti necessari per intervenire nei casi in cui si rilevino situazioni difformi da quelle attese Contratti  di affidamento progetti  per l’erogazione di servizi Manuale 7 Governo dei contratti GovernoContrattoAppaltoStrategia

41 41 Torino - 15 settembre 2005 Manuale 7 3.GOVERNARE I CONTRATTI ICT  3.1.ATTIVITÀ  3.2.STRUMENTI OPERATIVI  3.3.ATTORI  3.4.COMPETENZE  3.5.ORGANIZZAZIONE  3.6.FLUSSI INFORMATIVI  3.7.PORTAFOGLIO PROGETTI 4.GOVERNARE LA REALIZZAZIONE DEI PROGETTI  4.1.ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEL FORNITORE  4.2.ATTIVITÀ DI COMPETENZA DELL’AMMINISTRAZIONE 5.GOVERNARE L’EROGAZIONE DI SERVIZI  5.1.ATTIVITÀ DI COMPETENZA DEL FORNITORE  5.2.ATTIVITÀ DI COMPETENZA DELL’AMMINISTRAZIONE 6.MODELLI PER LA GESTIONE DEI CONTRATTI ICT  6.1.MODELLO ISO (UNI ISO 10006)  6.2.MODELLO PMI (PM BOK 2004)  6.3.MODELLO CNIPA (MONITORAGGIO AI SENSI DEL D. LGS. 39/93) GovernoContrattoAppaltoStrategia

42 42 Torino - 15 settembre 2005 Canali di distribuzione La pubblicazione e distribuzione delle Linee guida prevede il concomitante utilizzo di diversi canali  Sito  Collana editoriale iQuaderni  Cd-Rom Qualità dei Servizi ICT, distribuito al Convegno di presentazione delle Linee guida, direttamente dal CNIPA, allegato alla versione a stampa La struttura delle Linee guida è mantenuta invariata indipendentemente dal canale di distribuzione utilizzato

43 43 Torino - 15 settembre 2005 Canali di distribuzione - Sezione Qualità dei servizi ICT situata nella home page  Novità, informazioni su nuovi documenti, formazione, convegni, utilizzo delle Linee guida  Documenti, possibilità di scaricare tutti i documenti che costituiscono le Linee guida in formati anche editabili  Aggiornamenti, pubblicati sul sito sostituendo i documenti interessati (numero di versione e data)  Approfondimenti, possibilità di scaricare atti di convegni, presentazioni  Commenti, suggerimenti, osservazioni, domande, utilizzare l’indirizzo

44 44 Torino - 15 settembre 2005 Canali di distribuzione - iQuaderni Collana editoriale iQuaderni, la versione a stampa, include 4 dei 6 Manuali esistenti (50% del materiale)  Quaderno n° 10 - Presentazione e utilizzo delle Linee guida Nel Cd-Rom allegato è fornita una copia completa di tutte le Linee guida in diversi formati elettronici anche editabili  Quaderno n° 11 - Strategie di acquisizione delle forniture ICT  Quaderno n° 12 - Appalto pubblico di forniture ICT  Quaderno n° 13 - Esempi di applicazione Sono stati esclusi dalla prima versione a stampa 2 Manuali  - Dizionario delle forniture ICT  - Modelli per la qualità delle forniture ICT La versione a stampa delle Linee guida  non modifica i contenuti  migliora sensibilmente l’immagine e aumenta la leggibilità

45 45 Torino - 15 settembre 2005 Canali di distribuzione – Cd Rom Il CD-ROM Qualità dei servizi ICT (v1.1 del ) contiene cartelle e file  Leggimi (spiega il contenuto del Cd-Rom)  Atti Convegno Gennaio 2005 (2 file.pdf)  Linee Guida Manuali formato.pdf (4 file) Manuali formato.doc (6 file) Lemmi Dizionario Forniture ICT (36 file.doc)

46 46 Torino - 15 settembre 2005 Conclusioni - Serie L’utilizzo delle Linee Guida determina un concreto vantaggio … per le Amministrazioni …  migliora la qualità dei servizi ICT acquisiti all’esterno  permette di utilizzare le best practices  aumenta la cultura della PA in tema di forniture ICT  facilita la redazione degli atti di gara  ne rende più omogenei i contenuti  accelera la definizione dei contratti ICT  facilita l’emissione dei pareri da parte del CNIPA

47 47 Torino - 15 settembre 2005 Conclusioni - Serie L’utilizzo delle Linee Guida determina un concreto vantaggio … per le Amministrazioni … … e produce vantaggi anche per i Fornitori  attribuisce il giusto valore alla qualità dei servizi offerti  aumenta la trasparenza delle gare  migliora/standardizza la descrizione dei servizi richiesti  semplifica la predisposizione dell’offerta  riduce i costi di predisposizione dell’offerta

48 48 Torino - 15 settembre 2005 Conclusioni - Scherzose Il fatto che di un lavoro come questo non si sia mai sentito parlare prima significa pure qualcosa … per questo vi propongo la parabola della relazione contrattuale  per riderci sopra assieme …  per ricordarci i punti di vista dell’altro …  per non scordarci mai di dialogare realmente … Un uomo in una mongolfiera si rende conto di essersi perso. Riducendo l'altitudine scorge in basso un altro uomo. Scende ancora un po' e gli grida …

49 49 Torino - 15 settembre 2005 Uomo della Mongolfiera Altro Uomo Mi scusi, mi può aiutare? Ho promesso ad un amico d'incontrarlo un'ora fa, ma non so dove sono. Semplice … Lei non sa dov’è, ne dove sta andando. E’ salito lassù grazie ad una enorme quantità d'aria gonfiata. Ha fatto una promessa che non aveva idea di come mantenere e si aspetta che la gente che la circonda sia in grado di risolvere i suoi problemi. Sta di fatto che lei si trova ancora esattamente dov'era prima che c’incontrassimo ma, adesso, per qualche strana ragione, è diventata colpa mia. Lei deve essere il capo progetto di un FORNITORE ICT !!! Beh … tutto quello che mi ha detto è corretto ma non ho idea di cosa farci con le sue informazioni, sta di fatto che resto perso. Francamente non mi è stato di grande aiuto finora. Diamine! E’ corretto! Lavoro nell’ufficio acquisti di una grande Amministrazione pubblica, ma come l'ha capito? Lei deve lavorare nell’ufficio acquisti di una AMMINISTRAZIONE !!! Sì, è proprio vero, lavoro per un importante Fornitore ICT come capo progetto! Ma come lo sa? Lei e' in una mongolfiera fluttuante a circa 10m da terra e si trova a 40° di latitudine Nord e 60° di longitudine Ovest.


Scaricare ppt "1 Torino - 15 settembre 2005 Linee Guida per la Qualità delle Forniture ICT negli appalti pubblici Marco Gentili Responsabile Ufficio Monitoraggio e gestione."

Presentazioni simili


Annunci Google