La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Obiettivo: Questo incontro ha come obiettivo stare insieme " e condividere a partire della Parola di Dio la nostra esperienza cristiana in un luogo preciso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Obiettivo: Questo incontro ha come obiettivo stare insieme " e condividere a partire della Parola di Dio la nostra esperienza cristiana in un luogo preciso."— Transcript della presentazione:

1 Obiettivo: Questo incontro ha come obiettivo stare insieme " e condividere a partire della Parola di Dio la nostra esperienza cristiana in un luogo preciso come è quello della comunità parrocchiale. Abbiamo scelto il tema della macedonia perché da diversi tipi di frutta viene fuori un sapore straordinario e buono; per questo, stare insieme prende più gusto e luno arricchisce laltro.

2 5 gruppi: Mela: Il giardino dellEden ( Genesi 2, ) Mela: Il giardino dellEden ( Genesi 2, ) Pera: Lunità in Isaia ( Isaia 11, ) Pera: Lunità in Isaia ( Isaia 11, ) Melone: Guardate come si amano ( Atti 2, ) Melone: Guardate come si amano ( Atti 2, ) Banane: La carità ( Romani 13, ) Banane: La carità ( Romani 13, ) Pesca: Il sogno di Gesù ( Gv. 17, ) Pesca: Il sogno di Gesù ( Gv. 17, )

3 LA MELA

4 Il giardino dellEden Genesi 2,8-17 Poi il Signore Dio piantò un giardino in Eden, a oriente, e vi collocò luomo che aveva plasmato. Il Signore Dio fece germogliare dal suolo ogni sorta di alberi graditi alla vista e buoni da mangiare, tra cui lalbero della vita in mezzo al giardino e lalbero della conoscenza del bene e del male. Un fiume usciva da Eden per irrigare il giardino, poi di lì si divideva e formava quattro corsi. Il primo fiume si chiama Pison: esso scorre intorno a tutto il paese di Avìla, dove cè loro e loro di quella terra è fine; qui cè anche la resina odorosa e la pietra dònice. Il secondo fiume si chiama Ghicon: esso scorre intorno a tutto il paese dEtiopia. Il terzo fiume si chiama Tigri: esso scorre ad oriente di Assur. Il quarto fiume è lEufrate. Il Signore Dio prese luomo e lo pose nel giardino di Eden, perché lo coltivasse e lo custodisse. Il Signore Dio diede questo comando alluomo: Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, ma dellalbero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, quando tu ne mangiassi, certamente moriresti.

5 Domande: Abbiamo tutti un progetto esistenziale da compiere? Abbiamo tutti un progetto esistenziale da compiere? Il bene, il male, come possiamo riconoscerli? Il bene, il male, come possiamo riconoscerli? Quale è per te il senso della vita? Quale è per te il senso della vita?

6 PERA

7 Isaia 11, 5-9 Fascia dei suoi lombi sarà la giustizia, cintura dei suoi fianchi la fedeltà. Il lupo dimorerà insieme con lagnello, la pantera si sdraierà accanto al capretto; il vitello e il leoncello pascoleranno insieme e un fanciullo li guiderà. La vacca e lorsa pascoleranno insieme; si sdraieranno insieme i loro piccoli. Il leone si ciberà di paglia, come il bue. Il lattante si trastullerà sulla buca dellaspide; il bambino metterà la mano nel covo di serpenti velenosi. Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno in tutto il mio santo monte, perché la saggezza del Signore riempirà il paese come le acque ricoprono il mare.

8 Domande: Cosa significa per voi stare insieme? Cosa significa per voi stare insieme? Cosa proporreste voi di concreto per far possibile questa unità? Cosa proporreste voi di concreto per far possibile questa unità?

9 IL MELONE

10 Romani 13, 8-10 Non abbiate alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suo simile ha adempiuto la legge. Infatti il precetto: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare e qualsiasi altro comandamento, si riassume in queste parole: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Lamore non fa nessun male al prossimo: pieno compimento della legge è lamore. Non abbiate alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suo simile ha adempiuto la legge. Infatti il precetto: Non commettere adulterio, non uccidere, non rubare, non desiderare e qualsiasi altro comandamento, si riassume in queste parole: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Lamore non fa nessun male al prossimo: pieno compimento della legge è lamore.

11 Domande: Sapreste descrivere con tre parole cosa vuol dire amare? Sapreste descrivere con tre parole cosa vuol dire amare? Cosa implica amare? Tre parole positive e tre negative: Cosa implica amare? Tre parole positive e tre negative:

12 LA BANANA

13 Atti degli Apostoli La prima comunità cristiana La prima comunità cristiana Erano assidui nellascoltare linsegnamento degli apostoli e nellunione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; 45 chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. Erano assidui nellascoltare linsegnamento degli apostoli e nellunione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; 45 chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti con letizia e semplicità di cuore, lodando Dio e godendo la simpatia di tutto il popolo. Intanto il Signore ogni giorno aggiungeva alla comunità quelli che erano salvati.

14 Domande: Come vivevano le prime comunità cristiane? Come vivevano le prime comunità cristiane? Come dobbiamo fare per essere come loro? Come dobbiamo fare per essere come loro?

15 LA PESCA

16 Giovanni 17, Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi.

17 Quandero con loro, io conservavo nel tuo nome coloro che mi hai dato e li ho custoditi; nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si adempisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico queste cose mentre sono ancora nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato a loro la tua parola e il mondo li ha odiati perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo… Non prego solo per questi, ma anche per quelli che per la loro parola crederanno in me; perché tutti siano una sola cosa. Come tu, Padre, sei in me e io in te, siano anchessi in noi una cosa sola, perché il mondo creda che tu mi hai mandato.

18 Domande: Gesù ci ha promesso di vivere accanto a noi e in noi, immerso nella storia e nella nostra quotidianità. Quanto ci impegniamo a far sì che la nostra fede penetri e dia ancora un senso alla cultura del nostro tempo? Gesù ci ha promesso di vivere accanto a noi e in noi, immerso nella storia e nella nostra quotidianità. Quanto ci impegniamo a far sì che la nostra fede penetri e dia ancora un senso alla cultura del nostro tempo? Erano tuoi e li hai dati a me. Noi siamo al centro della preghiera damore di Gesù al Padre, noi siamo il dono che il Padre ha dato al Figlio. Cosa significa questo per la nostra vita di singoli, di famiglie, di comunità? Sentiamo lesigenza di ringraziare il Signore per il prezioso patrimonio della nostra fede? Erano tuoi e li hai dati a me. Noi siamo al centro della preghiera damore di Gesù al Padre, noi siamo il dono che il Padre ha dato al Figlio. Cosa significa questo per la nostra vita di singoli, di famiglie, di comunità? Sentiamo lesigenza di ringraziare il Signore per il prezioso patrimonio della nostra fede?

19


Scaricare ppt "Obiettivo: Questo incontro ha come obiettivo stare insieme " e condividere a partire della Parola di Dio la nostra esperienza cristiana in un luogo preciso."

Presentazioni simili


Annunci Google